Una delle maggiori problematiche che hanno colpito il nostro Paese durante questi decenni è l'elevato tasso di disoccupazione. Una questione che tende ad incidere fortemente sulle scelte di vita soprattutto dei giovani, spesso costretti ad emigrare nelle regioni settentrionali italiane o addirittura all'estero. Da qui, poi, l'innescarsi di ulteriori problematiche, inerenti ad esempio il posticipare la realizzazione di una vita coniugale di coppia e quindi della creazione di una famiglia e conseguentemente una forte riduzione (rispetto ai decenni precedenti) del tasso di natalità. 

Le autorità statali hanno cercato di fronteggiare la questione della disoccupazione, attraverso diversi mezzi ed iniziative, tra cui anche a livello normativo. Ed in questa ottica, diversi sono stati gli interventi legislativi riguardo al mondo del lavoro e ai tentativi di facilitarne l'ingresso a giovani o a categorie di soggetti svantaggiati (si pensi alle donne, ai diversamente abili o agli adulti disoccupati con un'età superiore ai 45 anni). Tra le varie misure adottate, particolare importanza assume la cosiddetta Legge Biagi. Andiamo a conoscerla meglio, soprattutto in uno dei suoi aspetti.

Il testo della Legge Biagi, nota anche come Legge 30 fa riferimento ad uno dei giuslavoristi che hanno contribuito alla sua stesura, è stata promulgata nel febbraio del 2003, e si occupa di Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro.

Una riforma malata del lavoro

La cosiddetta Legge Biagi è dunque la più recente e contestata riforma del mercato del lavoro, avvenuta durante il secondo governo Berlusconi, sotto la supervisione dell'allora ministro del Lavoro Roberto Maroni: per questo motivo sarebbe più corretto ricordarla come Legge Maroni; viene ricordata invece sotto il nome di Marco Biagi, ucciso dalle Brigate Rosse circa un anno prima dell'approvazione della legge stessa.

La legge 30 è nata dall'approvazione, da parte del Governo Berlusconi, primo firmatario della stessa, del ddl 848, presentato al Senato nel novembre del 2001 e approvato nel settembre del 2002. Dopo una prima modifica da parte della Camera nel mese di Ottobre, fu approvato definitivamente nel febbraio 2003.

Cosa regola la legge 30

testo di legge biagi

Attraverso la legge 30, sono state introdotte una serie di novità fondamentali per quanto riguarda il mercato del lavoro, paragonabili allo Statuto dei lavoratori. In particolare, il legislatore è partito da un presupposto ideologico, che vede la flessibilità in ingresso all'interno del mercato del lavoro, come il mezzo più ideale alla creazione, in maniera più agevole, di nuovi posti di lavoro.

Il punto cardine della legge 30, dunque, è il tentativo di ammorbidire la rigidità del sistema contrattuale in vigore, che proprio a causa di tale mancanza di flessibilità, sarebbe la causa principali dell'alto tasso di disoccupazione del Paese, in quella particolare fase di congiuntura economica, di cui ancora stiamo risentendo.

Dunque, attraverso l'uso di una maggiore flessibilità contrattuale dei lavoratori si dovrebbe ridurre il livello della disoccupazione nel nostro Paese, permettendo alle imprese di poter chiamare maggiore o specifica forza lavoro in caso di andamento positivo della situazione aziendale e di ridimensionarla, invece, nelle fasi negative. Dal punto di vista dei lavoratori, tale legge fornirebbe invece la possibilità di poter trovare subito un'occupazione e quindi maggiori offerte in questo mercato, in caso di interruzione del precedente rapporto di lavoro

Sebbene successivamente ci soffermeremo soltanto su un aspetto in particolare, in sostanza la Legge Biagi, tra le altre cose, ha introdotto o modificato numerose tipologie di contratti di lavoro. Ciò, nonostante i buoni propositi della normativa, ha causato diverse problematiche, da cui poi sono scaturite diverse riserve e polemiche sulla stessa.  

In pratica, come vedremo meglio in seguito, vi è stata un'evidente riduzione di alcuni diritti fondamentali dei lavoratori, tra cui quelli relativi ai giorni di malattia o maternità. Inoltre, a livello pensionistico, ha reso più difficoltoso e complesso il raggiungimento di una qualche forma di pensione per i giovani precari di oggi. A ciò si aggiunge sovente anche una retribuzione inferiore a quella percepita da colleghi col medesimo tipo di lavoro, ma dal contratto più stabile.  

In sintesi, quindi, nella maggior parte dei casi, la presunta flessibilità si è tramutata in precarietà, in quanto, accanto all'introduzione della legge, non si è effettuata un'efficace riforma dei cosiddetti ammortizzatori sociali. Al tempo stesso, la società italiana ed il suo contesto economico non presentano quelle caratteristiche (tipiche di altri Paesi) che permettono un veloce ricollocamento lavorativo, in caso di conclusione o perdita di un'occupazione. 

