Un contratto è invalido quando presenta anomalie, alterazioni, vizi di rilevante gravità, al punto che le parti non sono costrette a rispettare il regolamento che esse hanno dato a quel contratto ai propri rapporti reciproci. I principali tipi d’invalidità del contratto sono:

  1. la nullità: il contratto non produce alcun effetto;
  2. l’annullabilità: il contratto produce effetti, ma questi possono essere successivamente eliminati, su richiesta di un contraente, ad opera di una sentenza.

Un contratto è nullo se:

  • manca uno dei requisiti essenziali (accordo, oggetto, causa, forma)
  • ha contenuto illecito, cioè quando è volto a realizzare risultati contrari all’ordine pubblico, al buon costume oppure a norme imperative(norme che non possono essere derogate dai privati).
  • il contenuto è in frode alla legge (il contratto è valido, non viziato, ma le finalità sono illecite).

Il contratto nullo non produce effetti; le eventuali prestazioni già eseguite devono essere restituite. La nullità è insanabile, perpetua e convertibile. Un contratto è annullabile quando è stato stipulato da una persona:

  • incapace di agire,
  • incapace d’intendere e di volere,
  • in errore (ha una falsa interpretazione della realtà),
  • indotta nell’errore da chi la raggira o fa uso d’artifizie (dolo)
  • minacciata da un male ingiusto e notevole (violenza)

Il contratto annullabile produce i suoi effetti: tuttavia la parte incapace, o quella la cui volontà è viziata, può ottenere che l’autorità giudiziaria emani una sentenza che elimini tali effetti, detta sentenza d’annullamento. L’annullamento del contratto può essere chiesto solo dalla parte interessata entro 5 anni, quindi è sanabile e non perpetuo.

Nullità e annullabilità del contratto

Tra le molteplici cause che la legge reputa valide e considerevoli a "sciogliere" il legame che si ha con un contratto, sono da citare, oltre alla rescissione e alla risoluzione che concernono vizi del "rapporto", anche la dichiarazione di nullità e l'annullabilità che riguardano, più nello specifico, i vizi dell'atto. La conosciuta bipartizione dell'invalidità contrattuale, costituita da nullità e annullabilità, è stata introdotta dal legislatore del '42, poiché nel precedente codice in vigore del 1865 trovava spazio solo la previsione della nullità sulla base del modello francese. Oltre alla già citata nullità, altra causa possibile di invalidità contrattuale, che trova la sua apposita disciplina nell’attuale codice civile, è l’annullabilità. Cause di annullabilità del contratto sono considerate: l’incapacità di una delle parti e il consenso dato per errore o storto con la violenza o carpito con dolo. Per essere effettivamente causa di annullamento, l’errore deve essere essenziale e riconoscibile dall’altro contraente e la violenza può anche essere applicata da un terzo.

Diversamente dalla nullità, l’annullabilità può inoltre essere fatta valere solo su istanza della parte interessata ed è sottoposta a un termine di prescrizione quinquennale. Secondo il codice in vigore tutt’oggi, la convalida e la rettifica del contratto, offre la possibilità di sanare, in tutto o parzialmente, gli effetti del contratto annullabile, allorchè si realizzino i presupposti dell’istituto dalla “convalida” o della “rettifica” e, con l’obiettivo di proteggere il riconosciuto affidamento di eventuali eventi causa, precisa che l’annullamento non pregiudica i diritti acquistati a titolo oneroso da terze parti di buona fede, tranne che per quanto riguarda gli effetti della trascrizione della domanda di annullamento. Secondo l'art. 1418 c.c., il contratto può invece definirsi nullo sulla base di altre prerogative indicate: quando è contrario a norme imperative; quando difetta di uno dei requisiti indicati dall'art. 1325 c.c.); quando la causa o i motivi sono illeciti e privi di valida motivazione, laddove determinanti per la conclusione del contratto; quando l'oggetto preso in causa del contratto è impossibile, non lecito, indeterminato o indeterminabile; in tutti gli altri casi stabiliti dalla legge.

