L’articolo 18 e i casi di licenziamento illegittimo rappresentano in Italia un tabù: dall’approvazione dello Statuto dei lavoratori del 1970 sono state molte le discussioni su questo tema, ritenuto talmente sensibile che ogni progetto di riforma è naufragato. Un primo tentativo di cambiamento sul tema del lavoro è stato approvato dal Governo Monti che ha ristretto il campo dell’applicazione nella norma per quanto riguarda i licenziamenti illegittimi. Adesso è in tema di discussioni alle Camere il progetto della riforma Renzi-Poletti per indicare una via d’uscita da questo terreno scivoloso.

Cosa è cambiato con il Governo Monti

La riforma Fornero-Monti del 2012 ha rivisitato l’articolo 18 e i ricorsi per il licenziamento ritenuto illegittimo. Con queste norme, il reintegro è valevole solo dove sono presenti motivi discriminatori, fondati su accuse false o fatti ritenuti altamente insussistenti. Per le altre casistiche invece è previsto un indennizzo economico al lavoratore. In questa riforma rimane ampio però il potere di discrezionalità del giudice, che può valutare da caso a caso.

I numeri sull’articolo 18

uomo soggetto a licenziamento illegittimo

Come dichiarato dal Presidente del Consiglio Renzi, i casi risolti sulla base dell’articolo 18 in Italia sono circa 40mila, dei quali l’80% viene risolto tramite un accordo tra le parti. Dei restanti 8000 invece, solo 3000 casi vedono perdere il dipendente. Renzi ha illustrato questo fatto dichiarando che questa cifra è assolutamente irrisoria rispetto alla platea totale degli abitanti del Bel Paese, che sono più di 60 milioni. Inoltre, come confermato dalla Cgia di Mestre, l’articolo 18 vale solo per il 2.4% delle imprese italiane (la norma è applicabile solo alle aziende con più di 15 dipendenti), circa il 57.6% dei lavoratori totali.

Quali sono i casi di licenziamento illegittimo

Un licenziamento viene considerato illegittimo quando è affetto dai seguenti casi:

  • licenziamento illegittimo per nullità, qualora sia stato determinato da un motivo ritenuto non lecito;
  • per inefficacia, qualora sia ritenuto privo di tutti i requisiti formali sanciti dall'art. 2 della Legge 604/1966;
  • per inesistenza, qualora sia effettuato oralmente e non per via formale;
  • per annullabilità, qualora sia ritenuto privo dei fondamentali requisiti, ovvero giusta causa e motivo giustificato.

Norme sul licenziamento illegittimo

Tutto ciò che che concerne il licenziamento illegittimo è ratificato nell''art. 6 della Legge 604/1966. La normativa prevede la necessità, da parte del prestatore di lavoro, di impugnare la lettera di licenziamento entro i 60 giorni dall'atto di recesso notificato dal datore di lavoro. Se non si rispettano i termini di legge, c'è il rischio che decada la facoltà di impugnazione del licenziamento.

Impugnazione del licenziamento

Come va effettuata l'impugnazione? In caso ci si ritenga vittime di licenziamento illegittimo, è possibile impugnare attraverso qualsivoglia atto scritto, che sia ritenuto idoneo di dimostrare la volontà del prestatore di lavoro ad intervenire legalmente in tal senso, anche in forma extragiudiziale.

Cosa succede se scadono i termini di impugnazione?

Qualora l'impugnazione del licenziamento ritenuto illegittimo avvenga oltre i termini previsti dalla legge, non è tutto ancora perduto per il prestatore di lavoro. Infatti, la mancata impugnazione non assicura al datore di lavoro la liceità di del licenziamento, che può ancora essere ritenuto illegittimo, ma toglie al dipendente la possibile reintegrazione nel proprio posto di lavoro e l'eventuale risarcimento. Questo è infatti quanto previsto dall'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori fino alla prossima riforma.

