Il reddito di cittadinanza è uno strumento di sostegno economico a favore delle famiglie che hanno il reddito inferiore alla soglia di povertà. Tali famiglie, vedranno integrarsi il reddito percepito con una determinata somma che consentirà di arrivare sino alla somma prestabilita che varia in base al numero di componenti del nucleo familiare.

Si può dire che il reddito di cittadinanza è simile al contributo, proposto per i pensionati, con il quale, questi, riusciranno a percepire più della pensione minima attuale grazie all’erogazione di un’integrazione che porterà l’assegno pensione all’importo previsto dalla misura: la pensione di cittadinanza.

Già nel 18° secolo si parlava di reddito di cittadinanza ipotizzando un reddito che fosse uguale per tutti e non soggetto a nessuna condizione. Nel nostro Paese, tale strumento, è stato riportato in auge dall’ascesa politica del M5s che lo ha presentato, appunto, nel proprio programma elettorale. In realtà, però, più che di reddito di cittadinanza, date le caratteristiche, si può parlare più correttamente di reddito minimo garantito.
Infatti, nella proposta del Movimento 5 stelle, tale misura è diretta a garantire un sostegno economico alle famiglie che vivono con un reddito considerato al di sotto della soglia di povertà. Invece, un reddito di cittadinanza, dovrebbe essere garantito senza distinzione ad ogni cittadino, anche se appartenente alle fasce più alte. Quindi, ecco perché è più giusto dire reddito minimo garantito che reddito di cittadinanza.

Di quali importi si parla?

Dal contratto di Governo si evince che l’importo destinato al reddito di cittadinanza è pari a 780€ per una singola persona. Tale importo è ovviamente aumentato per un nucleo familiari con più componenti, in cui ci sono anche i figli. Di Maio ha confermato in campagna elettorale che il Movimento 5 stelle, darà infatti, 1.630 euro a famiglie in difficoltà che abbiano due figli a carico almeno, ma dove nessuno dei due genitori lavora.

Nel dettaglio, gli importi che previsti dal provvedimento del Movimento 5 Stelle sono i seguenti. Per un nucleo familiare composto da:

  • 2 componenti con un solo genitore 1.014 euro;
  • 2 componenti avranno 1.170 euro;
  • 3 componenti con un genitore solo 1.248 euro;
  • 3 componenti avranno 1.404 euro;
  • 4 componenti di cui un genitore solo 1.482 euro;
  • 4 componenti avranno 1.630 euro;
  • 5 componenti di cui un genitore solo 1.716 euro;
  • 5 componenti avranno 1.872 euro.

È molto importante specificare che 780 euro rappresenta l’importo massimo corrisposto dallo Stato a chi soddisfa i requisiti necessari. Infatti, il presupposto, è che nessun cittadino debba vivere con meno di 780 euro ogni mese e, per tal motivo, chi percepisce un reddito da lavoro inferiore a questa soglia riceverà un assegno di reddito di cittadinanza, non intero, ma con l’integrazione necessaria sino al raggiungimento dei sopracitati 780 euro.
Sostanzialmente, questi 780 euro mensili, ovvero 9.360 euro all’anno, andrebbero versati per intero solo ai disoccupati, invece coloro che hanno un reddito al di sotto della soglia di 780 euro, hanno diritto solo alla cifra necessaria per il raggiungimento della soglia.

Ecco i requisiti da possedere

Dopo aver chiarito gli importi, è molto importante capire a chi è destinato questo supporto economico e quali sono i requisiti per l’accesso. Nel contratto di Governo è specificato che tale misura verrà riconosciuta solo a coloro che, dopo aver considerato reddito e patrimonio, sono in una condizione di povertà.

Nello specifico, l’intenzione è quella di alzare la soglia Isee, ovvero l’indicatore della situazione economica, che è prevista dall’attuale REI per 6.000€, giungendo 8.000 euro circa.

Dopo i limiti di reddito ce saranno altri di tipo patrimoniale come ad esempio la casa di proprietà. Inoltre, il reddito di cittadinanza dovrebbe essere riservato solo ai cittadini italiani, così come hanno confermato sia Di Maio che Salvini.
Per avere più dettagli sui requisiti indispensabili per accedere al reddito di cittadinanza si dovrà, però, aspettare ancora la definizione della Legge di Bilancio 2019 con la quale la situazione sarà più chiara.



Potrebbe interessarti

Disoccupazione: requisiti ridotti

Si definisce disoccupazione, la condizione in cui si trovi un soggetto in età di lavoro che non sia una forza attiva nel mondo del lavoro.

Leggi tutto...

Parliamo di Flat Tax: ecco che cos’è e come funziona!

La Flat Tax rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Leggi tutto...

L'importo delle pensioni minime dell'Inps

persone anziane in pensione felici

Tutti coloro che durante la propria carriera lavorativa hanno effettuato i versamenti contributivi, hanno diritto alla pensione.

Leggi tutto...

Come scrivere un autocertificazione e i casi in cui utilizzarla

La dichiarazione sostitutiva di certificazione può essere necessaria anche nel campo lavorativo.

Leggi tutto...

Calcolo dello stipendio netto: saper interpretare la tua retribuzione

Il calcolo del nostro stipendio (il valore netto) è un'attività da compiere in fase preventiva rispetto alla firma di un qualsiasi contratto di lavoro. Può succedere infatti che, durante il colloquio di lavoro o addirittura al momento della firma del protocollo d'intesa, i termini contrattuali non siano del tutto chiari. 

Leggi tutto...

I più condivisi

Imprenditoria femminile e fondo perduto: quali sono le novità?

L’acuirsi della crisi economica e la mancanza di lavoro, hanno negli ultimi anni ingenerato un forte aumento dell’interesse dei cittadini italiani verso l’imprenditoria femminile e i finanziamenti a fondo perduto

Leggi tutto...

Calcolo dello stipendio di un docente: determinazione e caratteristiche

Tutte le tipologie di lavoratori hanno diritto a ricevere periodicamente lo stipendio dovuto e che quantificato

Leggi tutto...

Stipendi tesoro: come vengono emessi e riscossi

Lo stipendio rappresenta dunque l'ammontare di denaro che deve essere pagata al lavoratore dal datore di lavoro per l'attività lavorativa svolta presso la propria struttura. Spetta di diritto al lavoratore; è infatti un dovere e un obbligo imprescindibile del datore di lavoro.

Leggi tutto...

Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

La riforma pensioni varata dal Governo Monti prevede che dal 1° gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo.

Leggi tutto...

Malattia Inps: come fare la domanda

La domanda di malattia all'Inps può essere richiesta nei casi di malattie che possono limitare le capacità lavorative. I soggetti che possono presentare la domanda di indennità di malattia Inps sono gli operai e gli impiegati del settore terziario e che lavorano nel settore industriale, apprendisti, lavoratori sospesi dal lavoro, lavoratori assunti a tempo determinato o indeterminato. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Perfezionarsi nella metodologia ABA

Il corso di perfezionamento Metodo ABA che viene erogato da ICOTEA, ha l’obiettivo di fornire un approfondimento e gli strumenti per l’applicazione dello stesso in contesti educativi, sociali e di sviluppo. Le tecniche che compongono il metodo ABA si basano sull’utilizzo dei principi della Scienza del Comportamento con lo scopo di modificare delle condotte non adeguate o anche di imparare delle nuove abilità.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Parliamo di Flat Tax: ecco che cos’è e come funziona!

La Flat Tax rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Parliamo di Flat Tax: ecco che cos’è e come funziona!

La Flat Tax rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Leggi tutto...
Go to Top