Il Pin INPS Online è un codice personale di identificazione con il quale il cittadino può accedere telematicamente ai servizi online dell’INPS. Per ottenere il codice PIN occorre seguire una procedura che trasforma il PIN ordinario e in PIN dispositivo. Cosa significa? Approfondisci la lettura per saperne di più.

Permette al cittadino di consultare online una serie di informazioni che lo riguardano come la situazione pensionistica, la Gestione Separata pubblica o privata e così via. Per richiedere il PIN online dell’INPS – o PIN ordinario da 16 caratteri– la procedura da seguire è la seguente:

  • Si effettua una richiesta online o tramite modulo da ritirare nelle sedi territoriali;
  • Se si effettua la procedura online, durante il primo accesso l’utente riceve la prima parte del codice di 8 caratteri;
  • L’INPS provvede a inviare al domicilio la seconda parte del codice con i restanti 8 caratteri;
  • Il nuovo PIN di 16 caratteri generato dovrà essere utilizzato per tutti i successivi accessi al sito.

Serve a consultare i dati riguardo la propria posizione contributiva e la propria pensione.

Se l’utente desidera richiedere prestazioni specifiche o accedere a benefici che gli spettano dovrà fare richiesta del PIN dispositivo. Per ottenere il PIN dispositivo sarà necessario inviare una richiesta scritta online o tramite fax con copia di un proprio documento di identità in corso di validità oppure recarsi personalmente presso una delle sedi INPS del territorio di competenza.

Scade ogni 6 mesi – mentre quello assegnato agli intermediari scade ogni tre mesi. Se risulta scaduto, occorre seguire una procedura online guidata per richiedere un nuovo codice.

Modalità di richiesta 

Immagine esemplificativa contenuta nell'articolo Servizi online INPS: cos’è e come funziona il Pin che hai in dotazione?

Si può richiedere nei modi seguenti:

  • Recandosi personalmente presso una sede e presentando il modulo di richiesta con una copia del documento di identità valido (in questo caso il numero è direttamente di tipo dispositivo);
  • Online, tramite procedura guidata;
  • Tramite Contact Center telefonando al numero verde INPS 803 164 (da telefono fisso) o 06 164 164 (da cellulare).

Le credenziali ricevute tramite procedura online o Contact Center è di tipo ordinario.

Come richiederlo online 

Le credenziali che si richiedono recandosi direttamente nelle sedi è immediatamente di tipo dispositivo per accedere alla più ampia gamma possibile di servizi INPS. La procedura è la seguente:

  • Ci si reca presso la sede muniti di documento valido di identità;
  • Si compila il modulo di richiesta del numero (il modello MV35 “Richiesta assegnazione codice dispositivo per il cittadino in sede ”;
  • Si consegna il modulo compilato unitamente al proprio documento di identità;
  • L’operatore allo sportello verifica l’identità e avvia la procedura di assegnazione del PIN;
  • L’operatore consegna il codice in busta chiusa al richiedente.

Come richiederlo tramite procedura telematica

Quello richiesto online è di tipo ordinario e consente di accedere solo ad alcuni servizi INPS online. la procedura da seguire è la seguente:

  • Accedere al sito inps.it;
  • Entrare nella sezione “Richiesta PIN online”;
  • Seguire la procedura guidata inserendo i dati richiesti;
  • Al termine della procedura, il sistema consegna all’utente i primi 8 caratteri del PIN che saranno inviati anche tramite e-mail o sms;
  • La seconda parte del PIN – i secondi 8 caratteri – saranno inviati in busta chiusa per posta ordinaria all’indirizzo di residenza indicato durante la procedura di richiesta;
  • Ricevuto il nmero INPS completo di 16 caratteri, l’utente dovrà effettuare un primo accesso al sito dell’INPS seguendo nuovamente le istruzioni a schermo.
  • Al termine della procedura guidata, il sistema rilascia in nuovo PIN ordinario di 8 caratteri.

