Oggi diamo uno sguardo alle normative per il Telelavoro da casa. Per quanto riguarda il settore pubblico, viene disciplinato dal D.P.R. numero 70/99 che, principalmente distingue fra lavoro a distanza e telelavoro e quindi definisce la specifica disciplina della materia.

La disciplina sopramenzionata del 09 giugno 2004 decide anche i doveri delle parti, nello specifico:

  • il datore ha l'obbligo di farsi carico degli oneri relativi alla fornitura. Il datore di lavoro garantisce e tutela la salute del lavoratore adottando le idonee. normative per il telelavoro
  • il lavoratore deve rispettare e non danneggiare la strumentazione di lavoro fornita dalla azienda. I dipendenti che svolgono il lavoro da casa, secondo le vigenti normative per il telelavoro non possono trasmettere informazioni illegittime via internet.

Tutele del telelavoratore: il collaboratore disciplinato da un contratto di telelavoro ha i medesimi diritti dei dipendenti che fanno le mansioni in sede aziendale (sindacato, statuto dei lavoratori, ecc).

Normative per il telelavoro: obiettivi dell'occupazione da casa

Nel settore privato, di accrescere la produttività e/o la competitività enfatizzando l'ottenimento di obiettivi, il lavoro decentralizzato e l'autonomia dei lavoratori con contratti più flessibili, regolati dalle normative per il telelavoro, per il settore della P.A. 

Lavorare da casa: come si distingue in base alle mansioni

In base al tipo di impiego e di contratto, distinguiamo:

  • Telelavoratori dipendenti che hanno contrattualmente designata la propria abitazione come luogo di occupazione oltre agli uffici dell'azienda.
  • autonomi che optano per svolgere il proprio lavoro da casa. Tale status di impiego è di solito scelto da coloro che, all'inizio di una nuova attività, non possono sostenere i costi di un ufficio vero e proprio.

Individuale o collettivo

Quindi abbiamo il telelavoro individuale, ovvero che interessa un singolo collaboratore, e quello collettivo il quale include :

  • La riallocazione intra-aziendale per le funzioni di supporto
  • La riallocazione intra-aziendale per le funzioni di supporto che include l'uso di telecottages e e telecentri
  • Lavoro di gruppo tra imprese diverse, che si scambiano dati e sono collegati tra loro via ICT.

telelavoro da casa

Tipi di lavori da casa

Il lavoro online è sempre più diffuso e può essere svolto avendo a disposizione solo due requisiti e strumenti: 1. Un buon pc, 2. una buona linea internet; per tanto può essere svolto sia da casa che in qualunque altro luogo del pianeta, in quest'ultimo caso parliamo del fenomeno dei nomadi digitali, imprenditori del web che lavorando su internet possono permettersi di viaggiare..

Allo stesso modo i lavori da casa sono sempre più diffusi.

  • Lavorare con un blog come blogger: consiste nel creare un proprio sito web/blog dove trattare argomenti specifici, magari su settori nei quali si ha competenza, si potrà cosi guadagnare tramite l'inserimento di pubblicità, ovviamente è un tipo di attività che.
  • La professione del seo ed il social media manager: sempre in ambito web è importante per le aziende farsi conoscere online, entrano cosi in ballo i canali promozionali, in primis abbiamo Google e Facebook; nel caso di Google l'esperto in questione di chiama SEO (acronimo di search engine optimization, ottimizzazione motore di ricerca) e si occupa di migliorare il posizionamento e la visibilità su Google., nel caso del social media manager entra in ballo la visibilità su Facebook.

Di attività possibili tramite il web da svolgere a casa ce ne sono ancora tante altre, in conclusione possiamo confermare che internet ha cambiato radicalmente il mondo in cui viviamo sia a livello economico e culturale ma anche ovviamente a livello lavorativo.

Normative per il telelavoro nel 2020

normative per il telelavoro

Come tutti sappiamo il 2020 è stato un anno particolare, per quanto riguarda le relazioni umane faccia a faccia, a causa della diffusione del Covid-19. Nessuno si sarebbe mai aspettato una pandemia di questo tipo, la diffusione di questo virus ha cambiato il modo di agire delle persone, in tutto il mondo. L’Italia, infatti, non è l’unico paese che sta prendendo provvedimenti restrittivi in tal senso, ma tutti i paesi del mondo si stanno organizzando per limitare i contagi e tornare alla normalità il prima possibile.

