Sono tante le persone alla ricerca di un lavoro ogni giorno; tutti puntano a trovare quello idoneo alle proprie esigenze, alle proprie competenze e affine agli studi effettuati in precedenza. Molti poi cercano il posto fisso e non accettano assolutamente di lavorare in nero, cercando di trovare ed esigendo la stipula di qualunque tipo di contratto di lavoro.

Lavorare in banca è, ad esempio, uno dei desideri di tanti giovani che affacciandosi al mondo del lavoro cercano la sicurezza lavorativa e che si sentono molto vicini al mondo bancario stesso, soprattutto perché si sono svolti degli studi legati al settore.

Il lavoro in banca rappresenta infatti il sogno di tanti giovani sia per il posto d’ufficio che per la remunerazione, più alta rispetto a tante altre tipologie di lavoro, nonostante non si debba occupare per forza un’occupazione di primo piano.

Recentemente è stato modificato e istituito il nuovo contratto lavoro bancari, che presenta numerose novità. Cambia anche il lavoro dei bancari che diventeranno dei consulenti a 360 gradi, capaci quindi di fornire delle consulenze sempre più accurate. Un ruolo diverso dall’operatore che finora abbiamo sempre conosciuto agli sportelli di banca quando avevamo bisogno di informazioni su operazioni finanziarie.

Nuovo contratto lavoro bancari: le novità

Il nuovo contratto lavoro bancari punta soprattutto a tutelare i propri dipendenti a livello occupazionale e salariale vertendo i cambiamenti sulla flessibilità e liberalizzazione degli orari di lavoro. L'accordo che ha dato il via al nuovo contratto lavoro bancari è stato firmato dall'Abi, dai vari sindacati di categoria e da Dircredito, Fabi, Fiba, Fisac, Sinfub, Ugl Credito, Uilca).

Il nuovo contratto lavoro bancari prevede un aumento di 170 euro a regime per i lavoratori che appartengono alla terza area di quarto livello; fanno eccezione però i conguagli del 2008, 2009, 2010. Previsto inoltro anche l'annullamento relativo agli scatti di anzianità di un anno e mezzo, a partire dal primo gennaio 2013 al primo giugno 2014.

Novità anche sul fronte del Tfr e dei suoi accantonamenti e l'accorpamento del Vap (premio di risultato) agli altri incentivi proposti presenti. Il nuovo contratto lavoro bancari introdurrà inoltre il contratto complementare, che prevede un orario di lavoro di 40 ore settimanali invece di 37,5,

C'è poi la stipula di un protocollo che vuole puntare alla realizzazione di Fondo bilaterale per il sostegno dell'occupazione. In questo caso i quadri direttivi e i dirigenti incrementeranno il fondo con una ex festività, mentre i manager contribuiranno con il 4% della retribuzione fissa.

Nuovi orari di lavoro per i bancari

Il pezzo forte del nuovo contratto lavoro bancari è però legato alla liberalizzazione a agli allungamenti degli orari di lavoro. È previsto l'orario di sportello prolungato 8-22, dal lunedì al venerdì. In merito alla sua applicazione è necessario il confronto negoziale a livello aziendale. In caso di mancati accordi la fascia rimarrà quella 8-20 e l'accordo sindacale obbligatorio per la fascia 20-22. L'orario di lavoro resta inalterato e sarà sempre di 7 ore e 30 minuti. Per quanto riguarda gli stipendi, si prevede un congelamento dei salari anche per il 2014: c’è stata un po’ di polemica tra le parti per come è finita la vicenda ma bisogna considerare alcuni fattori. Il problema lavoro si è fatto sentire anche nelle banche, alcune delle quali hanno registrato pesanti perdite che sono state la causa di molti licenziamenti. Tutto ciò è stato generato da una gestione troppo allegra dei conti che hanno portato la contabilità a livelli molto negativi e una perdita di miliardi di euro.

