Come scrivere un curriculum? Quanti di voi si pongono questa domanda? Non è difficile scrivere un curriculum vitae se si tengono a mente delle semplici regole di base, la difficoltà sta nel saper comunicare di essere la persona ideale per la posizione ricercata, esprimere il proprio interesse e far emergere le proprie competenze attraverso un foglio. Scrivere un buon curriculum, questo è difficile. Difficile ma non impossibile se si considerano alcune regole fondamentali. Da aggiungere che gli ultimi sviluppi avvenuti su Internet, come la progressione imponente dei social network, ha cambiato alcune modalità di presentazione delle candidature, visto che molti annunci di lavoro si trovano proprio sui canali social.

Comunicare il proprio profilo

L'obiettivo è quello di comunicare il proprio profilo e farlo emergere tra le altre candidature. Ciò è possibile attraverso la personalizzazione del proprio cv. Indipendentemente dalle esperienze, più o meno numerose, e dalle caratteristiche del profilo, è necessario rendere ilproprio curriculum interessante.

Il punto di partenza è:

  • definire ed esplicare la propria competenza, composta da: conoscenze, capacità ed esperienze. Cosa ho studiato? Quali competenze ho acquisito?
  • conoscere le esigenze dell'azienda a cui ci si candida e le caratteristiche del profilo ricercato. Sarà più facile mettere in risalto perchè scegliere proprio il nostro curriculum tra i candidati.
  • evidenziare gli aspetti del proprio profilo più in linea con le esigenze e la ricerca del consulente

Nel redigere il curriculum vitae è necessario tenere sempre a mente la pertinenza del proprio profilo con i bisogni dell'azienda a cui ci si candida. Per tali ragioni il curriculm vitae deve essere personalizzato di volta in volta in base al destinatario.

I requisiti per scrivere un CV

I requisiti necessari per scrivere un buon curriculum sono: chiarezza, precisione dell'esposizione e sintesi basata sulla selezione delle informazioni. Il curriculum deve suscitare interesse nell'esaminatore tanto da indurlo a contattare il candidato per il colloquio motivazionale.

bandiera tedesca

Nello scrivere un curriculum vitae e ancor più nel redigere la lettera motivazionale, il candidato deve comunicare di essere "la soluzione al problema aziendale", la persona ideale per ricoprire quel determinato ruolo. Per questo motivo è vivamente sconsigliato proporsi per due mansioni diverse della stessa azienda, nel caso quest'ultima abbia più posizioni aperte. Anche se il profilo è in linea con entrambe le posizioni e l'interesse del candidato ricade su entrambe, è sempre preferibile candidarsi per una sola attività per i quali ci si propone come la persona più idonea.

E’ bene inviare sempre la lettera motivazionale insieme a questo documento perchè quest’ultima rappresenta in breve e in poche righe ciò che è scritto nel Cv: una sintesi che permette quindi di descrivere le proprie caratteristiche e le proprie abilità su un’offerta di lavoro.

Come compilare il proprio Curriculum Vitae - dal canale ufficiale di AreaLavoro

L’importanza dei social network

Non si può più ignorare l’importanza dei canali social nella ricerca di un lavoro. Le ultime ricerche condotto su questo campo hanno portato proprio a questi risultati: oltre il 60% utilizza i social media per cercare lavoro e più del 70% di questi è nato dopo il 1980. Una tendenza che fa capire come il mondo giovanile cerchi di utilizzare anche questi canali per trovare un’opportunità lavorativa. A riguardo, è nato anche un social dedicato al tema, ossia Linkedin: su Linkedin infatti si può gestire il proprio spazio aggiungendo il proprio Cv con le proprie esperienze e studi maturati: la differenza è che qui si possono inserire anche contenuti multimediali, come per l’esempio la tesi o le slide preparate per la tesi discussa in sede di laurea.

Su Linkedin le stesse aziende presenti possono consultare il nostro curriculum e l’utente potrà vedere quali sono le persone che hanno visitato il proprio profilo. L’importanza dei social media è testimoniata inoltre dalla presenza ormai fissa delle aziende su tutti i canali, da Facebook a Twitter passando per Linkedin. Questo perchè sono proprio i responsabili ad aver capito che ormai tutto il mondo gira intorno ai social, vero megafono della realtà quotidiana e non essere presenti significa dunque non esistere. Sui social quindi possiamo trovare annunci lavorativi presentando di conseguenza la nostra candidatura ai collegamenti inseriti. Una realtà quindi che fa capire come il lavoro si trova on line e infatti ormai nei curriculum vitae viene inserito uno spazio anche per le referenze social, come può essere il collegamento al nostro profilo Linkedin e Facebook. In questo caso però bisogna essere attenti a cosa si posta perchè ovviamente rendendolo pubblico anche i social possono essere un criterio di valutazione da parte di chi cerca personale per posti di lavoro.

