Si denomina Tesi o report, il dattiloscritto finale che va solitamente redatto alla fine di un master universitario. Il lavoro di una tesi richiede molto tempo, pazienza e ricerca accurata delle fonti. Per questo motivo il primo criterio che deve possedere questo elaborato è l’originalità, definita in senso proprio (ricerca mai condotta da nessuno prima) o in senso improprio (ossia una rielaborazione di dati attraverso fonti, ricerche e precedenti opere). Molto importante a riguardo sarà la bibliografia, ossia i testi dai quali prendere spunto e che faranno parte dell’appendice dell’elaborato. I migliori master universitari prevedono uno stage nel percorso formativo previsto dal Master. Per tale ragione, di solito il candidato dovrà redigere la sua tesi in relazione al periodo di tirocinio svolto. La discussione infatti sarà solo l’ultimo passo di un cammino cominciato mesi e mesi fa e ritoccato da studente e docenti di volta in volta, per migliorare il proprio elaborato e arrivare a un lavoro compiuto che sia degno di nota e perfetto sotto tutti i punti di vista.
In questa pagina suggeriremo delle regole base da tenere a mente nella stesura del report sopracitato.

Obiettivo generale della tesi master

Lo stage è una parte importante (circa 500 ore su 1.500) del percorso formativo previsto dal Master. Conseguentemente la tesi finale deve evidenziare il know how acquisito con l’esperienza, nel contesto prescelto, e non illustrare semplicemente l’attività che si è svolta.

Caratteristiche editoriali

La forma editoriale della tesi del master è solitamente composta da:

  • Pagine dattiloscritte; corpo 12; max 60 caratteri per riga; max 20 righe per pagina;
  • Due copie: una per il relatore e una per la direzione del Master;
  • Sintesi (abstract) di una cartella;
  • Presentazione.

Struttura del dattiloscritto

Titolo

1. Motivazioni del lavoro

1.1 Premessa sul contesto di riferimento (contesto/settore/azienda in cui si è svolto lo stage)
1.2 Eventuali riferimenti teorici
1.3 Gli ambiti di problematizzazione

2. Obiettivi e metodologia della tesi

2.1 Gli obiettivi del lavoro
2.2 La metodologia seguita

3. Risultati ottenuti

3.1 L’esperienza: il know how acquisito tramite lo stage
3.2 Aspetti rilevanti, aspetti critici e potenzialità dell’attività considerata
3.3 Estendibilità ad altri contesti
3.4 Elementi di benchmark

4. Conclusioni

5. Bibliografia e sitografia

Consigli per il report della tesi del master

Alcune delucidazioni in merito alla redazione del lavoro scritto e alla consegna/ discussione:

1. Il Report si deve basare prettamente sull’esperienza che si è fatta nel campo di azione prescelto (stage). Nella parte introduttiva si inquadra la tematica prescelta e poi in quella di approfondimento si descrive l’esperienza in quanto tale.

2. Il titolo del Report verrà elaborato concordemente dallo studente e dal tutor accademico/relatore, possibilmente anche con un “occhio di riguardo” al tutor aziendale che dovrebbe essere informato dallo studente e che dovrebbe condividere la scelta (con chiara finale utilità sia per lo studente che per l’azienda/ente). Il tutor accademico deve essere direttamente contattato dallo studente (telefonicamente e almeno due incontri di persona, uno di definizione e uno di rifinitura del lavoro) in vista del lavoro da svolgere. La stesura finale del lavoro deve essere validata dal tutor accademico.

3. La presentazione (in PowerPoint o tramite sito web) è di decisione del Consiglio del Master per facilitare la discussione orale del lavoro scritto e, in tal senso, deve integrare l’esposizione orale.

La discussione di questo elaborato può considerarsi la chiusura del ciclo di studi: alcuni scelgono la laurea triennale altri quella specialistica ma la chiusura del cerchio dà un senso di libertà allo studente che inizia una nuova parte della sua vita, che lo porterà nel mondo lavorativo. Certo il momento attuale non è dei migliori ma aver finito gli studi è comunque un motivo di orgoglio per se stessi e per i genitori, che hanno sostenuto le nostre spese in molti casi.

Seguirli o meno?

E’ più importante la laurea specialistica o un master? O tutti e due? O nessuno dei due perchè si entrerebbe ancora più in ritardo nel mondo del lavoro? Chiaramente l’importanza di seguire un corso di questo tipo può portare benefici sia su ciò che si apprende che per il futuro, nel senso che avendo diverse aziende come partner è più facile trovare uno sbocco lavorativo almeno per uno stage. Quindi aumento delle competenze con inserimento iniziale nel mondo del lavoro sono i punti a favore senza dubbio. Dall’altra parte c’è però il costo esoso di alcuni master che sebbene molto ben strutturati ed interessanti sono una sorta di freno a mano per quanti intendano partecipare. Le cifre sono molto alte e sebbene ci siano in quasi tutti i casi borse di studio parziali o totali, esse non sono concesse a tutti. Poi ovvio più è importante il corso in generale (sia per i docenti presenti che per i partner collegati) e più alto è il costo e questo rischia di diventare una selezione sociale per quanti non se lo possono permettere, visto che anche in periodi come questo di crisi economica sborsare una cifra di questa genere non è per nulla facile e allontana le persone dal dover intraprendere questo percorso.



