Il sogno di ciascun lavoratore, dopo anni di sacrifici, è quello di raggiungere la pensione e potersi godere serenamente la propria vita. Ma, alcune persone ottengono soltanto il minimo indispensabile per una vita dignitosa, invece altre possono permettersene una molto più ricca e spensierata. Questi ultimi sono quelli che sono riusciti a conquistare, grazie alla tipologia di professione esercitata o grado dirigenziale raggiunto, le cosiddette pensioni d'oro.

Nel corso di questi anni, considerando la crisi economica che ha colpito il Paese, spesso si è proposto di effettuare anche un taglio alle pensioni d'oro, in modo da ridurre eventuali eccessive differenze rispetto a quelle di altri lavoratori e redistribuire le risorse ottenute verso quei soggetti maggiormente bisognosi della popolazione italiana. Ultimamente, questa iniziativa sembrerebbe sul punto di concretizzarsi. Vediamo in che modo potrebbe essere programmata ed attuata.

La riforma ed i pensionati colpiti

Taglio alle pensioni d'oro

L'iniziativa portata avanti da parte delle autorità governative è quella di effettuare dei tagli mirati alle pensioni che superino una certa cifra prestabilita, naturalmente limitati nel tempo e trattenuti direttamente dall'assegno percepito. Inoltre, essi dovrebbero essere graduali in base alla cifra guadagnata, anche se su quest'ultimo punto vi sono pareri discordanti. Tale iniziativa andrebbe sotto la denominazione di "Contributo di Solidarietà".

Questo particolare contributo dovrebbe andare a colpire quei pensionati che percepiscono un assegno mensile di oltre 4.500 Euro, cioè circa 90.000 Euro lordi annui, per complessivi cinque anni. Il denaro così risparmiato andrebbe poi distribuito tra gli altri pensionati che, invece, sono destinatari di assegni sociali o minimi e che vedrebbero pertanto aumentata la pensione base mensile. In quest'ultimo caso, si sarebbe ipotizzata di aumentarla a circa 780 Euro al mese.

Naturalmente, questa iniziativa non andrebbe a colpire coloro che percepiscono pensioni di invalidità, quelle destinate alle vittime del terrorismo o quelle cadute per adempiere al proprio dovere e a tutti i loro superstiti, ma ancor di più a coloro che non superano la cifra mensile netta di 4.500 Euro, i quali sono la maggior parte dei pensionati italiani. Nessun taglio poi è previsto per gli iscritti alle casse privatizzate dei diversi liberi professionisti.

A rientrare tra quei soggetti coinvolti in questa iniziativa vi sarebbero tuttavia anche i sindacalisti ed alcuni loro privilegi pensionistici. Infatti, allo studio vi sarebbe la possibilità che i contributi aggiuntivi, effettuati dagli stessi sindacati e destinati ad integrare la contribuzione dei loro dirigenti o comunque delle figure preminenti dei loro consigli direttivi, siano considerati soltanto per determinare una parte della pensione e non complessivamente. Con la conseguenza che tali sindacalisti pensionati potrebbero vedere l'assegno mensile considerevolmente limitato, rispetto a quanto finora ottenuto.

Un'ulteriore opzione sul tavolo, abbinata al contributo di solidarietà, è anche quella di bloccare l'indicizzazione all'inflazione di quei soggetti che ricevono una pensione superiore a 9 volte quella minima. In pratica, si effettuerà una riduzione tra il 25% ed il 50% dell'adeguamento all'inflazione e quindi al costo della vita per questo genere di pensioni. Queste due ipotesi, cioè taglio delle pensioni d'oro e blocco indicizzazione, dovrebbero produrre risparmi per circa 250-300 milioni di Euro annualmente.

Comunque, l'iniziativa del blocco andrà a colpire soltanto alcuni soggetti determinati e non tutti. Infatti, l'adeguamento al costo della vita e quindi la rivalutazione delle pensioni continuerà ad esserci normalmente e suddiviso per scaglioni. In particolare, tale rivalutazione sarà in misura del 100% dell'inflazione per quelle pensioni superiori a tre volte quella minima, mentre del 90% per quelle tra le tre e le cinque volte la minima e, infine, del 75% per quei soggetti che ricevono un trattamento pensionistico superiore alle cinque volte quello base garantito.

Gli scaglioni inizialmente previsti

 Il contributo di solidarietà, in particolare, come detto, prevede dei tagli graduali e in percentuale, in base alla somma percepita mensilmente dal singolo pensionato. Si dovrebbe assistere quindi a riduzioni:

  • tra l'8% ed il 10% per gli assegni pensionistici tra i 90.000 ed i 130.000 Euro;
  • tra il 12% ed il 14% per quelli dai 130.000 ai 200.000 Euro;
  • tra il 14% ed il 16% per i trattamenti da 200.000 fino a 350.000 Euro;
  • tra il 16% ed il 18% per le pensioni tra 350.000 e 500.000 Euro;
  • del 20% per quelle superiori ai 500.000 Euro.

Il progetto previsto e i dubbi connessi

L'iniziativa del cosiddetto taglio delle pensioni d'oro non ha riscosso unanimi consensi sulla modalità di attuazione. Alcuni parlamentari vorrebbero calcolare il contributo di solidarietà soltanto su quella parte dell'assegno pensionistico che superi i 90.000 Euro lordi annui, mentre altri opterebbero per un taglio inerente l'intero ammontare della pensione e suddiviso, come detto, sulla base delle aliquote già menzionate. Incertezza vi è, invece, per quelle pensioni calcolate interamente con la modalità contributiva e che alcuni parlamentari vorrebbero fossero escluse dal taglio.

