Con il termine Quota 100 si intende la proposta diretta ad anticipare l'età pensionabile dei lavoratori che sono regolarmente iscritti ai fondi di previdenza che gestisce l'assicurazione generale obbligatoria, ovvero l’AGO; alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata per i fondi sostitutivi e per quelli esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria. 

Questa idea trova le basi partendo dal presupposto di cercare di ripristinare il vecchio sistema che prevedeva le quote e che fu abolito, nel 2011, dalla Riforma Fornero. In questa maniera si consente al lavoratore la possibilità di sommare la sua età anagrafica agli anni in cui si sono percepiti i contributi per raggiungere così un valore che consenta l'uscita. Parlando della quota 100, appunto, la somma fra l’età e i contributi deve far risultare, come dice il nome stesso, il valore 100. Tale proposta è stata molto appoggiata dall'attuale Governo Conte che intende superare la legge Fornero. L’idea è quella di inserirla nell'imminente legge di bilancio in maniera tale che la proposta possa partire già dai primi mesi del 2019.

L’obiettivo, però, è quello di partire con lo schema 62+38 quest’anno e “accontentare” circa mezzo milione di italiani; poi apportare le relative modifiche per iniziare un percorso che azzeri, negli anni successivi, tout court la legge Fornero per arrivare, come ha affermato Salvini, a quota 41 pura.

La combinazione fra età anagrafica ed anni di contributi

Imagine esemplificativa che rimanda alla quota 100

A Palazzo Chigi è stato studiato un dossier che prevede una combinazione unica necessaria per centrare l'uscita e cioè 62 anni di età con 38 annidi contributi. Inoltre, almeno in base a quanto dichiarato recentemente dal leader della Lega Matteo Salvini, non vi sarà l'applicazione di alcuna penalità sulla misura dell'assegno e nemmeno un tetto per la contribuzione figurativa valorizzabile allo scopo del perfezionamento del sopracitato requisito contributivo. Secondo una stima del Governo, già nei prossimi anni, il posto di lavoro potrebbe essere lasciato da circa 400mila lavoratori, soprattutto uomini. Questo perché per le donne, viene prorogata l’Opzione Donna, la quale consente alle lavoratrici di 58 anni, qualora dipendenti, oppure 59 anni, qualora autonome, di andare in pensione con 35 anni di contributi.

Questa misura potrebbe anche essere accompagnata dal progetto di ripristino del divieto di cumulo fra il reddito da lavoro e la pensione fino al raggiungimento dell'età necessaria per la pensione di vecchiaia, ovvero 67 anni.

La rigidità di questo mix fra l’età anagrafica e quella contributiva, però, rischia di avere dei risvolti come per esempio la possibilità che un assicurato che ha 36 anni di contributi versati e 64 anni di età, nonostante abbia matematicamente raggiunto la suddetta quota 100, debba comunque attendere altri due anni almeno per potersi guadagnare l'uscita dal lavoro. 

Cosa accadeva in passato: vediamo il progetto nella storia italiana

Il progetto che riguarda la sopracitata quota 100 non è affatto nuovo. Infatti, già durante la passata legislatura furono registrate molte altre proposte, ma rimasero tutte nel cassetto a causa della contrarietà da parte della precedente maggioranza del Governo. La proposta più nota si trovava nel disegno di legge 2945 che fu promosso da Cesare Damiano, nonché ex Ministro del lavoro e, nonostante possa sembrare strano, essa era più flessibile rispetto a questa che è attualmente in discussione: infatti, sarebbe stato necessario anche raggiungere un'età anagrafica minima di almeno 62 anni con 35 anni di contributi versati più il perfezionamento contestuale della quota 100 come valore determinato, appunto, mediante la somma fra l'età anagrafica e quella contributiva. Quindi, a conti fatti si poteva centrare l'uscita, per esempio, avendo 62 anni d’età e 38 anni di contributi oppure con 63 anni d’età e 37 di contributi o ancora con 64 anni d’età e 36 di contributi o, infine con 65 anni d’età e 35 anni di contributi. Insomma tutto molto più semplice.

Anno 2020, i requisiti di età anagrafica e contributi versati
Imagine esemplificativa che rimanda alla quota 100

La Quota 100 è una riforma pensionistica entrata in vigore nel 2019 fino al 2021, che ha consentito e continuerà a consentire a molti lavoratori di fuoriuscire prima del normale tempo previsto dalla legge italiana dal mondo del lavoro. Tuttavia, la quota 100 non fissa gli stessi parametri per tutte le categorie di lavoratori. Per i dipendenti privati, nel 2020, la prima finestra per fare domanda di pensionamento con la Quota 100 si aprirà il 1° aprile, naturalmente a patto di avere già minimo 62 anni di età e 38 di contributi a gennaio 2020.

La seconda finestra, invece, si aprirà a luglio di quest’anno. I lavoratori pubblici, invece, devono dare un preavviso di 6 mesi per andare in pensione con la Quota 100, la prima finestra si aprirà il 1° aprile 2020, ma tenendo conto dei 6 mesi di preavviso, comunque dovranno attendere fino al 1 luglio almeno per andare effettivamente in pensione.
Ma quali sono i requisiti per accedere alla possibilità di andare prima in pensione tramite la Quota 100? Anche per questo 2020, i requisiti rimangono gli stessi dello scorso anno e così resteranno anche in vista del prossimo biennio 2021-2022. Dopo, tuttavia, potremmo aspettarci qualche cambiamento, in vista di una quota maggiorata di qualche cifra, almeno stando alle anticipazioni circolate durante la stesura dell’ultima Legge di Bilancio. Ma veniamo ora al dettaglio dei requisiti per la Quota 100 nel 2020:

  • 62 anni e 38 di contributi;
  • 62 anni e 39 di contributi (quota 101);
  • 62 anni e 40 di contributi (quota 102);
  • 62 anni e 41 di contributi (quota 103).

