Il sogno di ciascun lavoratore, dopo anni di sacrifici, è quello di raggiungere la pensione e potersi godere serenamente la propria vita. Ma, alcune persone ottengono soltanto il minimo indispensabile per una vita dignitosa, invece altre possono permettersene una molto più ricca e spensierata. Questi ultimi sono quelli che sono riusciti a conquistare, grazie alla tipologia di professione esercitata o grado dirigenziale raggiunto, le cosiddette pensioni d'oro.

Nel corso di questi anni, considerando la crisi economica che ha colpito il Paese, spesso si è proposto di effettuare anche un taglio alle pensioni d'oro, in modo da ridurre eventuali eccessive differenze rispetto a quelle di altri lavoratori e redistribuire le risorse ottenute verso quei soggetti maggiormente bisognosi della popolazione italiana. Ultimamente, questa iniziativa sembrerebbe sul punto di concretizzarsi. Vediamo in che modo potrebbe essere programmata ed attuata.

La riforma ed i pensionati colpiti

Taglio alle pensioni d'oro

L'iniziativa portata avanti da parte delle autorità governative è quella di effettuare dei tagli mirati alle pensioni che superino una certa cifra prestabilita, naturalmente limitati nel tempo e trattenuti direttamente dall'assegno percepito. Inoltre, essi dovrebbero essere graduali in base alla cifra guadagnata, anche se su quest'ultimo punto vi sono pareri discordanti. Tale iniziativa andrebbe sotto la denominazione di "Contributo di Solidarietà".

Questo particolare contributo dovrebbe andare a colpire quei pensionati che percepiscono un assegno mensile di oltre 4.500 Euro, cioè circa 90.000 Euro lordi annui, per complessivi cinque anni. Il denaro così risparmiato andrebbe poi distribuito tra gli altri pensionati che, invece, sono destinatari di assegni sociali o minimi e che vedrebbero pertanto aumentata la pensione base mensile. In quest'ultimo caso, si sarebbe ipotizzata di aumentarla a circa 780 Euro al mese.

Naturalmente, questa iniziativa non andrebbe a colpire coloro che percepiscono pensioni di invalidità, quelle destinate alle vittime del terrorismo o quelle cadute per adempiere al proprio dovere e a tutti i loro superstiti, ma ancor di più a coloro che non superano la cifra mensile netta di 4.500 Euro, i quali sono la maggior parte dei pensionati italiani. Nessun taglio poi è previsto per gli iscritti alle casse privatizzate dei diversi liberi professionisti.

A rientrare tra quei soggetti coinvolti in questa iniziativa vi sarebbero tuttavia anche i sindacalisti ed alcuni loro privilegi pensionistici. Infatti, allo studio vi sarebbe la possibilità che i contributi aggiuntivi, effettuati dagli stessi sindacati e destinati ad integrare la contribuzione dei loro dirigenti o comunque delle figure preminenti dei loro consigli direttivi, siano considerati soltanto per determinare una parte della pensione e non complessivamente. Con la conseguenza che tali sindacalisti pensionati potrebbero vedere l'assegno mensile considerevolmente limitato, rispetto a quanto finora ottenuto.

Un'ulteriore opzione sul tavolo, abbinata al contributo di solidarietà, è anche quella di bloccare l'indicizzazione all'inflazione di quei soggetti che ricevono una pensione superiore a 9 volte quella minima. In pratica, si effettuerà una riduzione tra il 25% ed il 50% dell'adeguamento all'inflazione e quindi al costo della vita per questo genere di pensioni. Queste due ipotesi, cioè taglio delle pensioni d'oro e blocco indicizzazione, dovrebbero produrre risparmi per circa 250-300 milioni di Euro annualmente.

Comunque, l'iniziativa del blocco andrà a colpire soltanto alcuni soggetti determinati e non tutti. Infatti, l'adeguamento al costo della vita e quindi la rivalutazione delle pensioni continuerà ad esserci normalmente e suddiviso per scaglioni. In particolare, tale rivalutazione sarà in misura del 100% dell'inflazione per quelle pensioni superiori a tre volte quella minima, mentre del 90% per quelle tra le tre e le cinque volte la minima e, infine, del 75% per quei soggetti che ricevono un trattamento pensionistico superiore alle cinque volte quello base garantito.

Gli scaglioni inizialmente previsti

 Il contributo di solidarietà, in particolare, come detto, prevede dei tagli graduali e in percentuale, in base alla somma percepita mensilmente dal singolo pensionato. Si dovrebbe assistere quindi a riduzioni:

  • tra l'8% ed il 10% per gli assegni pensionistici tra i 90.000 ed i 130.000 Euro;
  • tra il 12% ed il 14% per quelli dai 130.000 ai 200.000 Euro;
  • tra il 14% ed il 16% per i trattamenti da 200.000 fino a 350.000 Euro;
  • tra il 16% ed il 18% per le pensioni tra 350.000 e 500.000 Euro;
  • del 20% per quelle superiori ai 500.000 Euro.

