La medicina del lavoro è un ambito medico che si interessa e si rivolge alla prevenzione, diagnosi e cura delle patologie derivanti dalle attività lavorative; come evidenziato da Soterikon.it la medicina del lavoro si specializza nell’individuazione dei sintomi e delle malattie causate dall’esposizione dei lavoratori a determinati fattori di rischio: dagli agenti chimici, fisici, biologici ai fattori psico-sociali e lo stress lavorativo.

Cosa prevede la normativa italiana in materia di medicina del lavoro

Il Decreto Legislativo 81/08 – il Testo Unico sulla Salute e la Sicurezza del Lavoro – sancisce che ogni azienda o Datore di Lavoro, in presenza di rischi secondo i quali la legge prevede la Sorveglianza Sanitaria, ha l’obbligo di nominare un Medico del Lavoro Competente. Il ruolo può essere ricoperto da:

  • Medici specialisti in Medicina del Lavoro;
  • Medici specialisti in Igiene e Medicina preventiva;
  • Medici Legali e delle Assicurazioni (questi ultimi solo dopo aver conseguito il titolo di specializzazione a seguito di corso post laurea).

Non vi è l’obbligo da parte del Datore di Lavoro di assumere nel proprio organico un medico legale, ma è un’opportunità; infatti, le opzioni di incarico possono essere tre:

  1. Il datore/azienda sigla una convenzione con una struttura pubblica o privata per l’assegnazione di un medico del lavoro;
  2. Siglare una convenzione con un medico del lavoro competente libero professionista;
  3. Assumere alle proprie dipendenze un medico competente.

In Italia vi sono poche società di medicina del lavoro che operano sul territorio; le aziende si rivolgono spesso al servizio sanitario come fornitore del servizio. I Servizio sanitario Nazionale agisce nell’ambito della medicina del lavoro tramite l’ISPESL e le ASL; all’interno di ciascun ufficio si trova il dipartimento di prevenzione a cui fanno riferimento i SPSAL – Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro. Ogni Regione, tuttavia, denomina con sigle diverse l’ufficio.

Il lavoratore che ritiene di avere problemi di salute causati dalla propria attività lavorativa può anche autonomamente rivolgersi a questi uffici in caso di necessità. L’attività principale del servizio ASL di medicina del lavoro è, comunque, la vigilanza e l’osservanza delle leggi a tutela della salute dei lavoratori oltre alle attività di formazione e informazione per le aziende e i lavoratori.

Gli organi preposti di medicina del lavoro si trovano anche presso le strutture universitarie ed ospedaliere e forniscono servizi di diagnosi per sospette patologie delle professioni, gestione delle idoneità, determinazione delle residue capacità lavorative di lavoratori affetti da patologie professionali, servizi di consulenza in ambito di igiene e sicurezza sul lavoro.

Domande frequenti sulla medicina del lavoro

medicina del lavoro

Oltre allo svolgimento delle visite mediche regolari e preventive del personale dipendente, la medicina del lavoro si occupa anche di valutare le alterazioni legate alle attività lavorative, agli incidenti e infortuni sul lavoro e al rilascio del certificato medico del lavoro, anche conosciuto come idoneità lavorativa del dipendente visitato. Il medico del lavoro collabora, infine, con il datore di lavoro e l’RSPP alla stesura e aggiornamento della valutazione dei rischi delle professioni e dei mestieri.

È dunque obbligatorio il medico del lavoro in azienda? La risposta è no, l’azienda può far ricorso all’impiego di medici del lavoro esterni specializzati e competenti. L’obbligo sussiste solo per le aziende in cui sono presenti alti rischi per la salute dei dipendenti (impiego del videoterminale per più di 20 ore settimanali, movimentazione carichi, rischi chimici, autisti con patente C, e così via).

Quando è prevista la visita periodica obbligatoria? La visita medica periodica di medicina del lavoro è prevista ogni volta che si inizia un nuovo lavoro o viene assegnata una nuova mansione (controllo preventivo) e come visita periodica di monitoraggio dello stato di salute del dipendente. In corso di visite periodiche, può essere modificato il giudizio di idoneità di un lavoratore?

