Il corso di perfezionamento Metodo ABA che viene erogato da ICOTEA, ha l’obiettivo di fornire un approfondimento e gli strumenti per l’applicazione dello stesso in contesti educativi, sociali e di sviluppo. Le tecniche che compongono il metodo ABA si basano sull’utilizzo dei principi della Scienza del Comportamento con lo scopo di modificare delle condotte non adeguate o anche di imparare delle nuove abilità.

È un metodo basato sull’applicazione delle teorie comportamentali che studiano i principi e le regole del comportamento umano. La traduzione infatti è Analisi Comportamentale Applicata e la pratica consiste sull’osservazione e registrazione del modo di fare agito dal soggetto preso in esame, per progettare ed attuare strategie di intervento atte al cambiamento delle criticità nel modo di comportarsi ed all’apprendimento di nuove abilità.

Descritto in modo concreto e funzionale le azione che il soggetto va a compiere nel suo ambiente portano a dei cambiamenti. A loro volta i cambiamenti prodotti influenzano l’ambiente circostante restituendo un feedback al soggetto. Tale feedback sarà motivo di accettazione/rifiuto operato dal soggetto che valuterà eventuali incentivi, premi e punizioni. Questo processo avviene per tutti gli esseri umani qualunque sia l’eventuale stato mentale e/o patologia che li affligge.

Il procedimento nasce circa 40 anni fa e raccoglie in se diverse modalità di impiego dalle molteplici potenzialità. Il metodo ABA, che affonda le sue radici nell’osservazione applicata, non era stato strutturato esclusivamente per il trattamento dell’autismo. Ma le capacità applicative espresse nel modellamento del comportamento con i soggetti affetti da Autismo, ha contribuito a rendere questo metodo stabile nell’applicazione e nel trattamento dei soggetti in questione.

L’offerta formativa di ICOTEA, ente di formazione accreditato presso il MIUR, è arricchita dal Corso di perfezionamento Metodo ABA 1500 ore durata annuale e dal Master Metodologia ABA 1500 ore, 60 CFU, durata annuale.

Il Master di primo livello si rivolge, invece, a docenti delle scuole di ogni ordine e grado, psicologi e laureati in psicologia; logopedisti; educatori professionali; pedagogisti; tecnici riabilitazione psichiatrica; terapisti della neuro e psicomotricità dell’Età Evolutiva; laureati in qualsiasi area disciplinare, che vogliono accedere al Concorso Docenti 2018.

Il titolo inoltre è valutabile per tutte le classi di concorso ai fini dell’aggiornamento delle graduatorie scolastiche; si fa presente che tale Master consente di ottenere la certificazione del possesso di 24 CFU (Crediti Formativi Universitari) nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche, con 6 crediti formativi in quattro degli ambiti disciplinari sopra citati in vista del prossimo Concorso Docenti previsto per il 2018.

Tra i benefici del Master si ricorda che con esso saranno acquisiti 50 crediti ECM riconosciuti dal Ministero della Salute, in quanto ICOTEA è accreditata presso il Ministero della Salute in qualità di Provider n. 4182 per la formazione ECM; 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche M-PED/03 – M-PED/01 – M-DEA/01 – M-PSI/04, necessari per accedere al Concorso Docenti 2018; 36 CFU nelle discipline M-PSI/02, M-PSI/04; 3 punti ai fini dell’avanzamento nelle graduatorie scolastiche di prima, seconda, terza fascia e GAE; 1 punto per le graduatoria di Circolo e di Istituto; 1 punto per le mobilità e trasferimenti; 20 CFP per liberi professionisti, in qualità di dipendenti pubblici e privati, iscritti presso Ordini/Albi/Collegi.

Per richiedere informazioni, potete accedere al sito www.icotea.it o inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..



Potrebbe interessarti

Istat, a giugno frena l'occupazione

A giugno torna a crescere la disoccupazione, in Italia, soprattutto tra i lavoratori con più di 35 anni, e si registra il record di contratti a termine. 

Leggi tutto...

Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

La riforma pensioni varata dal Governo Monti prevede che dal 1° gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo.

Leggi tutto...

Parliamo di Flat Tax: ecco che cos’è e come funziona!

La Flat Tax rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Leggi tutto...

Preavviso dimissioni: numero di giorni e casi particolari

Quando il rapporto di lavoro si interrompe per volontà del lavoratore questi deve rassegnare le proprie dimissioni, con il dovuto preavviso, compilando un'apposita lettera (per approfondire il discorso sulla lettera in questione c'è anche un buon testo su Amazon che ci sentiamo di raccomandarvi). Le dimissioni hanno effetto dal momento in cui il datore di lavoro ne viene a conoscenza (non è richiesta l’accettazione). 

Leggi tutto...

Pace Fiscale 2019 e condono: ecco come funzionerà

Il condono fiscale rappresenta un dispositivo di legge che si fissa l’obiettivo di andare a sanare dei comportamenti irregolari o illeciti dei contribuenti e, in particolare, riguarda gli errori fatti nelle dichiarazioni dei redditi.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Jobs Act in sintesi: capiamo brevemente cos’è!

Si sente molto parlare di Jobs Act, ma ancora oggi difficilmente si conosce con precisioni quali sono stati e saranno i cambiamenti che tale disegno di legge apporterà in Italia. 

Leggi tutto...

Mobbing sul lavoro: impara a combatterlo

Quando si lavora a contatto con altre persone e/o alle dipendenze di un datore di lavoro, possono verificarsi delle situazioni sgradevoli per alcuni lavoratori. Potrebbe infatti verificarsi il cosiddetto fenomeno di mobbing, termine che deriva dall'inglese to mob.

Leggi tutto...

Lavoro a Milano: le strategie per trovarlo!

In un periodo in cui trovare lavoro si fa sempre più difficile, cercarlo in una specifica città d'Italia, come Milano, è ancora più arduo.

Leggi tutto...

Asili nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi

Diciamo la verità quante donne, madri da poco, desiderano o necessitano di ricominciare a lavorare? La maggior parte. Ma quante riescono con facilità a trovare una soluzione pratica che garantisca loro la cura dei figli anche durante la propria assenza? La risposta è: poche.

Leggi tutto...

Contributi in conto esercizio

Il contributo in conto esercizio viene erogato per facilitare le spese di gestione (personale, pubblicità, viaggi, locazioni immobiliari, oneri finanziari, ecc.), che le imprese devono sostenere a fronte di un determinato progetto.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Pensione di reversibilità erogata dall'Inps

pensione di reversibiltà

L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (Inps) italiano si occupa da tempo di tutte le dinamiche previdenziali, pensionistiche e assistenziale. L'Inps gestisce inoltre anche l'erogazione e l'emissione di tutte le tipologie di pensione comprese quelle legate ai superstiti, nonché indennizzi particolari.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lettera di licenziamento: indicazioni ed esempi da seguire

Il decreto legge n°112 del 25 giugno 2008 sancisce che non è più necessario dare le dimissioni online, il lavoratore deve solo comunicare le dimissioni attraverso una lettera di licenziamento scritta e rispettare i termini di preavviso (dopo aver concordato il TFR con il proprio datore di lavoro).

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Leggi tutto...
Go to Top