Il lavoro di commessa è sicuramente uno dei più difficili. Non serve una formazione di studi particolare per essere assunta, ma contano molto la personalità e la predisposizione ai rapporti interpersonali. Questo lavoro può diventare anche stagionale magari per determinati periodi dell’anno, come può essere sotto le feste natalizie o in periodi di saldi.

Requisiti per lavorare in negozio

Per fare un lavoro del genere sono richieste: pazienza, capacità di relazione, capacità di gestire anche il cliente più esigente; oltre ad un carattere solare e una presenza ordinata e a volte piacevole. La pazienza è in particolare una dote che bisogna avere: la clientela è un universo talmente vasto che si trovano tutte le personalità e caratteri possibili. Per questo motivo non è adatto reagire in maniera violenta perchè poi il parere del consumatore può incidere negativamente sull’immagine stessa del negozio. Oggi infatti il passaparola è l’aspetto marketing più di moda e un parere non positivo può danneggiare le vendite e il fatturato del locale. Saper fare buon viso a cattivo gioco può risultare quindi molto utile soprattutto nelle situazioni meno gradevoli e con i clienti più complicati da gestire o da relazionare.

Coloro che vengono assunte per un lavoro di commessa, hanno di solito un contratto che rientra nel CCNL Commercio Tale contratto nazionale infatti interessa i dipendenti del terziario e di: negozi, agenzie, centri commerciali, catene, aziende della new economy, telemarketing e call center.

 

Tipologie di contratto per questa professione

Il contratto per il lavoro di questo tipo può assumere diverse forme

  • a tempo determinato,
  • a tempo indeterminato
  • di apprendistato (dai 16 ai 24 anni),
  • di formazione lavoro.

Livelli e periodo di prova del contratto per le commesse

  • 1° livello dirigenti; periodo di prova massimo 6 mesi;
  • 2° livello dirigenti; periodo di prova massimo 60 giorni;
  • 3° livello impiegati; periodo di prova massimo 60 giorni;
  • 4° livello impiegati; periodo di prova massimo 45 giorni;
  • 5° livello impiegati; periodo di prova massimo 45 giorni;
  • 6° livello operai; periodo di prova massimo 30 giorni;
  • 7° livello operai; periodo di prova massimo 30 giorni.

L'orario per chi svolge il lavoro di commessa è di 40 ore settimanali. Il sabato è considerato giorno di lavoro, cosi come la domenica per alcuni contratti (es. commesse nei centri commerciali). Nei supermercati l’orario è di 38 ore settimanali. Il giorno di riposo è uno ogni sei di lavoro, ma può anche essere diviso in due mezze giornate anche non di domenica.

L'orario di lavoro flessibile

In particolari momenti dell’anno (Natale, Pasqua, Estate) l’azienda può aumentare l’orario settimanale sino a 44 ore alla settimana. Tale periodo con orario aumentato può essere mantenuto per un massimo di 16 settimane. I contratti aziendali di secondo livello possono prevedere orari di 44 ore per 24 settimane. In questi casi anche il monte ore relativo ai permessi aumenta.

Tutti i riposi e i giorni di ferie maturati nel corso dell'anno anche per via della flessibilità dell'orario di lavoro devono essere “goduti” entro la fine dell'anno oppure l'azienda è obbligata a pagare le ore straordinarie entro il 31 dicembre dell’anno successivo.

