La riforma del lavoro voluta dal governo Monti intervenne in tema di licenziamenti. Grazie all'articolo 18, licenziare un dipendente non è una impresa semplice per le aziende, in quanto i lavoratori sono appunto tutelati da questa norma presente nello Statuto dei Lavoratori.

Con il progetto del Jobs Act voluto dal Presidente del Consiglio Renzi, dal 2014 cambieranno di molto le norme sull’articolo 18, visto che sarà depotenziato e varrà solo per i licenziamenti discriminatori mentre per quelli disciplinari saranno messi dei paletti per attenuare il potere discrezionale del giudice per l’eventuale reintegro. Per i licenziamenti economici invece varrà solo l’indennizzo.

Tuttavia, secondo gli indicatori dell'Ocse, licenziare un dipendente in Italia non è così difficile come sbandierato dai vari esponenti delle associazioni di imprese e lavoratori. Infatti, secondo lo studio degli economisti, l'Italia ha un indice di flessibilità relativo ai lavoratori a tempo indeterminato, pari a 1,77, molto al di sotto di quella che è la media a livello mondiale, ovvero 2,11.

E' così difficile licenziare un dipendente in Italia?

Se l'articolo 18 subirà modifiche, non ci sarà più in alcuni casi la possibilità, da parte del lavoratore licenziato senza giusta causa, di avere gli stessi diritti di prima, ovvero il reintegro. Licenziare un dipendente attualmente è un rischio per le imprese, in quanto il giudice, dando ragione al lavoratore, sancirà il reintegro e, in caso di rinuncia, sarà costretto al pagamento di 15 mensilità a partire dall'ultimo stipendio ricevuto, come spese di indennizzo.

Licenziare un dipendente nel resto dell'Europa

Vediamo la situazione Italiana rispetto a quella dei principali paesi europei: licenziare un dipendente nei paesi nord europei è molto difficile, si parla di un indice di flessibilità pari a 3.0 nella sola Germania. Stando a questi dati, riformare l'articolo 18 non è così necessario come richiesto dalle imprese. Il discorso è diverso per quanto riguarda i licenziamenti collettivi: in Italia infatti c'è un indice molto alto, pari al 4,88.

Licenziamento dipendenti in Francia

In Francia, se si riscontrano casi di licenziamenti senza giusta causa, i risarcimenti possono variare di entità, in base a quanto riportato dalla legislazione in materia. La possibilità di licenziare un dipendente senza pensare alle conseguenze per la vita dell'azienda è stata messa a freno da importanti sentenze dello scorso autunno, che hanno stabilito l'illegittimità dei licenziamenti effettuati per delocalizzare aziende fuori dal territorio.

In seguito a questa sentenza, le imprese francesi coinvolte sono state costrette a riassumere tutti i dipendenti coinvolti nel licenziamento.

Aggiornamento 2014: cosa cambierà?

L’articolo 18 è stato già depotenziato con il Governo Monti, visto che non era più previsto per i licenziamenti economici mentre per quelli disciplinari era stata data un’ampia discrezionalità al giudice. Così come con l’attuale riforma che vuole il Governo Renzi, non subiranno modifiche i licenziamenti discriminatori, ossia quelli fatti in base al sesso, religione, orientamento. In tutti questi casi varrà la misura del reintegro.

Il famoso Jobs Act invece inciderà enormemente sull’articolo 18: Renzi infatti vuole impiantare la sua filosofia sul contratto a tutele crescenti, che quindi per i primi anni non tenga conto delle protezioni date da questo articolo presente nello Statuto dei Lavoratori. Ricordiamo che ad oggi l’articolo 18 vale solo per aziende sopra i 15 dipendenti mentre sotto questa soglia non ci sono tutele. Il progetto dell’esecutivo è quello di uniformare le due categorie con regole che valgano per tutti. Sui licenziamenti disciplinari, il Governo vuole ridurre le casistiche attraverso una fitta serie di paletti mentre per quelli economici ci sarà solo l’indennizzo.

Su quest’ultimo punto, l’indennizzo sarà calcolato in base all’anzianità di servizio presso l’azienda. Nel Jobs Act, insieme alla riformulazione dell’Articolo 18, ci sarà una semplificazione delle forme contrattuali, che saranno ridotte dalle attuali quaranta a quattro-cinque. Il contratto a tutele crescenti che sostituirà quello a tempo indeterminato dovrà essere la forma preferita per assumere e grazie alla quale il Governo concederà dei benefici fiscali per far diminuire la disoccupazione in Italia che ha raggiunto quasi il 13%, una percentuale clamorosa.
Ma questo progetto di riforma sta incontrando diverse critiche e resistenze, sia da parte dell’opposizione che da parte dei sindacati. Quest’ultimi hanno fortemente criticato l’impianto del Jobs Act e sostengono con tutte le forza l’articolo 18 che secondo il loro punto di vista è un caposaldo dello Statuto dei Lavoratori e non può essere modificato.





