Coloro che svolgono lavori domestici, come le colf e le badanti devono essere regolarizzate, soprattutto se provenienti da Paesi esteri, per poter esercitare tale professione senza problemi. La regolarizzazione di colf e badanti èobbligatoria e prevista per legge già dal 2009; è inoltre fondamentale che le badanti e le colf abbiano attualmente un regolare contratto.

Le badanti e le colf, e tutti coloro che svolgono delle attività lavorative in ambito domestico, hanno inoltre diritto alla relativa tredicesima. Anche per loro la tredicesima va data nel mese di dicembre e calcolata in modo consono e evitando errori di sorta.

Entro tale mese al lavoratore domestico spetta infatti una mensilità aggiuntiva che scaturisce dalla retribuzione totale, incluso eventuale vitto e alloggio. Se l'assunzione è avvenuta nel corso dell'anno e non all'inizio dello stesso, in questo caso bisogna tenere conto anche di questo come quando il lavoratore chiede periodi di aspettativa non pagata.

Come si calcola la tredicesima per le badanti

Il calcolo della tredicesima per le badanti si effettua in base al tipo di paga effettuata. Se questa è settimanale sarà necessario effettuare una moltiplicazione tra l'ammontare dell'ultima retribuzione e le cinquantadue settimane che costituiscono l'anno. Il valore che viene fuori andrà poi diviso per i dodici mesi dell'anno.

La tredicesima per le badanti di natura mensile corrisponde alla mensilità intera percepita, con aggiunta del vitto e dell'alloggio sia se emesso attraverso indennità assicurativa che se effettuato fornendo l'abitazione o la camera.

Se si effettuano delle retribuzioni giornaliere il calcolo della tredicesima badanti è differente. Serve dunque in primis calcolare quanto si percepisce in una settimana effettuando la moltiplicazione tra il numero di ore di lavoro e l'ammontare della paga a ore. Solo dopo andrà effettuato il calcolo previsto anche per la retribuzione settimanale.

Nel calcolo della tredicesima per le badanti non vanno ascritti i casi di malattia, infortuni, maternità, mentre si devono inserire: il periodo di prova, il congedo matrimoniale, l'eventuale preavviso.Nel caso in cui il lavoratore domestico non abbia lavorato tutto l'intero anno solare, ma sia entrato dopo l'inizio dell'anno, non è prevista la mensilità totale.

In questo caso la tredicesima per le badanti risulterà inferiore e andrà calcolata in base ai mesi effettivi di lavoro. Nei casi di numeri decimali superiori o inferiori a quindici giorni, essi si considerano, per agevolare il calcolo della tredicesima badanti stessi, come mese totale.

Il calcolo di questa mensilità extra infatti deve partire dai mesi lavorati dalla colf rispetto all’intero anno solare: visto che questa misura è obbligatoria per tutti i datori di lavoro, qualora la colf sia stata assunta durante l’anno, verrà corrisposta a lei una somma ridotta in base ai mesi lavorati effettivamente. In questo conteggio, come appena detto, le frazioni di mese sono calcolati per intero qualora si raggiungano almeno i quindici giorni lavorativi. In caso contrario, non viene conteggiato questa mensilità per la tredicesima. Infine, su questa mensilità non devono essere calcolati i contributi Inps.

Perchè regolarizzare questa posizione lavorativa?

Regolarizzare la colf diventa un atto non solo morale per quanto riguarda il fisco ma anche necessario per evitare le sanzioni che colpiscono il datore di lavoro qualora venisse scoperto di far lavorare questa persona in nero. Sono previste solo delle multe nei casi in cui non venga dichiarata la comunicazione dell’assunzione della colf (la somma da pagare è minimo 200 euro, massimo 500 euro). Ben diversa la situazione qualora si venga scoperti di non versare i necessari contributi: qui la multa arriva anche a migliaia di euro con il caso limite dell’assunzione della colf di origine extracomunitaria non in possesso di regolare permesso di soggiorno o con lo stesso non aggiornato o scaduto prima del termine della verifica. In questa circostanza, il reato viene punito con la reclusione e una sanzione pecuniaria di 5000 euro. Per evitare il lavoro nero, è notizia recente del numero verde installato dalla Regione Toscana in tre province per favorire il progetto che punta a creare una sinergia con le famiglie nella ricerca di colf qualificate e preparate. A riguardo, la Regione ha stanziato inizialmente 300 euro a famiglia per i primi giorni di prova; se l’iniziativa dovesse riscuotere successo, allora si estenderà a tutte le province toscane.

