Coloro che svolgono lavori domestici, come le colf e le badanti devono essere regolarizzate, soprattutto se provenienti da Paesi esteri, per poter esercitare tale professione senza problemi. La regolarizzazione di colf e badanti èobbligatoria e prevista per legge già dal 2009; è inoltre fondamentale che le badanti e le colf abbiano attualmente un regolare contratto.

Le badanti e le colf, e tutti coloro che svolgono delle attività lavorative in ambito domestico, hanno inoltre diritto alla relativa tredicesima. Anche per loro la tredicesima va data nel mese di dicembre e calcolata in modo consono e evitando errori di sorta.

Entro tale mese al lavoratore domestico spetta infatti una mensilità aggiuntiva che scaturisce dalla retribuzione totale, incluso eventuale vitto e alloggio. Se l'assunzione è avvenuta nel corso dell'anno e non all'inizio dello stesso, in questo caso bisogna tenere conto anche di questo come quando il lavoratore chiede periodi di aspettativa non pagata.

Come si calcola la tredicesima per le badanti

Il calcolo della tredicesima per le badanti si effettua in base al tipo di paga effettuata. Se questa è settimanale sarà necessario effettuare una moltiplicazione tra l'ammontare dell'ultima retribuzione e le cinquantadue settimane che costituiscono l'anno. Il valore che viene fuori andrà poi diviso per i dodici mesi dell'anno.

La tredicesima per le badanti di natura mensile corrisponde alla mensilità intera percepita, con aggiunta del vitto e dell'alloggio sia se emesso attraverso indennità assicurativa che se effettuato fornendo l'abitazione o la camera.

Se si effettuano delle retribuzioni giornaliere il calcolo della tredicesima badanti è differente. Serve dunque in primis calcolare quanto si percepisce in una settimana effettuando la moltiplicazione tra il numero di ore di lavoro e l'ammontare della paga a ore. Solo dopo andrà effettuato il calcolo previsto anche per la retribuzione settimanale.

Nel calcolo della tredicesima per le badanti non vanno ascritti i casi di malattia, infortuni, maternità, mentre si devono inserire: il periodo di prova, il congedo matrimoniale, l'eventuale preavviso.Nel caso in cui il lavoratore domestico non abbia lavorato tutto l'intero anno solare, ma sia entrato dopo l'inizio dell'anno, non è prevista la mensilità totale.

In questo caso la tredicesima per le badanti risulterà inferiore e andrà calcolata in base ai mesi effettivi di lavoro. Nei casi di numeri decimali superiori o inferiori a quindici giorni, essi si considerano, per agevolare il calcolo della tredicesima badanti stessi, come mese totale.

Il calcolo di questa mensilità extra infatti deve partire dai mesi lavorati dalla colf rispetto all’intero anno solare: visto che questa misura è obbligatoria per tutti i datori di lavoro, qualora la colf sia stata assunta durante l’anno, verrà corrisposta a lei una somma ridotta in base ai mesi lavorati effettivamente. In questo conteggio, come appena detto, le frazioni di mese sono calcolati per intero qualora si raggiungano almeno i quindici giorni lavorativi. In caso contrario, non viene conteggiato questa mensilità per la tredicesima. Infine, su questa mensilità non devono essere calcolati i contributi Inps.

Perchè regolarizzare questa posizione lavorativa?

Regolarizzare la colf diventa un atto non solo morale per quanto riguarda il fisco ma anche necessario per evitare le sanzioni che colpiscono il datore di lavoro qualora venisse scoperto di far lavorare questa persona in nero. Sono previste solo delle multe nei casi in cui non venga dichiarata la comunicazione dell’assunzione della colf (la somma da pagare è minimo 200 euro, massimo 500 euro). Ben diversa la situazione qualora si venga scoperti di non versare i necessari contributi: qui la multa arriva anche a migliaia di euro con il caso limite dell’assunzione della colf di origine extracomunitaria non in possesso di regolare permesso di soggiorno o con lo stesso non aggiornato o scaduto prima del termine della verifica. In questa circostanza, il reato viene punito con la reclusione e una sanzione pecuniaria di 5000 euro. Per evitare il lavoro nero, è notizia recente del numero verde installato dalla Regione Toscana in tre province per favorire il progetto che punta a creare una sinergia con le famiglie nella ricerca di colf qualificate e preparate. A riguardo, la Regione ha stanziato inizialmente 300 euro a famiglia per i primi giorni di prova; se l’iniziativa dovesse riscuotere successo, allora si estenderà a tutte le province toscane.