Potrebbe interessarti

Diventare partner ICOTEA: scopri tutti i vantaggi

Acquista sempre più importanza la formazione. Oggi ancora di più e riguarda sia coloro i quali sono alla ricerca di un lavoro che, soprattutto i lavoratori, dipendenti o liberi professionisti che vogliono accrescere le proprie competenze.

Leggi tutto...

Domanda maternità obbligatoria: come ottenere il congedo?

la domanda per il congedo di maternità obbligatoria

Il congedo per la maternità è obbligatorio per una serie di categorie di lavoratori dipendenti: occupate, lavoratrici a domicilio, colf, lavoratrici sospese, badanti, agricole, ecc.

Leggi tutto...

Pratica legale forense per diventare avvocato

Una volta laureato, il praticante deve iscriversi al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati del tribunale di residenza. Questo primo step per iniziare la pratica legale è legato alla presentazione di alcuni documenti (certificato di nascita, residenza, cittadinanza, ecc..) fotografie, titoli di studio e quant'altro richiesto dall'Ordine degli Avvocati del territorio. 

Leggi tutto...

Contratto nazionale edilizia: retribuzione e ferie

contratto nazionale edilizia

Il CCNL relativo ai lavoratori edili è stato rinnovato . Vediamo in sintesi quali sono le caratteristiche principali relative al contratto nazionale di questo settore, nato dall'accordo fra ANCE, Feneal UIL, Filca CISL e Fillea CIGL. Ogni triennio è prevista chiaramente una nuova riformulazione, per cui si rimanda al triennio in questione per verificare tutti gli aggiornamenti del caso.

Leggi tutto...

Tredicesima mensilità: come si calcola (in base alla tassazione)

calcolare il pagamento della tredicesima

La tredicesima mensilità nasce con il con il CCNL, ovvero il contratto collettivo nazionale di lavoro 5 agosto 1937 e nel 1960, con il Decreto Presidente della Repubblica n. 1070, è diventato un diritto di tutti i lavoratori dipendenti, sia con contratto a tempo indeterminato che a tempo determinato.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Direzione Provinciale del Lavoro

La Direzione Provinciale del Lavoro (o anche DPL) è l'ente territoriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali presente in ambito provinciale

Leggi tutto...

Lavoro con la musica e la danza: guadagna per mezzo della tua passione!

il sogno di lavorare con la musica

Non tutti siamo nati per essere degli impiegati o per fare gli operai. C'è chi ha un'indole di artista e desidera lavorare nel settore musica- danza. Oggi il mercato del lavoro è complesso a prescindere dal settore, ma chi è spinto da una grande passione “sopporta” più facilmente la gavetta e il periodo di formazione.

Leggi tutto...

Legge sull'imprenditoria giovanile: scopri gli incentivi per te!

giovani imprenditori

La legge 95/95 per l’imprenditoria giovanile prevede finanziamenti per i giovani ragazzi che hanno un’idea imprenditoriale, ma non hanno attuarla per mancanza di fondi.

Leggi tutto...

Richiesta detrazioni figli e familiari a carico: come fare?

Scopri le detrazioni per i figli a carico delle madri lavoratrici

Nella dichiarazione dei redditi è possibile ottenere delle detrazioni per figli a carico. Chi richiede deve dichiarare ogni anno i nominativi, con i relativi codici fiscali, dei familiari di cui richiede la detrazione.

Leggi tutto...

Preavviso delle dimissioni per il tempo determinato

preavviso delle dimissioni

Il preavviso è il tempo, successivo alla data in cui il lavoratore ha presentato le dimissioni, in cui il dipendente continua a svolgere la propria attività lavorativa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Servizio Ispezione del lavoro a Roma

Il compito del Servizio Ispezione del Lavoro della Direzione Territoriale del Lavoro di Roma (ex ispettorato del lavoro di Roma) è anche quello di verificare, intervenire su eventuali violazioni in campo lavorativo e svolgere attività di conciliazione e consulenza.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cassa integrazione: ecco come funziona davvero

Immagine esemplificativa di soldi della cassa integrazione

La cassa integrazione è un intervento dello Stato richiesto dalle aziende o dalle società che hanno gravi difficoltà finanziare e si concede per un periodo di tempo limitato. Il fine della cassa integrazione è quello di aiutare il titolare dell'azienda a risanare la sua situazione economica, in maniera da evitare la chiusura dell’attività e una conseguente perdita del lavoro, di coloro che avevano impiego nell’azienda. Esistono 2 differenti tipi di cassa integrazione, l'ordinaria e la straordinaria.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Calcolo ISEE: come richiederlo online?

il calcolo dell'isee è possibile richiederlo on line

L’acronimo ISEE significa "Indicatore di Situazione Economica Equivalente". Con il calcolo ISEE si definisce la condizione economica di un singolo o di un nucleo familiare. 

Leggi tutto...
Go to Top