Ecco una guida per chi desidera avere informazioni generali circa le tasse università a Firenze e nelle altre università italiane. E’ bene specificare che ogni ateneo e facoltà utilizza degli iter differenti per il pagamento delle rette universitarie. In linea generale però, le università pubbliche seguono le indicazioni riportate di seguito in questa pagina.

Unifi.it il portale dell'Università degli Studi di Firenze

Unifi.it è il portale dell'università degli Studi di Firenze. Le origini di tale struttura formativa risalgono al 1321, quando nell'università si insegnavano: diritto, civile e canonico, lettere e medicina. Tra i docenti più noti, ricordiamo Boccaccio al quale fu affidato il compito di tenere lezioni sulla Divina Commedia.

Nel 1364 con l'imperatore Carlo IV, lo studio fiorentino diventa università imperiale e durante i secoli alcuni punti di ricerca si appoggiarono alle molteplici Accademie nate nel periodo (ad es. Accademia della Crusca e quella del Cimento). Nel 1924, un decreto conferì la denominazione di Università all'Istituto.

Quali sono le facoltà dell'Unifi

Oggi Unifi propone le facoltà presenti nell'università, che sono: Facoltà di Agraria, Architettura, Economia, Farmacia, Giurisprudenza, Ingegneria, Lettere e Filosofia, Medicina e Chirurgia, Psicologia (istituitanel 2002), Scienze della Formazione, Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali e Scienze Politiche.

I dipartimenti di Unifi sono suddivisi in cinque aree: Biomedica, Scientifica, Scienze Sociali, Tecnologica e Umanistica.

Sito dell'università degli studi di Firenze

Il portale Unifi.it ha creato una sezione interamente dedicata ai servizi informatici, il Csiaf, acronimo per centro servizi informatici e informativi dell'ateneo fiorentino. Nell'area Csiaf del Unifi è possibile accedere a servizi informatici integrati, con relativi supporti per il loro uso, che rispondono alle esigenze degli utenti interni ed esterni in termini di utilità, qualità, affidabilità ed economicità. Tra questi anche la sezione utile per gli studenti dedicata alle Segreterie Studenti o quella dedicata all'Immatricolazione, l'iscrizione e le tasse.

Menu principale di Unifi.it

Sul menu principale del sito Unifi è possibile accedere alla sezione dedicata all'Offerta Formativa dell'ateneo composta da:

  • Corsi di laurea, laurea specialistica e magistrale
  • Scuole specializzazione
  • Dottorati di ricerca
  • Master
  • Corsi perfezionamento
  • Corsi di formazione e aggiornamento professionale
  • Corsi singoli

Segnaliamo infine la possibilità di accedere dal portale Unifi alla Banca Dati Almalaurea che raccoglie un’ampia documentazione riguardante tutti i laureati e diplomati delle Università che fanno parte dell’associazione Almalaurea al fine di facilitare l’accesso dei giovani almondo del lavoro.

Numero rate e importi delle tasse università

Gli studenti che si iscrivono all’università pagano delle imposte universitarie in due rate per ogni anno accademico. L’importo della prima rata è uguale per tutti, (esclusi i richiedenti borsa di studio e i portatori di handicap con invalidità pari o superiore al 66%).

L’importo della seconda rata dipende solitamente dal reddito riparametrato o equivalente. In modo molto semplice, il reddito riparametrato è il risultato di una serie di operazioni che identificano la fascia di reddito in base alla quale si dovranno pagare le relative tasse. Principalmente, si considerano la condizione economica, il numero di componenti, il nucleo familiare e se ci sono altri iscritti alle varie facoltà.

Il documento necessario per ottenere l’inserimento nelle fasce contributive, si chiama “Attestazione ISEE” (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) o “ISEEU” (Indicatore della Situazione Economica Equivalente Università). Tali documenti sono rilasciati dal CAF (Centro Assistenza Fiscale).

Come e dove pagare le tasse dell’università

Ogni ateneo è “appoggiato” ad un istituto di credito in cui gli studenti possono effettuare i pagamenti. Attenzione quindi il bollettino per pagare le imposte non può essere pagato in qualsiasi banca. Inoltre, a seconda della facoltà, anche le modalità di pagamento possono essere differenti. Si può sempre pagare in contanti, spesso con assegno circolare e bancomat e in alcuni casi con assegno bancario o addebito in c/c.

Per effettuare il pagamento è necessario presentare il bollettino, con documento e codice fiscale. Gli studenti che si iscrivono agli anni successivi al primo, possono recarsi presso una filiale dell'Istituto Bancario in questione con il numero di matricola e il codice fiscale.

Quando pagare le tasse per l'università

Per ogni anno accademico le tasse universitarie sono suddivise in due rate. Nella maggior parte dei casi, la prima rata va pagata entro il termine di chiusura delle iscrizioni. Mentre la seconda rata si paga tra febbraio e marzo, seguendo lo stesso procedimento del primo pagamento e munendosi di numero di matricola e codice fiscale.

Per i fuori corso

La disciplina per le tasse dell'università per i fuoricorso è differente (e molto discussa).
Il decreto legge detto “Spending Review", ovvero la Legge di Stabilità approvata nel 2012, ha aumentato le tasse per tutti gli studenti, ma in particolar modo per i fuoricorso.

La ragione di quest'aumento sta nella volontà di diminuire la pressione sulle casse dello Stato, aumentando – almeno nelle intenzioni – il gettito degli atenei. Questo non era stato possibile perché, secondo la legge, ogni ateneo non può ricevere dalla tasse di iscrizioni un ammontare che superi il 20% dei finanziamenti pubblici che il Ministero dell'Istruzione eroga con il Fondo di Finanziamento Ordinario.

