In questa pagina cerchiamo di rispondere ad un nostro lettore che ci chiede delucidazioni sui Straordinari non pagati.

Mail arrivata alla redazione di AreaLavoro: Salve Laura, vi invio una mail sperando che mi possiate aiutare. Io lavoro in un centro commerciale di una grossa catena ed in un reparto c'e' un capo settore che non in maniera esplicita ma chiara chiede ore di lavoro gratis ( dopo che si è timbrato l'uscita). Questo capo settore che si chiama xxxxx ad uno di noi ha chiesto anche in maniera esplicita di venire per due volte durante le ferie per fare gli ordini della merce, come racconta anche lo stesso ragazzo.

Negli altri reparti non succedono queste cose e la gente non ha problemi di questo tipo, ma questo capo settore cerca di mettersi in luce dimostrando capacità di sottomettere la gente che impaurita dalla possibilità di perdere il posto di lavoro si presta. Tutta questa gente tra l'altro lavora da tanti anni nel centro commerciale e sono tutti a tempo indeterminato.
Anzi in questo periodo stiamo andando meglio perchè prima ci beccavamo pure delle gran parolacce in faccia, appunto in segno di sottomissione ma da quando io sono andato a parlare con il suo superiore c'e' stato un miglioramento seppur minimo.

Volevo chiedere c'e' un modo per fare valere in nostri diritti? durante il nostro orario facciamo il nostro dovere, ma perchè la gente deve fermarsi a lavorare non pagata? adesso gli straordianari sono bloccati come tutti i vari premi aziendali, è questa la nuova frontiera? il lavoro gratis su sottomissione? grazie.

 

Paolo

Autorizzo Perconti Laura a pubblicare questa lettera sul suo sito o presso altri siti. Permetto a Perconti Laura di farne qualsiasi utilizzo. Grazie

Cosa fare in caso di ore di straordinario non pagate

Rispondiamo alla lettera di Paolo cercando di approfondire un po’ il tema degli straordinari non pagati.

Innanzitutto nel caso in cui ci siano degli straordinari non pagati, è bene andare a leggere il CCNL di riferimento. In particolare il CCNL commercio recita:
“gli straordinari ammessi nel limite di 200 ore annuali hanno le seguenti maggiorazioni: 15% dalla 41° alla 48° ora settimanale 20% quelli eccedenti la 48° e devono essere retribuiti.” Capita però che si scelgano delle ore compensative e quindi dovrai lavorare meno ore quante sono le ore di straordinario.

Qualora il lavoratore non percepisca alcun compenso per le ore di straordinario o non sia permesso di compensare tali ore nell’orario di lavoro ordinario, ci sono varie possibilità: sindacati , avvocati, ispettorato del lavoro. Enti a cui rivolgersi per denunciare immediatamente la situazione.

Altri consigli

In caso in cui il lavoratore si trovasse in una situazione di straordinari non pagati, vale quanto detto nella pagina: Mancato pagamento dello stipendio

Prendiamo spunto dall’interessante intervista a Emiliano Mandrone responsabile dell’indagine Plus dell’Isfol fatta pubblicata sul sito MioJob.LaRepubblica.it per fornire qualche dato relativo alla situazione degli straordinari non pagati in Italia:

  • Circa il 45% dei dipendenti svolge ore di straordinario,
  • Le ore di straordinario interessano soprattutto i settori dell’industria e dei servizi alla distribuzione e minore per i servizi alle persone,
  • Le ore di straordinario sono svolte più dai dipendenti full time che dai lavoratori part time, maggiormente nelle aziende del Nord rispetto a quelle del Sud, più tra gli uomini rispetto alle donne e prevalentemente dagli under 30 o 40,
  • Più di un dipendente su dieci viene coinvolto in straordinari non retribuiti.




Potrebbe interessarti

Libretto Formativo del cittadino: scopriamo cos'è

Il Libretto Formativo del cittadino raccoglie e documenta le diverse esperienze di apprendimento e le competenze dei cittadini lavoratori, acquisite in ambito lavorativo e scolastico.

