Quali sono le mansioni di un cuoco? Non si tratta di un lavoro in cui si svolge semplicemente un'attività...il cuoco è anche un pò un'artista che colpisce i commensali tra combinazioni speciali di gusti e una straordinaria mes en place.

È per questa ragione che non esiste una vera e propria scuola per chef. In linea generale, infatti, esistono due strade per poter svolgere il lavoro di cuoco: seguire un corso professionale e fare tanta gavetta.
Non è comunque detto che le due ipotesi non possano convivere: il vero nodo della questione è se serve oppure no un background accademico a riguardo.

Per chi volesse intraprendere questa carriera e fosse in giovane età, si consiglia l'iscrizione all'istituto professionale alberghiero. Un corso di questa scuola è infatti specializzato nella formazione in cucina. Inoltre – elemento da non sottovalutare assolutamente – sono previsti dei periodi di stage, per permettere agli alunni di toccare con mano questa realtà lavorativa.

Lo stesso dicasi dei corsi professionali che molte agenzie private organizzano: tutti, dopo numerose ore di lavoro in aula, prevedono stage presso grandi strutture. Tali corsi sono consigliati a chiunque: non basta infatti saper cucinare bene per lavorare in cucina. Sempre più chef oggi sono specializzati in un tipo di piatti in particolare e questo corsi permettono proprio di raggiungere un alto grado di capacità in un settore, che siano i piatti di pesce, ad esempio, o i dolci.

Dove si svolge il lavoro? In cucina!

La maggior parte del tempo si trascorre nelle cucine degli alberghi, ristoranti, mense ovunque ci siano dei fornelli. Una attività del genere richiede molte ore in piedi, in ambienti caldi.

Quali opportunità di lavoro per gli chef?

le mansioni di un cuoco

L'opportunità classica è definita dal lavoro come cuoco presso i ristoranti. Ovviamente per raggiungere posizioni di prestigio in cucina occorre tanta gavetta ed esperienza. Questo aspetto comporta anche un positivo rovescio della medaglia: chiunque può diventare primo chef anche se inizia come cameriere.

Un'alternativa alle cucine italiane può essere la possibilità di lavorare fuori dai confini nazionali: gli chef italiani sono molto ricercati in tutto il mondo, ad esempio Londra o Dubai. In questi casi è d'obbligo l'uso della lingua locale (o, per lo meno, dell'inglese).

Lavorare come Chef a domicilio

I requisiti per questa tipologia di cucina sono gli stessi della precedente (talento e gavetta), ma a questi si aggiunge l'obbligo di seguire un corso professionale di tre mesi sulle norme igienico-sanitarie, l'iscrizione alla Camera di Commercio e l'apertura della partita Iva. Tutto questo vale assolutamente la candela per intraprendere una professionalità in espansione.

Lo chef a domicilio è un cuoco che viene chiamato a cucinare in casa di privati per le grandi occasioni. Si occupa della spesa, della preparazione dei piatti, dell'organizzazione del catering e della pulizia della cucina. Da notare come agli chef a domicilio possa venir richiesto di portare i propri strumenti, e quindi tutti i cuochi devono avere coltelli, taglieri, padelle, bilance e così via.

Iniziare un'attività del genere dal nulla può essere difficile: si lavoro molto col passa parola e col web marketing: un buon sito web e una buona presenza sui social network è fondamentale.

Come aprire un ristorante?

È probabilmente il sogno di tutti gli chef. Per aprire un'attività nel settore alimentare, comunque, occorre aver frequentato un corso ad hoc presso la Camera di Commercio, aver guadagnato un'esperienza di due anni nel settore, aver frequentato un corso accademico di qualsiasi livello purché inerente alla professione.

In ogni caso, requisiti a parte, è ovvio che aprire un'attività in proprio richieda conoscenze amministrativo-legali non indifferenti. Ma si tratta di una scelta che può essere esportata oltre l'Italia per sfruttare la nomea che la nostra cucina ha guadagnato nel mondo.

I contro del lavoro di cuoco

  • Si lavora in tutte le feste.
  • Gli orari sono duri. Si lavora in piedi per molte ore al giorno ( o di notte).
  • Gavetta e routine. una volta ottenuto il titolo di cuoco è comunque necessario passare del tempo a pelarele patate o lavare i piatti prima di passare ai fornelli.

Potrebbe interessarti

Pensione per parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Pensione parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro? Occhio all'abbigliamento

come presentarsi ad un colloquio

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

La pensione contributiva è andata a modificare il calcolo dei versamenti, considerando non più la media degli ultimi ma la totalità di quelli effettuati, dal primo all'ultimo. Il contributivo non è valido per tutti i lavoratori, poiché la legge distingue tra quanti debbano ricorrevi, i casi in cui si possa mantenere la formula precedente e quelli che usufruiscono di un sistema misto:

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Contratti di lavoro atipici: quali sono?

Contratti di lavoro atipici: quali sono i contratti di lavoro atipici e quali sono le caratteristiche di ciascun tipo di contratto di lavoro atipico.

Offerte di lavoro per grafici: ecco come e dove candidarsi

Offerte di lavoro per grafici

Con il termine di grafico si intende una figura professionale nota anche come graphic designer. In sostanza, un grafico si occupa del settore delle arti visive, ed il suo mestiere è quello di creare una serie di prodotti destinati alla comunicazione visiva, ovvero con l'obiettivo di comunicare un messaggio attraverso un mezzo che sia: la stampa, la pubblicazione cartacea, la pubblicazione elettronica.

Lavoro congruo: scopriamo insieme le norme a favore dei lavoratori

La circolare del ministero del lavoro nr. 39 del 19 novembre 2010 esige, mediante l'articolo 19 del decreto legge 185/2008, l'obbligo per il lavoratore che percepisce una prestazione di sostegno al reddito di dichiararsi disponibile a una nuova attività, nota anche come lavoro congruo, oppure a un percorso di riqualificazione professionale, per percepire gli incentivi statali.

Leggi anche...

Pensione ai superstiti: tutti i beneficiari

pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti è la quota di quella Inps che viene corrisposta ai famigliari del lavoratore assicurato o pensionato, dopo la sua morte

Leggi anche...

Controversie sul lavoro: diamo uno sguardo a quello che può accadere

I compiti principali della Direzione Generale del Ministero del Lavoro si basano sul garantire e tutelare le condizioni di lavoro e sul mediare nelle situazioni di crisi d’impresa e nelle vertenze nazionali di lavoro.