Bisogna aggiungere che nell’epoca attuale questa posizione non è più occupata soltanto da persone extracomunitarie o comunque straniere perchè la disoccupazione crescente in Italia ha creato enormi buchi nei posti di lavoro per cui non è più una novità trovare italiani svolgere questa mansione che fino a pochi anni fa era appannaggio esclusivo degli stranieri. Ciò viene spiegato con la mancanza di lavoro che costringe i nostri connazionali a cercare occupazione in questo settore per non restare inoccupati. La richiesta maggiore di colf arriva nel periodo estivo perchè molti anziani rimangono soli per le vacanze per cui i parenti cercano personale da affiancargli per qualsiasi necessità.



Potrebbe interessarti

Lettera di licenziamento: indicazioni ed esempi da seguire

Il decreto legge n°112 del 25 giugno 2008 sancisce che non è più necessario dare le dimissioni online, il lavoratore deve solo comunicare le dimissioni attraverso una lettera di licenziamento scritta e rispettare i termini di preavviso (dopo aver concordato il TFR con il proprio datore di lavoro).

Leggi tutto...

Pagamento TFR: termini e omissioni

E' spesso possibile che, per motivi di varia natura, il lavoratore si trovi a dover porre fine a un rapporto di lavoro. Capita che sia il datore di lavoro ad effettuare il licenziamento che può riguardare un singolo lavoratore oppure più di uno; nell'ultimo caso si parla di licenziamento collettivo, che si verifica soprattutto nelle situazioni in cui un'azienda si trova in particolari periodi di difficoltà economiche o produttive.

Leggi tutto...

Ultimissime novità sulle pensioni di anzianità e sulla quota 96

Ultimissime novità sulla pensione di anzianità: negli scorsi anni rispetto a quella di vecchiaia, veniva percepita indipendentemente dall'età pensionabile. Si ottiene prima del raggiungimento dell'età pensionabile, o del limite massimo di anzianità di servizio, e in presenza di determinati requisiti assicurativi e anagrafici.

Leggi tutto...

Scopri la carta ILA e come ottenerla!

La carta ILA (Individual Learning Account) è una carta di credito formativa prepagata nata per finanziare la formazione professionale. La carta è un buono utile a finanziare un iter formativo mirato e adatto alle esigenze e alle aspirazioni professionali di chi la richiede.

Leggi tutto...

Lettera di accompagnamento al curriculum: sai come scriverla?

La lettera di accompagnamento del curriculum è un documento che viene inviato in allegato, o addirittura precede, il CV. In un mercato del lavoro che si fa sempre più competitivo e nel quale i titoli di studio iniziano ad essere inflazionati, attirare l’interesse del perito selettore con una nota personale può significare la differenza tra un colloquio positivo ed uno negativo.

Leggi tutto...

I più condivisi

Lavorare come hostess: ecco alcuni spunti

ragazza che lavora ocme hostess

Chi ancora studia o coloro che hanno già un impiego full o part time possono trovare interessanti le offerte di lavoro come hostess o promoter.

Leggi tutto...

Contratti di lavoro atipici: quali sono?

Contratti di lavoro atipici: quali sono i contratti di lavoro atipici e quali sono le caratteristiche di ciascun tipo di contratto di lavoro atipico.

Leggi tutto...

Pensione parasubordinati e autonomi

Con la legge n.98 del 26 luglio 2010, anche i parasubordinati, gli autonomi occasionali, i lavoratori con contratti co.co.co. e gli associati in partecipazione, possono richiedere la pensione all'Inps; che ha creato gestioni separate (Legge 8 agosto 1995 n. 335) apposite per regolare tali categorie di lavoratori.

Leggi tutto...

Eataly: lavora con noi è il loro motto!

L'apertura di Eataly Roma ha avuto una duplice valenza: la possibilità di attirare ancor più turisti e riuscire in un periodo così delicato ad offrire lavoro ad oltre duecento persone.

Leggi tutto...

Contributi previdenziali: un approfondimento che non puoi perderti

I contributi previdenziali sono pagamenti obbligatori che in Italia si effettuano all'INPS (Settore privato) e all'INPDAP (settore pubblico), al fine di successivamente una prestazione pensionistica.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Modulistica Inpdap: vediamo tutti i documenti

L'Inpdap è nato nel 1994; il suo termine non è altro che l'acronimo dell'Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell'Amministrazione Pubblica. L'Inpdap svolge il suo lavoro affiancandosi anche ad enti come l' ENPDEP, ENPAS, INADEL e le casse pensionistiche e gestendo tutto quello che riguarda le dinamiche creditizie, previdenziali e sociali dei suoi iscritti.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavorare come hostess: ecco alcuni spunti

ragazza che lavora ocme hostess

Chi ancora studia o coloro che hanno già un impiego full o part time possono trovare interessanti le offerte di lavoro come hostess o promoter.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il contratto collettivo nazionale per i pubblici servizi

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.

Leggi tutto...
Go to Top