Dunque un’anticipazione notevole rispetto ai requisiti di accesso ai criteri di pensione anticipata, pari a 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne. Questo vuol dire, quindi, che la riforma che ha introdotto la Quota 100 ha permesso un notevolissimo abbassamento dei requisiti di età pensionabile. Basta pensare che quest’anno, si può andare in pensione con la quota 100 già soltanto con 38 anni di contributi versati e appena 62 anni di età, quindi un lavoratore che ha cominciato a lavorare nel 1984 a 29 anni, oggi potrebbe tranquillamente andare in pensione favorendo anche un elevato ricambio generazionale, specialmente nella pubblica amministrazione.

Comprendiamo bene, quindi, la convenienza della Quota 100, specialmente per tutti quelli che con meno di 41 anni di contributi, fino a qualche anno fa vedevano ancora da lontano l’effettiva possibilità di raggiungere l’agognata meta della pensione.

 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Contratto per il commercio nel settore terziario: tutte le informazioni!

Immagine d'esempio usata nell'articolo Contratto per il commercio nel settore terziario: tutte le informazioni!

Il CCNL commercio o terziario è legato alle categorie dei lavoratori aziendali di questo tipo e comprende tutti quei lavori che si occupano di beni industriali, alimentari, fiori, piante e affini, nonché ti tutto quello che concerne il commercio italiano e straniero e i servizi alle Imprese/Organizzazione, i Servizi di rete e i Servizi alle persone.

Calcolo dell'età pensionabile: scopri gli strumenti necessari

calcolo dell'età pensionabile

La pensione sembra oramai un miraggio per milioni di lavoratori italiani. Per i giovani, invece parlare di pensione fra poco sarà alquanto anacronostico: se il lavoro un utopia, parlare di pensione equivale a parlare di metafisica.

Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Immagine usata per illustrare l'articolo Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Soprattutto nell’ambito dei colloqui di lavoro, capita di dover fornire una serie di dati personali legati, spesso e volentieri, alla nostra esperienza professionale e ai titoli di studio da noi conseguiti.

I più condivisi

Concorsi per le Forze Armate: tutto ciò che c’è da sapere

Concorsi per le Forze Armate

I concorsi per le forze armate sono una delle tante possibilità di lavoro per lo Stato Italiano. Se per alcuni può sembrare solo una delle tante possibilità remote di raggiungere un posto fisso garantito, per molti ragazzi è una vera e propria vocazione, una chiamata al servizio del proprio paese

Diventare pilota di linea in Italia: licenze, scuole e requisiti

diventare pilota di linea

Alzi la mano chi, almeno una volta, da piccolo non ha sognato di diventare pilota di linea! Certo, magari stregati da qualche film il nostro sogno si focalizzava sull'essere piloti di caccia militari, capaci di escursioni spericolate come quelle di Tom Cruise in "Top Gun", ma ora non sottilizziamo troppo: in fondo, che si tratti di diventare piloti di un F14 Tomcat, oppure di un aereo di linea come il tecnologico Boeing 787, il sogno è lo stesso, e avere l'abilità di pilotare un aereo è un desiderio umanissimo, visto che volare è da sempre una delle massime aspirazioni umane. 

Contratto a progetto e maternità

Il rapporto di lavoro sancito da un contratto a progetto è sospeso nel caso di malattia o infortunio del lavoratore o durante la gravidanza attraverso l’aspettativa per maternità. 

Leggi anche...

Trova lavoro in Toscana: scopri gli annunci online che fanno per te

Trova lavoro in Toscana

Trovare offerte di lavoro in Toscana, anche in tempi di crisi come questi, è meno difficile di quanto possa sembrare: tra le regioni più ricche di storia e cultura che ogni anno attira ogni anno moltissimi turisti, rendendo il settore terziario una fra le risorse più importanti per chi cerca un impiego.

Leggi anche...

Contributi previdenziali: un approfondimento che non puoi perderti

contributi previdenziali

I contributi previdenziali sono pagamenti obbligatori che in Italia si effettuano all'INPS (Settore privato) e all'INPDAP (settore pubblico), al fine di successivamente una prestazione pensionistica.

Ti diamo il benvenuto. Chiediamo il tuo consenso per utilizzare i tuoi dati personali per annunci e contenuti personalizzati, valutazione degli annunci e del contenuto, osservazioni del pubblico e sviluppo di prodotti. Archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo. I tuoi dati personali verranno elaborati da fornitori terzi e le informazioni raccolte dal tuo dispositivo (come cookie, identificatori univoci e altri dati del dispositivo) possono essere condivise con questi ultimi, da loro visualizzate e memorizzate, oppure essere usate nello specifico da questo sito o questa app. Alcuni fornitori potrebbero trattare i tuoi dati personali sulla base dell'interesse legittimo, al quale puoi opporti gestendo le tue opzioni qui sotto. Cerca nella parte inferiore di questa pagina o nelle nostre norme sulla privacy un link che ti permette di ritirare il consenso.