Una delle maggiori problematiche che hanno colpito il nostro Paese durante questi decenni è l'elevato tasso di disoccupazione. Una questione che tende ad incidere fortemente sulle scelte di vita soprattutto dei giovani, spesso costretti ad emigrare nelle regioni settentrionali italiane o addirittura all'estero. Da qui, poi, l'innescarsi di ulteriori problematiche, inerenti ad esempio il posticipare la realizzazione di una vita coniugale di coppia e quindi della creazione di una famiglia e conseguentemente una forte riduzione (rispetto ai decenni precedenti) del tasso di natalità. 

Le autorità statali hanno cercato di fronteggiare la questione della disoccupazione, attraverso diversi mezzi ed iniziative, tra cui anche a livello normativo. Ed in questa ottica, diversi sono stati gli interventi legislativi riguardo al mondo del lavoro e ai tentativi di facilitarne l'ingresso a giovani o a categorie di soggetti svantaggiati (si pensi alle donne, ai diversamente abili o agli adulti disoccupati con un'età superiore ai 45 anni). Tra le varie misure adottate, particolare importanza assume la cosiddetta Legge Biagi. Andiamo a conoscerla meglio, soprattutto in uno dei suoi aspetti.

Il testo della Legge Biagi, nota anche come Legge 30 fa riferimento ad uno dei giuslavoristi che hanno contribuito alla sua stesura, è stata promulgata nel febbraio del 2003, e si occupa di Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro.

Una riforma malata del lavoro

Il cosiddetto Testo della Legge Biagi è dunque la più recente e contestata riforma del mercato del lavoro, avvenuta durante il secondo governo Berlusconi, sotto la supervisione dell'allora ministro del Lavoro Roberto Maroni: per questo motivo sarebbe più corretto ricordarla come Legge Maroni; il testo della Legge Biagi viene ricordato sotto il nome di Marco Biagi, ucciso dalle Brigate Rosse circa un anno prima dell'approvazione della legge stessa.

Il testo della Legge Biagi nasce dall'approvazione, da parte del Governo Berlusconi, primo firmatario della stessa, del ddl 848, presentato al Senato nel novembre del 2001 e approvato nel settembre del 2002. Dopo una prima modifica da parte della Camera nel mese di Ottobre, il testo della Legge Biagi fu approvato definitivamente nel febbraio 2003.

Cosa regola la legge 30

testo della legge biagi

Attraverso il testo della Legge Biagi, sono state introdotte una serie di novità fondamentali per quanto riguarda il mercato del lavoro, paragonabili allo Statuto dei lavoratori. In particolare, il legislatore è partito da un presupposto ideologico, che vede la flessibilità in ingresso all'interno del mercato del lavoro, come il mezzo più ideale alla creazione, in maniera più agevole, di nuovi posti di lavoro.

Il punto cardine della legge 30, dunque, è il tentativo di ammorbidire la rigidità del sistema contrattuale in vigore, che proprio a causa di tale mancanza di flessibilità, sarebbe la causa principali dell'alto tasso di disoccupazione del Paese, in quella particolare fase di congiuntura economica, di cui ancora stiamo risentendo.

Dunque, attraverso l'uso di una maggiore flessibilità contrattuale dei lavoratori si dovrebbe ridurre il livello della disoccupazione nel nostro Paese, permettendo alle imprese di poter chiamare maggiore o specifica forza lavoro in caso di andamento positivo della situazione aziendale e di ridimensionarla, invece, nelle fasi negative. Dal punto di vista dei lavoratori, tale legge fornirebbe invece la possibilità di poter trovare subito un'occupazione e quindi maggiori offerte in questo mercato, in caso di interruzione del precedente rapporto di lavoro

Sebbene successivamente ci soffermeremo soltanto su un aspetto in particolare, in sostanza la Legge Biagi, tra le altre cose, ha introdotto o modificato numerose tipologie di contratti di lavoro. Ciò, nonostante i buoni propositi della normativa, ha causato diverse problematiche, da cui poi sono scaturite diverse riserve e polemiche sulla stessa.  

In pratica, come vedremo meglio in seguito, vi è stata un'evidente riduzione di alcuni diritti fondamentali dei lavoratori, tra cui quelli relativi ai giorni di malattia o maternità. Inoltre, a livello pensionistico, ha reso più difficoltoso e complesso il raggiungimento di una qualche forma di pensione per i giovani precari di oggi. A ciò si aggiunge sovente anche una retribuzione inferiore a quella percepita da colleghi col medesimo tipo di lavoro, ma dal contratto più stabile.  

In sintesi, quindi, nella maggior parte dei casi, la presunta flessibilità si è tramutata in precarietà, in quanto, accanto all'introduzione della legge, non si è effettuata un'efficace riforma dei cosiddetti ammortizzatori sociali. Al tempo stesso, la società italiana ed il suo contesto economico non presentano quelle caratteristiche (tipiche di altri Paesi) che permettono un veloce ricollocamento lavorativo, in caso di conclusione o perdita di un'occupazione. 

Le novità introdotte dalla Riforma Maroni

La principale novità della legge 30 fu l'introduzione del cosiddetto co.co.pro in sostituzione del precedente co.co.co. Fu sostanzialmente introdotto il cosiddetto contratto a progetto in alternativa al contratto di lavoro a tempo indeterminato: questo ha portato all'abolizione di ogni forma di diritto per i lavoratori non a tempo indeterminato, abolendo i periodi di ferie, permessi, malattia e maternità.

Anche a livello di versamenti pensionistici, c'è una disparità di trattamento e valore per quelli dei contratti co.co.pro rispetto a quelli indeterminati.

