In questa pagina cerchiamo di rispondere ad un nostro lettore che ci chiede delucidazioni sui Straordinari non pagati.

Mail arrivata alla redazione di AreaLavoro: Salve Laura, vi invio una mail sperando che mi possiate aiutare. Io lavoro in un centro commerciale di una grossa catena ed in un reparto c'e' un capo settore che non in maniera esplicita ma chiara chiede ore di lavoro gratis ( dopo che si è timbrato l'uscita). Questo capo settore che si chiama xxxxx ad uno di noi ha chiesto anche in maniera esplicita di venire per due volte durante le ferie per fare gli ordini della merce, come racconta anche lo stesso ragazzo.

Negli altri reparti non succedono queste cose e la gente non ha problemi di questo tipo, ma questo capo settore cerca di mettersi in luce dimostrando capacità di sottomettere la gente che impaurita dalla possibilità di perdere il posto di lavoro si presta. Tutta questa gente tra l'altro lavora da tanti anni nel centro commerciale e sono tutti a tempo indeterminato.
Anzi in questo periodo stiamo andando meglio perchè prima ci beccavamo pure delle gran parolacce in faccia, appunto in segno di sottomissione ma da quando io sono andato a parlare con il suo superiore c'e' stato un miglioramento seppur minimo.

Volevo chiedere c'e' un modo per fare valere in nostri diritti? durante il nostro orario facciamo il nostro dovere, ma perchè la gente deve fermarsi a lavorare non pagata? adesso gli straordianari sono bloccati come tutti i vari premi aziendali, è questa la nuova frontiera? il lavoro gratis su sottomissione? grazie.

Paolo

Autorizzo Perconti Laura a pubblicare questa lettera sul suo sito o presso altri siti. Permetto a Perconti Laura di farne qualsiasi utilizzo. Grazie

Cosa fare in caso di straordinari non pagati

Rispondiamo alla lettera di Paolo cercando di approfondire un po’ il tema degli straordinari non pagati.

Innanzitutto nel caso in cui ci siano degli straordinari non pagati, è bene andare a leggere il CCNL di riferimento. In particolare il CCNL commercio recita:  “gli straordinari ammessi nel limite di 200 ore annuali hanno le seguenti maggiorazioni: 15% dalla 41° alla 48° ora settimanale 20% quelli eccedenti la 48° e devono essere retribuiti.”

Capita però che si scelgano delle ore compensative e quindi dovrai lavorare meno ore quante sono le ore di straordinari non pagati.

Qualora il lavoratore non percepisca alcun compenso per le ore di straordinari non pagati o non sia permesso di compensare tali ore nell’orario di lavoro ordinario, ci sono varie possibilità: sindacati, avvocati, ispettorato del lavoro. Enti a cui rivolgersi per denunciare immediatamente la situazione.

La retribuzione del lavoro straordinario

straordinari non pagati

Il lavoro straordinario deve essere dichiarato e computato a parte e ricompensato con le dovute maggiorazioni retributive previste dal contratto di lavoro vigente. Tali contratti, generalmente, oltre ad un compenso monetario, prevedono anche delle ore di riposo aggiuntive, di cui il lavoratore può usufruire durante l’arco della sua carriera lavorativa.

Ovviamente per i datori di lavoro che non rispettano questo iter sono previste delle sanzioni. Tali mozioni punitive avvengono sia nel caso in cui il datore di lavoro costringa il suo dipendente ad effettuare più ore di quelle consentite dalla legge sia nel caso in cui costringa un suo dipendente ad effettuare ore di straordinari non pagati.

Le sanzioni che spettano al datore di lavoro

depressione lavoro

Come accennato nel paragrafo precedente, per il datore di lavoro sono previste delle sanzioni, nel caso in cui porti i suoi lavoratori a svolgere degli straordinari non retribuiti, oppure non si preoccupi del limite di ore imposto dalla legge.

Se il datore di lavoro non rispetta le norme e le leggi vigenti per quanto riguarda il lavoro straordinario rischia una sanzione che 25€ a 154€. Se tale violazione avviene su più di cinque dipendenti, allora la multa amministrativa può arrivare a 1032€.

Diciamo che un datore di lavoro che si rispetti dovrebbe tutelare la salute dei propri dipendenti, facendoli lavorare il giusto, entro i limiti imposti dalle istituzioni, indipendentemente dalle sanzioni imposte.

