Iscriversi ad un sindacato è un diritto di tutti i lavoratori: possedere una tessera sindacale equivale ad avere una garanzia e un sostegno in tutte le difficili situazioni che si possono presentare nella vita lavorativa. Alcune volte, tuttavia, il lavoratore sente di non riconoscersi più in un'idea e per tale ragione decide di lasciare un'associazione.

Breve storia dei sindacati

La storia del sindacato in Italia è ricca e travagliata; è la storia del nostro paese legata all’azione degli operai e dei contadini che si unirono per tutelare i loro diritti di lavoratori. Lo sciopero rappresentò, e rappresenta ancora oggi, lo strumento utilizzato dal sindacato per dar voce ai suoi associati.

Un singolo lavoratore riesce molto raramente e con grande fatica a vedersi riconosciute migliorie relative allo stipendio o ai propri diritti. E’ questa la ragione che ha spinto gli operai, i contadini e gli impiegati ad unirsi, istituendo il sindacato, per far sentire la propria “voce”. Oggi attraverso il sindacato, le parti discutono anche di temi generali legati alla politica, all’economia e al fisco.

Il sindacato è disciplinato dalla Costituzione Italiana all’articolo 39 che sancisce:

“L'organizzazione sindacale è libera. 

Ai sindacati non può essere imposto altro obbligo se non la loro registrazione presso uffici locali o centrali, secondo le norme di legge.

È condizione per la registrazione che gli statuti dei sindacati sanciscano un ordinamento interno a base democratica.

I sindacati registrati hanno personalità giuridica. Possono, rappresentati unitariamente in proporzione dei loro iscritti, stipulare contratti collettivi di lavoro con efficacia obbligatoria per tutti gli appartenenti alle categorie alle quali il contratto si riferisce.”

I contratti stipulati a seguito del dialogo tra sindacato dei lavoratori e associazioni dei datori di lavoro sono disciplinati dal codice civile (art. 1321ss), ma sono valevoli solo per le parti che li hanno stipulati. A volte l’autore di leggi ha provato ad ampliare l'efficacia erga omnes, ma ciò è stato definito incostituzionale.

E’ interessante sapere come i nuovi mezzi di comunicazione abbiano influenzato anche l’operato del sindacato. Il 27 settembre 2007 i lavoratori IBM di 30 diversi paesi hanno scioperato virtualmente su Second Life, per 12 ore. Tale iniziativa ha dato vita al progetto Sindacato 2.0.

In Italia esistono tre sindacati principali: cisl, cigl e uil. Mentre in Europa il sindacato è collegato a tre organismi: la Confederazione Europea dei Sindacati (CES), la Confédération Européenne des Syndicats Indépendants (CESI) e la Federazione Europea del Sindacalismo Alternativo(FESAL).

L'iscrizione e la tessera sindacale

Una volta scelto il sindacato che più rappresenta il lavoratore, è possibile procedere con l'iscrizione. Questa può avvenire per via telematica: il web ha snellito molte procedure e il tesseramento è una di queste. I tre sindacati – e le loro declinazioni – hanno una sezione del loro sito internet dedicata proprio a questo, dove basta compilare un form.
Oppure è possibile rivolgersi al rappresentate presso il proprio luogo di lavoro, il quale fornirà la documentazione e la invierà alla sede preposta.

L'ultima alternativa, infine, per il tesseramento è quella di recarsi presso la sede territoriale di competenza e richiedere lì la tessera sindacale.

È giusto segnalare come il tesseramento abbia un costo (modesto) che può essere pagato o tramite RID bancario oppure in un'unica soluzione. Inoltre, ogni mese dalla busta paga viene trattenuta una piccola cifra che va a finanziare tutte le attività e i lavoratori del sindacato.

E se cambio idea? Disdire il tesseramento dal sindacato

È altresì possibile disdire il tesseramento e restituire la tessera sindacale. Molti lavoratori si allontanano da uno dei tre gruppi perché non si sentono rappresentati né trovato giuste le loro scelte economico-politiche.
Per lasciare un sindacato è sufficiente scrivere una lettera di rinuncia e inviarla alla direzione provinciale del Tesoro via fax oppure con raccomandata con ricevuta di ritorno. L'invio direttamente al Sindacato è invece facoltativo.

La lettera di disdetta dal sindacato non deve seguire una forma precisa: basta indicare, oltre al nome e al cognome, le proprie intenzioni senza doverle spiegare, come nel modello seguente preso dal sito Partito del Lavoro:

Spett.le ...
e.p.c. Spett.le ...

Oggetto: Disdetta conferimento contributi sindacali

Il sottoscritto/a ... dipendente presso ... , con la presente sono a comunicarVi la mia intenzione di annullare l'iscrizione all' Organizzazione Sindacale ..., con decorrenza dal ...

