In data 1 gennaio 1997 è stato realizzato uno speciale fondo di previdenza per tutti coloro che svolgono delle attività di cura di familiari e non ricevono un compenso economico, ad esempio le casalinghe che dedicano gran parte delle giornata alla cura della casa e della propria famiglia. E’ importante sapere che possono registrarsi a questo fondo di previdenza anche gli uomini, i requisiti che tutti devono possedere sono legati all’età, che può variare dai 15 ai 65 anni.

Chi ha diritto a ricevere la pensione: casalinghe dell'INPS

Come è stato già affermato anche le persone che svolgono attività legate alla cura dei propri hanno diritto a percepire una pensione. Di seguito sono illustrate le categorie di persone che possono iscriversi al fondo di previdenza:

  • Coloro che non percepiscono una pensione diretta.
  • Coloro che non sono registrati presso un altro ente previdenziale.
  • Coloro che si occupano della cura della propria famiglia e non ricevono nessun tipo di compenso economico.

Le donne che intendono iscriversi al fondo previdenziale al fine di ottenere dall’Inps una pensione per le casalinghe, possono presentare la richiesta direttamente all’ufficio preposto dell’Inps, inviarla per mezzo posta, possibilmente utilizzando una raccomandata con ricevuta di ritorno oppure inserirla on line grazie al sito dell’Inps.

Come richiedere la pensione di casalinga

mamma e casalinga

Per richiedere l’Inps pensioni casalinghe gli interessati possono compilare l’apposito modulo che è possibile reperire negli uffici dell’Inps oppure scriverla su carta semplice. E’ importante sapere che le persone che in passato si sono iscritte alla Mutualità pensioni, sono automaticamente iscritti al nuovo fondo di previdenza, mentre i contributi Inps che hanno già versato saranno considerati un premio unico di ingresso.

Quanto si deve versare per ottenerla

Il versamento dei contributi per usufruire dell’Inps pensioni casalinghe è a scelta dell’interessato. L’Inps effettuerà un conteggio dei versamenti, dividendo la somma dei contributi versati in un anno per 25,82. Gli interessati possono pagare i contributi in qualsiasi momento, infatti, i versamenti non devono avvenire per forza entro una determinata data, l’importante è effettuare il versamento dei contributi utilizzando il corretto bollettino postale intestato all’Inps.

E’ importante sapere che coloro che effettuano i versamenti dei contributi possono dedurli dal reddito imponibile Irpef, anche nel caso in cui i versamenti sono effettuati da un membro della famiglia che però è fiscalmente a carico del dichiarante.

Assicurazione per le casalinghe: soggetti beneficiari e cause di invalidità

Anche fare la casalinga è un lavoro complicato, spesso causa di infortuni all'interno delle mura domestiche.

Per chi svolge lavori in casa “in via non occasionale”, sono state realizzate delle polizze volte a garantire una ulteriore sicurezza in caso di incidenti casalinghi.

Chi può richiedere e beneficiare dell'assicurazione

Chi possiede altri benefici previdenziali non può ottenere la polizza casalinghe; tale strumento assicurativo è valido per tutti quelli che possiedono tra i 18 e i 65 anni compiuti, anche per i single, gli omosessuali e le coppie di fatto.

Possono richiederla anche:

  • gli studenti che lavorano a casa;
  • i pensionati al di sotto dei 65 anni di età;
  • alcune categorie di lavoratori (in mobilità, a tempo determinato, CIG, stagionali, temporanei),
  • gli stranieri che risiedono in Italia.

Tramite decreto interministeriale, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 113 il 17 maggio 2006, la polizza casalinghe comprende anche il pericolo di morte.

Cosa assicura la polizza

La polizza assicura inoltre un rimborso solo nei casi in cui sia presente un'invalidità che sia uguale o che superi il 27%, se l'evento si è verificato dal 1° gennaio 2007, o il 30%, se l'episodio è accaduto non oltre il 31 dicembre 2006.

Qualora l'invalidità superasse il 33%, è possibile richiedere una rendita vitalizia, non reversibile, che, in caso di morte, verrà riscossa dai parenti superstiti.

Soggetti che non possono richiedere l'assicurazione

Dalla polizza casalinghe sono lasciati fuori gli incidenti avvenuti per altri lavori non di natura domestica e quelli causati da calamità naturali; anche le colf non possono richiedere tale polizza.

