Ecco una guida per chi desidera avere informazioni generali circa le tasse università a Firenze e nelle altre università italiane. E’ bene specificare che ogni ateneo e facoltà utilizza degli iter differenti per il pagamento delle rette universitarie. In linea generale però, le università pubbliche seguono le indicazioni riportate di seguito in questa pagina.

Unifi.it il portale dell'Università degli Studi di Firenze

Unifi.it è il portale dell'università degli Studi di Firenze. Le origini di tale struttura formativa risalgono al 1321, quando nell'università si insegnavano: diritto, civile e canonico, lettere e medicina. Tra i docenti più noti, ricordiamo Boccaccio al quale fu affidato il compito di tenere lezioni sulla Divina Commedia.

Nel 1364 con l'imperatore Carlo IV, lo studio fiorentino diventa università imperiale e durante i secoli alcuni punti di ricerca si appoggiarono alle molteplici Accademie nate nel periodo (ad es. Accademia della Crusca e quella del Cimento). Nel 1924, un decreto conferì la denominazione di Università all'Istituto.

Quali sono le facoltà dell'Unifi

Oggi Unifi propone le facoltà presenti nell'università, che sono: Facoltà di Agraria, Architettura, Economia, Farmacia, Giurisprudenza, Ingegneria, Lettere e Filosofia, Medicina e Chirurgia, Psicologia (istituitanel 2002), Scienze della Formazione, Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali e Scienze Politiche.

I dipartimenti di Unifi sono suddivisi in cinque aree: Biomedica, Scientifica, Scienze Sociali, Tecnologica e Umanistica.

Sito dell'università degli studi di Firenze

Il portale Unifi.it ha creato una sezione interamente dedicata ai servizi informatici, il Csiaf, acronimo per centro servizi informatici e informativi dell'ateneo fiorentino. Nell'area Csiaf del Unifi è possibile accedere a servizi informatici integrati, con relativi supporti per il loro uso, che rispondono alle esigenze degli utenti interni ed esterni in termini di utilità, qualità, affidabilità ed economicità. Tra questi anche la sezione utile per gli studenti dedicata alle Segreterie Studenti o quella dedicata all'Immatricolazione, l'iscrizione e le tasse.

Menu principale di Unifi.it

Sul menu principale del sito Unifi è possibile accedere alla sezione dedicata all'Offerta Formativa dell'ateneo composta da:

  • Corsi di laurea, laurea specialistica e magistrale
  • Scuole specializzazione
  • Dottorati di ricerca
  • Master
  • Corsi perfezionamento
  • Corsi di formazione e aggiornamento professionale
  • Corsi singoli

Segnaliamo infine la possibilità di accedere dal portale Unifi alla Banca Dati Almalaurea che raccoglie un’ampia documentazione riguardante tutti i laureati e diplomati delle Università che fanno parte dell’associazione Almalaurea al fine di facilitare l’accesso dei giovani almondo del lavoro.

Numero rate e importi delle tasse università

Gli studenti che si iscrivono all’università pagano delle imposte universitarie in due rate per ogni anno accademico. L’importo della prima rata è uguale per tutti, (esclusi i richiedenti borsa di studio e i portatori di handicap con invalidità pari o superiore al 66%).

L’importo della seconda rata dipende solitamente dal reddito riparametrato o equivalente. In modo molto semplice, il reddito riparametrato è il risultato di una serie di operazioni che identificano la fascia di reddito in base alla quale si dovranno pagare le relative tasse. Principalmente, si considerano la condizione economica, il numero di componenti, il nucleo familiare e se ci sono altri iscritti alle varie facoltà.

Il documento necessario per ottenere l’inserimento nelle fasce contributive, si chiama “Attestazione ISEE” (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) o “ISEEU” (Indicatore della Situazione Economica Equivalente Università). Tali documenti sono rilasciati dal CAF (Centro Assistenza Fiscale).

Come e dove pagare le tasse dell’università

Ogni ateneo è “appoggiato” ad un istituto di credito in cui gli studenti possono effettuare i pagamenti. Attenzione quindi il bollettino per pagare le imposte non può essere pagato in qualsiasi banca. Inoltre, a seconda della facoltà, anche le modalità di pagamento possono essere differenti. Si può sempre pagare in contanti, spesso con assegno circolare e bancomat e in alcuni casi con assegno bancario o addebito in c/c.

Per effettuare il pagamento è necessario presentare il bollettino, con documento e codice fiscale. Gli studenti che si iscrivono agli anni successivi al primo, possono recarsi presso una filiale dell'Istituto Bancario in questione con il numero di matricola e il codice fiscale.

Quando pagare le tasse per l'università

Per ogni anno accademico le tasse universitarie sono suddivise in due rate. Nella maggior parte dei casi, la prima rata va pagata entro il termine di chiusura delle iscrizioni. Mentre la seconda rata si paga tra febbraio e marzo, seguendo lo stesso procedimento del primo pagamento e munendosi di numero di matricola e codice fiscale.

Per i fuori corso

La disciplina per le tasse dell'università per i fuoricorso è differente (e molto discussa).
Il decreto legge detto “Spending Review", ovvero la Legge di Stabilità approvata nel 2012, ha aumentato le tasse per tutti gli studenti, ma in particolar modo per i fuoricorso.

La ragione di quest'aumento sta nella volontà di diminuire la pressione sulle casse dello Stato, aumentando – almeno nelle intenzioni – il gettito degli atenei. Questo non era stato possibile perché, secondo la legge, ogni ateneo non può ricevere dalla tasse di iscrizioni un ammontare che superi il 20% dei finanziamenti pubblici che il Ministero dell'Istruzione eroga con il Fondo di Finanziamento Ordinario.