Bisogna aggiungere che nell’epoca attuale questa posizione non è più occupata soltanto da persone extracomunitarie o comunque straniere perchè la disoccupazione crescente in Italia ha creato enormi buchi nei posti di lavoro per cui non è più una novità trovare italiani svolgere questa mansione che fino a pochi anni fa era appannaggio esclusivo degli stranieri. Ciò viene spiegato con la mancanza di lavoro che costringe i nostri connazionali a cercare occupazione in questo settore per non restare inoccupati. La richiesta maggiore di colf arriva nel periodo estivo perchè molti anziani rimangono soli per le vacanze per cui i parenti cercano personale da affiancargli per qualsiasi necessità.





Potrebbe interessarti

Licenza tabaccheria: come fare per aprirla?

Quanti desiderino gestire una tabaccheria hanno bisogno della relativa licenza; grazie a questo certificato sarà quindi possibile svolgere un mestiere sicuramente ben retribuito e dotato di una notevole indipendenza.

Leggi tutto...

Esclusione per gli studi di settore

Gli studi di settore sono strumenti statistici realizzati in funzione dei diversi fattori economici riguardanti l’attività di alcune categorie di lavoratori autonomi. 

Leggi tutto...

Facoltà di Scienze Umanistiche

La Facoltà di Scienze Umanistiche mira ad offrire una formazione umanistica aggiornata con l’ausilio delle metodologie più moderne, con l'intenzione di condurre gli studenti ad attivare un occhio critico per guardare il mondo contemporaneo in tutta la sua complessità e in tutte le sue metamorfosi.

Leggi tutto...

Il contratto collettivo nazionale per i pubblici servizi

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dei Pubblici Servizi è un documento fondamentale che definisce i rapporti lavorativi tra datori di lavoro, lavoratori e categorie sindacali che operano in questo settore.

Leggi tutto...

Master in Lingue e Master Digital: scopri la nuova offerta ICOTEA

scrizione ad un master in lingue

Il mondo del lavoro è sempre più complesso. Per questo motivo, diventa necessario farsi trovare pronti con una preparazione adeguata e, soprattutto mirata alle nuove esigenze del mercato.

Leggi tutto...

I più condivisi

Imprenditoria femminile e fondo perduto: quali sono le novità?

L’acuirsi della crisi economica e la mancanza di lavoro, hanno negli ultimi anni ingenerato un forte aumento dell’interesse dei cittadini italiani verso l’imprenditoria femminile e i finanziamenti a fondo perduto

Leggi tutto...

Come presentarsi ai colloqui di lavoro? Non solo consigli sull'abbigliamento!

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Leggi tutto...

Autorizzazione trattamento dati personali: dichiarazione liberatoria nel curriculum

Chi intende trovare lavoro sa benissimo che bisogna seguire un iter canonico molto importante ai fini dell'assunzione stessa. Come fare un curriculum vitae, quindi, diventa un’abilità essenziale nel mercato degli annunci. Tutti i datori di lavoro, sia che si decida di entrare nel settore pubblico oppure in ambito privato, richiedono infatti un curriculum dettagliato al candidato e possibile futuro lavoratore. 

Leggi tutto...

Aspettativa maternità: caratteristiche e novità per farne richiesta

L’aspettativa per maternità consiste in un periodo di tre mesi di aspettativa aziendale dal lavoro di cui la madre lavoratrice può fruire per assistere il figlio fino ai 3 anni di età.

Leggi tutto...

Interdizione anticipata per maternità: quanto ne sai?

quando si rimane incinta si puo richiedere l'interdizione anticipata per maternità

La lavoratrice madre ha per legge diritto ad essere tutelata durante la gravidanza e i primi anni di vita del bambino. Per la tutela della sua salute non può eseguire lavori pericolosi dall’inizio della gravidanza e fino al settimo mese di età del figlio, né lavori notturni (dalle 24 alle 6).

Leggi tutto...

Leggi anche...

Requisiti per lavorare in banca

Per coloro che sognano il posto fisso, il lavoro in banca è sicuramente un' opportunità imperdibile; sono infatti numerose le aziende del settore che in Italia vanno alla ricerca di nuovo personale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Malattia Inps: come fare la domanda

fare domanda per la malattia

La domanda di malattia all'Inps può essere richiesta nei casi di malattie che possono limitare le capacità lavorative. I soggetti che possono presentare la domanda di indennità di malattia Inps sono gli operai e gli impiegati del settore terziario e che lavorano nel settore industriale, apprendisti, lavoratori sospesi dal lavoro, lavoratori assunti a tempo determinato o indeterminato. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Concorsi statali, pubblici e regionali: una guida davvero completa che non puoi perdere!

cercare concorsi pubblici

In quanti ambiscono un lavoro nel settore pubblico? Perché il tanto ambito posto fisso oggigiorno è così importante per la tranquillità lavorativa? I concorsi statali - pubblici rappresentano per molti un’occasione per accedere lavorativamente nella P.A e guadagnarsi così un contratto a tempo indeterminato.

Leggi tutto...
Go to Top