In alternativa, per essere più sicuri, potreste affidarvi ad aziende che si occupano nella revisione dei curriculum in modo molto professionale oppure acquistare una guida online; in questo caso, noi di AreaLavoro, abbiamo realizzato un pratico eBook "Come scrivere un Curriculum" attraverso il quale si apprenderanno le migliori tecniche per compilare un CV di successo.

Il prezzo dell'ebook è di soli € 2,99 e, cliccando sulla copertina qui in basso, è possibile scaricarne gratuitamente un estratto ed eventualmente procedere all'acquisto scegliendo il metodo di pagamento preferito!

Una volta completati tutti i passaggi di pagamento tramite la piattaforma Paypall riceverai via mail il documento (in formato ePub).

Il modello in tedesco

Anche a causa della forte crisi a cui siamo sottoposti e alla mancanza di occupazione nel nostro paese, sono molti gli italiani che intendono lavorare in Germania: per questo motivo, chiaramente, la prima barriera da superare è legata alla presentazione di noi stessi e delle nostre competenze, e bisogna sapere e conoscere le migliori strategie prima di inviare il proprio curriculum in lingua tedesca.

È necessario sapere in primis che il curriculum vitae tedesco deve essere chiaro, breve, pertinente e non generico, formale, dal taglio competente e professionale. Se si vuole ottenere la speranza di un lavoro in Germania bisogna passare per un buon colloquio e per ottenerlo le vostre speranze sono riposte in un ottimo curriculum vitae.

I settori dove è richiesto più personale al momento sono ingegneria, istruzioni tecniche, assistenza, sanità, artigianato e information tecnlogy.

Risulta poi fondamentale presentarsi brevemente nella mail a cui alleghiamo il documento, specificando in particolare le motivazioni per cui si ritiene essere pertinenti con la posizione lavorativa che si vuole ottenere. Qui sarà molto importante conoscere il tedesco e soprattutto esprimersi in una maniera poco "scolastica", per dare subito l'impressione di essere integrati con la cultura e la società del paese in cui si vuole andare a lavorare, in questo caso la Germania, l'Austria o altri paesi in cui la lingua tedesca è considerata come principale mezzo di comunciazione.

Seguire il modello CV tedesco

Il modello di curriculum tedesco deve contenere date precise e fedeli alla realtà; le notizie vanno inserite in ordine cronologico e la sua struttura deve essere scritta a macchina, o al computer, e inserita all'interno di una massimo due pagine.
 Prima esisteva anche un modello di curriculum in tedesco redatto a mano, chiamato ausführlicher Lebenslauf; attualmente sono in pochi a richiederlo, ma qualora dovesse accadere si devono seguire le linee guida di quello canonico.

Il segreto, quindi , per un buon curriculum è quello di garantire informazioni precise e brevi nel minor spazio , schematizzandole il più possibile. Questo presuppone naturalmente una buona conoscenza della lingua, ed è dunque importante dimostrare di aver capito innanzitutto la reale proposta di lavoro o comunque la realtà aziendale (o comunque lavorativa) per cui si richiede di essere assunti. Di fondamentale importanza, poi, è risultare fin da subito precisi, diretti ma senza essere troppo esuberanti, e dimostrare di essere chiari e concisi: sapersi presentare al meglio significa raggiugnere il primo dei propri obiettivi, e dunque agli occhi di chi si occupa di relazionarsi con le risorse umane, questo è gia un primo indice di persona con cui si potrebbe essere disposti a collaborare.

Cosa inserire nel Curriculum per la Germania

Il curriculum dovrebbe avere una lunghezza di una o due pagine dattiloscritte.

Esso deve contenere sempre una fotografia allegata all'estremità superiore, su sfondo bianco.

Facendo particolare attenzione a seguire un ordine cronologico ferreo e preciso, un curriculum vitae in tedesco deve contenere le seguenti indicazioni:

  • Nome, cognome, telefono, e-mail, indirizzo fisico .
  • Dati personali quali data e luogo di nascita, stato civile ecc.
  • Scuole primarie e secondarie frequentate .
  • Se si è fatto il servizio civile o militare .
  • Corsi di Formazione eventualmente svolti.
  • Università ( istituto universitario frequentato, risultati ottenuti, disciplina studiata, eventuali studi svolti all'estero).
  • Esperienze lavorative, qualifiche particolari e attività extra-lavorative
  • Lingue straniere conosciute.
  • Attività extra- professionali (società sportive,sociali, politiche , organizzazioni studentesche).