In mutate condizioni di salute per malattia o infortunio, il medico competente di medina del lavoro può modificare il giudizio di idoneità e prescrivere limiti all’attività o addirittura consigliare il cambio di mansione. Il dipendente può rifiutare la visita medica di lavoro? Se il lavoratore si rifiuta non può ricevere l’idoneità al lavoro e quindi non può lavorare. Come si svolge una visita di medicina del lavoro?

Il luogo della visita deve essere idoneo e rispettoso della privacy del dipendente, le attrezzature utilizzate per visita oculistica e spirometrica devono essere certificate e igienizzate anche e soprattutto in virtù delle normative anti-covid19. Il medico al termine della visita può prescrivere eventuali altri accertamenti.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Pensione alle casalinghe: come ottenerla?

mamma e casalinga

In data 1 gennaio 1997 è stato realizzato uno speciale fondo di previdenza per tutti coloro che svolgono delle attività di cura di familiari e non ricevono un compenso economico, ad esempio le casalinghe che dedicano gran parte delle giornata alla cura della casa e della propria famiglia. E’ importante sapere che possono registrarsi a questo fondo di previdenza anche gli uomini, i requisiti che tutti devono possedere sono legati all’età, che può variare dai 15 ai 65 anni.

Corsi di formazione utili per trovare lavoro: sai scegliere?

i corsi di formazione per aziende e studenti

Per affrontare al meglio il mondo del lavoro, è anche necessario ampliare le conoscenze acquisite durante precedenti gli studi precedenti. Oltre a scegliere l'università giusta o il settore lavorativo adatto, è dunque indispensabile cercare nuove forme di ampliamento e aggiornamento delle competenze ed avere così maggiore probabilità di crescere tramite i corsi lavorativi. Si consiglia ovviamente di scegliere con cautela il corso (tra le centinaia di enti che erogano formazione e/o che semplicemente affittano l'aula a terzi per questo scopo).

Master in Lingue e Master Digital: scopri la nuova offerta ICOTEA

scrizione ad un master in lingue

Il mondo del lavoro è sempre più complesso. Per questo motivo, diventa necessario farsi trovare pronti con una preparazione adeguata e, soprattutto mirata alle nuove esigenze del mercato.

I più condivisi

Contratto a intermittenza: in cosa consiste esattamente?

tipologia di contratto ad intermittenza

Il contratto a intermittenza (detto anche “a chiamata” oppure “job on call”) è regolamentato dagli articoli 33-40 del decreto legislativo 276/03 modificato in parte dalla legge 92/2012. Il lavoratore si presta a offrire le proprie prestazioni per periodi specifici e stabiliti durante la settimana, il mese o l'anno, dedicandosi ad attività di natura saltuaria.

Tirocini formativi attivi: scopri i requisiti e le prove di esame

Tirocini formativi attivi

La riforma d'insegnamento voluta dal Ministro Gelmini, prevede i Tirocini Formativi Attivi (TFA), utili a ottenere l'abilitazione all'insegnamento, che sarà a numero chiuso accedendovi mediante un concorso nazionale. Scopriamo cosa sono attraverso questo approfondimento.

Guardiano del faro: un mestiere romantico e ancora oggi tanto ambito

Immagine esemplificativa della professione di guardiano del faro

Essere guardiano del faro è un sogno romantico per molte persone, si tratta di una professione che non si può svolgere senza la giusta passione da parte di chi è interessato a questo mestiere.

Leggi anche...

Concorsi per invalidi civili: tutte le possibilità elencate

Immagine esemplificativa che riguarda l'articolo Concorsi per invalidi civili: tutte le possibilità elencate in questo approfondimento!

Oggi parliamo di concorsi per invalidi civili. Per categorie protette si intende una condizione di diritto riconosciuta dal legislatore ai lavoratori disabili e altri (orfani, vedove, etc). Oltre che l’obbligo di assunzione per queste categorie di lavoratori presso aziende pubbliche e private, vi sono anche delle quote riservate per la partecipazione ai concorsi, nonché concorsi specifici.

Leggi anche...

Sviluppo Italia e il suo nuovo sito www.invitalia.it: vediamo di cosa si tratta

sviluppo italia

Invitalia, già Sviluppo Italia, è l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa. Sviluppo Italia svolge l'incarico affidatogli dal Governo per migliorare la competitività imprenditoriale e aziendale dell'Italia e supportare nuove iniziative e progetti aziendali.