Indubbiamente, anche l’ambito lavorativo ha subito delle grosse variazioni, inquanto, sono state approvate, durante il corso dell’anno, delle misure cautelative e nuove normative per il telelavoro, più comunemente noto come smartworking, che riducono al minimo la presenza in azienda e i contatti di persona tra i dipendenti.

Le nuove normative per il telelavoro, prevedono l’utilizzo dello smartworking da parte di tutte le aziende che ne hanno la possibilità. Ad esempio, tutte le imprese che lavorano sul digitale o nel mondo dell’ICT stanno continuando regolarmente le loro attività, rispettando però le nuove normative per il telelavoro.

normative per il telelavoro

Alcuni settori purtroppo, a causa di queste nuove modalità di lavoro, stanno risentendo parecchio di questa situazione. Basti pensare a tutte le aziende che lavorano nel campo del turismo come alberghi e agenzie di viaggio che, pur attenendosi alle normative per il telelavoro, non riescono comunque a portare avanti le proprie attività.

Anche le palestre o i ristoranti sono dei settori piuttosto colpiti da questo atipico momento storico, nonostante le nuove normative per il telelavoro. Alcune palestre sono fortunatamente riuscite a sfruttare il digitale fornendo lezioni online e tutorial da seguire a casa, adattandosi quindi, con qualche difficoltà, alle normative per il telelavoro.

Questo 2020 ci ha regalato poche gioie, ma fortunatamente, la tecnologa in questi casi è dalla nostra parte e in un momento così difficile ci sta aiutando a restare in piedi nonostante il periodo.

Potrebbe interessarti

Pensione per parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Pensione parasubordinati e autonomi: vediamo a chi spetta

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro? Occhio all'abbigliamento

come presentarsi ad un colloquio

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

La pensione contributiva è andata a modificare il calcolo dei versamenti, considerando non più la media degli ultimi ma la totalità di quelli effettuati, dal primo all'ultimo. Il contributivo non è valido per tutti i lavoratori, poiché la legge distingue tra quanti debbano ricorrevi, i casi in cui si possa mantenere la formula precedente e quelli che usufruiscono di un sistema misto:

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Contratti di lavoro atipici: quali sono?

Contratti di lavoro atipici: quali sono i contratti di lavoro atipici e quali sono le caratteristiche di ciascun tipo di contratto di lavoro atipico.

Offerte di lavoro per grafici: ecco come e dove candidarsi

Offerte di lavoro per grafici

Con il termine di grafico si intende una figura professionale nota anche come graphic designer. In sostanza, un grafico si occupa del settore delle arti visive, ed il suo mestiere è quello di creare una serie di prodotti destinati alla comunicazione visiva, ovvero con l'obiettivo di comunicare un messaggio attraverso un mezzo che sia: la stampa, la pubblicazione cartacea, la pubblicazione elettronica.

Lavoro congruo: scopriamo insieme le norme a favore dei lavoratori

La circolare del ministero del lavoro nr. 39 del 19 novembre 2010 esige, mediante l'articolo 19 del decreto legge 185/2008, l'obbligo per il lavoratore che percepisce una prestazione di sostegno al reddito di dichiararsi disponibile a una nuova attività, nota anche come lavoro congruo, oppure a un percorso di riqualificazione professionale, per percepire gli incentivi statali.

Leggi anche...

Pensione ai superstiti: tutti i beneficiari

pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti è la quota di quella Inps che viene corrisposta ai famigliari del lavoratore assicurato o pensionato, dopo la sua morte

Leggi anche...

Controversie sul lavoro: diamo uno sguardo a quello che può accadere

I compiti principali della Direzione Generale del Ministero del Lavoro si basano sul garantire e tutelare le condizioni di lavoro e sul mediare nelle situazioni di crisi d’impresa e nelle vertenze nazionali di lavoro.