Altri consigli per quanto riguarda gli straordinari non pagati

In caso in cui il lavoratore si trovasse in una situazione di straordinari non pagati, vale quanto detto nella pagina: Mancato pagamento dello stipendio

Prendiamo spunto dall’interessante intervista a Emiliano Mandrone responsabile dell’indagine Plus dell’Isfol fatta pubblicata sul sito MioJob.LaRepubblica.it per fornire qualche dato relativo alla situazione degli straordinari non pagati in Italia:

ispettori lavoro 2 2

  • Circa il 45% dei dipendenti svolge ore di straordinario,
  • Le ore di straordinari interessano soprattutto i settori dell’industria e dei servizi alla distribuzione e minore per i servizi alle persone,
  • Le ore di straordinari sono svolte più dai dipendenti full time che dai lavoratori part time, maggiormente nelle aziende del Nord rispetto a quelle del Sud, più tra gli uomini rispetto alle donne e prevalentemente dagli under 30 o 40,
  • Più di un dipendente su dieci viene coinvolto in straordinari non pagati.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Pensione minima INPS: di quale importo hai diritto?

persone anziane in pensione felici

In questo caso lo Stato aiuta gli interessati una somma di denaro integrativa rispetto alla pensione maturata. L’entità dell’Inps pensioni minime varia ogni anno. Il compito della riscossione dei contributi previdenziali spetta a determinati organismi, tra i quali l’Inps, l’Istituto nazionale per la Previdenza Sociale. I lavoratori che prestano sevizio nelle pubbliche amministrazioni invece versano i propri contributi all’Inpdap.

Turni di lavoro e di riposo settimanale: ecco il piano d'Impresa

turni di lavoro

Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

I più condivisi

Condono fiscale: tutto quello che devi sapere sul caso

come funziona il condono fiscale per il 2019

Per tutti coloro che si trovano impegnati in un contenzioso di tipo tributario oppure fiscale con lo Stato, negli ultimi mesi si è prospettata la possibilità di chiuderlo in modo definitivo e senza grossi esborsi di natura economica.

Ricerca per singolo codice tributo: i modelli di versamento F23 e F24

immagine per ricerca per singolo codice tributo

In questa pagina cercheremo di fornirvi tante più informazioni possibili circa la ricerca per singolo codice tributo da inserire nei modelli di versamento F23 e F24. Per dichiarare e pagare le imposte e le tasse, il contribuente infatti deve identificarle attraverso il codice tributo.

Avvocato del lavoro: chi è e quanto è necessaria questa figura

avvocato del lavoro

Per quanto possa sembrare scontato, non è chiaro per tutti di che cosa si occupi un avvocato del lavoro ed è per fare maggiore chiarezza che abbiamo deciso di descrivere chi sia e di che cosa si occupi l’avvocato del lavoro e soprattutto quanto sia importante come figura a cui rivolgersi nel momento del bisogno.

Leggi anche...

Regione Calabria formazione e lavoro: alcuni consigli

Immagine usata nell'articolo Regione Calabria formazione e lavoro: alcuni consigli

In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi cerca lavoro in Calabria. In un momento in cui il nostro paese attraversa una crisi di grandi proporzioni, siamo convinti che l'articolo sarà ben accetto da tutte le fasce d'età.

Leggi anche...

Scopri la carta ILA e come ottenerla!

La carta ILA (Individual Learning Account) è una carta di credito formativa prepagata nata per finanziare la formazione professionale. La carta è un buono utile a finanziare un iter formativo mirato e adatto alle esigenze e alle aspirazioni professionali di chi la richiede.

Ti diamo il benvenuto. Chiediamo il tuo consenso per utilizzare i tuoi dati personali per annunci e contenuti personalizzati, valutazione degli annunci e del contenuto, osservazioni del pubblico e sviluppo di prodotti. Archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo. I tuoi dati personali verranno elaborati da fornitori terzi e le informazioni raccolte dal tuo dispositivo (come cookie, identificatori univoci e altri dati del dispositivo) possono essere condivise con questi ultimi, da loro visualizzate e memorizzate, oppure essere usate nello specifico da questo sito o questa app. Alcuni fornitori potrebbero trattare i tuoi dati personali sulla base dell'interesse legittimo, al quale puoi opporti gestendo le tue opzioni qui sotto. Cerca nella parte inferiore di questa pagina o nelle nostre norme sulla privacy un link che ti permette di ritirare il consenso.