L'attività di recupero crediti consente ad aziende e privati di essere tutelati nei loro diritti, consentendo infatti l'incasso di un credito che non è stato possibile ottenere.

Vedremo, nell'articolo che segue, le varie modalità con cui tornare in possesso del proprio denaro.

Il ruolo dell'Autorità Giudiziaria nel recupero crediti

In casi d'inadempienza da parte del debitore, il creditore, per recuperare il credito, dovrà in primis rivolgersi all'Autorità Giudiziaria e avere così un titolo esecutivo dal Giudice (decreto ingiuntivo o sentenza, etc.).
Successivamente il creditore, dopo aver intimato il pagamento entro il breve termine di 10 giorni, può richiedere l'esecuzione forzata per il recupero.

Decreto ingiuntivo, cos’è e come fare opposizione

Per decreto ingiuntivo si intende la decisione del giudice con cui quest’ultimo comunica ufficialmente al debitore il suo dovere di adempiere all'obbligazione – il pagamento del debito per intenderci - entro una scadenza specifica, che di solito consiste in 40 giorni. Oltre questo termine, il decreto ingiuntivo diventa esecutivo e il giudice può disporre il pignoramento dei beni. È il creditore a richiedere il decreto ingiuntivo al giudice e in genere lo fa perché quest’ultimo è un procedimento più veloce rispetto a quello giudiziario. Ovviamente, affinché un giudice possa emettere un decreto ingiuntivo – che viene disciplinato dal codice di procedura civile – sono necessari alcuni parametri. Eventualmente, il debitore può opporsi al decreto entro i termini previsti da quest’ultimi. Quali sono le condizioni che devono sussistere per procedere a un decreto ingiuntivo? Eccole in sintesi:

  • il credito deve consistere nella consegna di una certa somma o di cose determinate;
  • il credito va provato attraverso una prova scritta.

Quest’ultima, inoltre, deve essere una polizza o una promessa anche sotto forma di una scrittura privata, un telegramma, un estratto autentico della scrittura contabile, eventualmente anche le fatture.
Il decreto ingiuntivo, se così vuole il creditore, può eventualmente essere dichiarato subito esecutivo, senza quindi prevedere il termine dei 40 giorni che consentirebbe al debitore di opporsi qualora volesse. Affinché il decreto sia immediatamente esecutivo occorre, tuttavia, che il credito dipenda da una cambiale, un assegno bancario o circolare, un atto pubblico, un documento scritto, insomma, che renda evidente il credito vantato.

Anche nel caso di un credito relativo alla riscossione di eventuali contributi condominiali, il ricorrente può ottenere dal giudice che il decreto sia esecutivo in prima istanza.
Veniamo ora all'opposizione al decreto ingiuntivo da parte del debitore. La normativa afferma che quest’ultima può essere avanzata con un cosiddetto atto di citazione entro la scadenza prevista dal decreto ingiuntivo, che come abbiamo detto in genere consiste in quaranta giorni. Inoltre, ci si può opporre al decreto ingiuntivo soltanto nel caso in cui il credito non sia scaduto o se, ovviamente, il credito non è mai sorto poiché già estinto con un pagamento – anche questo ovviamente sarà da provare. Qualora ci sia, quindi, l’opposizione al decreto ingiuntivo da parte del debitore, il giudizio segue le regole di un qualsiasi altro procedimento ordinario. Se invece ci sono motivazione gravi, il giudice può sospendere l’esecuzione del decreto ingiuntivo.

Come funziona il recupero crediti

Il procedimento ordinario:ecco di che si tratta

È possibile infine il ricorso a un procedimento ordinario (con all'esito una sentenza), volto ad accertare l'esistenza e la consistenza del credito e a condannare il debitore all'adempimento. Solitamente ogni azione di tipo giudiziario, è preceduta dalla costituzione in mora del debitore (un invito al pagamento fatto dal creditore al debitore per iscritto).

Le garanzie contrattuali: come funziona il recupero crediti

Oltre a tali mezzi, che intervengono conseguentemente alla stipula del rapporto obbligatorio, sono possibili delle specifiche garanzie, da inserire all'atto della stipula di un contratto, per incrementare le probabilità che il credito venga onorato.

