Chi ancora studia o coloro che hanno già un impiego full o part time possono trovare interessanti le offerte di lavoro come hostess o promoter.

In cosa consistono le offerte per lavorare come hostess?

Il termine hostess non indica solo il lavoro svolto dal personale di terra o di volo delle compagnie aeree. Tale incarico può anche riguardare il compito di assistenza e accoglienza di un pubblico in occasione di un evento, una fiera o all’interno di un’importante azienda.

Il lavoro è legato in primis all’accoglienza della persona che entra nell’azienda o che prende parte ad un evento. Le offerte di lavoro “hostess” spaziano dal contesto congressuale a quello dei concerti, da quello medico agli eventi sportivi.

E’ possibile trovare offerte di lavoro come “hostess” online, attraverso agenzie interinali o rivolgendosi ad agenzie di modelle.

Il lavoro dell’hostess è considerato dalla maggior parte delle persone “un lavoretto” in cui si lavora a seconda della propria disponibilità personale e si guadagna relativamente bene; in realtà il compito di queste assistenti è molto importante poiché esse rappresentano l'immagine dell'azienda.

Non è un caso quindi che siano sempre più ricercate nell’ambito delle offerte di lavoro le hostess, tanto che stanno emergendo queste figura anche in ambienti come il calcio, dove accolgono le personalità più importanti nei settori più nobili dello stadio. Che questo sia un risultato della società d’apparenza è difficile da capire, tanto sta che queste figura ormai compaiono in tutti gli eventi, sia di grande o piccola portata, convegni, seminari. Questo sta a indicare la crescita di questa figura lavorativa, ricercata da promoter ed organizzatori di eventi.

I consigli per chi cerca di lavorare come hostess

ragazza che lavora ocme hostess

  • Tutelarsi preferendo le agenzie più accreditate o quelle già conosciute attraverso amiche e conoscenti.
  • In base alle proprie disponibilità economiche, si può scegliere tra le offerte di lavoro come hostess, in base al compenso e al tempo di pagamento (le agenzie di solito propongono un pagamento a 30/60 o 90 giorni).
  • Una volta scelta l’agenzia, è necessario inviare un curriculum vitae includendo la propria disponibilità; (part-time tradizionale o verticale, full time) e allegando una o più foto.
  • E’ bene firmare un contratto o una lettera di incarico che riporti il termine in cui sarà effettuato il pagamento del compenso. Se tale data non dovesse essere rispettata, grazie all’accordo firmato, sarà possibile procedere per vie legali.

A tal proposito, purtroppo bisogna segnalare i cattivi esempi e chi invece sfrutta la ricerca della ragazza di un’offerta di lavoro per proporre invece altri servizi. La ricerca infatti della bella ragazza induce alcune persone a sfruttare questa possibilità per cui è bene affidarsi, come detto poc’anzi, ad agenzie professionali e qualificate che sappiano gestire nella maniera migliore l’interesse della lavoratrice in questione.

Requisiti da possedere per diventare hostess

  • Bella presenza. Il più delle volte tale requisito non è legato alla fisicità in senso stretto, ma al modo in cui una persona si presenta. Deve apparire ordinata e con un trucco e un abbigliamento semplice e pulito (meglio evitare di truccarsi in modo appariscente o troppo forte).
  • Taglia e altezza. Spesso negli annunci di lavoro si legge la taglia indicativa (necessaria se il lavoro è da svolgere in divisa) e l’altezza minima (es. 1,70) per partecipare all’eventuale casting.
  • Pazienza e disponibilità. Come tutti i lavori in cui si sta al contatto con il pubblico è importante avere tali caratteristiche.
  • Buona predisposizione ai rapporti interpersonali.

Di solito una volta inviato il curriculum online, le ragazze selezionate parteciperanno ad un casting o un briefing per avere indicazioni circa il lavoro da svolgere.

Gli ultimi annunci di lavoro per hostess

In questi ultimi anni sembrano esserci più occasioni per queste figure lavorative anche se bisogna dire che attualmente la platea si è allargata. Le offerte provengono in particolar modo dagli operatori aerei come Etihad e Ryanair, che hanno organizzato selezioni e cercano personale da utilizzare nei loro voli di compagnia.

A seconda dell’operatore ci sono differenti richieste come la conoscenza dell’inglese (indispensabile per aiutare i viaggiatori), essere in possesso di doti comunicative e l’assenza di tatuaggi o piercing in zone visibili (viene quindi molto curata l’immagine esterna che deve veicolare il vettore aereo). Proposte di lavoro in questo campo vanno oltre il settore dei viaggi visto che queste ragazze sono ricercate soprattutto in fiere e congressi da inserire nell’area accoglienza dove arrivano tutti gli ospiti invitati.