Il progetto previsto e i dubbi connessi

L'iniziativa del cosiddetto taglio delle pensioni d'oro non ha riscosso unanimi consensi sulla modalità di attuazione. Alcuni parlamentari vorrebbero calcolare il contributo di solidarietà soltanto su quella parte dell'assegno pensionistico che superi i 90.000 Euro lordi annui, mentre altri opterebbero per un taglio inerente l'intero ammontare della pensione e suddiviso, come detto, sulla base delle aliquote già menzionate. Incertezza vi è, invece, per quelle pensioni calcolate interamente con la modalità contributiva e che alcuni parlamentari vorrebbero fossero escluse dal taglio.

Considerando la materia pensionistica, altamente complessa e assolutamente delicata per diversi soggetti (sia politici che singoli cittadini), è possibile che l'iniziativa di questo taglio e quindi del contributo di solidarietà venga sospesa e messa da parte temporaneamente, per essere studiata ed organizzata in maniera attenta, al fine di equilibrare i diversi interessi in gioco.  

Infatti, le autorità governative devono tener conto, da un lato, del peso del sistema pensionistico sul bilancio dello Stato, soprattutto in una fase storica di bassa crescita economica, e dall'altro dell'esigenza di mantenere sotto controllo la situazione e gli equilibri finanziari soprattutto, senza violare le regole (in alcuni casi eccessivamente rigide) che sono presenti a livello europeo e che permettono in effetti limitati margini di manovra o di scelta da parte dei vari governi nazionali sotto questo aspetto.

Al tempo stesso, ogni progetto di legge in questo senso deve fare attenzione comunque a non intaccare i diritti pensionistici acquisiti da diverse persone nel corso degli anni e che, in caso di effettiva modificazione e limitazione, potrebbero dar vita a dei contenziosi di natura tributaria-legale contro lo Stato. Prevedibili conseguenze di tutto ciò sarebbero il protrarsi nel tempo di tali dispute, senza peraltro la certezza di riuscire ad ottenere un risultato finale favorevole per le autorità statali.    

 





Potrebbe interessarti

Domanda maternità obbligatoria: come ottenere il congedo?

la domanda per il congedo di maternità obbligatoria

Il congedo per la maternità è obbligatorio per una serie di categorie di lavoratori dipendenti: occupate, lavoratrici a domicilio, colf, lavoratrici sospese, badanti, agricole, ecc.

Leggi tutto...

Compilazione della busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

Nella compilazione della busta paga, l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.

Leggi tutto...

Master in Lingue e Master Digital: scopri la nuova offerta ICOTEA

scrizione ad un master in lingue

Il mondo del lavoro è sempre più complesso. Per questo motivo, diventa necessario farsi trovare pronti con una preparazione adeguata e, soprattutto mirata alle nuove esigenze del mercato.

Leggi tutto...

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Leggi tutto...

ICOTEA: la formazione innovativa in risposta al mondo del lavoro

Inserirsi nel mondo del lavoro oggi non è facile. Per essere assunti il diploma di laurea sembra non bastare più, ma occorrono sempre più esperienze e competenze extra scolastiche che formino una figura professionale versatile e adattabile a diversi contesti lavorativi.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Elenco delle facoltà universitarie: scegli quella che fa per te!

Cosa fare dopo le scuole superiori? Una domanda che milioni di studenti si pongono ogni anno: per questo motivo è opportuno offrire un'ampia panoramica delle principali facoltà universitarie presenti sul territorio, verificandone l'offerta formativa e le possibilità di accesso al mondo del lavoro.

Leggi tutto...

Asili nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi

Diciamo la verità quante donne, madri da poco, desiderano o necessitano di ricominciare a lavorare? La maggior parte. Ma quante riescono con facilità a trovare una soluzione pratica che garantisca loro la cura dei figli anche durante la propria assenza? La risposta è: poche.

Leggi tutto...

Preavviso delle dimissioni per il tempo determinato

preavviso delle dimissioni

Il preavviso è il tempo, successivo alla data in cui il lavoratore ha presentato le dimissioni, in cui il dipendente continua a svolgere la propria attività lavorativa.

Leggi tutto...

Il lavoro nero: una piaga da combattere, o una necessità?

lavorare in nero

Viene considerata come “lavoro nero” una qualsiasi attività esercitata in violazione delle prescrizioni legali: dai piccoli lavori artigianali effettuati al di fuori degli orari di lavoro fino all'esercizio illegale esclusivo di un'attività eludendo il diritto fiscale.

Leggi tutto...

Libero professionista: scopriamo questa figura lavorativa

Il libero professionista è colui che, dopo aver acquisito determinate nozioni di natura pratica e intellettuale mediante specifici percorsi di studio e formazione, offre le sue prestazioni professionali per uno o più committenti.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

La riforma pensioni varata dal Governo Monti prevede che dal 1° gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Pensione sociale: oggi sostituita dall'assegno

Immagine esemplificativa dell'assistente sociale grazie alla quale si potrà ottenere la pensione sociale

La pensione sociale corrispondeva all’impegno dello Stato di garantire un sostegno economico ai cittadini che necessitavano di mezzi concreti per la sopravvivenza. Non richiedeva requisiti assicurativi o contributivi. La pensione è stata riconosciuta (in base ai requisiti) ai cittadini che ne hanno fatto domanda entro il 1995.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Licenza tabaccheria: come fare per aprirla?

Quanti desiderino gestire una tabaccheria hanno bisogno della relativa licenza; grazie a questo certificato sarà quindi possibile svolgere un mestiere sicuramente ben retribuito e dotato di una notevole indipendenza.

Leggi tutto...
Go to Top