Tramite Contact Center

Può essere richiesto anche contattando il call center utilizzando il numero verde sia da telefono fisso che cellulare. La procedura è la seguente:

  • Comporre il numero verde (06 164 164 per cellulari o 803 164 per telefoni fissi);
  • selezionare il servizio di richiesta numero con operatore;
  • fornire all’operatore i propri dati (nome e cognome, codice fiscale, indirizzo di residenza, recapiti telefonici e e-mail);
  • l’operatore in base ai dati forniti attiva la procedura di creazione, assegnazione e validazione del PIN;
  • al termine della procedura, l’operatore comunica i primi 8 caratteri del PIN che saranno trasmessi anche via e-mail e sms;
  • i secondi 8 caratteri per comporre il PIN da 16 caratteri arrivano in busta chiusa all’indirizzo di residenza indicato;
  • dopo aver ottenuto il PIN completo di 16 caratteri, occorre effettuare un primo accesso al sito inps.it;
  • seguire la procedura guidata al termine della quale verrà rilasciato un nuovo codice ordinario da 8 caratteri.

Cosa fare se lo si smarrisce? 

Se dovessimo smarrire il nostro numero niente paura perché l’ente ha previsto ovviamente una procedura di ripristino del Pin. Quindi, non diamo di matto dopo aver seguito tutta la procedura per il rilascio del codice identificativo dell’ente se per caso dopo qualche tempo non riusciamo più a trovarlo, perchè l’Inps mette a disposizione dei suoi utenti due diverse funzioni molto utili in caso di difficoltà: il ripristino e la revoca del PIN Inps. Per ripristinare il nostro codice, dovremo identificarci con il nostro codice fiscale e due recapiti, quelli forniti al momento  della richiesta, per poi scegliere la funzione “ripristina PIN”. A questo punto i primi 8 dei 16 caratteri del Pin verranno spediti al primo recapito e i rimanenti 8 al secondo. Nel caso in cui non abbiamo fornito i recapiti al momento della registrazione, dovremo procedere alla revoca del codice tramite la tessera sanitaria utilizzando l’apposita funzione del sito e richiedere così un nuovo codice identificativo. Una volta revocato, infatti, potremo chiedere un nuovo codice. 

Come accedere ai servizi INPS Online tramite credenziali SPID o CNS

Oltre ad accedere ai servizi INPS Online tramite il PIN ordinario o dispositivo, è possibile consultare la propria posizione contributiva e pensionistica tramite l’utilizzo delle credenziali SPID di secondo livello oppure tramite la Carta Nazionale dei Servizi o CNS.

L’accesso ai servizi online tramite credenziali SPID o CNS è attivo dal 21 luglio 2017 e la loro valenza è pari a quello di un accesso tramite PIN dispositivo.

App Mobile

Il Pin è prezioso anche per utilizzare le molte funzioni dell’app mobile Inps che può essere facilmente scaricata direttamente sul nostro smartphone. Grazie all’applicazione, infatti, l’Inps consente di usufruire di alcuni dei servizi disponibili sul sito. Tra le varie funzionalità dell’app, di recente è stata aggiunta quella relativa ai “pagamenti riscatti ricongiunzione e rendite”. Direttamente dal mobile, quindi, possiamo pagare questi contributi, utilizzando la nostra carta di credito. Sempre sull’applicazione si possono consultare tutte le informazioni relative alla propria posizione contributiva presenti anche sul portale dell’ente, così come le comunicazioni intercorse tra l’Inps e l’utente. Inoltre, da mobile abbiamo a disposizione anche la modulistica. Un’ultima funzione molto interessante disponibile sullo smartphone è la ricerca geolocalizzata, che consente quindi di vedere i punti di pagamento “Reti Amiche”. 





Potrebbe interessarti

Il calcolo del TFR: ti sveliamo nel dettaglio come procedere

Il calcolo del TFR

Vuoi lasciare il tuo lavoro? Allora ti consigliamo di leggere i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni. Dopo queste letture potrai concentrarti sulla tua buona uscita.