Considerando la materia pensionistica, altamente complessa e assolutamente delicata per diversi soggetti (sia politici che singoli cittadini), è possibile che l'iniziativa di questo taglio e quindi del contributo di solidarietà venga sospesa e messa da parte temporaneamente, per essere studiata ed organizzata in maniera attenta, al fine di equilibrare i diversi interessi in gioco.  

Infatti, le autorità governative devono tener conto, da un lato, del peso del sistema pensionistico sul bilancio dello Stato, soprattutto in una fase storica di bassa crescita economica, e dall'altro dell'esigenza di mantenere sotto controllo la situazione e gli equilibri finanziari soprattutto, senza violare le regole (in alcuni casi eccessivamente rigide) che sono presenti a livello europeo e che permettono in effetti limitati margini di manovra o di scelta da parte dei vari governi nazionali sotto questo aspetto.

Al tempo stesso, ogni progetto di legge in questo senso deve fare attenzione comunque a non intaccare i diritti pensionistici acquisiti da diverse persone nel corso degli anni e che, in caso di effettiva modificazione e limitazione, potrebbero dar vita a dei contenziosi di natura tributaria-legale contro lo Stato. Prevedibili conseguenze di tutto ciò sarebbero il protrarsi nel tempo di tali dispute, senza peraltro la certezza di riuscire ad ottenere un risultato finale favorevole per le autorità statali.    

 





Potrebbe interessarti

Pratica legale forense per diventare avvocato

Una volta laureato, il praticante deve iscriversi al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati del tribunale di residenza. Questo primo step per iniziare la pratica legale è legato alla presentazione di alcuni documenti (certificato di nascita, residenza, cittadinanza, ecc..) fotografie, titoli di studio e quant'altro richiesto dall'Ordine degli Avvocati del territorio. 

Leggi tutto...

Calcolo della tredicesima per la badante

Coloro che svolgono lavori domestici, come le colf e le badanti devono essere regolarizzate, soprattutto se provenienti da Paesi esteri, per poter esercitare tale professione senza problemi.

Leggi tutto...

Mobilità Scuola 2018/19: i corsi di perfezionamento per ottenere punteggio

mobilità del personale scolastico

Negli ultimi mesi si è discusso a lungo per il rinnovo del contratto sulla mobilità che interessa più di un milione di lavoratori tra docenti e personale ATA. A febbraio si è giunti, finalmente, alla sottoscrizione di un accordo tra MIUR e sindacati che ha visto la proroga integrale del Contratto sulla mobilità 2017/18 per l’anno scolastico 2018/19.

Leggi tutto...

Il contratto collettivo nazionale per i pubblici servizi

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.

Leggi tutto...

Rivalutazione TFR: quando è prevista e come calcolarla

Scopri tutto sul tfr

Capita spesso che per motivi di vario genere si verifichi la fine del rapporto di lavoro; le cause della conclusione di un percorso lavorativo e della decisione, da parte del datore di lavoro o del lavoratore stesso, di recidere il contratto possono essere tante.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Accredito stipendio

Molto spesso, presi da mille impegni lavorativi e quotidiani, non si riesce a trovare il tempo per recarsi presso gli sportelli della Banca e delle Poste a riscuotere o a versare il proprio stipendio. Per evitare inconvenienti spiacevoli, è possibile farsi accreditare sul proprio conto corrente bancario o postale il proprio stipendio.

Leggi tutto...

ICOTEA: la formazione innovativa in risposta al mondo del lavoro

Inserirsi nel mondo del lavoro oggi non è facile. Per essere assunti il diploma di laurea sembra non bastare più, ma occorrono sempre più esperienze e competenze extra scolastiche che formino una figura professionale versatile e adattabile a diversi contesti lavorativi.

Leggi tutto...

Legge sulla Privacy nel Curriculum Vitae

informativa sulla privacy da inserire nel curriculum

Quando sono in cerca di personale, sempre più aziende liquidano la questione della privacy delle informazioni del curriculum del candidato con la richiesta generica di autorizzare il trattamento dei dati.

Leggi tutto...

La tredicesima prevista per le pensioni

Bisogna sapere che oltre alla tredicesima classica che si percepisce per determinate prestazioni lavorative e che varia proprio in in base al tipo e alla durata del lavoro svolto, esiste anche la tredicesima sulle pensioni.

Leggi tutto...

Lavorare nella comunicazione: le evoluzioni, gli obiettivi e gli strumenti per sfondare!

lavorare nel mondo della comunicazione

Tutti i soggetti partecipanti al mercato comunicano. La comunicazione è di per sé un fattore di costo ma le imprese e anche le organizzazioni no profit decidono di comunicare: per questa ragione trovare un lavoro nella comunicazione può rivelarsi una scelta efficace a patto che si seguano delle linee guida sicure.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Compilazione della busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

Nella compilazione della busta paga, l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Offerte lavoro geometra: come candidarsi online

I requisiti sono il superamento dell'esame di abilitazione professionale e l'iscrizione, da almeno due anni, nel registro provinciale dei praticanti della località di residenza o domicilio.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Nuovi impieghi “ecosostenibili” per professionisti: l'evoluzione del mercato

L'ecosostenibilità e in generale le energie rinnovabili sono un tema molto caldo sia da un punto di vista ideologico sia lavorativo. Le figure professionali che vengono assorbite oggi in questo settore sono molto più varie rispetto al passato e richiedono competenze sempre più specifiche.

Leggi tutto...
Go to Top