Si definisce disoccupazione, la condizione in cui si trovi un soggetto in età di lavoro che non sia una forza attiva nel mondo del lavoro. L'indennità disoccupazione è un'indennità che spetta ai lavoratori assicurati (almeno da due anni o che abbiano versato almeno 52 contributi settimanali nel biennio precedente la data di cessazione del rapporto di lavoro) contro la disoccupazione involontaria, che siano stati licenziati; oggi non spetta più a coloro che si dimettono volontariamente (fanno eccezione le lavoratrici in maternità).

Che cosa è l'indennità ordinaria di disoccupazione con requisiti ridotti

L'indennità ordinaria di disoccupazione con requisiti ridotti invece è riconosciuta ai lavoratori che non possono far valere 52 contributi settimanali negli ultimi due anni e hanno lavorato per almeno 78 giornate nell'anno precedente (esclusi coloro che si dimettono volontariamente, a meno che non si tratti di dimissioni per giusta causa).

La disoccupazione con requisiti ridotti quindi si applica in caso di licenziamento (fanno eccezione le lavoratrici in maternità).

Importo dell'indennità di disoccupazione con requisiti ridotti

L’importo dell’indennità di disoccupazione con requisiti ridotti è pari a:

  • I primi 120 giorni, l'indennità giornaliera non può superare il 35% della retribuzione media giornaliera,
  • Oltre il 120 giorno, tale percentuale sale al 40%
  • L’ammontare dell’indennità di disoccupazione non potrà superare il massimale mensile fissato ogni anno dall’INPS.

Come si riscuote l'indennità

L'indennità ordinaria di disoccupazione con requisiti ridotti può essere riscossa:

  • con bonifico bancario o postale. In tal caso nella domanda devono apparire anche i dati dell’istituto creditizio presso il quale si intende riscuotere la prestazione, il codice IBAN e il numero di conto corrente.
  • presso gli sportelli di tutti gli uffici postali in Italia
  • per un periodo equivalente alle giornate realmente lavorate nell'anno passato, e per un periodo non superiore a 180 giornate.

Come presentare la domanda

La domanda per l'indennità ordinaria di disoccupazione con requisiti ridotti va presentata all'Inps entro il 31 marzo dell'anno successivo a quello di disoccupazione. Il moduli sono disponibili presso gli uffici dell’Inps e nella sezione “Moduli” del sito internet.

Disoccupazione e requisiti ridotti: quali sono i lavoratori sospesi che ne hanno diritto?

L’indennità di disoccupazione con requisiti ridotti spetta anche ai lavoratori che sono stati sospesi. Quest’ultimi hanno diritto alla disoccupazione qualora l’impresa si trovi in una temporanea difficoltà, non causata dalla dirigenza o dai dipendenti. Lo Stato fa cosi in modo che l’azienda non debba sostenere i costi di manodopera non utilizzata nel momento di crisi. Ovviamente per far accedere alla cassa integrazione le parti: azienda, lavoratori e enti territoriali devono aver raggiunto un accordo.

La richiesta dell’indennità di disoccupazione per i lavoratori sospesi deve essere presentata dal datore di lavoro ai Centri per l’impiego ed alla sedeINPS del territorio, a cui è allegata la lista dei nominativi dei lavoratori sospesi.

L'indennità di disoccupazione per i lavoratori sospesi è riconosciuta ai lavoratori che non possono far valere 52 contributi settimanali negli ultimi due anni e hanno lavorato per almeno 78 giornate nell'anno precedente (esclusi coloro che si dimettono volontariamente, a meno che non si tratti di dimissioni per giusta causa) o coloro che risultaino assicurati da almeno 2 anni e possano far valere almeno 1 contributo settimanale prima del biennio precedente la domanda.

L'indennità di disoccupazione per i lavoratori sospesi può essere corrisposta nel limite di 90 giorni e l’ammontare è pari al 35% della retribuzione dell’anno precedente, suddiviso per il numero di giornate effettive di lavoro.

Come presentare le richiesta per l'indennità di disoccupazione

La domanda per l'indennità di disoccupazione dei lavoratori sospesi va presentata all'Inps entro il 31 marzo dell'anno successivo a quello di disoccupazione. Il moduli sono disponibili presso gli uffici dell’Inps e nella sezione “Moduli” del sito internet.

Il ricorso può essere presentato, in carta semplice al Comitato Provinciale dell'Inps, entro 90 giorni dalla data di ricezione della lettera con la quale si comunica il rifiuto.

Se sei stanco di essere dicoccupato allora ti consigliamo di leggere il nostro approfondimento su come scrivere un curriculum vitae.

L'indennità di disoccupazione ordinaria è una forma di tutela per il lavoratore, che spetta a quest’ultimo in caso di rescissione del contratto di lavoro per: scadenza del termine del contratto, licenziamento, dimissioni (solo alcuni casi). Una volta dimostrato di avere i requisiti per l’indennità di disoccupazione il lavoratore ha il diritto di ricevere un sostegno economico, secondo quanto previsto dal codice che tutela i lavoratori e che fa parte di quella branca del diritto nota come Diritto del Lavoro.

Disoccupazione e requisiti ridotti: verificare i requisiti e procedere alla domanda

Disoccupazione e requisiti ridotti

Il lavoratore interessato a richiedere l’indennità di disoccupazione dovrà presentare la domanda all'Inps, rivolgendosi al Centro per l’Impiego della propria circoscrizione, nei 68 giorni successivi al licenziamento.

