La teoria delle opzioni reali consente in modo rigoroso di attribuire un valore al concetto di opportunità.

Questa teoria elabora il concetto di incertezza in modo non convenzionale, considerando la stessa sotto un aspetto positivo e negativo. Essa nasce negli anni ’70 e si sviluppa negli anni ‘90, quando il metodo dei flussi di cassa attualizzati e del VAN (basati su scenari caratterizzati da certezza) vengono accantonati, in assenza di miglioramenti.

Cosa è l'opzione reale?

Opzione reale = il diritto (senza alcun obbligo) di conseguire un vantaggio derivante da un’opportunità in un ambiente caratterizzato da incertezza.
L’elemento cruciale che determina l’esistenza di un’opzione è, quindi, l’incertezza, in virtù della quale è possibile attribuire un premio all’attesa, ovvero al differimento di una decisione, in quanto in tal modo è possibile acquisire nuove informazioni.

Funzionamento dell'opzione

Funziona così: il soggetto A paga una somma di denaro (detta premio) al soggetto B per potersi riservare il diritto di acquistare (Opzione Call) o vendere (Opzione Put) un certo asset (detto Sottostante, il cui valore di mercato nel tempo è variabile) a un prezzo pre-concordato (prezzo d’esercizio) a una scadenza prestabilita (o entro la scadenza, nel caso di opzione “americana”).

Un’opzione call su un asset (con un certo valore corrente), dà il diritto ad acquisire l’asset sottostante pagando un prezzo predeterminato (il prezzo di esercizio) ad una scadenza prestabilita (o entro la scadenza, nel caso di opzione “americana”).
Similarmente un’opzione put dà il diritto a vendere un asset sottostante e ricevere il prezzo di esercizio.
L’asimmetria derivante dal possedere un diritto senza alcun obbligo corrispondente è l’elemento cruciale della strategia delle opzioni binarie.

L'opzione reale passiva

Si parla di opzione reale passiva quando il diritto di opzione è in mano a terzi (e noi dobbiamo aspettare una loro decisione), dunque una minaccia potenziale per l’impresa, poiché comporta l’obbligo di sopportare uno svantaggio economico laddove l’holder scelga di esercitare il proprio diritto.

Metodo di valutazione basato sulla teoria delle opzioni reali

La teoria delle opzioni reali è un metodo di valutazione e di gestione degli investimenti strategici in un contesto di incertezza. Essa fornisce la struttura teorica per immaginare opportunità e minacce come opzioni reali, ossia come asset e liabilities che rappresentano componenti della ricchezza immateriale “aleatoria”.

Il concetto di incertezza viene pertanto elaborato in modo nuovo: il futuro non è più solamente foriero di minacce, ma è anche portatore di opportunità positive: chi si espone all’incertezza affronta sì il rischio di perdite potenziali, ma può anche incorrere in potenziali maggiori guadagni.

La teoria delle opzioni reali si basa, pertanto, su 2 presupposti:

1. la concezione dinamica del tempo, che si esprime attraverso 2 fattori:

  • l’irreversibilità e
  • la possibilità di ottenere informazioni aggiuntive al trascorrere del tempo;

2. le potenzialità legate all’incertezza sia statica sia dinamica.

Il valore attribuibile a un’opzione reale (che si concretizza nel Premio pagato per fruire del diritto d’opzione) è funzione dell’incertezza, che a sua volta racchiude minacce e opportunità legate ai possibili “stati del mondo” che possono verificarsi in futuro.

L’impresa può essere vista, nel momento in cui nasce, come un insieme di potenzialità inespresse; col passare del tempo tali potenzialità possono maturare, generando capabilities. Il successo di un impresa dipende, tuttavia, non solo dalla sua capacità di reagire agli stimoli dell’ambiente e, quindi, dal perfezionamento delle sue capabilities ma anche dalle opportunità che la stessa riuscirà a cogliere e dalle minacce che potrà essere in grado di gestire. Opportunità e minacce, legate all’incertezza dell’ambiente, alimentano un meccanismo di creazione e distruzione di opzioni attive e passive che incide sul valore complessivo dell’azienda.

Tipologia delle opzioni reali

E’ possibile individuare differenti tipi di opzioni reali:

  • Opzioni CALL
    • di espansione
    • di differire
    • di cambiamento
    • di crescita di un progetto di investimento;
  • Opzioni PUT
    • di abbandonare
    • di contrazione
    • di sospensione del progetto;
  • le opzioni multiple interrelate (compound option).




Potrebbe interessarti

Lavoro interinale: normativa e giurisprudenza

contratto di lavoro interinale

Le Agenzie per il lavoro sono imprese private dedicate alla somministrazione di lavoro interinale, ovvero prestazioni lavorative di carattere temporaneo. Questa tipologia è stata introdotta in Italia nel 1977; la normativa per il lavoro interinale ha subito svariate modifiche sino alla cosiddetta Legge Biagi . La L. 30/2003, inoltre, è quella che autorizza proprio queste agenzie.

Leggi tutto...

Pensione Inpdap: come effettuare il calcolo e come richiederla?

Dal momento di riforma del sistema previdenziale italiano, anche l'Inpdap si è adeguata alla grande differenziazione tra previdenza obbligatoria e previdenza complementare.

Leggi tutto...

Regime fiscale “forfettino”: tutti i vantaggi!

 

Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

Leggi tutto...

Come presentarsi ai colloqui di lavoro? Non solo consigli sull'abbigliamento!

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Leggi tutto...

Licenziamento a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure per attivarlo?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094, definisce questo tipo di lavoratore come “prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore”.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Il recupero crediti: come funziona?

il lavoro del recupero crediti

L'attività di recupero crediti consente ad aziende e privati di essere tutelati nei loro diritti, consentendo infatti l'incasso di un credito che non è stato possibile ottenere.

Leggi tutto...

Libero professionista: scopriamo questa figura lavorativa

Il libero professionista è colui che, dopo aver acquisito determinate nozioni di natura pratica e intellettuale mediante specifici percorsi di studio e formazione, offre le sue prestazioni professionali per uno o più committenti.

Leggi tutto...

Testo Legge Biagi: la piaga dei contratti a progetto

testo di legge biagi

La legge 30, nota anche come Legge Biagi in riferimento ad uno dei giuslavoristi che hanno contribuito alla sua stesura, è stata promulgata nel febbraio del 2003, e si occupa di Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro.

Leggi tutto...

Quota 100: tutto sul progetto rilanciato dal M5s

Imagine esemplificativa che rimanda alla quota 100

Con il termine Quota 100 si intende la proposta diretta ad anticipare l'età pensionabile dei lavoratori che sono regolarmente iscritti ai fondi di previdenza che gestisce l'assicurazione generale obbligatoria, ovvero l’AGO; alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata per i fondi sostitutivi e per quelli esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria. 

Leggi tutto...

Turni di lavoro e del riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Rinnovo contratto bancari: cosa cambia

rinnovo contratti bancari

Sono tante le persone alla ricerca di un lavoro ogni giorno; tutti puntano a trovare quello idoneo alle proprie esigenze, alle proprie competenze e affine agli studi effettuati in precedenza. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il contratto collettivo nazionale per i pubblici servizi

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Rinnovo contratto bancari: cosa cambia

rinnovo contratti bancari

Sono tante le persone alla ricerca di un lavoro ogni giorno; tutti puntano a trovare quello idoneo alle proprie esigenze, alle proprie competenze e affine agli studi effettuati in precedenza. 

Leggi tutto...
Go to Top