Abbiamo in più articoli cercato di chiarire cosa fosse il contratto a progetto (co.co.pro), per integrare le informazioni date e per rendere meno lacunosi alcuni aspetti della Legge Biagi riportiamo gli articoli della suddetta legge dedicati al contratto a progetto.

Che cosa accade oggi?

 testo della legge biagi

Dopo alcuni anni dall'approvazione del testo della Legge Biagi e quindi della riforma del mercato del lavoro, i risultati in termini di miglioramento dell'occupazione per quanto riguarda giovani, soggetti svantaggiati (come abbiamo detto, persone diversamente abili, donne e adulti con un'etá superiore ai 40-45 anni) non si sono raggiunti come sperato, sebbene vi siano stati alcuni timidi segnali positivi. La disoccupazione continua ad essere un problema dagli effetti devsastanti, soprattutto in alcune aree del nostro Paese ed in particolare nel Sud.

A rendere la situazione lavorativa di tanti soggetti, giovani e meno giovani, ancora piú instabile e problematica, sono intervenuti in questi anni prima la crisi finanziaria internazionale del 2008, tramutatasi poi in grave crisi economica nel nostro Paese, e poi la pandemia da Covid-19 del 2020. Tra questi due eventi negativi, un'ulteriore riforma del mondo del lavoro e sostanziale modifica della Legge Biagi e dei contratti a progetto è avvenuta col Jobs Act del Governo Renzi nel Giugno 2015. Difatti, da quel periodo non è piú possibile stipulare questa tipologia contrattuale.

D'altronde, dagli inizi di Gennaio 2016, i contratti a progetto della Legge Biagi in vigore sono stati trasformati, appunto perché questo genere di forma contrattuale lavorativa risulta abolita in maniera definitiva. Tuttavia, in realtá, sulla base del testo unico dei contratti di lavoro, ancora in sporadici e specifici casi, risulta possibile sottoscrivere tali contratti a progetto. Medesimo discorso riguarda i noti "co.co.co.", che, sebbene riformati, hanno continuato ad esistere sotto forme variegate di contratto di lavoro.

Di conseguenza, nonostante le riforme del mercato del lavoro avvenute nel corso del tempo, la piaga dei contratti a progetto o comunque di quelle tipologie contrattuali estremamente flessibili e precarie, continuano sotto forme diverse a rendere instabile la vita lavorativa di diverse persone e a favorire, per chi ne ha la possibilitá, trasferimenti all'estero. Togliendo, di fatto, al Paese quelle risorse giovani e capaci che servono a renderlo maggiormente competitivo sul piano internazionale, soprattutto in un mondo globalizzato e con un'altissima concorrenza tra Stati. 

Il Testo della Legge Biagi

Per conoscere maggiori informazioni sulla Legge Biagi, ti consigliamo di approfondire l'argomento cliccando qui.

Potrebbe interessarti

Regime fiscale “forfettino”: tutti i vantaggi!

 

Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

Pensioni quota 96: ultimissime novità sempre aggiornate

pensioni quota 96

Ultimissime novità sullapensione di anzianità: negli scorsi anni rispetto a quella di vecchiaia, veniva percepita indipendentemente dall'età pensionabile. Si ottiene prima del raggiungimento dell'età pensionabile, o del limite massimo di anzianità di servizio, e in presenza di determinati requisiti assicurativi e anagrafici.

Inps modulistica online e attività dell'Ente: vediamo tutto nel dettaglio

Inps modulistica

Il sito dell'Inps dispone di un'assistenza virtuale, utile a guidare l'utente tra i vari moduli Inps presenti all'interno del portale e ad aiutarlo nella compilazione degli stessi. Il servizio di modulistica Inps è molto comodo soprattutto se si è impossibilitati a recarsi presso gli uffici più vicini al luogo di residenza a recuperare i moduli cartacei.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Offerte di lavoro per grafici: ecco come e dove candidarsi

Offerte di lavoro per grafici

Con il termine di grafico si intende una figura professionale nota anche come graphic designer. In sostanza, un grafico si occupa del settore delle arti visive, ed il suo mestiere è quello di creare una serie di prodotti destinati alla comunicazione visiva, ovvero con l'obiettivo di comunicare un messaggio attraverso un mezzo che sia: la stampa, la pubblicazione cartacea, la pubblicazione elettronica.

Lavorare nella comunicazione: le evoluzioni, gli obiettivi e gli strumenti

lavorare nella comunicazione

Tutti i soggetti partecipanti al mercato comunicano. La comunicazione è di per sé un fattore di costo ma le imprese e anche le organizzazioni no profit decidono di comunicare: per questa ragione trovare un lavoro nella comunicazione può rivelarsi una scelta efficace a patto che si seguano delle linee guida sicure.

Disoccupazione e requisiti ridotti: di cosa si parla esattamente?

Disoccupazione e requisiti ridotti

Si definisce disoccupazione, la condizione in cui si trovi un soggetto in età di lavoro che non sia una forza attiva nel mondo del lavoro.

Leggi anche...

Distacco del lavoratore: conoscere le norme che lo regolamentano

il distacco del lavoratore

Il distacco del lavoratore è, in modo molto semplice, “il prestito” di un lavoratore da un’azienda ad un altro datore di lavoro. Le parti sono cosi denominate:

Leggi anche...

Come aprire una tipografia?

Prima di aprire una tipografia è necessario valutare con la massima attenzione i costi e gli oneri economici che possono essere connessi a un'attività imprenditoriale di questo tipo. L'evoluzione tecnologica del settore ha indotto i professionisti di questo ambito a mettere da parte i vecchi macchinari a inchiostro per fare posto a strumentazioni digitali che promettono risultati decisamente migliori anche dal punto di vista della velocità di esecuzione.