Si denomina Tesi o report, il dattiloscritto finale che va solitamente redatto alla fine di un master universitario. Il lavoro di una tesi richiede molto tempo, pazienza e ricerca accurata delle fonti. Per questo motivo il primo criterio che deve possedere questo elaborato è l’originalità, definita in senso proprio (ricerca mai condotta da nessuno prima) o in senso improprio (ossia una rielaborazione di dati attraverso fonti, ricerche e precedenti opere). Molto importante a riguardo sarà la bibliografia, ossia i testi dai quali prendere spunto e che faranno parte dell’appendice dell’elaborato. I migliori master universitari prevedono uno stage nel percorso formativo previsto dal Master. Per tale ragione, di solito il candidato dovrà redigere la sua tesi in relazione al periodo di tirocinio svolto. La discussione infatti sarà solo l’ultimo passo di un cammino cominciato mesi e mesi fa e ritoccato da studente e docenti di volta in volta, per migliorare il proprio elaborato e arrivare a un lavoro compiuto che sia degno di nota e perfetto sotto tutti i punti di vista.
In questa pagina suggeriremo delle regole base da tenere a mente nella stesura del report sopracitato.

Obiettivo generale della tesi master

Lo stage è una parte importante (circa 500 ore su 1.500) del percorso formativo previsto dal Master. Conseguentemente la tesi finale deve evidenziare il know how acquisito con l’esperienza, nel contesto prescelto, e non illustrare semplicemente l’attività che si è svolta.

Caratteristiche editoriali

La forma editoriale della tesi del master è solitamente composta da:

  • Pagine dattiloscritte; corpo 12; max 60 caratteri per riga; max 20 righe per pagina;
  • Due copie: una per il relatore e una per la direzione del Master;
  • Sintesi (abstract) di una cartella;
  • Presentazione.

Struttura del dattiloscritto

Titolo

1. Motivazioni del lavoro

1.1 Premessa sul contesto di riferimento (contesto/settore/azienda in cui si è svolto lo stage)
1.2 Eventuali riferimenti teorici
1.3 Gli ambiti di problematizzazione

2. Obiettivi e metodologia della tesi

2.1 Gli obiettivi del lavoro
2.2 La metodologia seguita

3. Risultati ottenuti

3.1 L’esperienza: il know how acquisito tramite lo stage
3.2 Aspetti rilevanti, aspetti critici e potenzialità dell’attività considerata
3.3 Estendibilità ad altri contesti
3.4 Elementi di benchmark

4. Conclusioni

5. Bibliografia e sitografia

Consigli per il report della tesi del master

Alcune delucidazioni in merito alla redazione del lavoro scritto e alla consegna/ discussione:

1. Il Report si deve basare prettamente sull’esperienza che si è fatta nel campo di azione prescelto (stage). Nella parte introduttiva si inquadra la tematica prescelta e poi in quella di approfondimento si descrive l’esperienza in quanto tale.

2. Il titolo del Report verrà elaborato concordemente dallo studente e dal tutor accademico/relatore, possibilmente anche con un “occhio di riguardo” al tutor aziendale che dovrebbe essere informato dallo studente e che dovrebbe condividere la scelta (con chiara finale utilità sia per lo studente che per l’azienda/ente). Il tutor accademico deve essere direttamente contattato dallo studente (telefonicamente e almeno due incontri di persona, uno di definizione e uno di rifinitura del lavoro) in vista del lavoro da svolgere. La stesura finale del lavoro deve essere validata dal tutor accademico.

3. La presentazione (in PowerPoint o tramite sito web) è di decisione del Consiglio del Master per facilitare la discussione orale del lavoro scritto e, in tal senso, deve integrare l’esposizione orale.

La discussione di questo elaborato può considerarsi la chiusura del ciclo di studi: alcuni scelgono la laurea triennale altri quella specialistica ma la chiusura del cerchio dà un senso di libertà allo studente che inizia una nuova parte della sua vita, che lo porterà nel mondo lavorativo. Certo il momento attuale non è dei migliori ma aver finito gli studi è comunque un motivo di orgoglio per se stessi e per i genitori, che hanno sostenuto le nostre spese in molti casi.

Seguirli o meno?

E’ più importante la laurea specialistica o un master? O tutti e due? O nessuno dei due perchè si entrerebbe ancora più in ritardo nel mondo del lavoro? Chiaramente l’importanza di seguire un corso di questo tipo può portare benefici sia su ciò che si apprende che per il futuro, nel senso che avendo diverse aziende come partner è più facile trovare uno sbocco lavorativo almeno per uno stage. Quindi aumento delle competenze con inserimento iniziale nel mondo del lavoro sono i punti a favore senza dubbio. Dall’altra parte c’è però il costo esoso di alcuni master che sebbene molto ben strutturati ed interessanti sono una sorta di freno a mano per quanti intendano partecipare. Le cifre sono molto alte e sebbene ci siano in quasi tutti i casi borse di studio parziali o totali, esse non sono concesse a tutti. Poi ovvio più è importante il corso in generale (sia per i docenti presenti che per i partner collegati) e più alto è il costo e questo rischia di diventare una selezione sociale per quanti non se lo possono permettere, visto che anche in periodi come questo di crisi economica sborsare una cifra di questa genere non è per nulla facile e allontana le persone dal dover intraprendere questo percorso.