Le novità previste dal Governo Renzi sull’articolo 18

In seno alla maggioranza c’è un ampio dibattito su chi vorrebbe abolire l’articolo 18 ritenendo superato lo Statuto dei Lavoratori e chi invece respinge con forza questa proposta, come la Cisl che evoca il rischio di dare mano libera ai licenziamenti soprattutto in un periodo di forte crisi come questo. La parola chiave intorno alla quale ruota tutto il discorso è “contratto a tutele crescenti”: si sta lavorando per adesso all’emendamento del giuslavorista Ichino il quale è appoggiato da una fetta della maggioranza. Il ministro Poletti ha dichiarato che il costo iniziale di questi contratti a tutele crescenti dovrebbe essere più basso e non bisognerebbe basare la riforma solo sull’articolo 18 che porterebbe soltanto a un nulla di fatto.
Renzi ha evocato infine l’imitazione del modello Germania sul tema del lavoro: nel Paese di Angela Merkel, la disoccupazione è passata dall’8.7% del 2007 al 4.9% del luglio scorso. Andamento opposto in Italia dove negli ultimi sette anni la disoccupazione è raddoppiata, raggiungendo la spaventosa percentuale del 12.2%.



Potrebbe interessarti

Regime fiscale “forfettino”: tutti i vantaggi!

 

Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

Leggi tutto...

Pratica legale forense per diventare avvocato

Una volta laureato, il praticante deve iscriversi al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati del tribunale di residenza. Questo primo step per iniziare la pratica legale è legato alla presentazione di alcuni documenti (certificato di nascita, residenza, cittadinanza, ecc..) fotografie, titoli di studio e quant'altro richiesto dall'Ordine degli Avvocati del territorio. 

Leggi tutto...

Contratto a progetto: malattia e infortunio

Nei contratti a progetto, in caso di malattia o infortunio la temporanea sospensione del rapporto di lavoro non implica la proroga del contratto, il co.co.pro. comunque termina alla scadenza stabilita.

Leggi tutto...

I livelli del contratto dei metalmeccanici

Per assumere un lavoratore le suddette imprese devono rispettare quanto stabilito dalla legge e dal CCNL Metalmeccanici.

Leggi tutto...

Calcolo dello stipendio di un docente: determinazione e caratteristiche

Tutte le tipologie di lavoratori hanno diritto a ricevere periodicamente lo stipendio dovuto e che quantificato

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Permesso di lavoro: tipologie e richieste

Per motivi di diversa natura, il lavoratore è spesso costretto a richiedere dei determinati periodi di assenza dal lavoro, al di fuori delle ferie stabilite e che gli spettato. Questo tipo di astensioni dall’attività lavorativa vengono chiamati permessi lavoro.

Leggi tutto...

Ccnl chimici: il contratto di lavoro per il settore chimico-farmaeutico

Il Ccnl per i chimici – contratto collettivo nazionale del lavoro per il settore chimico-farmaceutico – è presente in Italia per ogni categoria lavorativa e aiuta a delineare i rapporti di lavoro tra il datore e il lavoratore stesso, nonché le dinamiche legate alle attività da svolgere con annesse modalità contrattuali e di retribuzione.

Leggi tutto...

Permesso parentale: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Il permesso parentale è un diritto che viene dato ad entrambi i genitori per ogni bimbo. Si tratta in definitiva della possibilità di astenersi dal lavoro.

Leggi tutto...

Attori per la pubblicità: indicazioni per i casting

diventare attori per pubblicità

Tra le varie professioni legate al mondo dello spettacolo, quella dell'attore pubblicitario fa gola a molti. Soprattutto agli inizi, gli aspiranti artisti che intendono diventare famosi, farsi conoscere e successivamente ottenere parti più importanti in televisione, a teatro e al cinema, intraprendono questa carriera e decidono spesso di fare casting per attori.

Leggi tutto...

Preavviso delle dimissioni per il tempo determinato

preavviso delle dimissioni

Il preavviso è il tempo, successivo alla data in cui il lavoratore ha presentato le dimissioni, in cui il dipendente continua a svolgere la propria attività lavorativa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Leggi anche...

Rinnovo contratto bancari: cosa cambia

rinnovo contratti bancari

Sono tante le persone alla ricerca di un lavoro ogni giorno; tutti puntano a trovare quello idoneo alle proprie esigenze, alle proprie competenze e affine agli studi effettuati in precedenza. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Guida Università: quale facoltà scegliere?

Imagine esemplificativa di facoltà universitarie

Il rientro dalle vacanze è per tanti il momento di scegliere il nuovo corso di laurea oppure il master da frequentare sfogliando la guida all'università.

Leggi tutto...
Go to Top