L’articolo 18 e i casi di licenziamento illegittimo rappresentano in Italia un tabù: dall’approvazione dello Statuto dei lavoratori del 1970 sono state molte le discussioni su questo tema, ritenuto talmente sensibile che ogni progetto di riforma è naufragato. Un primo tentativo di cambiamento sul tema del lavoro è stato approvato dal Governo Monti che ha ristretto il campo dell’applicazione nella norma per quanto riguarda i licenziamenti illegittimi. Adesso è in tema di discussioni alle Camere il progetto della riforma Renzi-Poletti per indicare una via d’uscita da questo terreno scivoloso.

Cosa è cambiato con il Governo Monti

La riforma Fornero-Monti del 2012 ha rivisitato l’articolo 18 e i ricorsi per il licenziamento ritenuto illegittimo. Con queste norme, il reintegro è valevole solo dove sono presenti motivi discriminatori, fondati su accuse false o fatti ritenuti altamente insussistenti. Per le altre casistiche invece è previsto un indennizzo economico al lavoratore. In questa riforma rimane ampio però il potere di discrezionalità del giudice, che può valutare da caso a caso.

I numeri sull’articolo 18

uomo soggetto a licenziamento illegittimo

Come dichiarato dal Presidente del Consiglio Renzi, i casi risolti sulla base dell’articolo 18 in Italia sono circa 40mila, dei quali l’80% viene risolto tramite un accordo tra le parti. Dei restanti 8000 invece, solo 3000 casi vedono perdere il dipendente. Renzi ha illustrato questo fatto dichiarando che questa cifra è assolutamente irrisoria rispetto alla platea totale degli abitanti del Bel Paese, che sono più di 60 milioni. Inoltre, come confermato dalla Cgia di Mestre, l’articolo 18 vale solo per il 2.4% delle imprese italiane (la norma è applicabile solo alle aziende con più di 15 dipendenti), circa il 57.6% dei lavoratori totali.

Il contratto a tutele crescenti

Il contratto a tutele crescenti e la disciplina del licenziamento illegittimo sono stati, nel corso degli ultimi anni, riguardati. Gli ultimi aggiornamenti ad opera della sentenza della corte costituzionale e del decreto dignità. Hanno completamente modificato l’impianto originario, modificando il meccanismo iniziale delle tutele crescenti. La consulta ha infatti dichiarato incostituzionale il criterio di stabilimento dell’indennità spettante al lavoratore fondato sull’anzianità di servizio. Il contratto a tutele crescenti prevede una protezione, nel caso in cui ci fosse un licenziamento illegittimo, per i lavoratori a tempo indeterminato. Le tutele sono state visionate dal legislatore, con l’aumento dei minimali e dei massimali che, dalla corte costituzionale, ha dichiarato incostituzionale il criterio di determinazione dell’indennità che spetta al lavoratore basato sull’anzianità di servizio, secondo l’art. 3, comma 1, del D. Lgs n. 23/2015. Secondo la consulta, la disposizione contrasta con il principio di eguaglianza (omologazione di situazioni diverse) e il principio di ragionevolezza. Alla luce di ciò, il giudice, nel rispetto dei limiti (minimo 6 e massimo 36 mensilità), dovrà considerare l’anzianità e anche altri criteri riconosciuti per le tutele ai lavoratori.

Passiamo ora ad un altro argomento, che affonda la sua attenzione in quello che è il ristoro del licenziamento ingiustificato nel decreto dignità. L’articolo 3 del decreto infatti, prevede un aumento dei valori minimo e massimo dell’indennizzo previsto dal relativo D. Lgs, ma quando all’indennizzo conseguente alla sentenza dichiarativa dell’illegittimità del licenziamento per giusta causa o giustificato motivo oggettivo o soggettivo, viene incrementato il range degli importi riconoscibili dal giudice, sempre prefissati e non soggetti a variazioni discrezionali. Il calcolo rimane correlato all’anzianità di servizio del lavoratore illegittimamente licenziato e, pertanto, all’interno del range si riconosce una mensilità per ogni anno di servizio. Dall’altro l’articolo 3 dell’attuale testo del decreto Dignità disciplina anche la quantificazione dell’indennizzo da riconoscersi al sensi dell’art. 6, per il caso di offerta transitiva stragiudiziale attuata dal datore di lavoro al fine di evitare l’instaurazione di un contenzioso. In questa seconda casistica, gli importi dell’indennizzo, passano dal precedente ranfe tra un minimo di 2 ed un massimo di 18 mensilità al più alto range tra 3 e 27 mensilità. Il nuovo decreto però non modifica i casi in cui il lavoratore deve essere reintegrato nel posto di lavoro: l’unica ipotesi resta quella in cui il lavoratore licenziato per giustificato motivo soggettivo o per causa giusta, dimostri in giudizio l’insussistenza del fatto materiale causa del licenziamento.

