Ecco una guida per chi desidera avere informazioni generali circa le tasse per l'università a Firenze e nelle altre università italiane. E’ bene specificare che ogni ateneo e facoltà utilizza degli iter differenti per il pagamento delle rette universitarie. In linea generale però, le università pubbliche seguono le indicazioni riportate di seguito in questa pagina.

Unifi.it il portale dell'Università degli Studi di Firenze

Unifi.it è il portale dell'università degli Studi di Firenze. Le origini di tale struttura formativa risalgono al 1321, quando nell'università si insegnavano: diritto, civile e canonico, lettere e medicina. Tra i docenti più noti, ricordiamo Boccaccio al quale fu affidato il compito di tenere lezioni sulla Divina Commedia.

Nel 1364 con l'imperatore Carlo IV, lo studio fiorentino diventa università imperiale e durante i secoli alcuni punti di ricerca si appoggiarono alle molteplici Accademie nate nel periodo (ad es. Accademia della Crusca e quella del Cimento). Nel 1924, un decreto conferì la denominazione di Università all'Istituto. Proseguiamo ora a parlare delle tasse per l'università a Firenze.

Quali sono le facoltà dell'Unifi

Oggi Unifi propone le facoltà presenti nell'università, che sono: Facoltà di Agraria, Architettura, Economia, Farmacia, Giurisprudenza, Ingegneria, Lettere e Filosofia, Medicina e Chirurgia, Psicologia (istituita nel 2002), Scienze della Formazione, Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali e Scienze Politiche.

I dipartimenti di Unifi sono suddivisi in cinque aree: Biomedica, Scientifica, Scienze Sociali, Tecnologica e Umanistica. Ma andiamo a vedere nello specifico le tasse per l'università a Firenze.

Sito dell'università degli studi di Firenze

Il portale Unifi.it ha creato una sezione interamente dedicata ai servizi informatici, il Csiaf, acronimo per centro servizi informatici e informativi dell'ateneo fiorentino. Nell'area Csiaf del Unifi è possibile accedere a servizi informatici integrati, con relativi supporti per il loro uso, che rispondono alle esigenze degli utenti interni ed esterni in termini di utilità, qualità, affidabilità ed economicità. Tra questi anche la sezione utile per gli studenti dedicata alle Segreterie Studenti o quella dedicata all'Immatricolazione, l'iscrizione e le tasse per l'università a Firenze.

Menu principale di Unifi.it

Tasse per l'università a Firenze

Sul menu principale del sito Unifi è possibile accedere alla sezione dedicata all'Offerta Formativa dell'ateneo composta da:

  • Corsi di laurea, laurea specialistica e magistrale
  • Scuole specializzazione
  • Dottorati di ricerca
  • Master
  • Corsi perfezionamento
  • Corsi di formazione e aggiornamento professionale
  • Corsi singoli

Segnaliamo infine la possibilità di accedere dal portale Unifi alla Banca Dati Almalaurea che raccoglie un’ampia documentazione riguardante tutti i laureati e diplomati delle Università che fanno parte dell’associazione Almalaurea al fine di facilitare l’accesso dei giovani almondo del lavoro. Vediamo ora nel dettaglio l'argomento delle tasse per l'università a Firenze.

Numero rate e importi delle tasse per l'università a Firenze 

Gli studenti che si iscrivono all’università pagano delle imposte universitarie in due rate per ogni anno accademico. L’importo della prima rata delle tasse per l'università a Firenze è uguale per tutti, (esclusi i richiedenti borsa di studio e i portatori di handicap con invalidità pari o superiore al 66%).

L’importo della seconda rata delle tasse per l'università a Firenze dipende solitamente dal reddito riparametrato o equivalente. In modo molto semplice, il reddito riparametrato è il risultato di una serie di operazioni che identificano la fascia di reddito in base alla quale si dovranno pagare le relative tasse. Principalmente, si considerano la condizione economica, il numero di componenti, il nucleo familiare e se ci sono altri iscritti alle varie facoltà.

Il documento necessario per ottenere l’inserimento nelle fasce contributive, si chiama “Attestazione ISEE” (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) o “ISEEU” (Indicatore della Situazione Economica Equivalente Università). Tali documenti sono rilasciati dal CAF (Centro Assistenza Fiscale).

Come e dove pagare le tasse dell’università

Ogni ateneo è “appoggiato” ad un istituto di credito in cui gli studenti possono effettuare i pagamenti delle tasse per l'università a Firenze. Attenzione quindi il bollettino per pagare le imposte non può essere pagato in qualsiasi banca. Inoltre, a seconda della facoltà, anche le modalità di pagamento possono essere differenti. Si può sempre pagare in contanti, spesso con assegno circolare e bancomat e in alcuni casi con assegno bancario o addebito in c/c.

Per effettuare il pagamento è necessario presentare il bollettino, con documento e codice fiscale. Gli studenti che si iscrivono agli anni successivi al primo, possono recarsi presso una filiale dell'Istituto Bancario in questione con il numero di matricola e il codice fiscale.

Quando pagare le tasse per l'università

Per ogni anno accademico le tasse per l'università a Firenze sono suddivise in due rate. Nella maggior parte dei casi, la prima rata va pagata entro il termine di chiusura delle iscrizioni. Mentre la seconda rata si paga tra febbraio e marzo, seguendo lo stesso procedimento del primo pagamento e munendosi di numero di matricola e codice fiscale.