Quindi, bloccato questo, erano bloccate anche le tasse.
Tuttavia, il Governo ha eliminato dal calcolo quelle pagate dagli studenti fuoricorso che, quindi, sono stato gravati di un grosso fardello, ovvero quello di rimpinguare le casse delle università.
Queste, infatti, sono davvero in difficoltà: la penuria di fondi viene sentita da tutti gli atenei, anche quelli più prestigiosi, che, quindi, si sono visti costretti a cogliere l'occasione.

In definitiva, si modificano così:

 

  • Per gli studenti fuoricorso le cui famiglie hanno redditi sino a 90mila euro, le tasse aumentano sino al 25%
  • Per redditi sino a 150mila euro, la percentuale massima è 50%
  • Per redditi superiori, il 100%

Il problema è che la percentuale di studenti di queste fasce è troppo piccola per dare una soluzione definitiva al problema dei fondi, costringendo le università a trovare altre soluzioni.
Inoltre, secondo ultimi dati Censis si è registrato un calo di matricole dovuto anche all'impossibilità di pagare le imposte regolari, rendendo più drammatica la situazione.

Esoneri di pagamento per le tasse universitarie

Ogni facoltà prevede l’esenzione di tutta o parte dell’importo delle tasse universitarie per gli studenti risultati idonei alla domanda della borsa di studio (per reddito) o per i portatori di handicap con invalidità superiore al 66%.



Potrebbe interessarti

Corsi per la sicurezza sul lavoro: perché frequentarli?

nuovi corsi sulla sicurezza sul lavoro

I corsi per la sicurezza sul lavoro vengono proposti in tutta Italia da tantissime organizzazione e da enti sparsi sul nostro territorio: ogni percorso formativo è, solitamente, caratterizzato da una parte teorica e da un apprendimento pratico, fondamentale per comprendere alla perfezione manovre e strategie necessarie per preservare sicurezza e salute sul luogo di lavoro. La formazione si conclude, poi, con dei test di verifica, superati i quali è possibile ottenere delle importanti qualifiche, degli attestati da inserire come risorsa nel proprio curriculum!

Leggi tutto...

Concorsi per categorie protette: tutte le possibilità!

lavoratori vin categorie protette

Per categorie protette si intende una condizione di diritto riconosciuta dal legislatore ai lavoratori disabili e altri (orfani, vedove, etc).

Leggi tutto...

Permesso parentale: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Il permesso parentale è un diritto che viene dato ad entrambi i genitori per ogni bimbo. Si tratta in definitiva della possibilità di astenersi dal lavoro.

Leggi tutto...

CCNL Artigianato: un approfondimento che non ti puoi perdere

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) è riservato a tutti i tipi di lavoratori delle aziende appartenenti ai settori legati al commercio e al terziario.

Leggi tutto...

Modulistica Inpdap: vediamo tutti i documenti

L'Inpdap è nato nel 1994; il suo termine non è altro che l'acronimo dell'Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell'Amministrazione Pubblica. L'Inpdap svolge il suo lavoro affiancandosi anche ad enti come l' ENPDEP, ENPAS, INADEL e le casse pensionistiche e gestendo tutto quello che riguarda le dinamiche creditizie, previdenziali e sociali dei suoi iscritti.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

L'assunzione di lavoratori comunitari: sai come funziona?

Immagine dell'assunzione lavoratore dal mondo

Sempre più di recente nel nostro Paese, le ditte assumono i cittadini comunitari (cioè che risiedono nell'Unione Europea). Per questo motivo, in Italia vi sono degli iter per accedere al mercato del lavoro se non si ha la cittadinanza italiana. 

Leggi tutto...

Gestione di un chiosco sulla spiaggia

L'estate si avvicina e aumenta di giorno in giorno la richiesta di lavori da effettuare unicamente durante i tre mesi stagionali.

Leggi tutto...

Lavorare in Australia: le offerte più interessanti

opportunità di lavoro in australia

Hai deciso di mollare l'Europa? Hai già letto i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni? Allora sei pronto per partire.

Per trovare un lavoro in Australia è necessario essere provvisti di permesso di soggiorno. Prima di affrontare una scelta del genere, è dunque indispensabile munirsi di informazioni riguardo alle regole australiane in materia. La fonte più accreditata presso la quale si possono reperire notizie a riguardo è il governo australiano.

Leggi tutto...

Offerte di lavoro in Liguria

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro in Liguria. Purtroppo la Regione non sta attraversando un periodo facile per quanto riguarda le assunzioni e la disoccupazione, più che in altre zone del Nord, sta risentendo della pesante crisi economica.

Leggi tutto...

La tredicesima prevista per le pensioni

Bisogna sapere che oltre alla tredicesima classica che si percepisce per determinate prestazioni lavorative e che varia proprio in in base al tipo e alla durata del lavoro svolto, esiste anche la tredicesima sulle pensioni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Reversibilità pensione: cos'è e chi ne ha diritto?

Reversibilità della pensione del coniuge

Che cosa è? In sostanza, la reversibilità della pensione è l’importo della pensione (o Pensione Inpdap) che un tale beneficiario appartenente al nucleo familiare riceverà alla morte di un lavoratore assicurato o del pensionato.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lettera di dimissioni: modulo ed iter da seguire

persona intenta a scrivere una lettera di dimissioni

Da qualche anno è entrato in vigore un decreto Interministeriale relativo alle procedure per presentare le dimissioni volontarie. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Agevolazioni imprenditoria femminile

Donne impegnate a parlare di finanziamenti nell'imprenditoria femminile

Chi può richiedere le agevolazioni dell’imprenditoria femminile? Possono presentare il progetto per ottenere le agevolazioni previste dalla legge per l’imprenditoria femminile, i seguenti soggetti giuridici

Leggi tutto...
Go to Top