Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro in Alto Adige.
Di seguito la lista dei siti web proposta da AreaLavoro per le offerte di lavoro in Alto Adige.

Siti web per gli annunci di lavoro in Alto Adige: Borsa lavoro per Bolzano

Bacheca Lavoro
Il sito pubblica numerosi annunci relativi alle offerte di lavoro in Trentino Alto Adige, esposti dettagliatamente sarà facile riuscire ad individuare la professione che fa al caso vostro.

Il portale Lavoro
Il portale che pubblica numerosi annunci relativi alle offerte di lavoro in Alto Adige, esposti dettagliatamente sarà facile individuare la professione che fa al caso vostro.

JobRapido
Potrete accedere in qualsiasi momento alla nostra ricca bacheca di offerte di lavoro. La consultazione è rapidissima. JobRapido vi mette a disposizione anche delle chiavi di ricerca che vi permettono di leggere soltanto gli annunci che più vi interessano e a cui inviare il proprio curriculum vitae

Agenzia per il lavoro di Bolzano

Agenzia del Lavoro di Bolzano Alto Adige

Il portale della Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige offre:

  • consigli pratici per candidarsi alle offerte di lavoro del territorio,
  • statistiche e approfondimenti circa il mercato del lavoro locale,
  • informazioni su leggi e contrattazione collettiva,
  • pagine dedicate ai contratti di lavoro,
  • sezioni per le donne al lavoro e i contributi e gli incentivi all’occupazione.

Essendo una regione particolare, a cavallo fra due Paesi, il Trentino può offrire ai suoi cittadini anche una diversa opportunità lavorativa, ovvero il lavoro a distanza. Con il progresso di internet, sarà possibile attraverso il telelavoro poter sfruttare la rete per entrare in contatto e collaborare con clienti o datori di lavoro a distanza.

Telelavoro in Trentino: possibilità per studenti

Il Telelavoro prevede un vero e proprio contratto in cui la prestazione di lavoro è rappresentata dalle mansioni svolte in connessione attraverso un computer. I vantaggi previsti da questo tipo di contratto sono diversi. Per le aziende che assumono, esiste prima di tutto un sostanziale risparmio economico sulla manodopera. Inoltre, fornendo ai propri dipendenti la possibilità di organizzarsi autonomamente, si prolunga la loro motivazione, il loro rendimento e la loro creatività.

Per i telelavoratori vi è una maggior libertà nel abbinare bisogni di lavoro ed esigenze personali. Da non ignorare, inoltre, il minor stress dovuto agli spostamenti e la maggiore soddisfazione nel poter autogestire la propria giornata lavorativa.

Questa nuova prospettiva è in grado di creare nuove opportunità anche a persone svantaggiate dal punto di vista della mobilità e a persone disabili; a livello sociale poi, diminuisce di fatto il traffico, l'inquinamento e i consumi energeticidi ogni cittadina che ospita aziende che assumono con questo particolare tipo di contratto.

Di seguito vengono riportate le regole stabilite dall’accordo-quadro europeo sul telelavoro del 16 luglio 2002:

  • viene spiegato come una forma di disposizione della prestazione lavorativa che si avvale delle tecnologie dell’informazione nell’ambito di un contratto di lavoro in cui l’attività di lavoro viene svolta al di fuori dei locali dell’impresa.
  • Gli strumenti per l’attuazione dello stesso sono messi a disposizione del datore di lavoro (si occupa anche della loro installazione e manutenzione).
  • Il datore di lavoro deve accogliere gli strumenti necessari per assicurare la sicurezza dei dati trattati.
  • Il ricorso a questo mezzo è condonato alla determinazione del lavoratore e del datore di lavoro. Entrambi possono richiederlo e possono accettare o rifiutare.
  • Nell’ambito della legislazione dei contratti collettivi e delle direttive aziendali applicabili, il telelavoratore si occupa dell’organizzazione del proprio tempo di lavoro.
  • Le disposizioni che sono previste in questo accordo rappresentano, in ogni caso, una cornice all’interno della quale scoprono grande spazio la trattativa individuale e collettiva.

Potrebbe interessarti

Pensione per parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Pensione parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro? Occhio all'abbigliamento

come presentarsi ad un colloquio

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

La pensione contributiva è andata a modificare il calcolo dei versamenti, considerando non più la media degli ultimi ma la totalità di quelli effettuati, dal primo all'ultimo. Il contributivo non è valido per tutti i lavoratori, poiché la legge distingue tra quanti debbano ricorrevi, i casi in cui si possa mantenere la formula precedente e quelli che usufruiscono di un sistema misto:

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Contratti di lavoro atipici: quali sono?

Contratti di lavoro atipici: quali sono i contratti di lavoro atipici e quali sono le caratteristiche di ciascun tipo di contratto di lavoro atipico.

Offerte di lavoro per grafici: ecco come e dove candidarsi

Offerte di lavoro per grafici

Con il termine di grafico si intende una figura professionale nota anche come graphic designer. In sostanza, un grafico si occupa del settore delle arti visive, ed il suo mestiere è quello di creare una serie di prodotti destinati alla comunicazione visiva, ovvero con l'obiettivo di comunicare un messaggio attraverso un mezzo che sia: la stampa, la pubblicazione cartacea, la pubblicazione elettronica.

Lavoro congruo: scopriamo insieme le norme a favore dei lavoratori

La circolare del ministero del lavoro nr. 39 del 19 novembre 2010 esige, mediante l'articolo 19 del decreto legge 185/2008, l'obbligo per il lavoratore che percepisce una prestazione di sostegno al reddito di dichiararsi disponibile a una nuova attività, nota anche come lavoro congruo, oppure a un percorso di riqualificazione professionale, per percepire gli incentivi statali.

Leggi anche...

Pensione ai superstiti: tutti i beneficiari

pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti è la quota di quella Inps che viene corrisposta ai famigliari del lavoratore assicurato o pensionato, dopo la sua morte

Leggi anche...

Controversie sul lavoro: diamo uno sguardo a quello che può accadere

I compiti principali della Direzione Generale del Ministero del Lavoro si basano sul garantire e tutelare le condizioni di lavoro e sul mediare nelle situazioni di crisi d’impresa e nelle vertenze nazionali di lavoro.