Una valida alternativa al fai da te è quella di acquistare una guida online che vi illustra in modo esaustivo le tecniche per compilare un CV di successo; noi di AreaLavoro abbiamo realizzato un pratico ebook che potrebbe fare proprio il tuo caso! Con l'eBook "Come scrivere un Curriculum" scoprirai come scrivere e compilare correttamente il tuo curriculum; di seguito, cliccando sulla copertina, potete scaricare gratuitamente l'estratto dell'ebook e, se vi piace, procedere all'acquisto al modico prezzo di € 2,99, scegliendo il metodo di pagamento preferito!



Potrebbe interessarti

Curriculum vitae in spagnolo: come scriverlo?

Tra le varie località europee molto in voga per la ricerca del lavoro molti italiani, negli ultimi 15-20 anni, si sono avventurati nella penisola iberica in cerca di una occupazione: chi ancora volesse tentare questa esperienza, deve naturalmente concentrarsi al momento di stilare il Curriculum in spagnolo.

Leggi tutto...

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Leggi tutto...

L'assunzione di lavoratori comunitari: sai come funziona?

Sempre più spesso nel nostro Paese, le imprese assumono cittadini comunitari (ovvero risiedenti nell'Unione Europea). Per tale ragione, in Italia ci sono degli iter specifici per accedere al mercato del lavoro qualora non si abbia la cittadinanza italiana. 

Leggi tutto...

Turni di lavoro e del riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Leggi tutto...

La tessera sindacale: la voce del lavoratore

Iscriversi ad un sindacato è un diritto di tutti i lavoratori: possedere una tessera sindacale equivale ad avere una garanzia e un sostegno in tutte le difficili situazioni che si possono presentare nella vita lavorativa.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Licenza tabaccheria: come fare per aprirla?

Quanti desiderino gestire una tabaccheria hanno bisogno della relativa licenza; grazie a questo certificato sarà quindi possibile svolgere un mestiere sicuramente ben retribuito e dotato di una notevole indipendenza.

Leggi tutto...

Il recupero crediti: come funziona?

L'attività di recupero crediti consente ad aziende e privati di essere tutelati nei loro diritti, consentendo infatti l'incasso di un credito che non è stato possibile ottenere.

Leggi tutto...

Lavoro Cuoco: le mansioni, i requisiti e le offerte di lavoro online

Non si tratta di un lavoro in cui si svolge semplicemente un'attività...il cuoco è anche un pò un'artista che colpisce i commensali tra combinazioni speciali di gusti e una straordinaria mes en place.

Leggi tutto...

Curriculum vitae in francese: sai cosa scrivere?

Attualmente sono tante le persone che cercano lavoro all'estero e necessitano di modelli di curriculum da scrivere in lingua straniera; oltre all'inglese, anche il francese è una lingua molto usata nel mondo lavorativo europeo.

Leggi tutto...

Le novità di ICOTEA: la formazione professionale per utenti non vedenti e ipovedenti

Per ogni individuo, il lavoro rappresenta una delle principali necessità e un diritto riconosciuto dalla Costituzione, considerato valore fondante della Repubblica. Tuttavia, le persone con disabilità spesso si ritrovano discriminati già nello svolgimento del corso di studi e poi nella fase di ricerca del lavoro. Fortunatamente, grazie al progresso delle tecnologie informatiche e della comunicazione, si hanno oggi gli strumenti concreti per non escludere i disabili dalla società civile e dal mondo del lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro segretaria: conosci i requisiti?

In ogni ufficio o azienda che si rispetti, la presenza di una segretaria è quantomeno indispensabile per gestire e organizzare l'agenda quotidiana. L'attività che deve svolgere è legata naturalmente agli impegni del datore di lavoro: essa infatti ha come compito quello di organizzare la giornata lavorativa del "capo".

Leggi tutto...

Leggi anche...

Centro per l'impiego a Roma: tante agevolazioni in corso

Con i vari cambiamenti e le riforme politiche, il lavoro dei giovani a Roma ha definito la sua presenza decisiva tra le priorità del Governo, sempre più fermo nell’abilitare nuovi stratagemmi per aiutare gli italiani, partendo da quelli della capitale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Orario di lavoro notturno: quali sono i termini del tuo contratto?

L’ammontare settimanale delle ore di lavoro, compreso di eventuali straordinari, non dovrebbe superare le 48 ore. Ogni settimana devono essere previste almeno 24 ore di riposo. Nell’arco dell’anno, al lavoratore dipendente, spettano di diritto circa quattro settimane di ferie.

Leggi tutto...
Go to Top