Reddito di cittadinanza requisiti e come usufruirne nel dettaglio

La gioia di ottenere il reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza è uno strumento di sostegno economico a favore delle famiglie che hanno il reddito inferiore alla soglia di povertà. Queste famiglie, si vedranno integrare il reddito dovuto con una specifica somma che permetterà di arrivare fino alla cifra prestabilita checambia a seconda del numero di componenti del proprio nucleo familiare.

Pensione parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Pensione parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Le novità di ICOTEA: la formazione professionale per utenti non vedenti e ipovedenti

Nonostante i considerevoli passi avanti compiuti dal punto di vista normativo, dell'offerta scolastico-formativa, dell'uso della tecnologia nei diversi ambiti esistenziali e della sensibilità generale alle loro problematiche, tali persone vedono il loro percorso di crescita umano e professionale non sempre privo di ostacoli concreti. Tutto ciò nonostante le loro considerevoli capacità di cui sono esempio concreto e che possono offrire e mettere a disposizione della società in generale e della realtà lavorativa in particolare.

Contributi da riscatto: tutte le informazioni!

Il sistema previdenziale italiano prevede che ai fini pensionistici sia possibile coprire, mediante i contributi da riscatto, a proprie spese, dei periodi di studio, lavoro, inattività non soggetti a obbligo assicurativo.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

LA REDAZIONE CONSIGLIA

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Aprire un'attività: quali sono le cose da sapere per diventare imprenditori?

come aprire un attività

Aprire un’impresa è cosa seria; il più delle volte è necessario metter da parte l’entusiasmo e ponderare bene tutte le opzioni. Per prima cosa è necessario scegliere che tipo di impresa si vuole creare, in seguito fare una stima dei costi di avvio e di amministrazione dell’impresa e valutare, se previste, le agevolazioni fiscali e finanziarie per i neo imprenditori.

Gestione di un chiosco sulla spiaggia

L'estate si avvicina e aumenta di giorno in giorno la richiesta di lavori da effettuare unicamente durante i tre mesi stagionali.

Reddito di cittadinanza requisiti e come usufruirne nel dettaglio

La gioia di ottenere il reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza è uno strumento di sostegno economico a favore delle famiglie che hanno il reddito inferiore alla soglia di povertà. Queste famiglie, si vedranno integrare il reddito dovuto con una specifica somma che permetterà di arrivare fino alla cifra prestabilita checambia a seconda del numero di componenti del proprio nucleo familiare.

Offerte lavoro per call center

lavorare in un call centre

Le offerte di cerco lavoro call center si riferiscono al lavoro di telemarketing svolto da operatori e operatrici telefoniche. Le aziende che operano in questo settore svolgono solitamente l'attività di customer service. Ultimamente si è arrivato però a un servizio forse troppo invasivo: nelle abitazioni arrivano decine e decine di telefonate e non è un caso che molte famiglie rispondano stizzite all’ennesima chiamata, anche se capiscono che dall’altro lato della cornetta ci sono persone che lavorano.

Pensione sociale, oggi sostituita dall'assegno: come funziona?

Immagine esemplificativa dell'assistente sociale grazie alla quale si potrà ottenere la pensione sociale

La pensione sociale corrispondeva all’impegno dello Stato di garantire un sostegno economico ai cittadini che necessitavano di mezzi concreti per la sopravvivenza. Non richiedeva requisiti assicurativi o contributivi. La pensione è stata riconosciuta (in base ai requisiti) ai cittadini che ne hanno fatto domanda entro il 1995.

Leggi anche...

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Leggi tutto...

Leggi anche...

Nuovi impieghi “ecosostenibili” per professionisti: l'evoluzione del mercato

L'ecosostenibilità e in generale le energie rinnovabili sono un tema molto caldo sia da un punto di vista ideologico sia lavorativo. Le figure professionali che vengono assorbite oggi in questo settore sono molto più varie rispetto al passato e richiedono competenze sempre più specifiche.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Licenziamento collettivo: scopri le ragioni

il licenziamento collettivo

Anche chi possiede un lavoro e uno stipendio sicuro potrebbe correre il rischio di essere licenziato a causa di motivazioni esterne alla sua volontà e al suo operato. Questo succede spesso all’interno di aziende o imprese, che sono spesso a rischio di fallimento o di crisi.

Leggi tutto...
Go to Top