L’uso di particolari scarponcini o calzature è un obbligo per chi nello svolgimento della propria attività è maggiormente soggetto a infortuni.

A stabilirlo è la normativa sull’abbigliamento da lavoro, oggi regolamentato dal D. Lgs. n. 81 del 2008, ex legge 626/94, che certifica in quali settori è necessario indossare un certo tipo di abbigliamento, necessario per proteggere il lavoratore dai rischi che coinvolgono salute e sicurezza.

La legge entra nel merito dei cosiddetti DPI, ovvero dispositivi di protezione individuale, stabilendo qual è l’abbigliamento più sicuro, che il datore di lavoro deve fornire ai suoi dipendenti per evitare di esporli a gravi rischi.

Scarpe antifortunistiche e calzature da lavoro

In tema di sicurezza svolgono un ruolo determinante le cosiddette scarpe antinfortunistiche, particolari scarponcini o calzature, che a prima vista è difficile distinguere da un semplice paio di scarpe da ginnastica, o da trekking.

Si tratta di scarpe comode ma soprattutto sicure, indispensabili per proteggere quotidianamente chi lavora in ambiti specifici.

Le scarpe antinfortunistiche, per essere considerare tali, devono rispondere a determinate caratteristiche ed essere antistatiche, avere suole antishock, puntale di sicurezza, e suola antiscivolo resistente agli oli minerali. Una scarpa sicura deve disporre di una tomaia rigorosamente idrorepellente, inoltre per garantire la massima sicurezza sul lavoro è necessaria  la presenza  della  lamina anti foro.

I piedi esposti ai rischi durante il lavoro

I piedi durante il lavoro possono essere esposti a rischi di diverso genere dalle ustioni allo schiacciamento, dalle punture alle lesioni da sostanze caustiche.

Al pari dell’uso di caschetti e occhiali, le scarpe a maggior protezione devono essere indossate da elettricisti, muratori, manovali, operai, e da tutta una serie di operatori impegnati nell’ambito della ristorazione o all’interno degli ospedali.

Responsabilità sull’uso delle scarpe antinfortunistiche

scarpe antinfortunistiche

Il datore di lavoro ha l’obbligo di salvaguardare l’integrità fisica del lavoratore a partire dal dovere di vigilare affinché, laddove è necessario, i dipendenti indossino i dispositivi di sicurezza, a partire dalle scarpe antinfortunistiche.

In caso di mancato rispetto degli obblighi, da parte del datore di lavoro, scatta la responsabilità risarcitoria nei confronti del lavoratore. Il datore di lavoro non può dispensare il lavoratore dall’obbligo d’indossare le scarpe protettive, soprattutto quando queste sono un efficace e necessario mezzo di protezione da possibili rischi.

Una volta fornite le scarpe antinfortunistiche il lavoratore è obbligato a indossarle, nel caso in cui si ostini a non farlo, e venga colto in fragranza, può essere colpito da una contestazione disciplinare.

Nel caso si verifichi un infortunio sul lavoro le responsabilità sono del datore di lavoro se non ha fornito i necessari dispositivi di sicurezza, e informato adeguatamente il lavoratore. Laddove invece è il lavoratore, a macchiarsi della colpa di non aver indossato un dispositivo come le scarpe antinfortunistiche, la responsabilità ricade inevitabilmente su di lui. In questa seconda ipotesi  le spese mediche saranno a carico dell’Inail.

Un acquisto sicuro grazie alle vetrine online

Per garantirsi un acquisto sicuro si possono valutare le fornitissime vetrine online, dove acquistare modelli di alta qualità a prezzi estremamente vantaggiosi.

Gli shop online offrono cataloghi con un ampio ventaglio di soluzioni e marche.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Libretto Formativo del cittadino: scopriamo cos'è

Il Libretto Formativo del cittadino raccoglie e documenta le diverse esperienze di apprendimento e le competenze dei cittadini lavoratori, acquisite in ambito lavorativo e scolastico.

Straordinari non pagati: sai cosa fare e a chi rivolgerti?

straordinari non pagati

In questa pagina cerchiamo di rispondere ad un nostro lettore che ci chiede delucidazioni sui Straordinari non pagati.

Live streaming per formazione ed event marketing aziendale di successo

Nei due anni appena trascorsi, la pandemia ha cambiato e rivoluzionato le abitudini lavorative di tutti i settori. Le aziende spesso hanno optato per lo smart working e di conseguenza, anche tutto ciò che riguardava i processi formativi, l’aggiornamento, ha subito un grande cambiamento ed è stato assorbito dal mondo digitale.

Leggi anche...

Globalizzazione economica: elemento positivo o negativo?

Globalizzazione economica

La globalizzazione infatti facilita il lavoro (inteso come produzione e scambio di bene e servizi) con l'uso di varia tecnologia, tuttavia, al tempo stesso, ne determina una profonda modifica, alterandone le modalità di svolgimento da Paese a Paese. In alcuni di questi portando addirittura ad uno sfruttamento della manodopera umana, al fine di una maggiore produzione di beni, sempre più richiesti, e all'ottenimento di minori tempi di consegna.

Leggi anche...

Lavorare nella moda, passione, stile e guadagno: ecco come fare

Per queste professionalità il percorso passa assolutamente attraverso corsi specifici, staccati dalle università, ma piuttosto nati da istituti e istituzioni diverse. Per citarne alcuni, il Polimoda di Firenze, l'Istituto Marangoni di Milano, l'Accademia Italiana di Arte, Moda e Design e, per finire, lo Ied. Molti dei corsi proposti offrono la possibilità di uno stage all'estero ma soprattutto conoscenze concrete e formative.