L’assunzione tramite il contributo dei super manager

rinnovo contratti bancari

Attraverso il prelievo del 4% del loro stipendio, si è potuto finanziare un Fondo (il Foc, ossia Fondo nazionale per l’occupazione del credito) attraverso il quale si è provveduto all’assunzione di oltre ottomila dipendenti nelle banche. Per adesso si sono stabilizzate 6500 persone e per settembre 2014 si attendono altre duemila assunzioni. Questo fondo è stato alimentato anche dal contributo di impiegati, dirigenti e quadri che hanno donato l’equivalente di una loro giornata lavorativa annua.

Il fondo era nato con il rinnovo del contratto del settore bancario del 2012 ma si è sviluppato concretamente solo negli ultimi mesi. E’ una novità importante e anche se bisognerebbe intraprendere un percorso che porti all’assunzione di ventimila persone, questo è un primo passaggio importante perchè la forma di contratto è a tempo indeterminato. All’inizio di questa riforma ci furono delle resistenze ma poi i super manager hanno accettato questo progetto dando via a questo sblocco nel mondo del lavoro bancario che rappresenta una boccata d’ossigeno per chi cerca un’occupazione.

Hanno beneficiato di questo fondo disoccupati fino a 32 anni, disoccupati di lungo periodo, coloro che erano in cassa integrazione o in mobilità e donne residenti nelle zone dove la disoccupazione ha una percentuale molto alta. La speranza è che possa diventare uno strumento definitivo attraverso il quale incentivare sempre di più la pratica delle assunzioni.

CCNL bancario

Il Contratto Collettivo Nazionale Lavorativo bancario inquadra tre aree professionali, ma questi provvedimenti riguardano solo la seconda e la terza categoria, ovvero, per quanto riguarda la seconda categoria, tutti quei lavoratori che svolgono attività esecutive che richiedono specifiche conoscenze acquisite tramite un periodo di pratica professionale. All’interno di questa categoria il CCNL bancario prevede vari profili lavorativi tra cui, al 1° livello retributivo, troviamo gli addetti di sportello per la contazione, l'ammazzettamento, la cernita e il trasporto di valori, quelli addetti all’apertura e la chiusura di cassette di sicurezza, gli impiegati che si occupano delle sale al pubblico, dell’imbustazione e della compilazione di distinte e moduli, insieme ai lavoratori nel settore della vigilanza, la custodia e la conduzione di autoveicoli e motoveicoli. Nel 2° livello retributivo rientrano invece i profili di chi svolge funzioni di coordinamento di più addetti.

Il 3° livello retributivo è dedicato agli addetti alla compilazione di documenti contabili, moduli, distinte o a riepilogazioni, l'aggiornamento di schedari, trascrizioni e controllo dei dati, chi lavora alla cassa, alla spedizione per l’abbinamento di assegni o documenti alle lettere accompagnatorie e l’amministrazione dei valori bollati. Sempre in questo livello troviamo anche gli addetti all’archivio, all'economato, ai magazzini e alle apparecchiature per la registrazione o l’impostazione di dati, alle stazioni terminali dei ponti radio con compiti di centralinista, gli operatori telefonici e altri profili come l’infermiere e i lavoratori con qualificazioni professionali per l’installazione, la manutenzione e le riparazioni tecniche.

Della terza categoria, invece, fanno parte quei lavoratori che svolgono attività caratterizzate da contributi professionali operativi anche di natura tecnica/commerciale/amministrativa. Fanno parte di quest’area professionale anche i cassieri e gli addetti agli sportelli, all'incasso degli effetti, delle bollette e similari, gli operatori dei sistemi di elaborazione elettronica di dati e tutte quelle attività per cui è richiesta un’adeguata conoscenza di una lingua straniera

 





Potrebbe interessarti

Calcolo ISEE: come richiederlo online?

il calcolo dell'isee è possibile richiederlo on line

L’acronimo ISEE significa "Indicatore di Situazione Economica Equivalente". Con il calcolo ISEE si definisce la condizione economica di un singolo o di un nucleo familiare. 

