Il Pin INPS Online è un codice personale di identificazione con il quale il cittadino può accedere telematicamente ai servizi online dell’INPS. Per ottenere il codice PIN occorre seguire una procedura che trasforma il PIN ordinario e in PIN dispositivo. Cosa significa? Approfondisci la lettura per saperne di più.

Permette al cittadino di consultare online una serie di informazioni che lo riguardano come la situazione pensionistica, la Gestione Separata pubblica o privata e così via. Per richiedere il PIN online dell’INPS – o PIN ordinario da 16 caratteri– la procedura da seguire è la seguente:

  • Si effettua una richiesta online o tramite modulo da ritirare nelle sedi territoriali;
  • deSe si effettua la procedura online, durante il primo accesso l’utente riceve la prima parte del codice di 8 caratteri;
  • L’INPS provvede a inviare al domicilio la seconda parte del codice con i restanti 8 caratteri;
  • Il nuovo PIN di 16 caratteri generato dovrà essere utilizzato per tutti i successivi accessi al sito.

Serve a consultare i dati riguardo la propria posizione contributiva e la propria pensione.

Se l’utente desidera richiedere prestazioni specifiche o accedere a benefici che gli spettano dovrà fare richiesta del PIN dispositivo. Per ottenere il PIN dispositivo sarà necessario inviare una richiesta scritta online o tramite fax con copia di un proprio documento di identità in corso di validità oppure recarsi personalmente presso una delle sedi INPS del territorio di competenza.

Modalità di richiesta prima e dopo della Revoca del Pin INPS

Si può richiedere nei modi seguenti:

  • Recandosi personalmente presso una sede e presentando il modulo di richiesta con una copia del documento di identità valido (in questo caso il numero è direttamente di tipo dispositivo);
  • Online, tramite procedura guidata;
  • Tramite Contact Center telefonando al numero verde INPS 803 164 (da telefono fisso) o 06 164 164 (da cellulare).

Le credenziali ricevute tramite procedura online o Contact Center è di tipo ordinario.

Come richiederlo online 

Le credenziali che si richiedono recandosi direttamente nelle sedi è immediatamente di tipo dispositivo per accedere alla più ampia gamma possibile di servizi INPS. La procedura è la seguente:

  • Ci si reca presso la sede muniti di documento valido di identità;
  • Si compila il modulo di richiesta del numero (il modello MV35 “Richiesta assegnazione codice dispositivo per il cittadino in sede ”;
  • Si consegna il modulo compilato unitamente al proprio documento di identità;
  • L’operatore allo sportello verifica l’identità e avvia la procedura di assegnazione del PIN;
  • L’operatore consegna il codice in busta chiusa al richiedente.

Come richiederlo tramite procedura telematica

Revoca Pin INPS

Quello richiesto online è di tipo ordinario e consente di accedere solo ad alcuni servizi INPS online. la procedura da seguire è la seguente:

  • Accedere al sito inps.it;
  • Entrare nella sezione “Richiesta PIN online”;
  • Seguire la procedura guidata inserendo i dati richiesti;
  • Al termine della procedura, il sistema consegna all’utente i primi 8 caratteri del PIN che saranno inviati anche tramite e-mail o sms;
  • La seconda parte del PIN – i secondi 8 caratteri – saranno inviati in busta chiusa per posta ordinaria all’indirizzo di residenza indicato durante la procedura di richiesta;
  • Ricevuto il nmero INPS completo di 16 caratteri, l’utente dovrà effettuare un primo accesso al sito dell’INPS seguendo nuovamente le istruzioni a schermo.
  • Al termine della procedura guidata, il sistema rilascia in nuovo PIN ordinario di 8 caratteri.

Tramite Contact Center

Può essere richiesto anche contattando il call center utilizzando il numero verde sia da telefono fisso che cellulare. La procedura è la seguente:

  • Comporre il numero verde (06 164 164 per cellulari o 803 164 per telefoni fissi);
  • selezionare il servizio di richiesta numero con operatore;
  • fornire all’operatore i propri dati (nome e cognome, codice fiscale, indirizzo di residenza, recapiti telefonici e e-mail);
  • l’operatore in base ai dati forniti attiva la procedura di creazione, assegnazione e validazione del PIN;
  • al termine della procedura, l’operatore comunica i primi 8 caratteri del PIN che saranno trasmessi anche via e-mail e sms;
  • i secondi 8 caratteri per comporre il PIN da 16 caratteri arrivano in busta chiusa all’indirizzo di residenza indicato;
  • dopo aver ottenuto il PIN completo di 16 caratteri, occorre effettuare un primo accesso al sito inps.it;
  • seguire la procedura guidata al termine della quale verrà rilasciato un nuovo codice ordinario da 8 caratteri.

Revoca del Pin INPS: cosa fare se lo si smarrisce? 