Per i fuori corso

La disciplina per le tasse per l'università a Firenze per i fuoricorso è differente (e molto discussa).
Il decreto legge detto “Spending Review", ovvero la Legge di Stabilità approvata nel 2012, ha aumentato le tasse per tutti gli studenti, ma in particolar modo per i fuoricorso.

La ragione di quest'aumento sta nella volontà di diminuire la pressione sulle casse dello Stato, aumentando – almeno nelle intenzioni – il gettito degli atenei. Questo non era stato possibile perché, secondo la legge, ogni ateneo non può ricevere dalla tasse di iscrizioni un ammontare che superi il 20% dei finanziamenti pubblici che il Ministero dell'Istruzione eroga con il Fondo di Finanziamento Ordinario.

Quindi, bloccato questo, erano bloccate anche le tasse.
Tuttavia, il Governo ha eliminato dal calcolo quelle pagate dagli studenti fuoricorso che, quindi, sono stato gravati di un grosso fardello, ovvero quello di rimpinguare le casse delle università.
Queste, infatti, sono davvero in difficoltà: la penuria di fondi viene sentita da tutti gli atenei, anche quelli più prestigiosi, che, quindi, si sono visti costretti a cogliere l'occasione.

In definitiva, si modificano così:

  • Per gli studenti fuoricorso le cui famiglie hanno redditi sino a 90mila euro, le tasse aumentano sino al 25%
  • Per redditi sino a 150mila euro, la percentuale massima è 50%
  • Per redditi superiori, il 100%

Il problema è che la percentuale di studenti di queste fasce è troppo piccola per dare una soluzione definitiva al problema dei fondi, costringendo le università a trovare altre soluzioni.
Inoltre, secondo ultimi dati Censis si è registrato un calo di matricole dovuto anche all'impossibilità di pagare le imposte regolari, rendendo più drammatica la situazione.

Esoneri di pagamento per le tasse universitarie

Ogni facoltà prevede l’esenzione di tutta o parte dell’importo delle tasse universitarie per gli studenti risultati idonei alla domanda della borsa di studio (per reddito) o per i portatori di handicap con invalidità superiore al 66%.

Potrebbe interessarti

Disoccupazione e requisiti ridotti: di cosa si parla esattamente?

Disoccupazione e requisiti ridotti

Si definisce disoccupazione, la condizione in cui si trovi un soggetto in età di lavoro che non sia una forza attiva nel mondo del lavoro.

Autocandidatura: come proporre la propria candidatura di lavoro

come fornire un autocandidatura

L’era di internet permette diverse modalità di candidatura delle offerte di lavoro. Nel caso la propria candidatura sia in risposta ad un annuncio di lavoro è possibile inviare il proprio curriculum vitae e la lettera di accompagnamento via mail.

Astensione obbligatoria: un diritto delle mamme lavoratrici

astensione obbligatoria

In caso di parto prematuro, la legge 53/2000 stabilisce che l’astensione obbligatoria debba comunque essere di 5 mesi. Quindi se la lavoratrice- mamma non ha goduto del periodo pre-parto di 2 mesi, potrà aggiungere ai tre mesi post-parto i giorni non goduti prima del parto, nel limite massimo di cinque mesi. In caso di parto prematuro la lavoratrice dovrà presentare il certificato attestante la data del parto entro un mese dal lieto evento.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Quota 100 per la Pensione: tutto sul progetto rilanciato dal M5s

Imagine esemplificativa che rimanda alla quota 100

Con il termine Quota 100 si intende la proposta diretta ad anticipare l'età pensionabile dei lavoratori che sono regolarmente iscritti ai fondi di previdenza che gestisce l'assicurazione generale obbligatoria, ovvero l’AGO; alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata per i fondi sostitutivi e per quelli esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria. 

Lavoro sommerso: una piaga da combattere, o una necessità?

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lavoro sommerso: una piaga da combattere, o una necessità?

Il lavoro nero non ha, nel nostro paese, definizione giuridica che si possa definire chiara al 100%. Le definizioni infatti sono state nel corso degli ultimi anni le seguenti (dovute alle leggi uscite dal nostro Parlamento):

L'assunzione di lavoratori comunitari: sai come funziona?

Immagine dell'assunzione lavoratore dal mondo

Sempre più di recente nel nostro Paese, le ditte assumono i cittadini comunitari (cioè che risiedono nell'Unione Europea). Per questo motivo, in Italia vi sono degli iter per accedere al mercato del lavoro se non si ha la cittadinanza italiana. 

Leggi anche...

Creazione del Curriculum? Ti aiutano gli esperti di OnlineCV!

come scrivere un curriculum vitae

I selezionatori e gli HR impiegano in media solo 7 secondi per valutare un curriculum vitae; durante questi sette secondi, ciò che serve perché il Curriculum possa essere preso in considerazione è che metta subito in evidenza i dati e le informazioni salienti: anagrafica, contatti, esperienza e competenze linguistiche o informatiche, hobby e interessi. La creazione del Curriculum richiede anche la capacità di interpretare le esigenze dell’azienda presso cui ci si sta proponendo e di far combaciare le proprie competenze con quelle che sono le necessità di un’azienda che assume.

Leggi anche...

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?