Quali sono i casi di licenziamento illegittimo

Un licenziamento viene considerato illegittimo quando è affetto dai seguenti casi:

  • licenziamento illegittimo per nullità, qualora sia stato determinato da un motivo ritenuto non lecito;
  • per inefficacia, qualora sia ritenuto privo di tutti i requisiti formali sanciti dall'art. 2 della Legge 604/1966;
  • per inesistenza, qualora sia effettuato oralmente e non per via formale;
  • per annullabilità, qualora sia ritenuto privo dei fondamentali requisiti, ovvero giusta causa e motivo giustificato.

Norme sul licenziamento illegittimo

Tutto ciò che che concerne il licenziamento illegittimo è ratificato nell''art. 6 della Legge 604/1966. La normativa prevede la necessità, da parte del prestatore di lavoro, di impugnare la lettera di licenziamento entro i 60 giorni dall'atto di recesso notificato dal datore di lavoro. Se non si rispettano i termini di legge, c'è il rischio che decada la facoltà di impugnazione del licenziamento.

Impugnazione del licenziamento

Come va effettuata l'impugnazione? In caso ci si ritenga vittime di licenziamento illegittimo, è possibile impugnare attraverso qualsivoglia atto scritto, che sia ritenuto idoneo di dimostrare la volontà del prestatore di lavoro ad intervenire legalmente in tal senso, anche in forma extragiudiziale.

Cosa succede se scadono i termini di impugnazione?

Qualora l'impugnazione del licenziamento ritenuto illegittimo avvenga oltre i termini previsti dalla legge, non è tutto ancora perduto per il prestatore di lavoro. Infatti, la mancata impugnazione non assicura al datore di lavoro la liceità di del licenziamento, che può ancora essere ritenuto illegittimo, ma toglie al dipendente la possibile reintegrazione nel proprio posto di lavoro e l'eventuale risarcimento. Questo è infatti quanto previsto dall'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori fino alla prossima riforma.

Le novità previste dal Governo Renzi sull’articolo 18

In seno alla maggioranza c’è un ampio dibattito su chi vorrebbe abolire l’articolo 18 ritenendo superato lo Statuto dei Lavoratori e chi invece respinge con forza questa proposta, come la Cisl che evoca il rischio di dare mano libera ai licenziamenti soprattutto in un periodo di forte crisi come questo. La parola chiave intorno alla quale ruota tutto il discorso è “contratto a tutele crescenti”: si sta lavorando per adesso all’emendamento del giuslavorista Ichino il quale è appoggiato da una fetta della maggioranza. Il ministro Poletti ha dichiarato che il costo iniziale di questi contratti a tutele crescenti dovrebbe essere più basso e non bisognerebbe basare la riforma solo sull’articolo 18 che porterebbe soltanto a un nulla di fatto.
Renzi ha evocato infine l’imitazione del modello Germania sul tema del lavoro: nel Paese di Angela Merkel, la disoccupazione è passata dall’8.7% del 2007 al 4.9% del luglio scorso. Andamento opposto in Italia dove negli ultimi sette anni la disoccupazione è raddoppiata, raggiungendo la spaventosa percentuale del 12.2%.





Potrebbe interessarti

Borse di studio in USA: un’occasione per crescere

Il sogno americano non è un mito, ma una realtà che resiste nel tempo. Le opportunità di ottenere borse di studio per lavorare o studiare e dottorati post laurea negli Stati Uniti sono concreti, basta saper cercare.