La comunicazione di licenziamento alla Colf: ecco come e quando farla

comunicazione di licenziamento alla colf

I lavoratori addetti ai servizi domestici sono denominati colf, ovvero collaboratori familiari. Possono svolgere varie mansioni presso il datore di lavoro domestico: camerieri, badanti, cuochi, giardinieri, baby sitter, precettori.

Previdenza sociale: quali e quanti soggetti deve tutelare?

Immagine esemplificativa che riguarda l'articolo Previdenza sociale: quali e quanti soggetti deve tutelare?

Il conseguimento di una buona pensione è un aspetto importante e molto considerato da tutti i lavoratori italiani. Per tutelare il lavoratore in materia di pensione e invalidità; esiste infatti la previdenza sociale.

Libretto Formativo del cittadino: scopriamo cos'è

Il Libretto Formativo del cittadino raccoglie e documenta le diverse esperienze di apprendimento e le competenze dei cittadini lavoratori, acquisite in ambito lavorativo e scolastico.

Licenziamento per il contratto a tempo indeterminato

Immagine usata per illustrare l'articolo Licenziamento per il contratto a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Dimissioni senza preavviso: numero di giorni e casi particolari

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Dimissioni senza preavviso: numero di giorni e casi particolari

Le dimissioni hanno effetto dal momento in cui il datore di lavoro ne viene a conoscenza (non è richiesta l’accettazione). 

Le mansioni del cameriere: tutto ciò che c'è da sapere per la professione

Le mansioni del cameriere: tutto ciò che c'è da sapere per la professione

Se non avete paura di turni piuttosto lunghi e vi piace stare in mezzo alla confusione e alla gente, allora troverete di vostro gradimento l'articolo che presentiamo oggi.

Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

Immagine usata nell'articolo Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

La riforma pensioni varata dal Governo Monti prevede che dal 1° gennaio 2012, le anzianità raggiunte dopo il 31 dicembre 2011 saranno calcolate con il sistema di calcolo contributivo.

Scopri la carta ILA e come ottenerla!

La carta ILA (Individual Learning Account) è una carta di credito formativa prepagata nata per finanziare la formazione professionale. La carta è un buono utile a finanziare un iter formativo mirato e adatto alle esigenze e alle aspirazioni professionali di chi la richiede.

Cassa integrazione: ecco come funziona davvero. Scoprilo con noi

Immagine esemplificativa di soldi della cassa integrazione

La cassa integrazione è un intervento dello Stato richiesto dalle aziende o dalle società che hanno gravi difficoltà finanziare e si concede per un periodo di tempo limitato. Il fine della cassa integrazione è quello di aiutare il titolare dell'azienda a risanare la sua situazione economica, in maniera da evitare la chiusura dell’attività e una conseguente perdita del lavoro, di coloro che avevano impiego nell’azienda. Esistono 2 differenti tipi di cassa integrazione, l'ordinaria e la straordinaria.

Leggi anche...

Assegno di maternità: informazioni e requisiti per farne richiesta

Immagine d'esempio usata nell'articolo Assegno di maternità: informazioni e requisiti per farne richiesta

La Maternità il momento in cui forse la burocrazia è l'ultimo dei pensieri, eppure è necessario pensare anche a quello. Probabilmente per alleggerire questi momenti una buona lettura potrebbe essere la soluzione! Ecco per i le nostre lettrici un consiglio per rendere i mesi della gravidanza più confortanti:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi nel mare di proposte

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavorare nel mondo della musica: guadagna per mezzo della tua passione!

il sogno di lavorare con la musica

Non tutti siamo nati per essere degli impiegati o per fare gli operai. C'è chi ha un'indole di artista e desidera lavorare nel settore musica- danza. Oggi il mercato del lavoro è complesso a prescindere dal settore, ma chi è spinto da una grande passione “sopporta” più facilmente la gavetta e il periodo di formazione.

Leggi tutto...
Go to Top