Oggi diamo uno sguardo alle mansioni della Receptionist. Il ruolo del personale della receptionist è fondamentale perché sono i primi ad accogliere i clienti.

Indipendentemente che si tratti di un hotel di lusso o di un bed and breakfast, il receptionist rappresenta la prima immagine della struttura ricettiva.

I compiti di chi riceve i clienti

Un lavoro di questo tipo, ruota intorno all’accoglienza del cliente/ospite e si basa sui seguenti compiti:

  • accoglienza dei clienti,
  • soluzioni alle esigenze dei clienti,
  • registrazioni di presenze e consumi,
  • fatturazioni, conti, corrispettivi.

Il lavoro di receptionist d'albergo richiede anche attenzione e precisione relativa alla parte contabile e amministrativa, oltre alla capacità di coordinare i vari reparti.

Requisiti per ricoprire questo ruolo

Immagine usata nell'articolo Mansioni della Receptionist: accoglienza e professionalità

Tra i requisiti fondamentali del lavoro di questo genere, rivolto ad una clientela varia, vi sono: un’ottima capacità di comunicazione e la predisposizione al rapporto con il pubblico. Altre competenze richieste a coloro che si candidano ad un ruolo del genere sono:

  • facilità di comunicazione e predisposizione ai rapporti interpersonali,
  • capacità di ascoltare,
  • cortesia, pazienza e diplomazia,
  • capacità di lavorare in team.

Ulteriori competenze richieste per il lavoro di receptionist sono:

  • la conoscenza di lingue straniere,
  • un buon uso del PC.

Di solito la formazione di chi si propone per questo mestiere consiste nel possedere un diploma degli istituti o dalle scuole alberghiere o da istituti di ragioneria o di istituti tecnici per il turismo

Come accaparrarsi questo lavoro

Abbiamo sottolineato quelle che sono le caratteristiche fondamentali per chi vuole ricoprire questo ruolo all'interno di una struttura di accoglienza. Per quanto riguarda i possibili studi da effettuare per poter diventare senza difficoltà un buon receptionist, vanno considerati senza dubbio i corsi di tipo professionale legati al turismo o istituti alberghieri.
In parallelo sarà necessario seguire corsi di lingua: inglese in particolare, ma poi a seconda delle zone sarà importante conoscere anche francese (per chi si trova in zone di confine come Piemonte, Val D'Aosta e Svizzera) e tedesco (non solo al confine, ma anche in regioni come Toscana, Emilia Romagna, Veneto e Marche, in cui ogni anno affluiscono migliaia di turisti provenienti da quelle paese).

Le scuole che meglio preparano ad avere un approccio professionale sono i Licei linguistici, gli istituti Turistici, Ragioneria e altri corsi privati che offrono formazione attraverso enti convenzionati con la Provincia o con la Regione. Non è necessario, anche se sicuramente farà più curriculum, completare un percorso attraverso studi di tipo universitario, come lauree triennali in ambito economico o linguistico.

Mansioni e profili diversi

Oltre ad essere addetti al ricevimento per strutture di tipo turistico, si può diventare addetti alla recezione per aziende (immaginate il classico personaggio che trovate all'ingresso e verifica le vostre generalità consegnando eventuali badge e materiali informativi) oppure in caso di eventi e congressi.

Ecco dunque che da una parte avremo un profilo più importato verso la gestione della struttura, la verifica delle prenotazioni, l'entrata e l'uscita dei clienti e i pagamenti. Nelle aziende, i receptionist si occupano soltanto di accogliere i visitatori, i fornitori o altri clienti, e raramente dovranno avere competenze di tipo economiche per ricevere o effettuare pagamenti, a parte i casi ad esempio di corrieri espressi o fornitori di materiali per l'azienda stessa.

Quante lingue deve conoscere questo professionista?

Quello della receptionist è da considerarsi un lavoro nel settore turistico, un comparto in grande espansione dove la richiesta di nuovi professionisti è sempre maggiore. Ecco perché occorre conoscere molto bene le lingue per poter lavorare come receptionist. Pensiamo a un cliente da accogliere o a un potenziale cliente che chiama in hotel per informazioni su un’eventuale prenotazione.

Insomma, come receptionist dobbiamo essere sempre pronte a dare indicazioni e supporto in molte lingue oltre all’italiano. Ma quali lingue straniere sarà meglio conoscere? Ce ne sono alcune più necessarie di altre, cerchiamo di scoprire quali sono. La lingua fondamentale da conoscere quasi come la lingua madre è senza dubbio l’inglese, che va parlato e compreso in modo pressoché perfetto.