L'assicurazione prevede il pagamento di una somma pari a 12,91 euro circa, da versare entro il 31 gennaio di ogni anno.





Potrebbe interessarti

Permesso di lavoro: tipologie e richieste

Per motivi di diversa natura, il lavoratore è spesso costretto a richiedere dei determinati periodi di assenza dal lavoro, al di fuori delle ferie stabilite e che gli spettato. Questo tipo di astensioni dall’attività lavorativa vengono chiamati permessi lavoro.

Dimissioni senza preavviso: numero di giorni e casi particolari

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Dimissioni senza preavviso: numero di giorni e casi particolari

Quando il rapporto di lavoro si interrompe per volontà del lavoratore questi deve rassegnare le proprie dimissioni, con il dovuto preavviso, compilando un'apposita lettera (per approfondire il discorso sulla lettera in questione c'è anche un buon testo su Amazon che ci sentiamo di raccomandarvi). Le dimissioni hanno effetto dal momento in cui il datore di lavoro ne viene a conoscenza (non è richiesta l’accettazione). 

Flat Tax: come funziona realmente questo sistema fiscale?

flat tax calcolo

La Flat Tax rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Lettera di licenziamento: indicazioni ed esempi da seguire

Lettera di licenziamento: indicazioni ed esempi da seguire

Il decreto legge n°112 del 25 giugno 2008 sancisce che non è più necessario dare le dimissioni online, il lavoratore deve solo comunicare le dimissioni attraverso una lettera di licenziamento scritta e rispettare i termini di preavviso (dopo aver concordato il TFR con il proprio datore di lavoro).

CCNL Artigianato: un approfondimento che non ti puoi perdere

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) è riservato a tutti i tipi di lavoratori delle aziende appartenenti ai settori legati al commercio e al terziario.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

LA REDAZIONE CONSIGLIA

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi nel mare di proposte

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.

Lettera di dimissioni: modulo ed iter da seguire

persona intenta a scrivere una lettera di dimissioni

Da qualche anno è entrato in vigore un decreto Interministeriale relativo alle procedure per presentare le dimissioni volontarie. 

Permessi retribuiti: cosa sono e i casi in cui richiederli

richiedere i permessi retribuiti

Prima specifica da fare relativa ai permessi retribuiti è che questi sono differenti dalle ferie. Il diritto di ogni dipendente di godere di alcuni giorni di ferie ogni anno è sancito dalla Costituzione, la misura in cui essi sono maturati e possono essere goduti è fissato dai CCNL; mentre la misura e la modalità in cui si possono utilizzare i permessi retribuiti sono dettati dai contratti collettivi.

Finanziamenti della Regione Lazio: progetti per le imprese locali

finanziamenti per la regione lazio

La Filas, acronimo per finanziaria locale di sviluppo, è una delle società strumentali che la Regione Lazio ha creato per supportare i processi di di sviluppo e di innovazione del settore imprenditoriale laziale.

Offerte di lavoro regione Sardegna: i contatti giusti!

come trovare lavoro in sardegna

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro nella regione Sardegna.

Leggi anche...

Trasferte di lavoro: caratteristiche e indennità di trasferta

lavoratore in trasferta con indennità di trasferta

Le trasferte di lavoro comportano un cambiamento provvisorio, rispetto a quanto scritto nel contratto, del luogo in cui il lavoratore svolge le sue mansioni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Regione Calabria formazione e lavoro: alcuni consigli

Immagine usata nell'articolo Regione Calabria formazione e lavoro: alcuni consigli

In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi cerca lavoro in Calabria. In un momento in cui il nostro paese attraversa una crisi di grandi proporzioni, siamo convinti che l'articolo sarà ben accetto da tutte le fasce d'età.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Modulo Social Card: tutte le informazioni in un approfondimento dedicato

Immagine esemplificativa presente nell'articolo Modulo Social Card: tutte le informazioni in un approfondimento dedicato 

La social card (o Carta Acquisti) prevede 40 euro al mese per un anno; funziona come una qualsiasi carta ricaricabile e viene ricaricata ogni due mesi di 80.00 euro, per un massimo di 480.00 euro.
 La domanda di ammissione alla classe di cittadini beneficiari può essere presentata direttamente alle poste.

Leggi tutto...
Go to Top