Una delle maggiori problematiche che hanno colpito il nostro Paese durante questi decenni è l'elevato tasso di disoccupazione. Una questione che tende ad incidere fortemente sulle scelte di vita soprattutto dei giovani, spesso costretti ad emigrare nelle regioni settentrionali italiane o addirittura all'estero. Da qui, poi, l'innescarsi di ulteriori problematiche, inerenti ad esempio il posticipare la realizzazione di una vita coniugale di coppia e quindi della creazione di una famiglia e conseguentemente una forte riduzione (rispetto ai decenni precedenti) del tasso di natalità. 

Le autorità statali hanno cercato di fronteggiare la questione della disoccupazione, attraverso diversi mezzi ed iniziative, tra cui anche a livello normativo. Ed in questa ottica, diversi sono stati gli interventi legislativi riguardo al mondo del lavoro e ai tentativi di facilitarne l'ingresso a giovani o a categorie di soggetti svantaggiati (si pensi alle donne, ai diversamente abili o agli adulti disoccupati con un'età superiore ai 45 anni). Tra le varie misure adottate, particolare importanza assume la cosiddetta Legge Biagi. Andiamo a conoscerla meglio, soprattutto in uno dei suoi aspetti.

Il testo della Legge Biagi, nota anche come Legge 30 fa riferimento ad uno dei giuslavoristi che hanno contribuito alla sua stesura, è stata promulgata nel febbraio del 2003, e si occupa di Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro.

Una riforma malata del lavoro

La cosiddetta Legge Biagi è dunque la più recente e contestata riforma del mercato del lavoro, avvenuta durante il secondo governo Berlusconi, sotto la supervisione dell'allora ministro del Lavoro Roberto Maroni: per questo motivo sarebbe più corretto ricordarla come Legge Maroni; viene ricordata invece sotto il nome di Marco Biagi, ucciso dalle Brigate Rosse circa un anno prima dell'approvazione della legge stessa.

La legge 30 è nata dall'approvazione, da parte del Governo Berlusconi, primo firmatario della stessa, del ddl 848, presentato al Senato nel novembre del 2001 e approvato nel settembre del 2002. Dopo una prima modifica da parte della Camera nel mese di Ottobre, fu approvato definitivamente nel febbraio 2003.

Cosa regola la legge 30

testo di legge biagi

Attraverso la legge 30, sono state introdotte una serie di novità fondamentali per quanto riguarda il mercato del lavoro, paragonabili allo Statuto dei lavoratori. In particolare, il legislatore è partito da un presupposto ideologico, che vede la flessibilità in ingresso all'interno del mercato del lavoro, come il mezzo più ideale alla creazione, in maniera più agevole, di nuovi posti di lavoro.

Il punto cardine della legge 30, dunque, è il tentativo di ammorbidire la rigidità del sistema contrattuale in vigore, che proprio a causa di tale mancanza di flessibilità, sarebbe la causa principali dell'alto tasso di disoccupazione del Paese, in quella particolare fase di congiuntura economica, di cui ancora stiamo risentendo.

Dunque, attraverso l'uso di una maggiore flessibilità contrattuale dei lavoratori si dovrebbe ridurre il livello della disoccupazione nel nostro Paese, permettendo alle imprese di poter chiamare maggiore o specifica forza lavoro in caso di andamento positivo della situazione aziendale e di ridimensionarla, invece, nelle fasi negative. Dal punto di vista dei lavoratori, tale legge fornirebbe invece la possibilità di poter trovare subito un'occupazione e quindi maggiori offerte in questo mercato, in caso di interruzione del precedente rapporto di lavoro

Sebbene successivamente ci soffermeremo soltanto su un aspetto in particolare, in sostanza la Legge Biagi, tra le altre cose, ha introdotto o modificato numerose tipologie di contratti di lavoro. Ciò, nonostante i buoni propositi della normativa, ha causato diverse problematiche, da cui poi sono scaturite diverse riserve e polemiche sulla stessa.  

In pratica, come vedremo meglio in seguito, vi è stata un'evidente riduzione di alcuni diritti fondamentali dei lavoratori, tra cui quelli relativi ai giorni di malattia o maternità. Inoltre, a livello pensionistico, ha reso più difficoltoso e complesso il raggiungimento di una qualche forma di pensione per i giovani precari di oggi. A ciò si aggiunge sovente anche una retribuzione inferiore a quella percepita da colleghi col medesimo tipo di lavoro, ma dal contratto più stabile.  