Le novità introdotte dalla Riforma Maroni

La principale novità della legge 30 fu l'introduzione del cosiddetto co.co.pro in sostituzione del precedente co.co.co. Fu sostanzialmente introdotto il cosiddetto contratto a progetto in alternativa al contratto di lavoro a tempo indeterminato: questo ha portato all'abolizione di ogni forma di diritto per i lavoratori non a tempo indeterminato, abolendo i periodi di ferie, permessi, malattia e maternità.

Anche a livello di versamenti pensionistici, c'è una disparità di trattamento e valore per quelli dei contratti co.co.pro rispetto a quelli indeterminati.

Abbiamo in più articoli cercato di chiarire cosa fosse il contratto a progetto (co.co.pro), per integrare le informazioni date e per rendere meno lacunosi alcuni aspetti della Legge Biagi riportiamo gli articoli della suddetta legge dedicati al contratto a progetto.

Il Testo della Legge Biagi

Per conoscere maggiori informazioni sulla Legge Biagi, ti consigliamo di approfondire l'argomento cliccando qui.





Potrebbe interessarti

Concorso Docenti 2018: come acquisire i 24 CFU

Stretta di mano dopo un concorso docenti 2018

Secondo quanto stabilito nel D. Lgs. n. 59/2017, gli aspiranti docenti di scuola secondaria devono sostenere un concorso che verrà bandito per il 2018. Per accedere, si richiedono 24 CFU ( i Crediti Formativi Universitari) nelle materie antropo-psico-pedagogiche e in metodologia e tecnologia didattica.

La tessera sindacale: la voce del lavoratore

Iscriversi ad un sindacato è un diritto di tutti i lavoratori: possedere una tessera sindacale equivale ad avere una garanzia e un sostegno in tutte le difficili situazioni che si possono presentare nella vita lavorativa.

Permesso di lavoro: tipologie e richieste

Per motivi di diversa natura, il lavoratore è spesso costretto a richiedere dei determinati periodi di assenza dal lavoro, al di fuori delle ferie stabilite e che gli spettato. Questo tipo di astensioni dall’attività lavorativa vengono chiamati permessi lavoro.

Licenziamento a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure per attivarlo?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094, definisce questo tipo di lavoratore come “prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore”.

Calcolo dello stipendio netto: saper interpretare la tua retribuzione

Il calcolo del nostro stipendio (il valore netto) è un'attività da compiere in fase preventiva rispetto alla firma di un qualsiasi contratto di lavoro. Può succedere infatti che, durante il colloquio di lavoro o addirittura al momento della firma del protocollo d'intesa, i termini contrattuali non siano del tutto chiari. 

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Apertura di una Partita IVA: ecco gli step obbligatori e "opzionali"

apertura di una partita iva

L’IVA è un’imposta che si applica sul valore aggiungo relativa a: cessioni di beni e prestazioni di servizi, eseguite in Italia, da tutti i titolari di Partita IVA. Chi decide di aprire la partita IVA deve considerarla né un costo né un ricavo poiché a livello fiscale i titolari di possono compensare l’imposta a debito e quella a credito.

Tredicesima mensilità: come si calcola (in base alla tassazione)

calcolare il pagamento della tredicesima

La tredicesima mensilità nasce con il con il CCNL, ovvero il contratto collettivo nazionale di lavoro 5 agosto 1937 e nel 1960, con il Decreto Presidente della Repubblica n. 1070, è diventato un diritto di tutti i lavoratori dipendenti, sia con contratto a tempo indeterminato che a tempo determinato.

Calcolo busta paga: a mano o con i software online?

La busta paga è un prospetto che il datore di lavoro fornisce al proprio dipendente e che contiene l’importo al netto, percepito in un determinato periodo di lavoro.

Aliquota tassazione TFR: caratteristiche, imposte

Bisogna sottolineare che la tassazione e l'aliquota sul TFR è differente rispetto ad altre forme di pagamento, come ad esempio quello di natura retributiva ordinaria. La grande novità è il progetto del Governo Renzi che vuole trasferire questa somma all’interno della busta paga mensile: una misura che serve ad incentivare i consumi, dando più soldi freschi ai cittadini, vessati da una crisi economica che ha fortemente ridotto le spese e di conseguenza la crescita generale in Italia.

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

La vacanza studio Inpdap: scopri come parteciparvi!

Grazie alle vacanze studio Inps (ex Inpdap), aumentano di anno in anno i ragazzi che si recano all'estero in soggiorni rivolti all'apprendimento di una lingua specifica o all'acquisizione di particolari competenze tecnico-teoriche.

Leggi tutto...

Vertenza: quando e come promuoverla con l'aiuto dei sindacati

Esiste la vertenza in campo economico e normativo.

Leggi tutto...
Go to Top