Il CCNL Contratto di commercio, rinnovato dal 1 gennaio 2011 fino al 31 dicembre 2013, dedica un intero titolo alla disciplina della maternità, definendone l’intero quadro normativo in termini di diritti, retribuzione, permessi e astensione dalla prestazione lavorativa.

È opportuno ricordare che, per poter beneficiare della tutela prevista dalla legge 1204/71, le lavoratrici madri sono tenute a presentare al datore di lavoro il certificato sanitario di gravidanza, nonché, entro 30 giorni dal parto, il certificato di nascita del bambino rilasciato dall’Ufficio dello Stato Civile.

Congedo per maternità e conservazione del posto di lavoro

Il Titolo XV del Contratto di Commercio su “Gravidanza e puerperio” sancisce, all’art. 121- Astensione dal lavoro, che in caso di maternità le lavoratrici possano congedarsi dal lavoro per i seguenti periodi di tempo:

a. a partire dai due mesi che precedono la data del parto così come indicata nel certificato medico di gravidanza

b. per il periodo che intercorre tra la data presunta del parto e il parto stesso

c. per i tre mesi che seguono il parto

d. per un ulteriore periodo di sei mesi successivo ai primi tre (sette mesi per le “lavoratrici madri addette a lavori pericolosi, faticosi e insalubri”)

e. per un ulteriore numero di giorni non goduti qualora il parto si verificasse in data anticipata rispetto a quella recata dal certificato

Divieto di licenziamento

Il Contratto di Commercio nel titolo sulla maternità stabilisce altresì il divieto di licenziamento dalla posizione lavorativa a favore della donna durante l’intero periodo della gestazione e fino al compimento del primo anno di età del nascituro, salvo eccezioni previste dalla legge stessa (licenziamento per giusta causa, cessazione dell'attività dell'azienda, etc.). Gli stessi diritti attribuiti alla donna in gestazione spettano al padre del nascituro (congedo parentale) durante tutto il periodo della maternità.

Retribuzione e permessi

L’entità della retribuzione per la donna in maternità nel Contratto di Commercio varia durante le diverse fasi del congedo. La retribuzione, a carico dell’INPS e anticipata dal datore di lavoro, viene corrisposta nella misura dell’80% durante i mesi di congedo obbligatorio (lettere a, b, c), e del 30% durante il congedo facoltativo (lettera d).

Il calcolo pensione e TFR per la maternità

Tutti i periodi di congedo, sia obbligatorio sia facoltativo, vengono computati nel calcolo dell’anzianità di servizio a fini pensionistici e del TFR, nel caso del congedo obbligatorio anche per il calcolo di ferie e mensilità supplementari. Non dà diritto a ricevere alcuna indennità il periodo che intercorre tra la data della sospensione della prestazione di lavoro e la presentazione del certificato di maternità, pur essendo considerato valido ai fini del calcolo dell’anzianità.

Aggiornamenti 2014

Sono previste delle modifiche a favore delle future madri per quanto riguarda questo capitolo. Infatti si potranno contare anche i mesi della maternità come durata dell’accordo contrattuale, se le donne in questione rimangono incinte. Inoltre, se l’azienda deciderà in futuro di assumere, queste persone avranno la precedenza, ossia un diritto di prelazione, rispetto a tutte le altre.
Tutte le novità potrebbero subire modifiche fino a che non sarà varato in maniera definitiva il cosiddetto Jobs Act, la riforma del mercato del lavoro promossa dal Presidente del Consiglio Renzi. Il premier vuole dare una grande sterzata a questo settore, semplificando le forme contrattuali che passerebbero da quaranta a quattro/cinque, incentrando la riforma sul contratto a tutele crescenti e modificando gli ammortizzatori sociali con particolare rilievo anche alle indennità per la nascita dei figli. Attualmente, infatti, per quest’ultimo ambito, le madri del settore autonomo sono parecchio svantaggiate rispetto alle colleghe che lavorano con un contratto dipendente. Il Jobs Act punta infatti a uniformare i due settori per quanto concerne le tutele, integrando i sostegni per la gravidanza anche alle donne che lavorano nel settore autonomo, che come detto in precedenza, godono di meno diritti rispetto alle lavoratrici dipendenti.
Nel progetto di riforma, c’è anche una maggiore flessibilità in termini lavorativi alle madri attraverso l’aiuto del telelavoro. Inoltre, un’altra novità potrebbe essere rappresentata dalla tax credit, ossia una sorta di incentivo femminile per quelle famiglie che risultano essere al di sotto di una certa soglia di reddito.

Come rientrare a lavoro dopo la gravidanza?