In sintesi, quindi, nella maggior parte dei casi, la presunta flessibilità si è tramutata in precarietà, in quanto, accanto all'introduzione della legge, non si è effettuata un'efficace riforma dei cosiddetti ammortizzatori sociali. Al tempo stesso, la società italiana ed il suo contesto economico non presentano quelle caratteristiche (tipiche di altri Paesi) che permettono un veloce ricollocamento lavorativo, in caso di conclusione o perdita di un'occupazione. 

Le novità introdotte dalla Riforma Maroni

La principale novità della legge 30 fu l'introduzione del cosiddetto co.co.pro in sostituzione del precedente co.co.co. Fu sostanzialmente introdotto il cosiddetto contratto a progetto in alternativa al contratto di lavoro a tempo indeterminato: questo ha portato all'abolizione di ogni forma di diritto per i lavoratori non a tempo indeterminato, abolendo i periodi di ferie, permessi, malattia e maternità.

Anche a livello di versamenti pensionistici, c'è una disparità di trattamento e valore per quelli dei contratti co.co.pro rispetto a quelli indeterminati.

Abbiamo in più articoli cercato di chiarire cosa fosse il contratto a progetto (co.co.pro), per integrare le informazioni date e per rendere meno lacunosi alcuni aspetti della Legge Biagi riportiamo gli articoli della suddetta legge dedicati al contratto a progetto.

Il Testo della Legge Biagi

Per conoscere maggiori informazioni sulla Legge Biagi, ti consigliamo di approfondire l'argomento cliccando qui.

Potrebbe interessarti

Lavoro parasubordinato: caratteristiche di questa tipologia di contratto

caratteristiche di un contratto parasubordinato

Il rapporto di lavoro subordinato è disciplinato dall’articolo 2094 del Codice Civile: “è prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell’impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell’imprenditore.”

Il calcolo del TFR: ti sveliamo nel dettaglio come procedere

Il calcolo del TFR

Vuoi lasciare il tuo lavoro? Allora ti consigliamo di leggere i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni. Dopo queste letture potrai concentrarti sulla tua buona uscita.

Turni di lavoro e del riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

HR Tech, tecnologie per le risorse umane

Nel nostro Paese, il mercato delle soluzioni hardware e software che hanno a che fare con la funzione HR (human resources - risorse umane) ha un valore di circa 500 milioni di euro. Esso include i diversi strumenti a cui si ricorre per la selezione e per la ricerca dei talenti, come i servizi di recruiting online, i job board e gli applicant tracking system, ma anche le piattaforme digitali per la valutazione dei benefit e delle performance, le applicazioni di formazione e gestione del personale come i learning management system e gli human resources management e, infine, le piattaforme per il training.

Requisiti per aprire un asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

Il precedente tipo di calcolo, basato su una formula retributiva, considerava unicamente la media delle somme versate negli ultimi 5-10 anni di attività lavorativa (solitamente le più alte), ha portato come risultato alla messa in crisi del meccanismo, con la collettività che si è trovata a sostenere spese difficilmente quantificabili.

Leggi anche...

Pace Fiscale: ecco la verità su una manovra molto discussa

Immagine esemplificativa che rimanda alla pace fiscale

Il condono fiscale rappresenta un dispositivo di legge che si fissa l’obiettivo di andare a sanare dei comportamenti irregolari o illeciti dei contribuenti e, in particolare, riguarda gli errori fatti nelle dichiarazioni dei redditi.

Leggi anche...

Diventare vigile del fuoco: scopri come fare formazione

Immagine per diventare vigile del fuoco

I corsi professionalizzati per diventare vigile del fuoco si svolgono presso la Scuola di Formazione Operativa, a Montelibretti vicino Roma. La Scuola di Formazione Operativa offre la possibilità di esercitarsi all’interno di strutture di simulazione che riproducono scenari reali di intervento.

Leggi anche...

Consulente aziendale: qual è esattamente il suo compito?

Un lavoro molto richiesto al giorno d’oggi è sicuramente quello del consulente aziendale. Con l’aumento degli investimenti imprenditoriali e la nascita di sempre e più numerose aziende, la figura del consulente aziendale diventa sempre più importante.