L’ultima frontiera è rappresentata dai social network: iscriversi ad alcuni gruppi su Facebook, come fatto da diverse persone, può permettere di avere qualche possibilità lavorativa in più. Quindi un uso del social network non solo per svago e chat ma anche come strumento da utilizzare per la ricerca di un lavoro.

Per quanto riguarda il pagamento per chi cerca lavoro come hostess, il compenso va ad ore e dipende dalla giornata lavorativa in cui si è impegnati, che può oscillare dalle cinque alle otto ore. La riscossione del guadagno, come detto in precedenza, non avviene quasi mai prima dei 60 giorni. Molto in voga negli ultimi periodi la serata-evento, che richiede la presenza delle hostess, che di conseguenza sono parecchio ricercate per questo tipo di intrattenimento.





Potrebbe interessarti

Pace Fiscale 2019 e condono: ecco come funzionerà

Immagine esemplificativa che rimanda alla pace fiscale

Il condono fiscale rappresenta un dispositivo di legge che si fissa l’obiettivo di andare a sanare dei comportamenti irregolari o illeciti dei contribuenti e, in particolare, riguarda gli errori fatti nelle dichiarazioni dei redditi.

Leggi tutto...

Pensione sociale: oggi sostituita dall'assegno

Immagine esemplificativa dell'assistente sociale grazie alla quale si potrà ottenere la pensione sociale

La pensione sociale corrispondeva all’impegno dello Stato di garantire un sostegno economico ai cittadini che necessitavano di mezzi concreti per la sopravvivenza. Non richiedeva requisiti assicurativi o contributivi. La pensione è stata riconosciuta (in base ai requisiti) ai cittadini che ne hanno fatto domanda entro il 1995.

Leggi tutto...

Contratto a progetto: le caratteristiche

firmare un contratto a progetto

Il contratto a progetto (co.co.pro.) sono anche detti contratti di collaborazione per programma e sono una tipologia di contratto di lavoro disciplinata dal D. Lgs. n. 276/2003, c.d. Legge Biagi. I co.co.pro. definiscono il lavoratore non come un dipendente, ma un collaboratore autonomo.

Leggi tutto...

Compilazione della busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

Nella compilazione della busta paga, l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.

Leggi tutto...

Esclusione per gli studi di settore

Gli studi di settore sono strumenti statistici realizzati in funzione dei diversi fattori economici riguardanti l’attività di alcune categorie di lavoratori autonomi. 

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Parliamo di Flat Tax: ecco che cos’è e come funziona!

La Flat Tax rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Leggi tutto...

Buonuscita per il licenziamento: chi ne ha diritto?

Definita anche “trattamento di fine rapporto” (o TFR), la buonuscita per il licenziamento è una retribuzione alla quale ha diritto il lavoratore dipendente alla fine della prestazione lavorativa, a prescindere dalla sua ragione.

Leggi tutto...

Ccnl chimici: il contratto di lavoro per il settore chimico-farmaeutico

Il Ccnl per i chimici – contratto collettivo nazionale del lavoro per il settore chimico-farmaceutico – è presente in Italia per ogni categoria lavorativa e aiuta a delineare i rapporti di lavoro tra il datore e il lavoratore stesso, nonché le dinamiche legate alle attività da svolgere con annesse modalità contrattuali e di retribuzione.

Leggi tutto...

Ufficio di collocamento a Milano: iscrizione al centro per l'impiego

Il centro per l'impiego (CPI) è l'ufficio pubblico con cui le Province si gestiscono, controllano il mercato del lavoro al livello locale. Eroga e promuove, inoltre, offerte lavorative delle aziende pubbliche e private, mettendo in contatto domanda e offerta in un mercato sempre più ramificato e complesso.

Leggi tutto...

Lavoro cameriere: tutto ciò che c'è da sapere

Se non avete paura di turni piuttosto lunghi e vi piace stare in mezzo alla confusione e alla gente, allora troverete di vostro gradimento l'articolo che presentiamo oggi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Offerte di lavoro Marche: sai come trovarle?

in cerca di lavoro nella marche

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro Marche.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Licenziamento per giusta causa: quali sono gli estremi?

Immagine esemplificativa di licenzoamento per giusta causa

L’articolo 2119 del Codice Civile dice che il licenziamento per giusta causa avviene quando mancano i presupposti per la continuazione del rapporto di lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro interinale: normativa e giurisprudenza

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Leggi tutto...
Go to Top