Logo AreaLavoro

L’ammontare settimanale delle ore di lavoro, compreso di eventuali straordinari, non dovrebbe superare le 48 ore. Ogni settimana devono essere previste almeno 24 ore di riposo.

Menu di navigazione dell'articolo

Nell’arco dell’anno, al lavoratore dipendente, spettano di diritto circa quattro settimane di ferie.

La legislazione e l'orario lavorativo

L’ammontare delle ore di lavoro è sancito dal decreto legislativo n. 66 del 4 aprile 2003. Tale decreto prevede:

  • Le ore di lavoro settimanali devono corrispondere al massimo a 40 ore ( che divengono 48 se si considerano anche le ore di lavoro straordinario). Nel caso in cui l’impresa abbia necessità di superare (momentaneamente o nel lungo periodo) tale limiti, l’azienda con oltre 10 dipendenti ha l’obbligo di comunicare la situazione all’ispettorato del lavoro del territorio.
  • Il dipendente ha diritto a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, mentre il riposo settimanale consiste in un giorno (24 ore) ogni settimana lavorativa.
  • Con la denominazione “lavoro straordinario” ci si riferisce alle ore di lavoro oltre il monte ore normale. Nel caso in cui non vi sia un CCNL che disciplini il rapporto di lavoro in questione, le ore di lavoro straordinario sono ammesse solo qualora vi sia stato un accordo tra datore e dipendente.

Orario di lavoro notturno

Il lavoro notturno è invece regolato dagli articoli da 15 a 17 della legge 17 Ottobre 1967 n.977, modificati con il decreto legislativo n.345 del 4 Agosto 1999. Il termine “lavoro notturno” indica il rapporto di lavoro che comprenda il periodo 00:00 – 05:00 nell’orario di lavoro. Il dipendente che svolge un lavoro notturno non può lavorare più di 8 ore in un giorno (24 ore).

Il diritto delle donne al lavoro notturno

Dal 1999 in Italia, con l'emanazione del Decreto Legislativo n.532, fu concesso anche alle donne il diritto di lavorare durante le ore notturne. Questo fu un passo significativo verso la parità di genere sul posto di lavoro, ma non fu l'unico sviluppo legislativo in materia di lavoro notturno. È importante sottolineare che la legislazione vigente prevede una serie di disposizioni specifiche che regolano e limitano il lavoro notturno.

In particolare, esiste un divieto assoluto che impedisce ai minori di lavorare durante le notturna. Questo provvedimento riflette il riconoscimento della necessità di proteggere i giovani lavoratori da condizioni di lavoro potenzialmente dannose e rispettare il loro diritto all'educazione e allo sviluppo.

Per quanto riguarda le donne in gravidanza, la legge va oltre il semplice riconoscimento del diritto di non lavorare di notte. Infatti, impone al datore di lavoro l'obbligo di garantire che le donne in stato di gravidanza non siano costrette a lavorare durante le ore notturne, definite come l'intervallo di tempo tra le 24 e le 6.

La legge, tuttavia, non si limita a queste disposizioni generali, ma riconosce anche specifiche categorie di lavoratori che sono esentati dall'obbligo di lavoro notturno:

  1. La lavoratrice madre di un figlio di età inferiore a tre anni o, in alternativa, il lavoratore padre che convive con la stessa. Questa disposizione riconosce l'importanza delle prime fasi della vita di un bambino e il ruolo cruciale che i genitori svolgono in questo periodo.
  2. La lavoratrice o il lavoratore che sia l'unico genitore affidatario di un figlio di età inferiore a dodici anni. Questa disposizione riflette la consapevolezza dei bisogni speciali delle famiglie monoparentali.
  3. La lavoratrice o il lavoratore che abbia a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e successive modificazioni. 

Queste disposizioni mostrano una visione del lavoro notturno che tiene conto sia delle esigenze economiche che della salute e del benessere dei lavoratori e delle loro famiglie. Essi sono un esempio di come la legge può agire per bilanciare le esigenze della produzione e della produttività con quelle della protezione dei diritti e del benessere dei lavoratori.

Se desideri sapere come garantire la tua sicurezza e il tuo benessere sul posto di lavoro, scopri l'importanza dell'ispettorato del lavoro (clicca qui per saperne di più).

Quando è vietato lavorare di notte?

