Oggi giorno trovare un lavoro sembra essere una delle imprese più difficili da compiere e non è raro che i giovani, prima di scegliere il percorso di studi da intraprendere, compiano ricerche che possano aiutarli in seguito. Informarsi sulle professioni del futuro può aiutare a comprendere verso cosa orientarsi ma è importante scegliere qualcosa che sia in linea anche con le proprie attitudini.

Per scoprire quali siano le professioni del futuro più richieste può essere utile consultare Risorse.it, il sito dove trovare lavoro. Sulla base delle offerte pubblicate puoi infatti scorgere quali siano le richieste più elevate. Come detto prima, però, è importante scegliere quella che più si addice alle tue attitudini per permetterti davvero di apprendere tutte le competenze richieste.

Ma vediamo nel dettaglio quali sono le diverse professioni che nel prossimo futuro potranno garantire sempre maggiori posti di lavoro.

Le professioni del futuro puntano sul digitale

Il PNRR è chiaro, le professioni del futuro puntano molto sul digitale. Sempre più spesso vediamo infatti come le aziende si affidino a professionisti del settore e in effetti sono molti i finanziamenti che li supportano in questa scelta,

Il digitale è un mondo ampio e complesso e sono molte le professioni che si possono intraprendere. Questo si rivela essere un punto a vantaggio di chi si appresta al mondo del lavoro poiché in ogni modo sarà possibile scegliere qualcosa che si riveli essere davvero in linea con le tue competenze e le tue aspettative. Dall’esperto di social a quello della SEO, da chi crea il sito a chi lo gestisce (soprattutto se si tratta di un e-commerce), molte sono le possibilità che si aprono davanti a te.

Il consiglio è di scoprire, attraverso le offerte di lavoro pubblicate su siti specifici, quali sono le competenze che vengono richieste per ogni professione. In questo modo sarai preparato sul tuo futuro lavorativo e su ciò che ti servirà apprendere per raggiungere l’obiettivo.

Medicina e giurisprudenza non perdono mai colpi

Oltre alle figure digitali, tra le professioni del futuro non mancano le classiche dell’ambito medico e giuridico. Non si tratta solo della figura del dottore o dell’avvocato, ma anche di quelle che vi ruotano intorno.

Figure come quelle dell’infermiere, dell’operatore socio sanitario, della segretaria dell’ufficio medico, sono tra le professioni del futuro. Anche per queste può però essere utile avere competenze digitali considerato il sempre più ampio utilizzo delle competenze richieste.

Allo stesso modo, un avvocato specializzato in ambito digitale potrà essere di grande supporto all’azienda che desidera conoscere tutte le controversie di questo campo.

Come prepararsi alle professioni del futuro

La scuola, che sia quella di secondaria di secondo grado o universitaria, è già un grande passo in avanti per prepararsi al mondo del lavoro, ma in molti casi non è sufficiente. Le competenze richieste nel mondo del lavoro spesso non coincidono con quelle possedute dai professionisti o potenziali tali e per questo motivo può essere utile seguire dei corsi di formazione professionali.

Attraverso la ricerca su siti di offerte di lavoro è possibile trovare anche corsi gratuiti che permettono a chi desidera immettersi nel mondo del lavoro di apprendere tutte le competenze richieste.

Potrebbe interessarti

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro? Occhio all'abbigliamento

come presentarsi ad un colloquio

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Colloquio motivazionale: vi sveliamo il segreto per affrontarlo!

Immagine per colloquio motivazionale

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

I più condivisi

Nido aziendale: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Anche nella nostra società "moderna", nella coppia la cura dei figli è affidata quasi sempre alla madre, che si trova costretta a scegliere un lavoro part-time o a rinunciare al proprio lavoro fuori casa. Per tali ragioni, sempre più spesso, le neo-mamme affidano la propria prole a nonni, famigliari o amici. Anche se a volte con non poche preoccupazioni.Durante la propria assenza, una mamma vorrebbe lasciare il proprio figlio in strutture gestite da personale specializzato particolarmente attento all’aspetto pedagogico e al rapporto con i genitori.

Ricerca per singolo codice tributo: i modelli di versamento F23 e F24

immagine per ricerca per singolo codice tributo

In questa pagina cercheremo di fornirvi tante più informazioni possibili circa la ricerca per singolo codice tributo da inserire nei modelli di versamento F23 e F24. Per dichiarare e pagare le imposte e le tasse, il contribuente infatti deve identificarle attraverso il codice tributo.

Stipendio col contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato per giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Leggi anche...

Creazione del Curriculum? Ti aiutano gli esperti di OnlineCV!

come scrivere un curriculum vitae

I selezionatori e gli HR impiegano in media solo 7 secondi per valutare un curriculum vitae; durante questi sette secondi, ciò che serve perché il Curriculum possa essere preso in considerazione è che metta subito in evidenza i dati e le informazioni salienti: anagrafica, contatti, esperienza e competenze linguistiche o informatiche, hobby e interessi. La creazione del Curriculum richiede anche la capacità di interpretare le esigenze dell’azienda presso cui ci si sta proponendo e di far combaciare le proprie competenze con quelle che sono le necessità di un’azienda che assume.

Leggi anche...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.