Oggi giorno trovare un lavoro sembra essere una delle imprese più difficili da compiere e non è raro che i giovani, prima di scegliere il percorso di studi da intraprendere, compiano ricerche che possano aiutarli in seguito. Informarsi sulle professioni del futuro può aiutare a comprendere verso cosa orientarsi ma è importante scegliere qualcosa che sia in linea anche con le proprie attitudini.

Per scoprire quali siano le professioni del futuro più richieste può essere utile consultare Risorse.it, il sito dove trovare lavoro. Sulla base delle offerte pubblicate puoi infatti scorgere quali siano le richieste più elevate. Come detto prima, però, è importante scegliere quella che più si addice alle tue attitudini per permetterti davvero di apprendere tutte le competenze richieste.

Ma vediamo nel dettaglio quali sono le diverse professioni che nel prossimo futuro potranno garantire sempre maggiori posti di lavoro.

Le professioni del futuro puntano sul digitale

Il PNRR è chiaro, le professioni del futuro puntano molto sul digitale. Sempre più spesso vediamo infatti come le aziende si affidino a professionisti del settore e in effetti sono molti i finanziamenti che li supportano in questa scelta,

Il digitale è un mondo ampio e complesso e sono molte le professioni che si possono intraprendere. Questo si rivela essere un punto a vantaggio di chi si appresta al mondo del lavoro poiché in ogni modo sarà possibile scegliere qualcosa che si riveli essere davvero in linea con le tue competenze e le tue aspettative. Dall’esperto di social a quello della SEO, da chi crea il sito a chi lo gestisce (soprattutto se si tratta di un e-commerce), molte sono le possibilità che si aprono davanti a te.

Il consiglio è di scoprire, attraverso le offerte di lavoro pubblicate su siti specifici, quali sono le competenze che vengono richieste per ogni professione. In questo modo sarai preparato sul tuo futuro lavorativo e su ciò che ti servirà apprendere per raggiungere l’obiettivo.

Medicina e giurisprudenza non perdono mai colpi

Oltre alle figure digitali, tra le professioni del futuro non mancano le classiche dell’ambito medico e giuridico. Non si tratta solo della figura del dottore o dell’avvocato, ma anche di quelle che vi ruotano intorno.

Figure come quelle dell’infermiere, dell’operatore socio sanitario, della segretaria dell’ufficio medico, sono tra le professioni del futuro. Anche per queste può però essere utile avere competenze digitali considerato il sempre più ampio utilizzo delle competenze richieste.

Allo stesso modo, un avvocato specializzato in ambito digitale potrà essere di grande supporto all’azienda che desidera conoscere tutte le controversie di questo campo.

Come prepararsi alle professioni del futuro

La scuola, che sia quella di secondaria di secondo grado o universitaria, è già un grande passo in avanti per prepararsi al mondo del lavoro, ma in molti casi non è sufficiente. Le competenze richieste nel mondo del lavoro spesso non coincidono con quelle possedute dai professionisti o potenziali tali e per questo motivo può essere utile seguire dei corsi di formazione professionali.

Attraverso la ricerca su siti di offerte di lavoro è possibile trovare anche corsi gratuiti che permettono a chi desidera immettersi nel mondo del lavoro di apprendere tutte le competenze richieste.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Lettera di licenziamento: indicazioni ed esempi da seguire

Lettera di licenziamento: indicazioni ed esempi da seguire

Il decreto legge n°112 del 25 giugno 2008 sancisce che non è più necessario dare le dimissioni online, il lavoratore deve solo comunicare le dimissioni attraverso una lettera di licenziamento scritta e rispettare i termini di preavviso (dopo aver concordato il TFR con il proprio datore di lavoro).

Scopri la carta ILA e come ottenerla!

La carta ILA (Individual Learning Account) è una carta di credito formativa prepagata nata per finanziare la formazione professionale. La carta è un buono utile a finanziare un iter formativo mirato e adatto alle esigenze e alle aspirazioni professionali di chi la richiede.

Come calcolare la pensione INPS: i criteri e l'estratto conto personale

Immagine esemplificativa di assistente sociale per calcolo pensione inps

Il calcolo pensione INPS si fa in base all'anzianità contributiva e all'età pensionabile dal lavoratore maturata al 31 dicembre 1995. I criteri per determinare la pensione INPS può essere: contributivo, retributivo o misto. Alla base di questi tre sistemi di calcolo vi è il numero di anni di contributi versati fino al 1995 e cioè più o meno di 18 anni o alcuna anzianità contributiva.

I più condivisi

Le novità di ICOTEA: la formazione professionale per utenti non vedenti e ipovedenti

Nonostante i considerevoli passi avanti compiuti dal punto di vista normativo, dell'offerta scolastico-formativa, dell'uso della tecnologia nei diversi ambiti esistenziali e della sensibilità generale alle loro problematiche, tali persone vedono il loro percorso di crescita umano e professionale non sempre privo di ostacoli concreti. Tutto ciò nonostante le loro considerevoli capacità di cui sono esempio concreto e che possono offrire e mettere a disposizione della società in generale e della realtà lavorativa in particolare.

Lavoro interinale: ecco la normativa e giurisprudenza a cui fare riferimento

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Pensione per parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Pensione parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Leggi anche...

Modulistica INAIL: ecco la guida definitiva che stavi cercando

Immagine esemplificativa per l'articolo Modulistica INAIL: ecco la guida definitiva che stavi cercando

La sicurezza all'interno del proprio settore lavorativo è fondamentale; è un diritti di tutti i lavoratori che va protetto e assicurato a chiunque. 

Leggi anche...

Quanti disoccupati ci sono in Italia? Statistiche dal mondo del lavoro

 

In Italia la ricerca di un lavoro, che soddisfi le esigenze del singolo e che sia conforme alle sue competenze, è davvero difficile. Mantenere inoltre lo stesso posto di lavoro risulta davvero complicato. Per non parlare poi dei tanti lavoratori che offrono le loro prestazioni senza contratto e in nero.