L’articolo 18 e i casi di licenziamento illegittimo del personale o di determinate figure professionali  da parte delle risorse umane rappresentano in Italia un tabù: dall’approvazione dello Statuto dei lavoratori del 1970 sono state molte le discussioni su questo tema, ritenuto talmente sensibile che ogni progetto di riforma è naufragato. Un primo tentativo di cambiamento sul tema del lavoro è stato approvato dal Governo Monti che ha ristretto il campo dell’applicazione nella norma per quanto riguarda i licenziamenti illegittimi. Adesso è in tema di discussioni alle Camere il progetto della riforma Renzi-Poletti per indicare una via d’uscita da questo terreno scivoloso.

Cosa è cambiato con il Governo Monti

La riforma Fornero-Monti del 2012 ha rivisitato l’articolo 18 e i ricorsi per il licenziamento illegittimo dal posto di impiego come dipendente in azienda, attività o impresa o a partita iva, che offra un compenso a prestazione oppure uno stipendio fisso o mensilità in busta paga, compreso di tredicesima e quattordicesima, tramite un contratto che può esser full time o partime, a tempo determinato o a tempo indeterminato, o anche stagionale purchè consenta il regolare pagamento dei contributi tramite il versamento delle imposte, garantendoci, nel futuro, la meritata pensione.

Con queste norme, il reintegro è valevole solo dove sono presenti motivi discriminatori, fondati su accuse false o fatti ritenuti altamente insussistenti. Per le altre casistiche invece è previsto un indennizzo economico al lavoratore. In questa riforma rimane ampio però il potere di discrezionalità del giudice, che può valutare da caso a caso.

I numeri sull’articolo 18

Come dichiarato dal Presidente del Consiglio Renzi, i casi risolti sulla base dell’articolo 18 in Italia sono circa 40mila, dei quali l’80% viene risolto tramite un accordo tra le parti. Dei restanti 8000 invece, solo 3000 casi vedono perdere il dipendente dell'azienda, attività o impresa. Renzi ha illustrato questo fatto dichiarando che questa cifra è assolutamente irrisoria rispetto alla platea totale degli abitanti del Bel Paese, che sono più di 60 milioni. Inoltre, come confermato dalla Cgia di Mestre, l’articolo 18 vale solo per il 2.4% delle imprese italiane (la norma è applicabile solo alle aziende, attività o imprese con più di 15 dipendenti tra cui le risorse umane), circa il 57.6% dei lavoratori totali.

Il contratto a tutele crescenti

Il contratto a tutele crescenti e la disciplina del licenziamento illegittimo sono stati, nel corso degli ultimi anni, riguardati. Gli ultimi aggiornamenti ad opera della sentenza della corte costituzionale e del decreto dignità. Hanno completamente modificato l’impianto originario, modificando il meccanismo iniziale delle tutele crescenti. La consulta ha infatti dichiarato incostituzionale il criterio di stabilimento dell’indennità spettante al lavoratore fondato sull’anzianità di servizio. Il contratto a tutele crescenti prevede una protezione, nel caso in cui ci fosse un licenziamento illegittimo del personale o di determinate figure professionali, da parte delle risorse umane, per i lavoratori a tempo indeterminato. Le tutele sono state visionate dal legislatore, con l’aumento dei minimali e dei massimali che, dalla corte costituzionale, ha dichiarato incostituzionale il criterio di determinazione dell’indennità che spetta al lavoratore basato sull’anzianità di servizio, secondo l’art. 3, comma 1, del D. Lgs n. 23/2015. Secondo la consulta, la disposizione contrasta con il principio di eguaglianza (omologazione di situazioni diverse) e il principio di ragionevolezza. Alla luce di ciò, il giudice, nel rispetto dei limiti (minimo 6 e massimo 36 mensilità), dovrà considerare l’anzianità e anche altri criteri riconosciuti per le tutele ai lavoratori.

