Ecco una guida per chi desidera avere informazioni generali circa le tasse università a Firenze e nelle altre università italiane. E’ bene specificare che ogni ateneo e facoltà utilizza degli iter differenti per il pagamento delle rette universitarie. In linea generale però, le università pubbliche seguono le indicazioni riportate di seguito in questa pagina.

Unifi.it il portale dell'Università degli Studi di Firenze

Unifi.it è il portale dell'università degli Studi di Firenze. Le origini di tale struttura formativa risalgono al 1321, quando nell'università si insegnavano: diritto, civile e canonico, lettere e medicina. Tra i docenti più noti, ricordiamo Boccaccio al quale fu affidato il compito di tenere lezioni sulla Divina Commedia.

Nel 1364 con l'imperatore Carlo IV, lo studio fiorentino diventa università imperiale e durante i secoli alcuni punti di ricerca si appoggiarono alle molteplici Accademie nate nel periodo (ad es. Accademia della Crusca e quella del Cimento). Nel 1924, un decreto conferì la denominazione di Università all'Istituto.

Quali sono le facoltà dell'Unifi

Oggi Unifi propone le facoltà presenti nell'università, che sono: Facoltà di Agraria, Architettura, Economia, Farmacia, Giurisprudenza, Ingegneria, Lettere e Filosofia, Medicina e Chirurgia, Psicologia (istituitanel 2002), Scienze della Formazione, Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali e Scienze Politiche.

I dipartimenti di Unifi sono suddivisi in cinque aree: Biomedica, Scientifica, Scienze Sociali, Tecnologica e Umanistica.

Sito dell'università degli studi di Firenze

Il portale Unifi.it ha creato una sezione interamente dedicata ai servizi informatici, il Csiaf, acronimo per centro servizi informatici e informativi dell'ateneo fiorentino. Nell'area Csiaf del Unifi è possibile accedere a servizi informatici integrati, con relativi supporti per il loro uso, che rispondono alle esigenze degli utenti interni ed esterni in termini di utilità, qualità, affidabilità ed economicità. Tra questi anche la sezione utile per gli studenti dedicata alle Segreterie Studenti o quella dedicata all'Immatricolazione, l'iscrizione e le tasse.

Menu principale di Unifi.it

Sul menu principale del sito Unifi è possibile accedere alla sezione dedicata all'Offerta Formativa dell'ateneo composta da:

  • Corsi di laurea, laurea specialistica e magistrale
  • Scuole specializzazione
  • Dottorati di ricerca
  • Master
  • Corsi perfezionamento
  • Corsi di formazione e aggiornamento professionale
  • Corsi singoli

Segnaliamo infine la possibilità di accedere dal portale Unifi alla Banca Dati Almalaurea che raccoglie un’ampia documentazione riguardante tutti i laureati e diplomati delle Università che fanno parte dell’associazione Almalaurea al fine di facilitare l’accesso dei giovani almondo del lavoro.

Numero rate e importi delle tasse università

Gli studenti che si iscrivono all’università pagano delle imposte universitarie in due rate per ogni anno accademico. L’importo della prima rata è uguale per tutti, (esclusi i richiedenti borsa di studio e i portatori di handicap con invalidità pari o superiore al 66%).

L’importo della seconda rata dipende solitamente dal reddito riparametrato o equivalente. In modo molto semplice, il reddito riparametrato è il risultato di una serie di operazioni che identificano la fascia di reddito in base alla quale si dovranno pagare le relative tasse. Principalmente, si considerano la condizione economica, il numero di componenti, il nucleo familiare e se ci sono altri iscritti alle varie facoltà.

Il documento necessario per ottenere l’inserimento nelle fasce contributive, si chiama “Attestazione ISEE” (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) o “ISEEU” (Indicatore della Situazione Economica Equivalente Università). Tali documenti sono rilasciati dal CAF (Centro Assistenza Fiscale).

Come e dove pagare le tasse dell’università

Ogni ateneo è “appoggiato” ad un istituto di credito in cui gli studenti possono effettuare i pagamenti. Attenzione quindi il bollettino per pagare le imposte non può essere pagato in qualsiasi banca. Inoltre, a seconda della facoltà, anche le modalità di pagamento possono essere differenti. Si può sempre pagare in contanti, spesso con assegno circolare e bancomat e in alcuni casi con assegno bancario o addebito in c/c.

Per effettuare il pagamento è necessario presentare il bollettino, con documento e codice fiscale. Gli studenti che si iscrivono agli anni successivi al primo, possono recarsi presso una filiale dell'Istituto Bancario in questione con il numero di matricola e il codice fiscale.

Quando pagare le tasse per l'università

Per ogni anno accademico le tasse universitarie sono suddivise in due rate. Nella maggior parte dei casi, la prima rata va pagata entro il termine di chiusura delle iscrizioni. Mentre la seconda rata si paga tra febbraio e marzo, seguendo lo stesso procedimento del primo pagamento e munendosi di numero di matricola e codice fiscale.

Per i fuori corso

La disciplina per le tasse dell'università per i fuoricorso è differente (e molto discussa).
Il decreto legge detto “Spending Review", ovvero la Legge di Stabilità approvata nel 2012, ha aumentato le tasse per tutti gli studenti, ma in particolar modo per i fuoricorso.