Riveste molta importanza il rientro a lavoro della madre che ha appena avuto la nascita del proprio figlio o figlia. Da tenere in considerazione soprattutto le condizioni psicologiche della donna e per questo motivo sul web si trovano dei manuali con dei consigli da seguire a chi rientra sul posto di lavoro dopo questo periodo. Si va dalla nuova organizzazione della propria vita (lottando inizialmente con i sensi di colpa) alla scelta di dare la priorità alle cose più giuste, dalla decisione di lasciare il bambino a persone affidabili a creare una vita che sia fatta di routine e abitudini, dall’accettare i consigli e gli aiuti delle persone più vicine fino a mantenere uno stato d’animo positivo per il più tempo possibile.





Potrebbe interessarti

Come scegliere un master: una guida per trovare il più adatto!

Come scegliere un master? Considerata la durata e il costo di un master, scegliere quello sbagliato può significare perdere tempo e denaro.

Leggi tutto...

Curriculum vitae in francese: sai cosa scrivere?

Attualmente sono tante le persone che cercano lavoro all'estero e necessitano di modelli di curriculum da scrivere in lingua straniera; oltre all'inglese, anche il francese è una lingua molto usata nel mondo lavorativo europeo.

Leggi tutto...

La tessera sindacale: la voce del lavoratore

Iscriversi ad un sindacato è un diritto di tutti i lavoratori: possedere una tessera sindacale equivale ad avere una garanzia e un sostegno in tutte le difficili situazioni che si possono presentare nella vita lavorativa.

Leggi tutto...

Permesso di lavoro: tipologie e richieste

Per motivi di diversa natura, il lavoratore è spesso costretto a richiedere dei determinati periodi di assenza dal lavoro, al di fuori delle ferie stabilite e che gli spettato. Questo tipo di astensioni dall’attività lavorativa vengono chiamati permessi lavoro.

Leggi tutto...

Autocandidatura: come proporre la propria candidatura di lavoro

come fornire un autocandidatura

L’era di internet permette diverse modalità di candidatura delle offerte di lavoro. Nel caso la propria candidatura sia in risposta ad un annuncio di lavoro è possibile inviare il proprio curriculum vitae e la lettera di accompagnamento via mail.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Cosa è il demansionamento professionale?

demansionamento professionaleL'articolo 2103 c.c. definisce il significato del termine "demansionamento"; accezione che, chiariamo subito, deve essere, da una parte interpretata in modo elastico e dall'altra deve in modo imprescindibile garantire i diritti del lavoratore. Vediamo più nel dettaglio cosa si intende con il termine demansionamento professionale, con l'approfondimento che proponiamo oggi.

Leggi tutto...

Legge sulla Privacy nel Curriculum Vitae

informativa sulla privacy da inserire nel curriculum

Quando sono in cerca di personale, sempre più aziende liquidano la questione della privacy delle informazioni del curriculum del candidato con la richiesta generica di autorizzare il trattamento dei dati.

Leggi tutto...

La tredicesima: tutte le caratteristiche della gratifica natalizia

tredicesima natalizia

La tredicesima mensilità è nata con c.c.n.l. del 1937 per gli impiegati dell’industria ed è stata poi estesa anche agli operai con il Decreto Presidente della Repubblica n. 1070/60. 

Leggi tutto...

Pensione Inpdap: come effettuare il calcolo e come richiederla?

Dal momento di riforma del sistema previdenziale italiano, anche l'Inpdap si è adeguata alla grande differenziazione tra previdenza obbligatoria e previdenza complementare.

Leggi tutto...

Il congedo matrimoniale per l'INPS: conosci questo diritto?

ottenere il congedo matrimoniale

La legge prevede che in occasione del matrimonio, alcune categorie di lavoratori, abbiano diritto al congedo matrimoniale e dell’assegno ad esso relativo. Il congedo matrimoniale corrisponde ad un periodo di astensione al lavoro di 15 giorni consecutivi che non possono essere goduti durante il periodo delle ferie o nel preavviso del licenziamento.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro cameriere: tutto ciò che c'è da sapere

Se non avete paura di turni piuttosto lunghi e vi piace stare in mezzo alla confusione e alla gente, allora troverete di vostro gradimento l'articolo che presentiamo oggi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Offerte di lavoro in Puglia: come orientarsi?

trovare lavoro in puglia

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi cerca lavoro in Puglia. Di seguito la lista dei siti web proposta da AreaLavoro per le offerte di lavoro in Puglia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Tasse università a Firenze: quando, come e dove pagarle

Ecco una guida per chi desidera avere informazioni generali circa le tasse università a Firenze e nelle altre università italiane. E’ bene specificare che ogni ateneo e facoltà utilizza degli iter differenti per il pagamento delle rette universitarie. In linea generale però, le università pubbliche seguono le indicazioni riportate di seguito in questa pagina.

Leggi tutto...
Go to Top