Recupero crediti, come ed entro quando si chiede il pagamento 

Per quanto riguarda il pagamento relativo a un recupero crediti, la legge non stabilisce formule specifiche per richiedere il pagamento a chi è in debito. In ogni caso, un modo appropriato per farlo è l’utilizzo della raccomandata con ricevuta di ritorno o anche la posta elettronica certificata. Due metodi che ci consentono di avere una prova non solo dell’invio della richiesta di pagamento, ma anche dell’avvenuta ricezione da parte del destinatario. Due prove, quindi, che possono essere usate anche in caso di ricorso all’autorità giudiziaria. Se decidiamo di inviare un sollecito formale di pagamento qualora il debitore sia in ritardo, c’è una modalità precisa. Nella richiesta, dunque, dovrà essere indicato il titolo, ricordando ad esempio gli estremi di un contratto o di un preventivo. Va anche indicato, ovviamente, il preciso importo da pagare e la scadenza del pagamento e, volendo una dicitura che indichi la possibilità del creditore di agire in sede giudiziale. Alla richiesta possiamo allegare la fattura non saldata e altri documenti utili a dimostrare il credito vantato nei confronti del nostro debitore. La richiesta o il sollecito di pagamento non va inoltrata necessariamente tramite uno studio legale, basta anche una richiesta inviata da noi, ricordandoci di utilizzare i due metodi descritti sopra, ovvero quello della posta raccomandata con ricevuta di ritorno oppure della posta elettronica certificata, così da non avere problemi e poter verificare la ricezione.

Per quanto riguarda, infine, i termini di prescrizione delle fatture non saldate, è la legge a intervenire sull’argomento, stabilendo una scadenza temporale massima entro cui è possibile richiedere un pagamento non ancora ricevuto. In ambito commerciale, la prescrizione è di dieci anni dal momento del credito. Ma questa non è l’unica scadenza, nel dettaglio:

  • Prescrizione di 5 anni per l’ambito previdenziale o per risarcimenti del danno e affitti per la locazione di immobili;
  • Prescrizione di 3 anni per ambiti lavorativi;
  • Prescrizione di 2 anni per sinistri stradali e assicurazione; 
  • Prescrizione di un anno per un credito  che derivi da contratti di trasporto e spedizione, premi assicurativi, mediazioni e così via.

Nel momento in cui il creditore invia la richiesta di pagamento per una fattura non saldata, il termine della prescrizione praticamente riparte da zero: questo significa che la fattura non pagata entra nei meccanismi della prescrizione solo se il creditore non ne richiede e sollecita il pagamento.

Potrebbe interessarti

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Contratto a tempo determinato e maternità: quali procedure?

Contratto a tempo determinato e maternità

Il contratto a tempo determinato e la maternità? Cosa succede? Qualora il contratto di lavoro con tempo determinato scada, una lavoratrice ha diritto a percepire l’indennità INPS per maternità anticipata oppure obbligatoria, a seconda di quanto sancito dalla circolare ministeriale 1/12/2004.

Lavoro interinale: ecco la normativa e giurisprudenza a cui fare riferimento

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Calcolo dell'età pensionabile: scopri gli strumenti necessari

calcolo dell'età pensionabile

La pensione sembra oramai un miraggio per milioni di lavoratori italiani. Per i giovani, invece parlare di pensione fra poco sarà alquanto anacronostico: se il lavoro un utopia, parlare di pensione equivale a parlare di metafisica.

Guadagnare con i sondaggi: c’è da fidarsi?

Immagine usata per illustrare l'articolo Guadagnare con sondaggi: c’è da fidarsi?

Internet è sempre più un utile mezzo di lavoro e soprattutto una fonte di “lavoro” e di guadagno atipica e a volte remunerativa: influencer, trend-setter, insta-teller, blogger, opinionisti sono solo alcune delle “figure professionali” nate grazie a internet e alla massimizzazione delle sue potenzialità. Guadagnare online è possibile restando comodamente seduti a casa e con formule diverse, tra cui guadagnare con i sondaggi retribuiti online. 

Realizzare biglietti da visita personalizzati per il proprio lavoro

Immagine d'esempio usata nell'articolo Realizzare biglietti da visita personalizzati per il proprio lavoro

Quando ci si dedica alla progettazione e alla realizzazione di biglietti da visita personalizzati, è molto importante puntare sulla professionalità del risultato, perché anche il più banale errore rischia di disorientare e ingannare i destinatari di quei biglietti. Al giorno d'oggi è davvero semplice provvedere alla stampa dei biglietti in completa autonomia grazie alle tipografie online, ma è fondamentale essere attenti e meticolosi per non incappare in gravi sbagli. 

Leggi anche...

Direzione Provinciale del Lavoro: contatti e indirizzi

Direzione Provinciale del Lavoro

La Direzione Provinciale del Lavoro (o anche DPL) è l'ente territoriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali presente in ambito provinciale

Leggi anche...

Mancato pagamento dello stipendio: come comportarci?

Mancato pagamento dello stipendio

Uno dei motivi principali di conflitto fra azienda/datore di lavoro e lavoratore è sicuramente la mancata retribuzione, ovvero il mancato pagamento dello stipendio mensile o l'eventuale ritardo dello stesso Secondo il diritto del lavoro, è pacifico che il datore di lavoro, secondo quanto stabilito dal contratto, debba corrispondere a fine mese o quando indicato dal contratto stesso, lo stipendio concordato. Se vuoi avere delle delucidazioni sul calcolo del tuo stipendio netto leggi l'articolo che abbiamo preparato per te: clicca qui.