Se dovessimo smarrire il nostro numero niente paura perché l’ente ha previsto ovviamente una procedura di ripristino del Pin. Quindi, non diamo di matto dopo aver seguito tutta la procedura per il rilascio del codice identificativo dell’ente se per caso dopo qualche tempo non riusciamo più a trovarlo, perchè l’Inps mette a disposizione dei suoi utenti due diverse funzioni molto utili in caso di difficoltà: il ripristino e la revoca del PIN Inps. Per ripristinare il nostro codice, dovremo identificarci con il nostro codice fiscale e due recapiti, quelli forniti al momento  della richiesta, per poi scegliere la funzione “ripristina PIN”. A questo punto i primi 8 dei 16 caratteri del Pin verranno spediti al primo recapito e i rimanenti 8 al secondo. Nel caso in cui non abbiamo fornito i recapiti al momento della registrazione, dovremo procedere alla revoca del codice tramite la tessera sanitaria utilizzando l’apposita funzione del sito e richiedere così un nuovo codice identificativo. Una volta revocato, infatti, potremo chiedere un nuovo codice. 

Come accedere ai servizi INPS Online tramite credenziali SPID o CNS (in caso di revoca)

Oltre ad accedere ai servizi INPS Online tramite il PIN ordinario o dispositivo, è possibile consultare la propria posizione contributiva e pensionistica tramite l’utilizzo delle credenziali SPID di secondo livello oppure tramite la Carta Nazionale dei Servizi o CNS.

L’accesso ai servizi online tramite credenziali SPID o CNS è attivo dal 21 luglio 2017 e la loro valenza è pari a quello di un accesso tramite PIN dispositivo.

App Mobile

Il Pin è prezioso anche per utilizzare le molte funzioni dell’app mobile Inps che può essere facilmente scaricata direttamente sul nostro smartphone. Grazie all’applicazione, infatti, l’Inps consente di usufruire di alcuni dei servizi disponibili sul sito. Tra le varie funzionalità dell’app, di recente è stata aggiunta quella relativa ai “pagamenti riscatti ricongiunzione e rendite”. Direttamente dal mobile, quindi, possiamo pagare questi contributi, utilizzando la nostra carta di credito. Sempre sull’applicazione si possono consultare tutte le informazioni relative alla propria posizione contributiva presenti anche sul portale dell’ente, così come le comunicazioni intercorse tra l’Inps e l’utente. Inoltre, da mobile abbiamo a disposizione anche la modulistica. Un’ultima funzione molto interessante disponibile sullo smartphone è la ricerca geolocalizzata, che consente quindi di vedere i punti di pagamento “Reti Amiche”. 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Autocandidatura: come proporre la propria candidatura di lavoro

come fornire un autocandidatura

L’era di internet permette diverse modalità di candidatura delle offerte di lavoro. Nel caso la propria candidatura sia in risposta ad un annuncio di lavoro è possibile inviare il proprio curriculum vitae e la lettera di accompagnamento via mail.

Pensione sociale: requisiti. Come funziona il tutto?

Immagine esemplificativa dell'assistente sociale grazie alla quale si potrà ottenere la pensione sociale

La pensione sociale corrispondeva all’impegno dello Stato di garantire un sostegno economico ai cittadini che necessitavano di mezzi concreti per la sopravvivenza. Non richiedeva requisiti assicurativi o contributivi. La pensione è stata riconosciuta (in base ai requisiti) ai cittadini che ne hanno fatto domanda entro il 1995.

Contratto di lavoro a tempo indeterminato: tutto sull'argomento

contratto di lavoro a tempo indeterminato

Esistono infatti diverse forme di contratti di lavoro. C’è quello a tempo determinato, quello di collaborazione occasionale e il Co.Co.pro. Il più ambito tra le tipologie di contratti lavorativi però, nonché quello solitamente più utilizzato dai datori di lavoro, è sicuramente il contratto di lavoro a tempo indeterminato.

I più condivisi

Calcolo dell'ISEE online: ecco come procedere per non sbagliare

Calcolo ISEE online

L’acronimo ISEE significa "Indicatore di Situazione Economica Equivalente". Con il calcolo ISEE si definisce la condizione economica di un singolo o di un nucleo familiare. 

Inps modulistica online e attività dell'Ente: vediamo tutto nel dettaglio

Inps modulistica

Il sito dell'Inps dispone di un'assistenza virtuale, utile a guidare l'utente tra i vari moduli Inps presenti all'interno del portale e ad aiutarlo nella compilazione degli stessi. Il servizio di modulistica Inps è molto comodo soprattutto se si è impossibilitati a recarsi presso gli uffici più vicini al luogo di residenza a recuperare i moduli cartacei.

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

Leggi anche...

Anticipo pensionistico: l'Ape social a carico dello Stato

Imagine sull'anticipo pensionistico

La Pensione, come tutti noi ben sappiamo, è l’insieme di contributi che abbiamo versato nel corso dei decenni che ci vengono riconosciuti in parte e ci permettono nella vecchiaia di avere un sussidio economico per continuare ad avere uno stile di vita quanto meno dignitoso. 

Leggi anche...

Contratto a intermittenza: in cosa consiste esattamente?

tipologia di contratto ad intermittenza

Il contratto a intermittenza (detto anche “a chiamata” oppure “job on call”) è regolamentato dagli articoli 33-40 del decreto legislativo 276/03 modificato in parte dalla legge 92/2012. Il lavoratore si presta a offrire le proprie prestazioni per periodi specifici e stabiliti durante la settimana, il mese o l'anno, dedicandosi ad attività di natura saltuaria.