Leggi tutto...

I livelli del contratto dei metalmeccanici

Per assumere un lavoratore le suddette imprese devono rispettare quanto stabilito dalla legge e dal CCNL Metalmeccanici.

Leggi tutto...

Esclusione per gli studi di settore

Gli studi di settore sono strumenti statistici realizzati in funzione dei diversi fattori economici riguardanti l’attività di alcune categorie di lavoratori autonomi. 

Leggi tutto...

Licenza tabaccheria: come fare per aprirla?

Quanti desiderino gestire una tabaccheria hanno bisogno della relativa licenza; grazie a questo certificato sarà quindi possibile svolgere un mestiere sicuramente ben retribuito e dotato di una notevole indipendenza.

Leggi tutto...

Mepa, cos'é e come funziona

Le pubbliche amministrazioni per poter funzionare a dovere devono ovviamente sapersi organizzare in modo strutturato, ordinato ma soprattutto in modo esauriente. I servizi che sono offerti dalle varie PA sono tantissimi ed essi si basano sulla semplice compravendita: la popolazione chiede una prestazione, un bene o un servizio e la pubblica amministrazione, mediante terzi, elargisce il tutto. 

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

HR Tech, tecnologie per le risorse umane

Nel nostro Paese, il mercato delle soluzioni hardware e software che hanno a che fare con la funzione HR (human resources - risorse umane) ha un valore di circa 500 milioni di euro. Esso include i diversi strumenti a cui si ricorre per la selezione e per la ricerca dei talenti, come i servizi di recruiting online, i job board e gli applicant tracking system, ma anche le piattaforme digitali per la valutazione dei benefit e delle performance, le applicazioni di formazione e gestione del personale come i learning management system e gli human resources management e, infine, le piattaforme per il training.

Leggi tutto...

Aprire asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Leggi tutto...

Chi paga l'indennità di maternità: conosci i tuoi diritti di mamma?

Quando una lavoratrice è in stato interessante, oppure è riuscita ad avere in adozione o affidamento un bambino, può richiedere l'indennità di maternità. Sostanzialmente la neo mamma ha il diritto a una sostituzione della normale retribuzione durante il periodo in cui è non può recarsi a lavoro.

Leggi tutto...

Anticipo del TFR: diamo uno sguardo a come cambiano le regole

richiesta di anticipo del TFR

Molto spesso il lavoratore deve far fronte alla fine del rapporto lavorativo che lo ha tenuto, per un periodo più o meno lungo, alle dipendenze di un datore di lavoro. Quando si verifica una circostanza di questo tipo, le cause possono essere di diversa natura e sono da imputarsi, a seconda dei casi o al datore di lavoro oppure al lavoratore stesso.

Leggi tutto...

Aliquota tassazione TFR: caratteristiche, imposte

Bisogna sottolineare che la tassazione e l'aliquota sul TFR è differente rispetto ad altre forme di pagamento, come ad esempio quello di natura retributiva ordinaria. La grande novità è il progetto del Governo Renzi che vuole trasferire questa somma all’interno della busta paga mensile: una misura che serve ad incentivare i consumi, dando più soldi freschi ai cittadini, vessati da una crisi economica che ha fortemente ridotto le spese e di conseguenza la crescita generale in Italia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro con la musica e la danza: guadagna per mezzo della tua passione!

il sogno di lavorare con la musica

Non tutti siamo nati per essere degli impiegati o per fare gli operai. C'è chi ha un'indole di artista e desidera lavorare nel settore musica- danza. Oggi il mercato del lavoro è complesso a prescindere dal settore, ma chi è spinto da una grande passione “sopporta” più facilmente la gavetta e il periodo di formazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contratto commercio terziario: tutte le informazioni!

Il CCNL commercio o terziario è legato alle categorie dei lavoratori aziendali di questo tipo e comprende tutti quei lavori che si occupano di beni industriali, alimentari, fiori, piante e affini, nonché ti tutto quello che concerne il commercio italiano e straniero e i servizi alle Imprese/Organizzazione, i Servizi di rete e i Servizi alle persone.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Colloquio motivazionale: ecco come regolarsi!

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Leggi tutto...
Go to Top