La teoria delle opzioni reali consente in modo rigoroso di attribuire un valore al concetto di opportunità.

Questa teoria elabora il concetto di incertezza in modo non convenzionale, considerando la stessa sotto un aspetto positivo e negativo. Essa nasce negli anni ’70 e si sviluppa negli anni ‘90, quando il metodo dei flussi di cassa attualizzati e del VAN (basati su scenari caratterizzati da certezza) vengono accantonati, in assenza di miglioramenti.

Cosa è l'opzione reale?

Opzione reale = il diritto (senza alcun obbligo) di conseguire un vantaggio derivante da un’opportunità in un ambiente caratterizzato da incertezza.
L’elemento cruciale che determina l’esistenza di un’opzione è, quindi, l’incertezza, in virtù della quale è possibile attribuire un premio all’attesa, ovvero al differimento di una decisione, in quanto in tal modo è possibile acquisire nuove informazioni.

Funzionamento dell'opzione

Funziona così: il soggetto A paga una somma di denaro (detta premio) al soggetto B per potersi riservare il diritto di acquistare (Opzione Call) o vendere (Opzione Put) un certo asset (detto Sottostante, il cui valore di mercato nel tempo è variabile) a un prezzo pre-concordato (prezzo d’esercizio) a una scadenza prestabilita (o entro la scadenza, nel caso di opzione “americana”).

Un’opzione call su un asset (con un certo valore corrente), dà il diritto ad acquisire l’asset sottostante pagando un prezzo predeterminato (il prezzo di esercizio) ad una scadenza prestabilita (o entro la scadenza, nel caso di opzione “americana”).
Similarmente un’opzione put dà il diritto a vendere un asset sottostante e ricevere il prezzo di esercizio.
L’asimmetria derivante dal possedere un diritto senza alcun obbligo corrispondente è l’elemento cruciale della strategia delle opzioni binarie.

L'opzione reale passiva

Si parla di opzione reale passiva quando il diritto di opzione è in mano a terzi (e noi dobbiamo aspettare una loro decisione), dunque una minaccia potenziale per l’impresa, poiché comporta l’obbligo di sopportare uno svantaggio economico laddove l’holder scelga di esercitare il proprio diritto.

Metodo di valutazione basato sulla teoria delle opzioni reali

La teoria delle opzioni reali è un metodo di valutazione e di gestione degli investimenti strategici in un contesto di incertezza. Essa fornisce la struttura teorica per immaginare opportunità e minacce come opzioni reali, ossia come asset e liabilities che rappresentano componenti della ricchezza immateriale “aleatoria”.

Il concetto di incertezza viene pertanto elaborato in modo nuovo: il futuro non è più solamente foriero di minacce, ma è anche portatore di opportunità positive: chi si espone all’incertezza affronta sì il rischio di perdite potenziali, ma può anche incorrere in potenziali maggiori guadagni.

La teoria delle opzioni reali si basa, pertanto, su 2 presupposti:

1. la concezione dinamica del tempo, che si esprime attraverso 2 fattori:

  • l’irreversibilità e
  • la possibilità di ottenere informazioni aggiuntive al trascorrere del tempo;

2. le potenzialità legate all’incertezza sia statica sia dinamica.

Il valore attribuibile a un’opzione reale (che si concretizza nel Premio pagato per fruire del diritto d’opzione) è funzione dell’incertezza, che a sua volta racchiude minacce e opportunità legate ai possibili “stati del mondo” che possono verificarsi in futuro.

L’impresa può essere vista, nel momento in cui nasce, come un insieme di potenzialità inespresse; col passare del tempo tali potenzialità possono maturare, generando capabilities. Il successo di un impresa dipende, tuttavia, non solo dalla sua capacità di reagire agli stimoli dell’ambiente e, quindi, dal perfezionamento delle sue capabilities ma anche dalle opportunità che la stessa riuscirà a cogliere e dalle minacce che potrà essere in grado di gestire. Opportunità e minacce, legate all’incertezza dell’ambiente, alimentano un meccanismo di creazione e distruzione di opzioni attive e passive che incide sul valore complessivo dell’azienda.

Tipologia delle opzioni reali

E’ possibile individuare differenti tipi di opzioni reali:

  • Opzioni CALL
    • di espansione
    • di differire
    • di cambiamento
    • di crescita di un progetto di investimento;
  • Opzioni PUT
    • di abbandonare
    • di contrazione
    • di sospensione del progetto;
  • le opzioni multiple interrelate (compound option).

Potrebbe interessarti

Scienze della Mediazione Linguistica: uno sbocco verso il futuro

Scienze della Mediazione Linguistica

In un’epoca sempre più caratterizzato dalla multiculturalità, la conoscenza delle lingue straniere diventa sempre più una prerogativa imprescindibile per l’accesso nel mondo del lavoro.

Previdenza sociale: quali e quanti soggetti deve tutelare?

previdenza sociale

Il conseguimento di una buona pensione è un aspetto importante e molto considerato da tutti i lavoratori italiani. Per tutelare il lavoratore in materia di pensione e invalidità; esiste infatti la previdenza sociale.

Permesso di lavoro: tipologie e richieste

Per motivi di diversa natura, il lavoratore è spesso costretto a richiedere dei determinati periodi di assenza dal lavoro, al di fuori delle ferie stabilite e che gli spettato. Questo tipo di astensioni dall’attività lavorativa vengono chiamati permessi lavoro.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Calcolo della busta paga: a mano o con i software online?

Calcolo della busta paga

La busta paga è un prospetto economico che il datore di lavoro si preoccupa di fornire al proprio dipendente e che comprende l’importo al netto, percepito in un determinato periodo di lavoro.

Lettera di dimissioni: modulo ed iter da seguire

persona intenta a scrivere una lettera di dimissioni

Da qualche anno è entrato in vigore un decreto Interministeriale relativo alle procedure per presentare le dimissioni volontarie. 

Orario di lavoro notturno: quali sono i termini del tuo contratto?

CCNLOrario di lavoro notturno

L’ammontare settimanale delle ore di lavoro, compreso di eventuali straordinari, non dovrebbe superare le 48 ore. Ogni settimana devono essere previste almeno 24 ore di riposo. Nell’arco dell’anno, al lavoratore dipendente, spettano di diritto circa quattro settimane di ferie.

Leggi anche...

Turni di lavoro e di riposo settimanale: ecco il piano d'Impresa

turni di lavoro

Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Leggi anche...

Disoccupazione e requisiti ridotti: di cosa si parla esattamente?

Disoccupazione e requisiti ridotti

Si definisce disoccupazione, la condizione in cui si trovi un soggetto in età di lavoro che non sia una forza attiva nel mondo del lavoro.