Distinti saluti
In fede ...

In ogni caso si consiglia di rivolgersi al rappresentate sindacale del posto di lavoro per ulteriori informazioni.

Pietro Calafiore

 





Potrebbe interessarti

Pensione ai superstiti: tutti i beneficiari

pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti è la quota di quella Inps che viene corrisposta ai famigliari del lavoratore assicurato o pensionato, dopo la sua morte

Finestre Pensioni: le nuove norme introdotte

finestre di pensione

La riscossione della pensione rappresenta una fra le cose maggiormente importanti per il lavoratore, specialmente per vivere, dopo la fine del periodo di lavoro, una vita comoda.

Contratto per il commercio nel settore terziario: tutte le informazioni!

Immagine d'esempio usata nell'articolo Contratto per il commercio nel settore terziario: tutte le informazioni!

Il CCNL commercio o terziario è legato alle categorie dei lavoratori aziendali di questo tipo e comprende tutti quei lavori che si occupano di beni industriali, alimentari, fiori, piante e affini, nonché ti tutto quello che concerne il commercio italiano e straniero e i servizi alle Imprese/Organizzazione, i Servizi di rete e i Servizi alle persone.

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Vacanze studio Inpdap: scopri come parteciparvi!

Grazie alle vacanze studio Inps (ex Inpdap), aumentano di anno in anno i ragazzi che si recano all'estero in soggiorni rivolti all'apprendimento di una lingua specifica o all'acquisizione di particolari competenze tecnico-teoriche.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Buonuscita per il licenziamento: chi ne ha diritto?

Immagine d'esempio usata nell'articolo Buonuscita per il licenziamento: chi ne ha diritto?

Definita anche “trattamento di fine rapporto” (o TFR), la buonuscita per il licenziamento è una retribuzione alla quale ha diritto il lavoratore dipendente alla fine della prestazione lavorativa, a prescindere dalla sua ragione.

Concorsi statali, pubblici e regionali: la guida completa, non la perdere!

cercare concorsi pubblici

In quanti ambiscono un lavoro nel settore pubblico? Perché il tanto ambito posto fisso oggigiorno è così importante per la tranquillità lavorativa? I concorsi statali - pubblici rappresentano per molti un’occasione per accedere lavorativamente nella P.A e guadagnarsi così un contratto a tempo indeterminato.

Permesso di lavoro: tipologie e richieste

Per motivi di diversa natura, il lavoratore è spesso costretto a richiedere dei determinati periodi di assenza dal lavoro, al di fuori delle ferie stabilite e che gli spettato. Questo tipo di astensioni dall’attività lavorativa vengono chiamati permessi lavoro.

Testo Legge Biagi: spiegazione della piaga dei contratti a progetto

testo di legge biagi

Il testo della Legge Biagi, nota anche come Legge 30 fa riferimento ad uno dei giuslavoristi che hanno contribuito alla sua stesura, è stata promulgata nel febbraio del 2003, e si occupa di Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro.

Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

Immagine usata nell'articolo Riforma pensioni 2012: novità del calcolo contributivo

La riforma pensioni varata dal Governo Monti prevede che dal 1° gennaio 2012, le anzianità raggiunte dopo il 31 dicembre 2011 saranno calcolate con il sistema di calcolo contributivo.

Leggi anche...

Le ultime novità di Salesforce Marketing Cloud: gli aggiornamenti più recenti

Le ultime novità di Salesforce Marketing Cloud: gli aggiornamenti più recenti

L'applicazione dell'intelligenza artificiale al marketing rappresenta la sfida più impegnativa e importante che coinvolge Salesforce, che mette a disposizione delle aziende - a prescindere dalle loro dimensioni - un assortimento molto ampio di tool che coinvolgono le diverse aree di business. La messa a punto di nuovi prodotti è finalizzato al raggiungimento di tale obiettivo, e lo stesso dicasi per il rilascio di funzionalità innovative nei vari cloud. La tool di Marketing Cloud, in particolare, presenta un interessante ventaglio di aggiornamenti, destinati a garantire benefici concreti agli utenti.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro serale: una selezione di caratteristiche e offerte da valutare!

Immagine di un tipico lavoro serale

Il lavoro serale è una delle strade percorse da tutti coloro che hanno bisogno, specialmente in questo periodo di crisi, di una soluzione alternativa e spesso più remunerativa rispetto al normale lavoro in orario diurno.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Periodo di prova: conosci questa opportunità di assunzione?

Immagine d'esempio usata nell'articolo Periodo di prova: conosci questa opportunità di assunzione?

In un momento anteriore o contestuale all'inizio del rapporto di lavoro, le parti possono definire per iscritto un periodo di prova. Lo scopo è quello di consentire al datore di lavoro e al dipendente di valutare il rapporto di lavoro.

Leggi tutto...
Go to Top