Potrebbe interessarti

Parliamo di Flat Tax: ecco che cos’è e come funziona!

La Flat Tax rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Leggi tutto...

Corsi per la sicurezza sul lavoro: perché frequentarli?

nuovi corsi sulla sicurezza sul lavoro

I corsi per la sicurezza sul lavoro vengono proposti in tutta Italia da tantissime organizzazione e da enti sparsi sul nostro territorio: ogni percorso formativo è, solitamente, caratterizzato da una parte teorica e da un apprendimento pratico, fondamentale per comprendere alla perfezione manovre e strategie necessarie per preservare sicurezza e salute sul luogo di lavoro. La formazione si conclude, poi, con dei test di verifica, superati i quali è possibile ottenere delle importanti qualifiche, degli attestati da inserire come risorsa nel proprio curriculum!

Leggi tutto...

Modello per il curriculum vitae: come compilarlo passo passo?

come compilare il curriculum vitae

Il curriculum vitae è composto solitamente da più sezioni le quali non differiscono poi di molto tra il formato tradizionale, quello europeo o lo schema europass (che mostreremo più avanti nel corso del nostro approfonimento).

Leggi tutto...

Contratto a progetto: le caratteristiche

firmare un contratto a progetto

Il contratto a progetto (co.co.pro.) sono anche detti contratti di collaborazione per programma e sono una tipologia di contratto di lavoro disciplinata dal D. Lgs. n. 276/2003, c.d. Legge Biagi. I co.co.pro. definiscono il lavoratore non come un dipendente, ma un collaboratore autonomo.

Leggi tutto...

L'assunzione di lavoratori comunitari: sai come funziona?

Immagine dell'assunzione lavoratore dal mondo

Sempre più di recente nel nostro Paese, le ditte assumono i cittadini comunitari (cioè che risiedono nell'Unione Europea). Per questo motivo, in Italia vi sono degli iter per accedere al mercato del lavoro se non si ha la cittadinanza italiana. 

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Il lavoro nero: una piaga da combattere, o una necessità?

lavorare in nero

Viene considerata come “lavoro nero” una qualsiasi attività esercitata in violazione delle prescrizioni legali: dai piccoli lavori artigianali effettuati al di fuori degli orari di lavoro fino all'esercizio illegale esclusivo di un'attività eludendo il diritto fiscale.

Leggi tutto...

Pratica legale forense per diventare avvocato

Una volta laureato, il praticante deve iscriversi al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati del tribunale di residenza. Questo primo step per iniziare la pratica legale è legato alla presentazione di alcuni documenti (certificato di nascita, residenza, cittadinanza, ecc..) fotografie, titoli di studio e quant'altro richiesto dall'Ordine degli Avvocati del territorio. 

Leggi tutto...

Contratti con Partita Iva: quali tipologie?

Il Dlgs n. 276/2003, che include al suo interno i dettami della legge delega n. 30 del 14 febbraio 2003 (legge Biagi), prevede l'inserimento di nuovi tipi di contratti, tra i quali c'è quello con partita Iva destinato alle classi di lavoratori autonomi (cooperatori, liberi professionisti, consulenti ecc.).

Leggi tutto...

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Leggi tutto...

Lavoro part time online: le soluzioni più idonee!

E' considerato part time il contratto di lavoro cha abbia un orario ridotto rispetto a quello tradizionale basato su un monte ore stabilito dalla legge vigente o da alcuni contratti collettivi. Per trovare offerte di lavoro part time è sufficiente consultare portali dedicati al mondo occupazionale. Ecco quelli più utili.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Voucher lavoro occasionale: scopriamo come funzionano

giovani e lavori occasionali

In questi ultimi anni, a causa della Jobs Act attuata dal Governo Renzi, si sente sempre più spesso parlare dei cosidetti voucher lavoro occasionale, chiamati anche buoni, un particolare sistema di compenso delle prestazioni di lavoro occasionale, ossia tutte quelle attività che non superano i 7.000 euro netti nella durata dell’intero anno solare.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Servizio Ispezione del lavoro a Roma

Il compito del Servizio Ispezione del Lavoro della Direzione Territoriale del Lavoro di Roma (ex ispettorato del lavoro di Roma) è anche quello di verificare, intervenire su eventuali violazioni in campo lavorativo e svolgere attività di conciliazione e consulenza.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Reddito di cittadinanza: come usufruirne?

La gioia di ottenere il reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza è uno strumento di sostegno economico a favore delle famiglie che hanno il reddito inferiore alla soglia di povertà. Queste famiglie, si vedranno integrare il reddito dovuto con una specifica somma che permetterà di arrivare fino alla cifra prestabilita checambia a seconda del numero di componenti del proprio nucleo familiare.

Leggi tutto...
Go to Top