Possono presentare domanda, i lavoratori in possesso dei seguenti requisiti:

  • almeno due anni di assicurazione per la disoccupazione involontaria;
  • un’anzianità contributiva di almeno 52 settimane lavorative maturata nei due anni antecedenti la data di conclusione del rapporto di lavoro.

All’ex lavoratore è così versata un’indennità per lasso di tempo di 180 giorni.

INPS e indennità di disoccupazione

Da qualche anno, l’Inps ha introdotto alcune nuove disposizioni: dal 1° aprile 2005 al 31 dicembre 2006 il periodo di indennità stato portato a sette mesi per i lavoratori al di sotto dei 50 anni e a 10 mesi per gli ex dipendenti over 50.

Essa va a consistere in un importo pari al 40% della retribuzione media percepita negli ultimi tre mesi di lavoro. L'ammontare del sussidio per i disoccupati non può superare l’importo mensile lordo di € 819,62 nel 2005 elevato a € 985,10 per i disoccupati che ricevevano uno stipendio lordo mensile oltre € 1.773,19.

Per i lavoratori al di sotto i 50 anni che hanno richiesto e ottenuto esisto favorevole, per il periodo compreso tra il 1° aprile 2005 e il 31 dicembre 2006, spetta un’indennità di disoccupazione pari al 50% della “vecchia” retribuzione per i primi sei mesi e il 30% per il settimo mese. A coloro che hanno superato i 50 anni invece, spetta il 50% della retribuzione per i primi sei mesi, il 40% per il settimo, l’ottavo e il nono mese e il 30% per l’ultimo mese.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Quota 100 per la Pensione: tutto sul progetto rilanciato dal M5s

Imagine esemplificativa che rimanda alla quota 100

Con il termine Quota 100 si intende la proposta diretta ad anticipare l'età pensionabile dei lavoratori che sono regolarmente iscritti ai fondi di previdenza che gestisce l'assicurazione generale obbligatoria, ovvero l’AGO; alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata per i fondi sostitutivi e per quelli esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria. 

Giornate massime di disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Immagine d'esempio usata nell'articolo Disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Anche chi lavora nel settore agricolo ha diritto a delle indennità in caso di perdita del lavoro; a tal proposito infatti l'Inps ha stabilito un compenso speciale detto di disoccupazione agricola.

Pace Fiscale: ecco la verità su una manovra molto discussa

 pace fiscale

Il condono fiscale rappresenta un dispositivo di legge che si fissa l’obiettivo di andare a sanare dei comportamenti irregolari o illeciti dei contribuenti e, in particolare, riguarda gli errori fatti nelle dichiarazioni dei redditi.

I più condivisi

Lettera di dimissioni: modulo ed iter da seguire

persona intenta a scrivere una lettera di dimissioni

Da qualche anno è entrato in vigore un decreto Interministeriale relativo alle procedure per presentare le dimissioni volontarie. 

Organigramma aziendale: creare e leggere una struttura organizzativa

Organigramma aziendale

Due o più persone che collaborino insieme per raggiungere un obiettivo necessitano di un’organizzazione aziendale per coordinarsi. Il termine organizzazione indica il set di strumenti che influenza ed indirizza i comportamenti affinché le persone raggiungano gli obiettivi prefissati.

Realizzare biglietti da visita personalizzati per il proprio lavoro

Immagine d'esempio usata nell'articolo Realizzare biglietti da visita personalizzati per il proprio lavoro

Quando ci si dedica alla progettazione e alla realizzazione di biglietti da visita personalizzati, è molto importante puntare sulla professionalità del risultato, perché anche il più banale errore rischia di disorientare e ingannare i destinatari di quei biglietti. Al giorno d'oggi è davvero semplice provvedere alla stampa dei biglietti in completa autonomia grazie alle tipografie online, ma è fondamentale essere attenti e meticolosi per non incappare in gravi sbagli. 

Leggi anche...

Previdenza sociale: quali e quanti soggetti deve tutelare?

previdenza sociale

Il conseguimento di una buona pensione è un aspetto importante e molto considerato da tutti i lavoratori italiani. Per tutelare il lavoratore in materia di pensione e invalidità; esiste infatti la previdenza sociale.

Leggi anche...

Attestato sulla sicurezza sul lavoro: perché frequentare dei corsi conviene?

nuovi corsi sulla sicurezza sul lavoro

I corsi per la sicurezza sul lavoro vengono proposti in tutta Italia da tantissime organizzazione e da enti sparsi sul nostro territorio: ogni percorso formativo è, solitamente, caratterizzato da una parte teorica e da un apprendimento pratico, fondamentale per comprendere alla perfezione manovre e strategie necessarie per preservare sicurezza e salute sul luogo di lavoro

Ti diamo il benvenuto. Chiediamo il tuo consenso per utilizzare i tuoi dati personali per annunci e contenuti personalizzati, valutazione degli annunci e del contenuto, osservazioni del pubblico e sviluppo di prodotti. Archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo. I tuoi dati personali verranno elaborati da fornitori terzi e le informazioni raccolte dal tuo dispositivo (come cookie, identificatori univoci e altri dati del dispositivo) possono essere condivise con questi ultimi, da loro visualizzate e memorizzate, oppure essere usate nello specifico da questo sito o questa app. Alcuni fornitori potrebbero trattare i tuoi dati personali sulla base dell'interesse legittimo, al quale puoi opporti gestendo le tue opzioni qui sotto. Cerca nella parte inferiore di questa pagina o nelle nostre norme sulla privacy un link che ti permette di ritirare il consenso.