Potrebbe interessarti

Lavoro tempo indeterminato: tutto su contratti e licenziamenti

La ricerca di un posto di lavoro è sempre complicata. È necessario valutare diversi fattori, quali attitudini personali e percorso di formazione di colui che lo sta cercando. È inoltre importante conoscere a fondo i tipi di contratto presenti in Italia al fine di evitare errori.

Inps: modulistica online e attività dell'Ente

Il sito dell'Inps dispone di un'assistenza virtuale, utile a guidare l'utente tra i vari moduli Inps presenti all'interno del portale e ad aiutarlo nella compilazione degli stessi. Il servizio di modulistica Inps è molto comodo soprattutto se si è impossibilitati a recarsi presso gli uffici più vicini al luogo di residenza a recuperare i moduli cartacei.

Colloquio motivazionale: vi sveliamo il segreto per affrontarlo!

Immagine esemplificativa di colloquio motivazionale

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Licenza tabaccheria: come fare per aprirla?

Quanti desiderino gestire una tabaccheria hanno bisogno della relativa licenza; grazie a questo certificato sarà quindi possibile svolgere un mestiere sicuramente ben retribuito e dotato di una notevole indipendenza.

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

Il precedente tipo di calcolo, basato su una formula retributiva, considerava unicamente la media delle somme versate negli ultimi 5-10 anni di attività lavorativa (solitamente le più alte), ha portato come risultato alla messa in crisi del meccanismo, con la collettività che si è trovata a sostenere spese difficilmente quantificabili.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Contributi per l’imprenditoria giovanile: a chi rivolgersi?

Non è facile ottenere dei contributi per un giovane imprenditore, ma è fattibile se si ha la tenacia di mantenersi informati e un’idea in cui credere, competitiva e convincente.

CCNL dirigenti: conosci le norme e i livelli connessi a questo contratto?

CCNL dirigenti: immagine esemplificativa

Il lavoro dei dirigenti è connesso al ruolo manageriale dell'azienda. Equivale al ruolo di subordinazione diretto all'imprenditore. Tale lavoro può essere svolto nel settore pubblico e privato. Il CCi, all'art. 2095, include questo lavoro nella categoria dei lavoratori subordinati.

Colloquio di gruppo: come affrontarlo?

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Colloquio di gruppo: come affrontarlo?

Ai candidati vengono presentati dei case study o dei test psicologici, entrambi volti a porre in evidenza caratteristiche ritenute importanti per ricoprire una posizione o per intraprendere una carriera. Il case study implica la discussione di un tema, di solito un caso aziendale e va a verificare le capacità del singolo di: lavorare in team, problem solving.

Depressione sul lavoro: rischio per chi supera le 11 ore

Immagine d'esempio usata nell'articolo Depressione sul lavoro: rischio per chi supera le 11 ore

Secondo un recente studio effettuato in Gran Bretagna, il rischio depressione sul lavoro per chi lavora più di 11 ore al giorno è maggiore di 2,5 volte rispetto al resto dei lavoratori. In particolare, il rischio depressione è più elevato per soggetti giovani e di sesso femminile.

ICOTEA: la formazione innovativa in risposta al mondo del lavoro

Inserirsi nel mondo del lavoro oggi non è facile. Per essere assunti il diploma di laurea sembra non bastare più, ma occorrono sempre più esperienze e competenze extra scolastiche che formino una figura professionale versatile e adattabile a diversi contesti lavorativi.

Leggi anche...

Livello contrattuale nel commercio: conosci i dettagli?

i livelli della ccnl commercio

Il Contratto Collettivo Nazionale Commercio e Servizi, suddivide le categorie di lavoratori in diversi livelli, differenziati in base alle competenze e alle qualifiche degli stessi. La classificazione del personale delle imprese commerciali è dunque strutturata in sette livelli.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Flat Tax: come funziona realmente questo sistema fiscale?

flat tax calcolo

La Flat Tax rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quanti disoccupati ci sono in Italia? Statistiche dal mondo del lavoro

 

In Italia la ricerca di un lavoro, che soddisfi le esigenze del singolo e che sia conforme alle sue competenze, è davvero difficile. Mantenere inoltre lo stesso posto di lavoro risulta davvero complicato. Per non parlare poi dei tanti lavoratori che offrono le loro prestazioni senza contratto e in nero.

Leggi tutto...
Go to Top