Ogni lavoratore che ha la fortuna di percepire la busta paga, deve però considerare che la stessa prevede anche delle trattenute da parte del datore di lavoro, che daranno, come risultato finale, la paga netta che il lavoratore percepirà.

I contributi in busta paga

Una parte dei contributi da versare è a carico del lavoratore , mentre l’altra parte spetta al datore di lavoro, anche perché,è quest’ultimo l’unico soggetto obbligato al versamento della contribuzione, sia per la parte che riguarda lui, che per quella a carico del lavoratore.

Una copia della denuncia fatta dal datore di lavoro deve essere consegnata anche al lavoratore, poiché egli grazie a questo documento importante, è in grado di controllare l'esattezza delle retribuzioni denunciate all' INPS dal datore di lavoro.

Tutte le trattenute allo stipendio

Ma vediamo nel dettaglio quali sono le trattenute in busta paga che toccano ad ogni lavoratore.

  • Trattenute fiscali da parte dell’azienda a fini pensionistici
  • Le somme totali dei contributi sociali trattenuti dalle aziende per una futura pensione
  • L’imponibile Irpef , che corrisponde all’imposta delle persone fisiche
  • Il totale delle trattenute Irpef, cioè la somma delle trattenute fiscali fatta dall’azienda, che si ottiene dall’Irpef lordo le eventuali detrazioni in busta paga

Calcolando tutte queste trattenute, obbligatorie per legge, il lavoratore avrà la paga effettiva per la mensilità in cui ha prestato il proprio servizio lavorativo.

Come calcolare le trattenute in busta

Chi non riuscisse a calcolare manualmente le detrazioni da effettuare sullo stipendio, ha a disposizione una serie di strumenti su internet.
Infatti esistono sul Web dei software che permettono di calcolare in modo preciso quali siano le trattenute nella propria busta paga. Eccone qualcuno:

Da questo sito è possibile scaricare una decina di software gratuiti freeware che utilizzano il foglio di calcolo o documento in formato excel oppure xls e sono adatti al calcolo della busta paga di diverse tipologie di lavoratori: da chi lavora in ambito agricolo, agli operatori delle pulizie, ai dipendenti Alitalia.

Ma come funziona lo stipendio?

Lo stipendio è il compenso che si riceve mensilmente per le proprie prestazioni professionali (l'etimologia della parola deriva dall'antica Roma). Si definisce stipendio reale il rapporto lavoro e l’indice del prezzo deflatore, che raffina una grandezza economica dagli effetti dell'inflazione.
Questo indicatore si calcola come media pesata di un paniere di beni e servizi: per la compattezza della misura è importante che il sia regolare nel tempo. I prezzi vengono pesati sulla quantità, moltiplicandoli per un coefficiente che è la quantità venduta di ognuno in percentuale al totale.

Lo stipendio dunque è la retribuzione del fattore della produzione lavoro e la sua fattezza dipende dal costo-opportunità per il lavoratore della rinuncia ad altre occupazioni. Chiaramente influiscono sull'entità di questo anche i livelli a cui fanno riferimento i lavoratori.

Livelli stipendio e busta paga

I livelli vengono determinati a seconda del grado di anzianità e competenza di ogni dipendente e variano al mutare dei contratti lavorativi.
Per questo le lotte sindacali sono una forma di accordo che influenza la determinazione dei prezzi allontanandoli dall'optimum. Lo stipendio è dunque anche riassumibile come il prezzo della forza lavoro (che vari a seconda dei livelli dei lavoratori all’interno del contratto).

Anche la forza lavoro viene venduta ad un valore equivalente al lavoro socialmente necessario per la sua produzione. Tutto ciò spiega l'origine del profitto del capitalista: secondo la teoria del plusvalore il valore della forza lavoro impiegata nella produzione è inferiore al valore aggiunto alla merce prodotta.





Potrebbe interessarti


Concorsi per categorie protette: tutte le possibilità!

lavoratori vin categorie protette

Per categorie protette si intende una condizione di diritto riconosciuta dal legislatore ai lavoratori disabili e altri (orfani, vedove, etc).

Leggi tutto...

Modello per il curriculum vitae: come compilarlo passo passo?

come compilare il curriculum vitae

Il curriculum vitae è composto solitamente da più sezioni le quali non differiscono poi di molto tra il formato tradizionale, quello europeo o lo schema europass (che mostreremo più avanti nel corso del nostro approfonimento).

Leggi tutto...

Lettera di dimissioni: modulo ed iter da seguire

persona intenta a scrivere una lettera di dimissioni

Da qualche anno è entrato in vigore un decreto Interministeriale relativo alle procedure per presentare le dimissioni volontarie. 

Leggi tutto...

Master e laurea: primo o secondo livello?

Oggi la formazione post universitaria è curata da enti ed aziende pubbliche e private. La varietà dell’offerta dei master postlaurea può rendere più difficile la scelta.

Leggi tutto...

Pensione Inpdap: come effettuare il calcolo e come richiederla?

Dal momento di riforma del sistema previdenziale italiano, anche l'Inpdap si è adeguata alla grande differenziazione tra previdenza obbligatoria e previdenza complementare.

Leggi tutto...

I più condivisi


AppLavoro: la Startup che rivoluziona il mondo del lavoro

La tecnologia e Internet sono strumenti di cui non si può fare a meno, al giorno d'oggi, per trovare un lavoro soddisfacente e in linea con le proprie aspettative. Un valido esempio in merito proviene da AppLavoro, che permette a tutti gli iscritti di mettere in risalto la propria professionalità e le proprie competenze per riuscire a individuare una mansione appropriata.

Leggi tutto...

Congedo di paternità

Quando spetta il congedo di paternità

Il congedo in caso di paternità, fra le novità della Riforma Fornero, è riportato nel comma 24 dell’articolo 4, allo scopo del sostenimento della genitorialità, promuovendo una  maggiore condivisione dei compiti per curare i figli.

Leggi tutto...

Lavorare nell’agenzia di comunicazione: di cosa si occupa un centro media

L’agenzia di comunicazione è anche definita centro media ed è un intermediario tra impresa e media ed ha il compito di ideare, ottimizzare e monitorare il media planning dell’impresa o dell’istituzione.

Leggi tutto...

Curriculum vitae in spagnolo: come scriverlo?

Tra le varie località europee molto in voga per la ricerca del lavoro molti italiani, negli ultimi 15-20 anni, si sono avventurati nella penisola iberica in cerca di una occupazione: chi ancora volesse tentare questa esperienza, deve naturalmente concentrarsi al momento di stilare il Curriculum in spagnolo.

Leggi tutto...

L'ispettorato del lavoro: compiti, poteri ed aree di intervento

L’Ispettorato del lavoro, oggi Servizio Ispezione del lavoro è composto da funzionari della Direzione Provinciale o Regionale con qualifica di Ufficiale di Polizia Giudiziaria.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Bacheca lavoro Trento

Ampliamo la nostra sezione dedicata alle offerte di lavoro sul territorio nazionale, regione per regione. In questa pagina suggeriamo alcuni dei link utili per chi è interessato alle offerte di lavoro in Trentino.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Domande colloquio: quali aspettarsi dal selezionatore

Durante un incontro motivazionale, l’esaminatore tende a fare numerosissime domande al suo interlocutore. A volte ci si chiede se alcune siano domande per un colloquio di lavoro? Non si tratta di conoscere la vostra vita privata o cose banali, l’obiettivo è quello di far emergere dalle domande la personalità oltre al profilo del candidato.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Colloquio motivazionale: ecco come regolarsi!

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Leggi tutto...
Go to Top