Passiamo ora ad un altro argomento, che affonda la sua attenzione in quello che è il ristoro del licenziamento ingiustificato nel decreto dignità. L’articolo 3 del decreto infatti, prevede un aumento dei valori minimo e massimo dell’indennizzo previsto dal relativo D. Lgs, ma quando all’indennizzo conseguente alla sentenza dichiarativa dell’illegittimità del licenziamento per giusta causa o giustificato motivo oggettivo o soggettivo, viene incrementato il range degli importi riconoscibili dal giudice, sempre prefissati e non soggetti a variazioni discrezionali. Il calcolo rimane correlato all’anzianità di servizio del lavoratore illegittimamente licenziato e, pertanto, all’interno del range si riconosce una mensilità per ogni anno di servizio. Dall’altro l’articolo 3 dell’attuale testo del decreto Dignità disciplina anche la quantificazione dell’indennizzo da riconoscersi al sensi dell’art. 6, per il caso di offerta transitiva stragiudiziale attuata dal datore di lavoro al fine di evitare l’instaurazione di un contenzioso. In questa seconda casistica, gli importi dell’indennizzo, passano dal precedente ranfe tra un minimo di 2 ed un massimo di 18 mensilità al più alto range tra 3 e 27 mensilità. Il nuovo decreto però non modifica i casi in cui il lavoratore deve essere reintegrato nel posto di impiego come dipendente o a partita iva, che offra un compenso a prestazione oppure uno stipendio fisso o mensilità in busta paga, compreso di tredicesima e quattordicesima, tramite un contratto che può esser full time o partime, a tempo determinato o a tempo indeterminato, o anche stagionale purchè consenta il regolare pagamento dei contributi tramite il versamento delle imposte, garantendoci, nel futuro, la meritata pensione.

: l’unica ipotesi resta quella in cui il lavoratore licenziato per giustificato motivo soggettivo o per causa giusta, dimostri in giudizio l’insussistenza del fatto materiale causa del licenziamento.

Quali sono i casi di in cui c'è licenziamento illegittimo del personale

licenziamento illegittimo

Un licenziamento illegittimo è tale quando è affetto dai seguenti casi:

  • licenziamento illegittimo per nullità, qualora sia stato determinato da un motivo ritenuto non lecito;
  • per inefficacia, qualora sia ritenuto privo di tutti i requisiti formali sanciti dall'art. 2 della Legge 604/1966;
  • per inesistenza, qualora sia effettuato oralmente e non per via formale;
  • per annullabilità, qualora sia ritenuto privo dei fondamentali requisiti, ovvero giusta causa e motivo giustificato. 

Norme ed impugnazione

Tutto ciò che che concerne il licenziamento illegittimo è ratificato nell''art. 6 della Legge 604/1966. La normativa prevede la necessità, da parte del prestatore di lavoro, di impugnare la lettera di licenziamento entro i 60 giorni dall'atto di recesso notificato dal datore di lavoro. Se non si rispettano i termini di legge, c'è il rischio che decada la facoltà di impugnazione del licenziamento.

Come va effettuata l'impugnazione? In caso ci si ritenga figure professionali vittime di licenziamento illegittimo, è possibile impugnare attraverso qualsivoglia atto scritto, che sia ritenuto idoneo di dimostrare la volontà del datore di lavoro ad intervenire legalmente in tal senso, anche in forma extragiudiziale.

Cosa succede se scadono i termini?

licenziamento

Qualora l'impugnazione del licenziamento illegittimo avvenga oltre i termini previsti dalla legge, non è tutto ancora perduto per il prestatore di impiego. Infatti, la mancata impugnazione non assicura al datore di lavoro la liceità di del licenziamento, che può ancora essere ritenuto illegittimo, ma toglie al dipendente la possibile reintegrazione nel proprio posto di lavoro e l'eventuale risarcimento. Questo è infatti quanto previsto dall'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori fino alla prossima riforma.