Consigli e suggerimenti durante il lavoro

Questo lavoro come detto ad inizio articolo non è assolutamente semplice e una qualità da avere senza dubbio è la cortesia e la gentilezza. Quando entra un cliente nel negozio, non bisogna stargli subito addosso e seguirlo passo passo perchè questo potrebbe infastidirlo e non farlo più invogliare a comprare. Essi infatti preferiscono fare prima un giro orientativo per capire cosa e quanti capi d’abbigliamento comprare. Il secondo consiglio è quello di non mettere fretta al cliente, spedendolo subito in cassa o ripiegando immediatamente ciò che lui/lei si è provato. Questo può dare l’impressione al cliente che lo si vuole mandare via dal negozio invece bisogna saperlo coccolare. Un bravo commesso poi può riuscire a far comprare un altro capo al cliente da abbinare a qualcosa che lo stesso ha già deciso di acquistare. Questo dipende però molto dall’operato del dipendente, dalla sua abilità comunicativa e di persuasione. Infine, bisogna saper riconoscere che tipo di clientela abbiamo di fronte: c’è quello indeciso che si affida completamente ai consigli e ai suggerimenti del personale, colui invece che è sicuro di se stesso e sa già bene cosa comprare e quanto spendere, infine quello che non bada a spese, entrando nei negozi soltanto per acquistare qualcosa. Da tutte queste considerazioni si deduce che questo lavoro non è semplice e che essere una venditore o venditrice non è da tutti: bisogna saperci fare con la clientela, saper usare le giuste parole e sapersi comportare nella maniera adatta. A volte infatti si tratta un talento nascosto che si scopre solo con il tempo.

Come scegliere la persona giusta

Se invece vi trovate dall’altra parte e state cercando di capire come scegliere la persona migliore da assumere, cercheremo di darvi i consigli giusti, in maniera tale da trovare il modo migliore per valorizzare il vostro negozio.
Per prima cosa, dal punto di vista professionale, è importante capire che le competenze non sono l’unico fattore importante da analizzare, certo è necessario che la persona che intendete assumere sia in grado di svolgere coerentemente il proprio lavoro, ma è altrettanto necessario che sia in grado di acquistare la vostra fiducia: se vi fidate dei vostri dipendenti e loro di voi, l’intera attività commerciale ne risulterà avvantaggiata.
Quindi ecco quelli che secondo noi sono gli elementi da valutare:

  • Atteggiamento e naturalezza: cercate di comprendere il loro modo di porsi nei confronti altrui;
  • Sorriso: per una commessa che deve accogliere i clienti in negozio il sorriso è sicuramente il biglietto da visita, lei rappresenta in quel momento il volto del vostro negozio ed è quindi necessario che sia un volto solare ed accogliente;
  • Sicurezza ed autostima: una persona ben disposta nei propri confronti e fiduciosa delle proprie capacità saprà sicuramente mettersi in gioco più facilmente ed affrontare ogni tipologia di cliente, dal più riservato al più schietto, sempre nel totale rispetto;
  • Affidabilità: verificate, durante il periodo di prova, che la persona sia puntuale, che sia in grado di  ricordare quali compiti deve svolgere, che sia presente con mente e corpo e che quindi risulti appassionata;
  • Umiltà: non è sempre facile comprendere se una persona sia umile o meno, ma è importante cercare di farlo perché si tratta di un elemento fondamentale nella creazione di un rapporto di lavoro sano e costruttivo, soprattutto per evitare che la persona si ponga davanti agli altri e destabilizzi l’equilibrio lavorativo necessario;
  • Voglia di crescere ed imparare: cercate una persona che sia motivata e che non sia venuta da voi solo perché non ha trovato niente di meglio, cercate di capire se si tratti o meno di una persona con la voglia di imparare e formarsi;
  • Che sappia prendere l’iniziativa: la commessa migliore che possiate assumere è sicuramente quella in grado di migliorare, con il tempo, le modalità di esecuzione del lavoro che le avete indicato;
  • Che si concentri sulle soluzioni: assumete una persona che si lamenta poco e cerca la soluzione ai problemi che possono presentarsi nel corso del lavoro.

Insomma, si tratta di un’analisi complessa e difficile da svolgere in tempi brevi, ma una volta attuati non ve ne pentirete.