La ragione di quest'aumento sta nella volontà di diminuire la pressione sulle casse dello Stato, aumentando – almeno nelle intenzioni – il gettito degli atenei. Questo non era stato possibile perché, secondo la legge, ogni ateneo non può ricevere dalla tasse di iscrizioni un ammontare che superi il 20% dei finanziamenti pubblici che il Ministero dell'Istruzione eroga con il Fondo di Finanziamento Ordinario.

Quindi, bloccato questo, erano bloccate anche le tasse.
Tuttavia, il Governo ha eliminato dal calcolo quelle pagate dagli studenti fuoricorso che, quindi, sono stato gravati di un grosso fardello, ovvero quello di rimpinguare le casse delle università.
Queste, infatti, sono davvero in difficoltà: la penuria di fondi viene sentita da tutti gli atenei, anche quelli più prestigiosi, che, quindi, si sono visti costretti a cogliere l'occasione.

In definitiva, si modificano così:

 

  • Per gli studenti fuoricorso le cui famiglie hanno redditi sino a 90mila euro, le tasse aumentano sino al 25%
  • Per redditi sino a 150mila euro, la percentuale massima è 50%
  • Per redditi superiori, il 100%

Il problema è che la percentuale di studenti di queste fasce è troppo piccola per dare una soluzione definitiva al problema dei fondi, costringendo le università a trovare altre soluzioni.
Inoltre, secondo ultimi dati Censis si è registrato un calo di matricole dovuto anche all'impossibilità di pagare le imposte regolari, rendendo più drammatica la situazione.

Esoneri di pagamento per le tasse universitarie

Ogni facoltà prevede l’esenzione di tutta o parte dell’importo delle tasse universitarie per gli studenti risultati idonei alla domanda della borsa di studio (per reddito) o per i portatori di handicap con invalidità superiore al 66%.





Potrebbe interessarti

Disoccupazione: requisiti ridotti

Si definisce disoccupazione, la condizione in cui si trovi un soggetto in età di lavoro che non sia una forza attiva nel mondo del lavoro.

Leggi tutto...

CCNL Artigianato: un approfondimento che non ti puoi perdere

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) è riservato a tutti i tipi di lavoratori delle aziende appartenenti ai settori legati al commercio e al terziario.

Leggi tutto...

ICOTEA: la formazione innovativa in risposta al mondo del lavoro

Inserirsi nel mondo del lavoro oggi non è facile. Per essere assunti il diploma di laurea sembra non bastare più, ma occorrono sempre più esperienze e competenze extra scolastiche che formino una figura professionale versatile e adattabile a diversi contesti lavorativi.

Leggi tutto...

Tredicesima mensilità: come si calcola (in base alla tassazione)

calcolare il pagamento della tredicesima

La tredicesima mensilità nasce con il con il CCNL, ovvero il contratto collettivo nazionale di lavoro 5 agosto 1937 e nel 1960, con il Decreto Presidente della Repubblica n. 1070, è diventato un diritto di tutti i lavoratori dipendenti, sia con contratto a tempo indeterminato che a tempo determinato.

Leggi tutto...

Licenziamento a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure per attivarlo?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094, definisce questo tipo di lavoratore come “prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore”.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Telelavoro da casa: tipologie, classificazioni e vantaggi

telelavoro da casa

Il telelavoro da casa è oggi sempre più diffuso grazie ai nuovi mezzi telematici ed informatici, che consentono di lavorare dalla propria abitazione o da qualsiasi altro posto superando i limiti fisici e logistici dell'azienda.

Leggi tutto...

Contratto collettivo nazionale del lavoro (CCNL)

Scopri tutto sul contratto nazionale del lavoro

Il contratto collettivo nazionale di lavoro è il contratto che ha per contraenti: le associazioni sindacali di lavoratori e datori di lavoro. Il contratto collettivo nazionale di lavoro ha come fine quello di regolare il contenuto dei contratti individuali tra singolo lavoratore e il datore di lavoro.

Leggi tutto...

Offerte lavoro geometra: come candidarsi online

I requisiti sono il superamento dell'esame di abilitazione professionale e l'iscrizione, da almeno due anni, nel registro provinciale dei praticanti della località di residenza o domicilio.

Leggi tutto...

Requisiti per lavorare in banca

Per coloro che sognano il posto fisso, il lavoro in banca è sicuramente un' opportunità imperdibile; sono infatti numerose le aziende del settore che in Italia vanno alla ricerca di nuovo personale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro come estetista: scopri come intraprendere la carriera!

In un periodo di contingenza economica come quello in cui ci stiamo vivendo, c’è un mestiere che sembra non conoscere crisi: la professione di estetista. Le ragioni di questa tendenza possono essere molteplici, tra cui si possono citare il parallelo successo di tutte le attività legate al benessere e alla cura del corpo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Gestione stabilimento balneare

Con l'arrivo dell'estate, sono molti, soprattutto giovani, che decidono di affidarsi ai lavori stagionali per guadagnare qualcosa almeno durante il periodo estivo. Un lavoro molto richiesto e interessante è infatti quello della gestione di uno stabilimento balneare.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Borsa lavoro Bolzano: offerte in Alto Adige

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro in Alto Adige.

Leggi tutto...
Go to Top