Bisogna sapere che oltre alla tredicesima classica che si percepisce per determinate prestazioni lavorative e che varia proprio in in base al tipo e alla durata del lavoro svolto, esiste anche la tredicesima sulle pensioni.

Quasi tutte le tipologie di pensioni vengono infatti pagate mediante apposite rate mensili anticipate da riscuotere presso gli uffici postale e bancari. Per i casi di pensioni che sono incluse tra i cinque e i sessanta euro, sono previste due rate semestrali anticipate, mentre per gli importi fino a cinque euro c'è una unica rata annuale.

Le caratteristiche della tredicesima pensione

Tutti i pensionati indipendentemente dall'Istituto pensionistico che si occupa di elargire la pensione hanno diritto alla tredicesima sulla stessa. E' nata con l'entrata in vigore della legge numero 218 del 1952.

Viene emessa sempre durante il mese di dicembre e viene erogata insieme alla rata del pagamento della pensione per quel mese; essa è uguale alla rata dell'ultimo mese dell'anno.

Così come per la tredicesima classica, anche quella dei pensionati prevede la suddivisione di determinati ratei mensili divisi in base ai mesi di pensionamento trascorsi all'interno di un anno. Se un lavoratore è dunque andato in pensione non ad inizio anno, percepirà dei ratei di tredicesima pensione esclusivamente relativi ai mesi di pensionamento effettivo.

La tredicesima pensione viene quindi pagata per dodici mesi e non per tredici. Gli invalidi civili invece, non percepiscono la tredicesima pensione perché già titolari di assegni di accompagnamento e indennità pagate già per dodici mensilità.

In caso di decesso del pensionato

La tredicesima pensione, in caso di decesso del pensionato spetterà poi agli eredi: coniugi, figli, nipoti e altri eredi previsti in un eventuale testamento rilasciato dal deceduto. In questi casi, al fine di ottenere le somme che spettano di tredicesima pensione, è necessario fare richiesta presso l'ente previdenziale di competenza (Inps, Inpdap ecc.) attraverso la compilazione di una domanda apposita che dovrà avere la firma di tutti gli eredi previsti.

Nella richiesta andrà anche riportata la modalità di ottenimento della tredicesima pensione del deceduto se attraverso successione legittima o mediante testamento.

La differenza con la quattordicesima

Diverso invece il discorso sulla quattordicesima relativa agli assegni pensionistici: essa infatti può essere percepita solo da lavoratori che superano i 64 anni di età. Inoltre vi è anche una postilla relativa al reddito. In ultimo, l’importo sarà maggiore se gli anni di contributi saranno molti: a tal proposito, l’Inps ha pubblicato una circolare con l’aggiunta relativa alla quattordicesima per l’anno 2014: si parte dai 366 euro con meno 15 anni di contributi fino ad arrivare a 506 euro con oltre 25 anni di versamenti. Tra le due fasce, invece, l’importo sarà uguale a 420 euro. Così come per la tredicesima, anche in questo caso sono escluse delle categorie speciali da questo versamento.

La riforma sulle pensioni: da fare o no?

Toccare o no le pensioni? Il tema è di stretta attualità ma non sembra che il Governo voglia mettere mano a questo capitolo, stando alle ultime dichiarazioni pubbliche del Premier Renzi. L’argomento è molto sensibile perchè comunque va a toccare una platea molto vasta e con all’interno differenze sociali troppo ampie, se pensiamo che c’è chi supera a malapena i 500 euro mensili e chi invece ne guadagna addirittura 91 mila al mese. Toccare le pensioni, come per esempio per il contributo di solidarietà, non è stato ritenuto dal Presidente del Consiglio una buona mossa per il futuro, spiegando che non vale la pena scatenare un caos di dibattiti tra l’opinione pubblica per 100 milioni di euro. La spesa totale per le pensioni è stata quantificata recentemente in 270 miliardi di euro, con 16 miliardi relativi a 188 mila persone che fanno parte del club delle cosiddette pensioni d’oro e d’argento, il cui assegno minimo è di 4800 euro lordi mensili. Sono invece 9 mila le persone che percepiscono mensilmente un emolumento di minimo 10 mila euro. Tra gli interventi proposti dai Governi che si sono succeduti, l’ultimo è stato quello di Enrico Letta con il contributo di solidarietà oltre la cifra dei 90 mila euro all’anno, che era stato precedentemente bocciato dalla Corte Costituzionale.
I pensionati italiani sono anche i più tartassati dalle tasse: si è calcolato che in un assegno pensionistico da 60 mila euro, quasi un terzo, 20 mila euro, vanno via in Irpef e altre addizionali. La situazione invece peggiora dei casi di pensionati con un assegno da 20 mila euro.