Oltre alla gravidanza, esistono anche altri casi, previsti dalla legge, per cui viene sancito il divieto di lavorare durante le ore del turno notturno, ed altri ancora in cui invece non sono ritenuti obbligatorie le prestazione lavorative dello stesso genere. Se il lavoratore è a conoscenza di richieste che vanno contro i propri diritti, può inviare in forma scritta una lettera di dissenso entro le 24 ore dall'inizio del turno previsto. Se il datore procede comunque per la sua strada obbligando il dipendente al turno, corre il rischio di incappare in sanzioni anche di tipo penale.

Resta comunque fondamentale andare di pari passo con le indicazioni presenti nei CCNL di settore e soprattutto si tratta di verificare i requisiti, in particolare quelli sanitari, che assicurano l'inclusione o l'esclusione dall'obbligo previsto di lavoro notturno.

Trattandosi inoltre di una condizione eccezionale, che può influire sui bioritmi dei soggetti a questo tipo di turnazione, è fondamentale che il datore si adoperi per monitorare e sorvegliare la salute dei propri dipendenti attraverso dei controlli sanitari, naturalmente a spese dell'azienda. Da queste visite può infatti venir fuori la mancata idoneità a questo tipo di prestazioni per alcuni soggetti.

FAQ

Quali sono i vantaggi del lavoro notturno?

Ci sono molti vantaggi del lavoro notturno, tra cui:

  • Paga più alta: il lavoro notturno spesso paga di più del lavoro diurno, perché le aziende devono offrire un incentivo per attirare i lavoratori a lavorare in orari non tradizionali.
  • Meno traffico: lavorare di notte significa meno traffico, il che può significare tempi di percorrenza più brevi e meno stress.
  • Meno distrazioni: lavorare di notte può significare meno distrazioni, perché ci sono meno persone in giro e meno rumore.
  • Più tempo libero: lavorando di notte, hai più tempo libero durante il giorno per fare le cose che ami, come fare sport, uscire con gli amici o passare del tempo con la famiglia.

Quali sono gli svantaggi del lavoro notturno?

Ci sono anche alcuni svantaggi del lavoro notturno, tra cui:

  • Disturbi del sonno: lavorare di notte può disturbare il sonno, il che può portare a problemi di salute come l'obesità, il diabete e le malattie cardiache.
  • Isolamento sociale: lavorare di notte può portare all'isolamento sociale, perché non hai la possibilità di interagire con gli altri durante il giorno.
  • Stress: lavorare di notte può essere stressante, perché devi adattarti a un nuovo ritmo circadiano e devi gestire il sonno insufficiente.
  • Aumento del rischio di incidenti: lavorare di notte può aumentare il rischio di incidenti, perché sei più stanco e meno concentrato.

È adatto a tutti il lavoro notturno?

No, il lavoro notturno non è adatto a tutti. Alcune persone sono più sensibili agli effetti negativi del lavoro notturno, mentre altre sono più tolleranti. Se stai pensando di lavorare di notte, è importante valutare i pro e i contro e decidere se è la scelta giusta per te.

Come prepararsi per il lavoro notturno?

Se stai per iniziare a lavorare di notte, ci sono alcune cose che puoi fare per prepararti:

  • Crea una routine del sonno: è importante andare a letto e svegliarsi alla stessa ora ogni giorno, anche se lavori di notte.
  • Crea un ambiente di lavoro confortevole: assicurati che la tua postazione di lavoro sia ben illuminata, silenziosa e fresca.
  • Fai pause regolari: anche se lavori di notte, è importante fare delle pause per rilassarti e riposarti.
  • Mangia cibi sani: mangiare cibi sani ti aiuterà a rimanere in forma ed energico.
  • Evita l'alcol e la caffeina: l'alcol e la caffeina possono interferire con il sonno.
  • Parla con il tuo medico: se hai dubbi o preoccupazioni, parla con il tuo medico.

Autore: Laura Perconti

Immagine di Laura Perconti

Laureata in lingue nella società dell’informazione presso l'Università di Roma Tor Vergata, Laura Perconti segue successivamente un Corso in Gestione di Impresa presso l'Università Mercatorum e un Master di I livello in economia e gestione della comunicazione e dei nuovi media presso l'Università di Roma Tor Vergata.