Di seguito la lista dei siti web proposta da AreaLavoro per le offerte di lavoro in Alto Adige.

Siti web per gli annunci di lavoro in Alto Adige: Borsa lavoro per Bolzano

Bacheca Lavoro
Sul sito vari annunci con offerte di lavoro in Trentino Alto Adige, esposti dettagliatamente sarà facile riuscire ad individuare la professione che fa al caso vostro.

Il portale Lavoro
Sul sito vari annunci con offerte di lavoro in Alto Adige, esposti dettagliatamente sarà facile individuare la professione che fa al caso vostro.

JobRapido
Potrete accedere in qualsiasi momento alla nostra ricca bacheca di offerte di lavoro. La consultazione è rapidissima. JobRapido vi mette a disposizione anche delle chiavi di ricerca che vi permettono di leggere soltanto gli annunci che più vi interessano e a cui inviare il proprio curriculum vitae

Agenzia per il lavoro di Bolzano

Agenzia del Lavoro di Bolzano Alto Adige

Il portale della Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige offre:

  • consigli pratici per candidarsi alle offerte di lavoro del territorio,
  • statistiche e approfondimenti circa il mercato del lavoro locale,
  • informazioni su leggi e contrattazione collettiva,
  • pagine dedicate ai contratti di lavoro,
  • sezioni per le donne al lavoro e i contributi e gli incentivi all’occupazione.

Essendo una regione particolare, a cavallo fra due Paesi, il Trentino può offrire ai suoi cittadini anche una diversa opportunità lavorativa, ovvero il lavoro a distanza. Con il progresso di internet, sarà possibile attraverso il telelavoro poter sfruttare la rete per entrare in contatto e collaborare con clienti o datori di lavoro a distanza.

Telelavoro in Trentino: possibilità per studenti

Il Telelavoro prevede un vero e proprio contratto in cui la prestazione di lavoro è rappresentata dalle mansioni svolte in connessione attraverso un computer. I vantaggi previsti da questo tipo di contratto sono diversi. Per le aziende che assumono, esiste prima di tutto un sostanziale risparmio economico sulla manodopera. Inoltre, fornendo ai propri dipendenti la possibilità di organizzarsi autonomamente, si prolunga la loro motivazione, il loro rendimento e la loro creatività.

Per i telelavoratori vi è una maggior libertà nel abbinare bisogni di lavoro ed esigenze personali. Da non ignorare, inoltre, il minor stress dovuto agli spostamenti e la maggiore soddisfazione nel poter autogestire la propria giornata lavorativa.

Questa nuova prospettiva è in grado di creare nuove opportunità anche a persone svantaggiate dal punto di vista della mobilità e a persone disabili; a livello sociale poi, diminuisce di fatto il traffico, l'inquinamento e i consumi energeticidi ogni cittadina che ospita aziende che assumono con questo particolare tipo di contratto.

La proroga per lo smart working e gli aggiornamenti 2022

Con la stagione estiva, nuove notizie si presentano per i lavoratori, per i quali il governo ha effettuato una proroga per il termine del lavoro smart fino ad agosto. Grazie alla legge 52/2022 della Gazzetta Ufficiale di Maggio 2022, sono state pensate diverse attese per la gestione dello smart working, insieme a delle novità per i lavoratori con minori in casa o figli disabili. La formula dello smart working è caratterizzata da due importanti proroghe rispetto alla disciplina ordinaria:

  • Non è indispensabile l’accordo con il lavoratore, motivo per cui è possibile proporre un lavoro unilaterale da casa;
  • Le comunicazioni che sono obbligatorie sono nelle condizioni di essere semplificate, sempre in osservanza dell’informativa sulla sicurezza.

Per tutti i lavoratori con figli di età inferiore ai 14 anni, si è presentato quasi un diritto lavorare a casa fino al 31 Luglio 2022, mentre i genitori con figli diversamente abili possono adottare la formula dello smart working fino ad Agosto 2022. Il diritto all’esercizio dello smart working è stato però regolamentato da alcune semplici condizioni, senza le quali lo smart working non può essere messo in pratica:

  • L’attività di lavoro agevolato deve avere una compatibilità con le caratteristiche della presentazione;
  • All’interno del nucleo familiare non deve esserci un altro genitore che gode di strumenti di supporto al reddito nel caso in cui ci sia la cessazione del percorso lavorativo;
  • All’interno del nucleo di lavoro deve esserci un genitore non lavoratore.

Cosa succede secondo il decreto però se non si ha una concreta possibilità di lavorare dalla posizione domestica? L’ultimo aggiornamento della proroga anche il supporto per chi non ha concretamente la possibilità di praticare il lavoro agevolato: il periodo di supporto per l’assenza del servizio viene equiparato al ricovero ospedaliero, per cui non è possibile conteggiato nel periodo finale di comporto.  Per maggiori informazioni ed eventuali aggiornamenti, è sempre consigliato consultare la Gazzetta Ufficiale.

La qualità della vita in trentino: perché trasferirsi nel 2022?

Il trentino è una terra estremamente apprezzata, i cui standard di sostenibilità e servizi efficienti sono estremamente alti, per non parlare del fatto che gode di ottime condizioni ambientali. Trento ad oggi rappresenta una delle città italiane all’interno delle quali si vive meglio ed il benessere è fortemente testimoniato dal PIL pro capite, che è tra i più significativi dell’intero panorama italiano. Trento è anche una di quelle città con i tassi di disoccupazione più bassi, con una percentuale che si aggira intorno al 4,4%. Molte famiglie scelgono di vivere a Trento non soltanto per la serenità economica, ma anche per far crescere la propria attività, per il totale benessere della propria famiglia. Il Trentino possiede infatti alti standard di sostenibilità e di servizi in perfette condizioni ambientali, questa perché la famiglia in trentino ha un ruolo speciale. Vivere in Trentino è una scelta che coinvolge però anche il sistema socio-assistenziale, che rappresenta un’eccellenza non soltanto italiana, ma anche europea: l’aspettativa di vita media in Trentino è tra le più alte in Italia e, la provincia autonoma di Trento investe continuamente nella ricerca in ambito sanitario e nella continua formazione del personale sia medico che paramedico, per questa ragione costituisce una vera eccellenza. Anche dal punto di vista culturale questa regione non demorde: le statistiche del 2022 vedono il Trentino come uno dei poli museali che vengono riconosciuti sul piano internazionale: esemplare è il MUSE, profondamente acclamato grazie al suo autore, Renzo Piano. Infine, il calendario di eventi di questa regione è ricco: è possibile partecipare al festival dell’Economia, al festival dei suoni delle Dolomiti e al festival del film.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group