Potrebbe interessarti

Curriculum vitae in inglese: le caratteristiche, le differenze e i modelli da prendere come esempio

Nel mondo ormai globalizzato del lavoro sempre più spesso si invia il proprio curriculum vitae in lingua. Sono numerose le aziende con sede legale o con l'ufficio human resource all'estero. Da qui la necessità di inviare un curriculum in inglese o in un'altra lingua straniera.

Leggi tutto...

Vacanza lavoro: scopri quali occasioni ci sono

Per lavoro, bisogna spesso spostarsi in una località diversa dalla sede della propria azienda; molte altre volte si cerca invece volutamente una vera e propria formula alternativa come quella della vacanza lavoro, diffusissima soprattutto tra i ragazzi che intendono andare all'estero per imparare una lingua

Leggi tutto...

Astensione obbligatoria: un diritto delle mamme lavoratrici

L’astensione obbligatoria è un diritto a tutela delle lavoratrici in “dolce attesa”.

Leggi tutto...

Master in Lingue e Master Digital: scopri la nuova offerta ICOTEA

Il mondo del lavoro è sempre più complesso. Per questo motivo, diventa necessario farsi trovare pronti con una preparazione adeguata e, soprattutto mirata alle nuove esigenze del mercato.

Leggi tutto...

Permesso parentale: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Il permesso parentale è un diritto che viene dato ad entrambi i genitori per ogni bimbo. Si tratta in definitiva della possibilità di astenersi dal lavoro.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Tredicesima Colf: spetta davvero?

Come molti altri professionisti e lavoratori, anche le colf a contratto hanno diritto alla tredicesima mensilità durante il periodo di Dicembre.

Leggi tutto...

Eataly: lavora con noi è il loro motto!

lavorara con Eataly

L'apertura di Eataly Roma ha avuto una duplice valenza: la possibilità di attirare ancor più turisti e riuscire in un periodo così delicato ad offrire lavoro ad oltre duecento persone.

Leggi tutto...

Taglio alle pensioni d’oro: ecco come funziona davvero

Il sogno di ciascun lavoratore, dopo anni di sacrifici, è quello di raggiungere la meritata pensione e godersi serenamente il resto della propria vita. Tuttavia, alcune persone riescono ad ottenere soltanto il minimo indispensabile per fare una vita dignitosa, mentre altre possono permettersene una ben più ricca e spensierata.

Leggi tutto...

Licenziamento a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure per attivarlo?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094, definisce questo tipo di lavoratore come “prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore”.

Leggi tutto...

Malattia Inps: come fare la domanda

La domanda di malattia all'Inps può essere richiesta nei casi di malattie che possono limitare le capacità lavorative. I soggetti che possono presentare la domanda di indennità di malattia Inps sono gli operai e gli impiegati del settore terziario e che lavorano nel settore industriale, apprendisti, lavoratori sospesi dal lavoro, lavoratori assunti a tempo determinato o indeterminato. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Straordinari non pagati: sai cosa fare?

In questa pagina cerchiamo di rispondere ad un nostro lettore che ci chiede delucidazioni sui Straordinari non pagati.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Autocandidatura: come proporre la propria candidatura di lavoro

come fornire un autocandidatura

L’era di internet permette diverse modalità di candidatura delle offerte di lavoro. Nel caso la propria candidatura sia in risposta ad un annuncio di lavoro è possibile inviare il proprio curriculum vitae e la lettera di accompagnamento via mail.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Finestre Pensioni: le nuove norme introdotte

finestre di pensione

La riscossione della pensione è una delle cose più importanti per un lavoratore, soprattutto per vivere, anche dopo la fine del periodo di lavoro, comodamente.

Leggi tutto...
Go to Top