Da quando le tradizionali buste di plastica sono diventate a pagamento, i brand hanno capito di poter sfruttare questo evento per produrre dei sacchetti personalizzati, spesso riutilizzabili, per poter aumentare la visibilità della propria azienda. Sacchetti personalizzati per le aziende: non solo un vezzo, ma un vero e proprio strumento di marketing, in grado di veicolare già dalla confezione la qualità e le caratteristiche di un prodotto.

Soprattutto negli ultimi anni i brand hanno iniziato a investire nelle buste personalizzate che variano sia per estetica e design che per qualità del materiale. Hanno la caratteristica di poter essere utilizzate (e riutilizzate!) in diverse occasioni, presentandosi come un biglietto da visita che riporta le principali informazioni del brand.

Il settore dei sacchetti personalizzabili è così in espansione che ormai sono numerose le aziende specializzate e altamente professionali che si sono dedicate soltanto alla personalizzazione di sacchetti e altri gadget per i brand che desiderano fare una buona campagna di marketing di stampa.

Come creare dei sacchetti con il proprio logo

shopping.jpg

Per creare una shopper personalizzata ci sono alcuni elementi che devono essere necessariamente presenti. Ad esempio il logo è essenziale, essendo un elemento grafico attira di più l’attenzione rispetto al solo slogan

In base poi agli articoli e ai prodotti che vende cambierà anche la scelta di colori e dimensioni  del sacchetto. 

Nel caso si tratti di un’azienda molto affermata, il semplice uso di colori che richiamino il logo rappresenta una pubblicità efficace. Ad esempio una borsa rossa con le scritte bianche tondeggianti può essere associata al marchio della Coca Cola.

Oltre alle scelte più tradizionali, esistono altre soluzioni creative che sono in grado di attirare l’attenzione del passante. E’ in questo modo che si crea un circuito in cui il cliente che gira in città con la tua busta shopper personalizzata farà da pubblicità (gratis) al tuo brand suscitando la curiosità delle persone che potrebbero essere futuri clienti. 

I vantaggi di una shopper unica

Per utilizzare il sacchetto personalizzato come parte della propria campagna di marketing, l’azienda deve capire che una shopper, in questo caso, non serve solo per trasportare gli acquisti.

È qualcosa che nel momento in cui arriva in mano al cliente si trasforma in un’occasione importante per stringere con lui un contatto ancora più stretto.

I vantaggi dell’utilizzo di sacchetti personalizzati per il proprio brand sono tanti, non a caso sono usati da numerose aziende:

  • Le shopper personalizzate sono spesso usate nelle fiere per consegnare al pubblico materiale promozionale, opuscoli e gadget. Maggiore è la qualità delle shopper personalizzate più elevata sarà la visibilità e l’affidabilità del marchio;
  • Con le buste shopper personalizzate puoi costruire la corporate identity, cioè per dire al cliente quali sono i valori in cui credi. In base al materiale che scegli, ad esempio, puoi far capire se sei un brand ecologico o di lusso;
  • Le shopper personalizzate possono aiutare a diversificarsi dai competitor;
  • Stampando sulle buste gli indirizzi del negozio si può saltare l’operazione di applicazione manuale delle etichette su ogni busta da spedire. O si possono stampare, nel periodo di saldi, i prodotti in promozione così da trasformare la borsa in un volantino.

Un esempio di shopper personalizzata? Questa qui sotto, presa dal sito dell’azienda Sacchetti di Tessuto.

busta in tessuto realizzata da Sacchetti Di Tessuto

Quali tipologie di shopper personalizzate

Scegliere di personalizzare i sacchetti con il proprio brand è una scelta che richiede creatività e professionalità. Il sacchetto deve rispecchiare l’azienda, deve essere gradevole alla vista, accattivante e suscitare interesse. In tal modo sono tante le scelte che si possono fare:

  • shopper tematiche: personalizzare i sacchetti in base ai vari periodi dell’anno, ad esempio per il periodo natalizio o di Halloween; 
  • shopper di lusso: per le boutique e i marchi di lusso c’è bisogno di investire di più in sacchetti che abbiano design e colori eleganti e materiali costosi;
  • shopper bio: hanno costi minori ma raccontano molto bene un valore della tua azienda, sono la garanzia dell'ecogenicità della tua azienda ed è un prodotto molto ricercato tra i clienti più attenti all’ambiente. Il materiale più usato per realizzarle è la carta riciclata KRAFT.
  • shopper deluxe: insieme ai sacchetti personalizzati normali è importante produrne una tipologia deluxe, cioè un po’ più costosa e più lussuosa da regalare ai clienti più affezionati. In questo modo, premiando i clienti più fedeli e rendendoli felici, questi useranno di più la shopper continuando ad aumentare il valore del tuo brand

Oltre a queste macro-categorie c’è poi la possibilità di scegliere il tipo di materiale: carta, plastica, juta. Si possono scegliere varie dimensioni o ancora i possono scegliere tipi diversi di manici. Le combinazioni sono infinite.





Potrebbe interessarti

Calcolo ISEE: come richiederlo online?

il calcolo dell'isee è possibile richiederlo on line

L’acronimo ISEE significa "Indicatore di Situazione Economica Equivalente". Con il calcolo ISEE si definisce la condizione economica di un singolo o di un nucleo familiare. 

Ape Social: l’anticipo pensionistico a carico dello Stato

Imagine sull'anticipo pensionistico

Dopo aver terminato gli studi ognuno di noi comincia l’infinito percorso lavorativo che ci trasporta dalla giovane età dei vent’anni circa alla veneranda dei sessanta e al conseguimento della famosa pensione

Il distacco del lavoratore: conoscere le norme

il distacco del lavoratore

Il distacco del lavoratore è, in modo molto semplice, “il prestito” di un lavoratore da un’azienda ad un altro datore di lavoro. Le parti sono cosi denominate:

Come presentarsi ai colloqui di lavoro? Non solo consigli sull'abbigliamento!

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Preavviso dimissioni: numero di giorni e casi particolari

Quando il rapporto di lavoro si interrompe per volontà del lavoratore questi deve rassegnare le proprie dimissioni, con il dovuto preavviso, compilando un'apposita lettera (per approfondire il discorso sulla lettera in questione c'è anche un buon testo su Amazon che ci sentiamo di raccomandarvi). Le dimissioni hanno effetto dal momento in cui il datore di lavoro ne viene a conoscenza (non è richiesta l’accettazione). 

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Lavoro cameriere: tutto ciò che c'è da sapere

Se non avete paura di turni piuttosto lunghi e vi piace stare in mezzo alla confusione e alla gente, allora troverete di vostro gradimento l'articolo che presentiamo oggi.

Contratto cococo: ancora conviene?

Il contratto di collaborazione coordinata e continuativa (Co.Co.Co) esiste ancora oppure no? A seguito dell'entrata in vigore del D.Lgs 276/03, c.d. riforma Biagi, dal 24 ottobre 2003 non è più possibile, salvo alcune eccezioni, instaurare rapporti di collaborazione coordinata e continuativa se non sono riconducibili ad un progetto, programma di lavoro o fase di esso.

Lavoro del chimico: tante opportunità in tutto il mondo!

lavorare come chimico

La chimica può essere considerata, così come la fisica, una delle branche della scienza più significative, in quanto tutto ciò che esiste nel mondo, sia esso naturale o artificiale, è costituito da prodotti chimici. 

La retribuzione del contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all’occupazione dei giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Il lavoro di impiegato: la classificazione, i ruoli, i requisiti

Lavoro dell'impiegato è un rapporto di lavoro subordinato. Il lavoro degli impiegati infatti è legato soprattutto alle attività di tipo amministrativo.

Attori per la pubblicità: indicazioni per i casting

diventare attori per pubblicità

Tra le varie professioni legate al mondo dello spettacolo, quella dell'attore pubblicitario fa gola a molti. Soprattutto agli inizi, gli aspiranti artisti che intendono diventare famosi, farsi conoscere e successivamente ottenere parti più importanti in televisione, a teatro e al cinema, intraprendono questa carriera e decidono spesso di fare casting per attori.

Leggi tutto...

Il recupero crediti: come funziona?

il lavoro del recupero crediti

L'attività di recupero crediti consente ad aziende e privati di essere tutelati nei loro diritti, consentendo infatti l'incasso di un credito che non è stato possibile ottenere.

Leggi tutto...
Go to Top