Se quindi pensiamo che il nostro livello non sia così eccezionale, sarà opportuno seguire un corso di inglese con un professore madrelingua, così da recuperare prima del colloquio. Tuttavia, non possiamo di certo fermarci all’inglese. Per lavorare come receptionist in Italia, ad esempio, sarà meglio conoscere anche il tedesco, il francese e lo spagnolo. Per ulteriori lingue, molto dipende dal settore specifico in cui vogliamo lavorare. Pensiamo, ad esempio, al cinese o all’arabo: due lingue oggi ritenute molto importanti, specialmente in alcune grandi città. A Roma, per esempio, se volessimo candidarci come receptionist in un albergo di standard elevato, il cinese e l’arabo potrebbero essere la chiave di volta per avere successo al colloquio. I cinesi e gli arabi, infatti, abbondano ormai nelle principali città italiane, sia per motivi prettamente turistici che di business.

La Cina, ad esempio, sta affrontando un boom economico importante e ci sono sempre più cinesi che viaggiano in Italia e nel mondo per piacere, cultura o lavoro. Ma, come dicevamo, anche il russo o l’arabo possono essere delle scelte vincente. Il russo si inserisce perfettamente nel settore lusso, quindi ci consentirebbe di lavorare in alberghi di categoria elevata e sarebbe comunque una nota molto positiva nel nostro curriculum.

Anche l’arabo, soprattutto oggi, è una lingua strategica da conoscere. Quindi, il consiglio fondamentale è di informarci sulla tipologia di struttura che ha bisogno di una receptionist, così da poterci fare un’idea di cosa valorizzare al momento della candidatura e, magari, del colloquio di lavoro. Di sicuro, più lingue conosciamo e più chance abbiamo di essere scelti come receptionist, quindi teniamolo sempre bene a mente.

Potrebbe interessarti

Le novità di ICOTEA: la formazione professionale per utenti non vedenti e ipovedenti

Nonostante i considerevoli passi avanti compiuti dal punto di vista normativo, dell'offerta scolastico-formativa, dell'uso della tecnologia nei diversi ambiti esistenziali e della sensibilità generale alle loro problematiche, tali persone vedono il loro percorso di crescita umano e professionale non sempre privo di ostacoli concreti. Tutto ciò nonostante le loro considerevoli capacità di cui sono esempio concreto e che possono offrire e mettere a disposizione della società in generale e della realtà lavorativa in particolare.

Differenza tra RSPP Interno, Esterno e RSPP Datore di Lavoro

ccnl commercio

In materia di sicurezza sul lavoro, la nomina del RSPP è una degli elementi più importanti. Innanzitutto, è un obbligo non delegabile del Datore di Lavoro; deve essere presente, cioè, un RSPP per ogni azienda. Non è raro che al momento della nomina, però, nascano da parte del Datore di Lavoro alcuni dubbi su quali siano le responsabilità e i requisiti di un  RSPP, e che tu sia interessato ad un RSPP a Milano o altrove, se sia meglio nominare un RSPP esterno o interno. Questo articolo può rispondere in maniera limpida a tutte le tue domande in merito alla nomina del RSPP.

CO CO PRO: tutte le caratteristiche di questo tipo di contratto

CO CO PRO

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Contratto a progetto: malattia e infortunio

Nei contratti a progetto, in caso di malattia o infortunio la temporanea sospensione del rapporto di lavoro non implica la proroga del contratto, il co.co.pro. comunque termina alla scadenza stabilita.

Cassa integrazione: ecco come funziona davvero. Scoprilo con noi

Immagine esemplificativa di soldi della cassa integrazione

La cassa integrazione è un intervento dello Stato richiesto dalle aziende o dalle società che hanno gravi difficoltà finanziare e si concede per un periodo di tempo limitato. Il fine della cassa integrazione è quello di aiutare il titolare dell'azienda a risanare la sua situazione economica, in maniera da evitare la chiusura dell’attività e una conseguente perdita del lavoro, di coloro che avevano impiego nell’azienda. Esistono 2 differenti tipi di cassa integrazione, l'ordinaria e la straordinaria.

Come diventare avvocato: ecco come funziona la pratica legale forense

Come diventare avvocato

Una volta laureato, il praticante deve iscriversi al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati del tribunale di residenza. Questo primo step per iniziare la pratica legale è legato alla presentazione di alcuni documenti (certificato di nascita, residenza, cittadinanza, ecc..) fotografie, titoli di studio e quant'altro richiesto dall'Ordine degli Avvocati del territorio. 

Leggi anche...

Inoccupato: cosa è e in cosa differisce dalla disoccupazione

Immagine per Inoccupato

Se si è nella condizione definita "inoccupato", il nostro consiglio è quello di presentare una dichiarazione di immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa da consegnare al Centro per l'Impiego o il modello di Autocertificazione di disoccupazione.

Leggi anche...

Dichiarazione Red: scopri le novità sui contributi agevolati alla pensione

dichiarazione red

Esistono alcune agevolazioni pensionistiche, quali gli assegni familiari, la pensione minima, di reversibilità o invalidità, che necessitano di determinati requisiti per essere ottenute.