Il Contratto Collettivo Nazionale Commercio e Servizi, suddivide le categorie di lavoratori in diversi livelli, differenziati in base alle competenze e alle qualifiche degli stessi. La classificazione del personale delle imprese commerciali è dunque strutturata in sette livelli.

L’informazione sul commercio in un’era globalizzata

Prima di sviluppare l’argomento sui vari livelli commerciali esistenti, propedeutico alla lettura di questo articolo, sarebbe il venire a conoscenza dell’importanza della realtà commerciale. Cos’è il commercio? Un fantasma che opera dietro le quinte della nostra grande società o una pratica quotidiana, che possiamo anche trovare sotto la nostra casa o navigando sul web? Il commercio, banalmente parlando, è uno scambio, che può avvenire o in forma di acquisto o attraverso la vendita di beni valutari o di consumo, o mobili o immobili. La comunicazione infatti ha delle strette connessioni con l’ambito commerciale, perché senza di essa il commercio, all’interno della nostra era globalizzata, perderebbe tutta l’importanza che ha acquisito nel corso della storia.

Se si è per di più ben inseriti all’interno di un ambiente amministrativo, capire i vantaggi che un paese può ottenere grazie alle esportazioni e alle importazioni potrebbe portare a dei benefici non indifferenti. Informarsi in merito al commercio, porta anche alla declinazione del suo significato: ne sentiamo parlare continuamente, ma quanti sanno veramente di cosa tratta e-commerce? Esso è la forma di commercio che attualmente ha il più alto tasso di crescita e sta riscuotendo un notevole successo. Ma com’è possibile? Grazie alle sue caratteristiche e all’applicazione di internet, la rete ha favorito la nascita e lo sviluppo di numerose idee imprenditoriali e, quella dell’e-commerce si è rivelata essere una piattaforma perfetta per vendere e promuovere prodotti di ogni tipologia.

Questa sua versatilità, ha visto l’ingresso, all’interno della realtà commerciale, di tantissima gente. Rispetto al classico concetto di commercio infatti, l’e-commerce consente un accesso immediato e la disponibilità di 24 ore su 24: si può acquistare online praticamente ad ogni ora della giornata, senza limiti o problemi di orario, per di più consente di abbattere molti costi. Internet ha legato commercialmente tutto il mondo, integrando anche i paesi più piccoli e sconosciuti. Conoscere i meccanismi del commercio fisico, fa ottenere grandi vantaggi all’interno del commercio virtuale, perché sul web a fare la differenza è la tua velocità. Se pur in Italia lo scetticismo in merito all’ e-commerce è alto, molte sono le persone che hanno fatto fortuna cercandone di capire il meccanismo: tocca a te, vivi il commercio, esploralo, studialo e alla fine navigalo.

I livelli iniziali del CCNL commercio

Il primo dei livelli ccnl commercio è quello dei lavoratori ad alto contenuto professionale e aventi anche importanti responsabilità esecutive. Il secondo livello raggruppa invece i lavoratori detti di concetto, che lavorano come autonomi o che svolgono mansioni di controllo e coordinamento. Al secondo livello fanno inoltre parte tutte quelle attività che presentano una componente creativa legata una determinata professionalità tecnica e scientifica.

 

Livelli avanzati CCNL

Il terzo dei livelli ccnl commercio rappresenta invece l'ambito lavorativo di coloro che necessitano di specifiche e adeguate competenze tecniche per svolgere la loro attività. Al quarto livello appartengono i lavoratori che hanno compiti di natura operativa, nonché di vendita, con annesse operazioni complementari. Di questo livello fanno parte anche i lavoratori adibiti che svolgono mansioni, richiedenti specifiche conoscenze tecniche e particolari capacità tecnico-pratiche.

Livelli per i più qualificati

i livelli della ccnl commercio

Il quinto dei livelli ccnl commercio è quello dei lavoratori che svolgono attività qualificate, nelle quali sono richieste normali conoscenze e adeguate capacità tecnico pratiche. Il sesto livello raccoglie coloro che svolgono lavori che prevedono la conoscenza di semplici conoscenze pratiche.

Il settimo dei livelli ccnl commercio è infine rappresentato dai lavoratori che svolgono attività di pulizia o affini.

A quali sfere si riferisce il contratto

Contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) del commercio per i dipendenti di aziende del terziario, della distribuzione e dei servizi disciplina tutta la penisola italiana e si riferisce ai contratti a tempo indeterminato, ai rapporti di lavoro a tempo determinato, che si attuano in tutte le aziende che operano nel settore terziario di distribuzione, mercato e servizi. E’importante sapere che sono comprese anche le società che svolgono la vendita di prodotti e servizi per corrispondenza e il commercio elettronico, che fanno parte dei settori merceologici, servizi e commercio. Esistono due differenti settori che appartengono a queste categorie , all’interno dei quali collaborano diverse aziende e società che operano nel settore della distribuzione e dei servizi , nell’elenco che segue sono illustrate le aree di attività che operano all’interno del settore del commercio.