Le novità previste dal Governo Renzi sull’articolo 18

In seno alla maggioranza c’è un ampio dibattito su chi vorrebbe abolire l’articolo 18 ritenendo superato lo Statuto dei Lavoratori e chi invece respinge con forza questa proposta, come la Cisl che evoca il rischio di dare mano libera ai licenziamenti soprattutto in un periodo di forte crisi come questo. La parola chiave intorno alla quale ruota tutto il discorso è “contratto a tutele crescenti”: si sta lavorando per adesso all’emendamento del giuslavorista Ichino il quale è appoggiato da una fetta della maggioranza. Il ministro Poletti ha dichiarato che il costo iniziale di questi contratti a tutele crescenti dovrebbe essere più basso e non bisognerebbe basare la riforma solo sull’articolo 18 che porterebbe soltanto a un nulla di fatto.
Renzi ha evocato infine l’imitazione del modello Germania sul tema del lavoro come dipendente o a partita iva, che offra un compenso a prestazione oppure uno stipendio fisso o mensilità in busta paga, compreso di tredicesima e quattordicesima, tramite un contratto che può esser full time o partime, a tempo determinato o a tempo indeterminato, o anche stagionale purchè consenta il regolare pagamento dei contributi tramite il versamento delle imposte, garantendoci, nel futuro, la meritata pensione: nel Paese di Angela Merkel, la disoccupazione è passata dall’8.7% del 2007 al 4.9% del luglio scorso. Andamento opposto in Italia dove negli ultimi sette anni la disoccupazione è raddoppiata, raggiungendo la spaventosa percentuale del 12.2%.

Potrebbe interessarti

Concorsi statali, pubblici e regionali: la guida completa, non la perdere!

concorsi statali

In quanti ambiscono un lavoro nel settore pubblico? Perché il tanto ambito posto fisso oggigiorno è così importante per la tranquillità lavorativa? I concorsi statali - pubblici rappresentano per molti un’occasione per accedere lavorativamente nella P.A e guadagnarsi così un contratto a tempo indeterminato.

Pensione per parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Pensione parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Offerte lavoro per call center: ecco come trovare qualcosa di interessante

lavorare in un call centre

Le offerte di cerco lavoro call center si riferiscono al lavoro di telemarketing svolto da operatori e operatrici telefoniche. Le aziende che operano in questo settore svolgono solitamente l'attività di customer service. Ultimamente si è arrivato però a un servizio forse troppo invasivo: nelle abitazioni arrivano decine e decine di telefonate e non è un caso che molte famiglie rispondano stizzite all’ennesima chiamata, anche se capiscono che dall’altro lato della cornetta ci sono persone che lavorano.

Colloquio di gruppo: ti sveliamo noi come affrontarlo?

Immagine per Colloquio di gruppo

Lo scopo del colloquio di gruppo non è la risoluzione del caso studio, ma verrà invece sondata dagli esaminatori la capacità di lavorare in team, la capacità di negoziazione per raggiungere l’obbiettivo e molto altro che vi sveleremo in questo articolo. 

Le mansioni del cameriere: tutto ciò che c'è da sapere per la professione

Le mansioni del cameriere: tutto ciò che c'è da sapere per la professione

Se non avete paura di turni piuttosto lunghi e vi piace stare in mezzo alla confusione e alla gente, allora troverete di vostro gradimento l'articolo che presentiamo oggi.

Leggi anche...

Diritti del lavoratore: un approfondimento da non perdere

Immagine esemplificativa per l'articolo Diritti del lavoratore: un approfondimento da non perdere

L'articolo 37 della Costituzione tutela e protegge l'impiego delle donne e dei minori (che abbiano compiuto 15 anni) e riconosce parità di lavoro e di retribuzione per uomini e donne. All'articolo 38 sono stabilite le norme per la previdenza e assistenza e per le assicurazioni obbligatorie, mentre all'articolo 39 è affermato il diritto della libertà dell’organizzazione e dell’attività sindacale. In ultimo l'articolo 40 definisce il principio del diritto di sciopero dei lavoratori.

Leggi anche...

Offerte di lavoro in Puglia: come orientarsi on e off line?

Offerte di lavoro in Puglia

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi cerca lavoro in Puglia. Di seguito la lista dei siti web proposta da AreaLavoro per le offerte di lavoro in Puglia.