Alle cause dell'annullamento del contratto, va aggiunta la rescissione

Nullità e annullabilità

Il contratto è rescindibile quando è concluso a condizioni inique per una parte, la quale si trova: in stato di pericolo o in stato di bisogno. Il contratto si estingue con l’adempimento della prestazione. La risoluzione (scioglimento) del contratto riguarda soltanto i contratti a prestazioni corrispettive e può avvenire con il verificarsi d’alcuni fenomeni, quali: inadempimento, impossibilità sopravvenuta, eccessiva onerosità sopravvenuta.

Modalità per reagire all'inadempimento

Un contraente può reagire all’inadempimento dell’altro contraente in diversi modi, che andiamo ad elencare:

  • sospendere il proprio adempimento (temporaneamente)
  • chiedere al giudice la condanna a adempiere al contraente inadempiente
  • chiedere la giudice la risoluzione
  • inviare al contraente inadempiente una diffida a adempiere entro un certo termine

Il contratto risolto per inadempimento è sciolto, le prestazioni già effettuate devono essere restituite. La risoluzione per eccessiva onerosità sopravvenuta si ha nei contratti a esecuzione differita o periodica che possono essere risolti quando, dopo la stipulazione e prima che sia iniziata l’esecuzione, si verifica uno squilibrio di valore tra le prestazioni, dovuto a eventi straordinari. L’impossibilità sopravvenuta non imputabile al debitore di una prestazione produce la risoluzione.

Potrebbe interessarti

Rivalutazione del TFR: quando è prevista e come calcolarla

Scopri tutto sul tfr

Capita spesso che per motivi di vario genere si verifichi la fine del rapporto di lavoro; le cause della conclusione di un percorso lavorativo e della decisione, da parte del datore di lavoro o del lavoratore stesso, di recidere il contratto possono essere tante.

Tutte le facoltà universitarie: scegli quella che fa per te!

Lista delle facoltà universitarie: ecco un'aula 

Cosa fare dopo le scuole superiori? La lista delle facoltà universitarie è lunga e questa è una domanda che milioni di studenti si pongono ogni anno: per questo motivo è opportuno offrire un'ampia panoramica delle principali facoltà presenti sul territorio, verificandone l'offerta formativa e le possibilità di accesso al mondo del lavoro.

Autocandidatura: come proporre la propria candidatura di lavoro

come fornire un autocandidatura

L’era di internet permette diverse modalità di candidatura delle offerte di lavoro. Nel caso la propria candidatura sia in risposta ad un annuncio di lavoro è possibile inviare il proprio curriculum vitae e la lettera di accompagnamento via mail.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Immediate Edge: quanto è sicuro? Ecco il nostro parere

Il sogno di parecchie persone e’ quello di riuscire a guadagnare molto denaro in poco tempo o col minimo sforzo. Grazie poi alla tecnologia di internet, adesso e’ possibile effettuare investimenti in diversi mercati finanziari e relativi prodotti.

Trovare lavoro in Sardegna: ecco i contatti e i siti giusti!

come trovare lavoro in sardegna

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro nella regione Sardegna.

Calcolo dello stipendio netto: saper interpretare la tua retribuzione

Il calcolo del nostro stipendio (il valore netto) è un'attività da compiere in fase preventiva rispetto alla firma di un qualsiasi contratto di lavoro. Può succedere infatti che, durante il colloquio di lavoro o addirittura al momento della firma del protocollo d'intesa, i termini contrattuali non siano del tutto chiari. 

Leggi anche...

Cash flow operazionale: la somma di reddito netto di una società

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Cash flow: la somma di reddito netto di una società

Da un altro punto di vista è la differenza tra le entrate e le uscite monetarie di un determinato periodo contabile.

Leggi anche...

Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

Immagine usata nell'articolo Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

La riforma pensioni varata dal Governo Monti prevede che dal 1° gennaio 2012, le anzianità raggiunte dopo il 31 dicembre 2011 saranno calcolate con il sistema di calcolo contributivo.