  • Dettaglio, che riguarda i negozi o le piccole attività svolte da privati o società.
  • Ingrosso, vale a dire i negozi dove i commercianti acquistano la merce che poi venderanno al pubblico, all’interno della propria attività.
  • Distribuzione organizzata e moderna.
  • Importazione, vale a dire l’acquisto di beni che arrivano dai paesi esteri.
  • Esportazione, cioè la vendita di prodotti all’estero.
  • Commercializzazione, tutte le attività legate alla vendita dei prodotti.
  • Assistenza veicoli.
  • Ausiliari del commercio e attività commerciali con i paesi che si trovano all’estero.

L’elenco che segue illustra invece le attività che appartengono al settore definito dei servizi.

  • ICT.
  • Ausiliari dei servizi.
  • Servizi rivolti alle organizzazioni, imprese, alle persone e ai servizi di rete.

E’importante sapere che ogni anno, le Organizzazioni Sindacali Nazionali e la Confcommercio si riuniscono per fare un esame della situazione produttiva ed economica di ogni settore. Durante la seduta le due organizzaioni si occupano anche di trovare le eventuali prospettive di sviluppo, la possibilità di attuare processi di affiliazione e terziarizzazione ecc. Lo Stato tramite diverse risorse operative, come la Guardia di Finanza, controlla l’attuazione del CCNL ed è importante sapere che le aziende che per diversi motivi non rispettano le norme contrattuali in esso contenute, sono tenute al pagamento di onerose sanzioni e nei casi più gravi alla chiusura dell’attività.

Potrebbe interessarti

Autocandidatura: come proporre la propria candidatura di lavoro

come fornire un autocandidatura

L’era di internet permette diverse modalità di candidatura delle offerte di lavoro. Nel caso la propria candidatura sia in risposta ad un annuncio di lavoro è possibile inviare il proprio curriculum vitae e la lettera di accompagnamento via mail.

Lavoro interinale: ecco la normativa e giurisprudenza a cui fare riferimento

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Dimissioni senza preavviso: numero di giorni e casi particolari

Dimissioni senza preavviso

Le dimissioni hanno effetto dal momento in cui il datore di lavoro ne viene a conoscenza (non è richiesta l’accettazione). 

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Richiamo disciplinare sul lavoro: quando si rischia?

I provvedimenti disciplinari del lavoro rappresentano gli atti che il datore di lavoro può compiere e i procedimenti da impugnare qualora il lavoratore adotti dei comportamenti scorretti. Vediamo cosa può realmente fare il nostro datore di lavoro per "punirci".

Diritto al lavoro dei disabili: la tutela della legislazione

diritto al lavoro dei disabili

La legislazione italiana in tema di persone con disabilità ha avuto un’evoluzione significativa con la legge 68/99 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili".

Lavorare all’ONU, individua se sei un potenziale funzionario!

Intraprendere una carriera nelle organizzazioni internazionali è una scelta che richiede un notevole impegno, una forte motivazione, un carattere equilibrato e forte.

Leggi anche...

Requisiti per il Reddito di cittadinanza: eccoli elencati in modo chiaro

La gioia di ottenere il reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza è uno strumento di sostegno economico a favore delle famiglie che hanno il reddito inferiore alla soglia di povertà. Queste famiglie, si vedranno integrare il reddito dovuto con una specifica somma che permetterà di arrivare fino alla cifra prestabilita checambia a seconda del numero di componenti del proprio nucleo familiare.

Leggi anche...

Concorso per Docenti: come partecipare e quali sono i requisiti

Stretta di mano dopo un concorso docenti 2018

Secondo quanto stabilito nel D. Lgs. n. 59/2017, gli aspiranti docenti di scuola secondaria devono sostenere un concorso che verrà bandito per il 2018. Per accedere, si richiedono 24 CFU ( i Crediti Formativi Universitari) nelle materie antropo-psico-pedagogiche e in metodologia e tecnologia didattica.

Leggi anche...

Aprire la partita IVA: tutte le informazioni necessarie per farlo in modo consapevole

L’obbligo di apertura subentra nel momento in cui una specifica attività non viene più svolta occasionalmente, ma abitualmente, ovvero quando la durata della prestazione supera i 30 giorni e quando il compenso sfora i 5.000 euro.