Quindi, bloccato questo, erano bloccate anche le tasse.
Tuttavia, il Governo ha eliminato dal calcolo quelle pagate dagli studenti fuoricorso che, quindi, sono stato gravati di un grosso fardello, ovvero quello di rimpinguare le casse delle università.
Queste, infatti, sono davvero in difficoltà: la penuria di fondi viene sentita da tutti gli atenei, anche quelli più prestigiosi, che, quindi, si sono visti costretti a cogliere l'occasione.

In definitiva, si modificano così:

 

  • Per gli studenti fuoricorso le cui famiglie hanno redditi sino a 90mila euro, le tasse aumentano sino al 25%
  • Per redditi sino a 150mila euro, la percentuale massima è 50%
  • Per redditi superiori, il 100%

Il problema è che la percentuale di studenti di queste fasce è troppo piccola per dare una soluzione definitiva al problema dei fondi, costringendo le università a trovare altre soluzioni.
Inoltre, secondo ultimi dati Censis si è registrato un calo di matricole dovuto anche all'impossibilità di pagare le imposte regolari, rendendo più drammatica la situazione.

Esoneri di pagamento per le tasse universitarie

Ogni facoltà prevede l’esenzione di tutta o parte dell’importo delle tasse universitarie per gli studenti risultati idonei alla domanda della borsa di studio (per reddito) o per i portatori di handicap con invalidità superiore al 66%.



Potrebbe interessarti

Livello CCNL: tutto quello che devi sapere!

Ciascun CCNLsi basa su l’accordo di diversi soggetti in merito a determinate materie. In base al livello del CCNL vengono prese decisioni diverse, ma significative per la contrattazione stessa.

Leggi tutto...

Lavoro occasionale: conosciamone la normativa

ricerca di un lavoro occasionale

Rispetto al lavoro di tipo accessorio, il lavoro di questo genere prevede l'assenza di continuità e coordinamento lavorativi; non è previsto il versamento di contributi e non è indispensabile istituire la partita IVA, perché la retribuzione dipende da una ritenuta d'acconto pari al 20%.

Leggi tutto...

I livelli del contratto dei metalmeccanici

Per assumere un lavoratore le suddette imprese devono rispettare quanto stabilito dalla legge e dal CCNL Metalmeccanici.

Leggi tutto...

Accredito stipendio

Molto spesso, presi da mille impegni lavorativi e quotidiani, non si riesce a trovare il tempo per recarsi presso gli sportelli della Banca e delle Poste a riscuotere o a versare il proprio stipendio. Per evitare inconvenienti spiacevoli, è possibile farsi accreditare sul proprio conto corrente bancario o postale il proprio stipendio.

Leggi tutto...

Elenco delle facoltà universitarie: scegli quella che fa per te!

Cosa fare dopo le scuole superiori? Una domanda che milioni di studenti si pongono ogni anno: per questo motivo è opportuno offrire un'ampia panoramica delle principali facoltà universitarie presenti sul territorio, verificandone l'offerta formativa e le possibilità di accesso al mondo del lavoro.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Diventare scrittore: corsi di scrittura creativa e concorsi letterari

Per diventare scrittore è importante coltivare la passione per il libri

Come fare per diventare scrittore? Una domanda a cui risulta sempre più difficile rispondere. Oggi per diventare scrittore serve soprattutto una grande passione; ancor più che in passato accade che talenti letterari vengano scoperti solo dopo anni di rifiuti (es. Saviano e Dan Brown).

Leggi tutto...

Contratto collettivo nazionale del lavoro (CCNL)

Scopri tutto sul contratto nazionale del lavoro

Il contratto collettivo nazionale di lavoro è il contratto che ha per contraenti: le associazioni sindacali di lavoratori e datori di lavoro. Il contratto collettivo nazionale di lavoro ha come fine quello di regolare il contenuto dei contratti individuali tra singolo lavoratore e il datore di lavoro.

Leggi tutto...

Lavorare nella comunicazione: le evoluzioni, gli obiettivi e gli strumenti per sfondare!

lavorare nel mondo della comunicazione

Tutti i soggetti partecipanti al mercato comunicano. La comunicazione è di per sé un fattore di costo ma le imprese e anche le organizzazioni no profit decidono di comunicare: per questa ragione trovare un lavoro nella comunicazione può rivelarsi una scelta efficace a patto che si seguano delle linee guida sicure.

Leggi tutto...

Lavoro in Cina, la nuova frontiera economica

Immagine esemplificativa del lavoro in Cina

La Cina è senza ombra di dubbio una fra le più grandi potenze economiche internazionali di questo nuovo millennio. Da ormai vari anni tanti italiani trovano lavoro in Cina anche grazie alle offerte segnalate presso le ambasciate, i siti istituzionali o le agenzie interinali.

Leggi tutto...

Come scrivere un autocertificazione e i casi in cui utilizzarla

La dichiarazione sostitutiva di certificazione può essere necessaria anche nel campo lavorativo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contratto nullo o annullabile

contratto nullo

Un contratto è invalido quando presenta anomalie, alterazioni, vizi di rilevante gravità, al punto che le parti non sono costrette a rispettare il regolamento che esse hanno dato a quel contratto ai propri rapporti reciproci.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Parliamo di Flat Tax: ecco che cos’è e come funziona!

La Flat Tax rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro parasubordinato: conosci i tuoi diritti?

Il rapporto di lavoro subordinato è disciplinato dall’articolo 2094 del Codice Civile: “è prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell’impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell’imprenditore.”

Leggi tutto...
Go to Top