Potrebbe interessarti

Lavoro congruo: scopriamo insieme le norme a favore dei lavoratori

La circolare del ministero del lavoro nr. 39 del 19 novembre 2010 esige, mediante l'articolo 19 del decreto legge 185/2008, l'obbligo per il lavoratore che percepisce una prestazione di sostegno al reddito di dichiararsi disponibile a una nuova attività, nota anche come lavoro congruo, oppure a un percorso di riqualificazione professionale, per percepire gli incentivi statali.

Calcolo dello stipendio netto: saper interpretare la tua retribuzione

Il calcolo del nostro stipendio (il valore netto) è un'attività da compiere in fase preventiva rispetto alla firma di un qualsiasi contratto di lavoro. Può succedere infatti che, durante il colloquio di lavoro o addirittura al momento della firma del protocollo d'intesa, i termini contrattuali non siano del tutto chiari. 

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Facoltà di Scienze Umanistiche: quali sono gli sbocchi lavorativi?

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Facoltà di Scienze Umanistiche

La Facoltà di Scienze Umanistiche mira ad offrire una formazione umanistica aggiornata con l’ausilio delle metodologie più moderne, con l'intenzione di condurre gli studenti ad attivare un occhio critico per guardare il mondo contemporaneo in tutta la sua complessità e in tutte le sue metamorfosi.

Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

Immagine usata nell'articolo Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

La riforma pensioni varata dal Governo Monti prevede che dal 1° gennaio 2012, le anzianità raggiunte dopo il 31 dicembre 2011 saranno calcolate con il sistema di calcolo contributivo.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

CCNL per i pubblici servizi: vediamo di cosa si tratta

CCNL per i pubblici servizi: vediamo di cosa si tratta

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.

Che cos'è il Job sharing? Scopriamolo assieme

Il termine Job Sharing indica un tipo di contratto di lavoro atipico caratterizzato dalla condivisione dell'attività lavorativa tra due o più soggetti; questi ultimi infatti si suddividono le fasce lavorative di un impiego full time.

La tessera sindacale: la voce del lavoratore

Iscriversi ad un sindacato è un diritto di tutti i lavoratori: possedere una tessera sindacale equivale ad avere una garanzia e un sostegno in tutte le difficili situazioni che si possono presentare nella vita lavorativa.

Lavoro sul web? Trovarlo non sarà poi così difficile

trovare lavoro sul web

La ricerca del lavoro è una missione, un’attività importante che conduce al sondare, vagliare e verificare tutte le offerte di lavoro che si trovano su inserzioni, giornali e canali specializzati, e – nell’era digitale – la ricerca si estende sul web. Ma come trovare lavoro sul web in modo efficace, ma anche rapidamente?

Tasse università a Firenze: quando, come e dove pagarle

Ecco una guida per chi desidera avere informazioni generali circa le tasse università a Firenze e nelle altre università italiane. E’ bene specificare che ogni ateneo e facoltà utilizza degli iter differenti per il pagamento delle rette universitarie. In linea generale però, le università pubbliche seguono le indicazioni riportate di seguito in questa pagina.

Leggi anche...

Lavorare in asilo: tutte le opportunità (dalle maestre alle tagesmutter)

Immagine esemplificativa contenuta nell'articolo Lavorare in asilo: tutte le opportunità (dalle maestre alle tagesmutter)

Nutrire una sana propensione per la cura dei bambini, passione e predisposizione per l’educazione infantile non è sufficiente per convincere un genitore ad affidare la propria prole a mani estranee.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro a Milano: le strategie per trovarlo!

In un periodo in cui trovare lavoro si fa sempre più difficile, cercarlo in una specifica città d'Italia, come Milano, è ancora più arduo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contributi previdenziali: un approfondimento che non puoi perderti

Immagine d'esempio usata nell'articolo Contributi previdenziali: un approfondimento che non puoi perderti

I contributi previdenziali sono pagamenti obbligatori che in Italia si effettuano all'INPS (Settore privato) e all'INPDAP (settore pubblico), al fine di successivamente una prestazione pensionistica.

Leggi tutto...
Go to Top