Leggi tutto...

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Leggi tutto...

L'importo delle pensioni minime dell'Inps

persone anziane in pensione felici

Tutti coloro che durante la propria carriera lavorativa hanno effettuato i versamenti contributivi, hanno diritto alla pensione.

Leggi tutto...

Curriculum vitae in spagnolo: come scriverlo?

Tra le varie località europee molto in voga per la ricerca del lavoro molti italiani, negli ultimi 15-20 anni, si sono avventurati nella penisola iberica in cerca di una occupazione: chi ancora volesse tentare questa esperienza, deve naturalmente concentrarsi al momento di stilare il Curriculum in spagnolo.

Leggi tutto...

Modulistica Inpdap: vediamo tutti i documenti

L'Inpdap è nato nel 1994; il suo termine non è altro che l'acronimo dell'Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell'Amministrazione Pubblica. L'Inpdap svolge il suo lavoro affiancandosi anche ad enti come l' ENPDEP, ENPAS, INADEL e le casse pensionistiche e gestendo tutto quello che riguarda le dinamiche creditizie, previdenziali e sociali dei suoi iscritti.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Lavorare con la Partita Iva: quali sono gli obblighi?

libero professionista che lavora con la partita iva

Chi intende aprire una partita IVA deve sapere che, oltre ai vantaggi che da essa potrà trarne, sarà soggetto al rispetto e all'osservanza di alcuni obblighi specifici.

Leggi tutto...

Pensione Inpdap: come effettuare il calcolo e come richiederla?

Dal momento di riforma del sistema previdenziale italiano, anche l'Inpdap si è adeguata alla grande differenziazione tra previdenza obbligatoria e previdenza complementare.

Leggi tutto...

Compilazione della busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

Nella compilazione della busta paga, l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.

Leggi tutto...

Lavorare in Australia: le offerte più interessanti

opportunità di lavoro in australia

Hai deciso di mollare l'Europa? Hai già letto i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni? Allora sei pronto per partire.

Per trovare un lavoro in Australia è necessario essere provvisti di permesso di soggiorno. Prima di affrontare una scelta del genere, è dunque indispensabile munirsi di informazioni riguardo alle regole australiane in materia. La fonte più accreditata presso la quale si possono reperire notizie a riguardo è il governo australiano.

Leggi tutto...

Globalizzazione economica: positiva o negativa?

Anche le dinamiche lavorative e i rapporti di lavoro stessi sono ormai cambiati vertiginosamente, per stare al passo con i tempi. Uno dei fattori sicuramente dominanti in questo periodo di grossi cambiamenti a livello globale è sicuramente la globalizzazione economica, che porta ad un aumento repentino degli scambi e delle fusioni economiche tra tutte le Nazioni del Mondo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Imprenditore agricolo: come ottenere la qualifica?

Per il Codice Civile (ai sensi dell’art. 2135 C.C., come modificato dal D. Lgs. 228/2001), è imprenditore agricolo chi esercita una o più delle seguenti attività: coltivazione del fondo; selvicoltura; allevamento di animali; attività dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione del territorio.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Trovare lavoro sul web? Ecco dove e come cercare

La ricerca del lavoro è una missione, un’attività importante che conduce al sondare, vagliare e verificare tutte le offerte di lavoro che si trovano su inserzioni, giornali e canali specializzati, e – nell’era digitale – la ricerca si estende sul web. Ma come trovare lavoro sul web in modo efficace, ma anche rapidamente?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro segretaria: conosci i requisiti?

In ogni ufficio o azienda che si rispetti, la presenza di una segretaria è quantomeno indispensabile per gestire e organizzare l'agenda quotidiana. L'attività che deve svolgere è legata naturalmente agli impegni del datore di lavoro: essa infatti ha come compito quello di organizzare la giornata lavorativa del "capo".

Leggi tutto...
Go to Top