In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

  • delle attività caratterizzate da periodi di lavoro frazionati durante la giornata (es: imprese di pulizie, di ristorazione collettiva);
  • delle attività che si svolgono in regime di reperibilità.

Dettagli del riposo settimanale: altre specifiche del Parlamento

Per quanto concerne il riposo settimanale, questo consiste in un periodo minimo ininterrotto di 24 ore ogni sette giorni lavorativi. Il riposo settimanale è disciplinato dall’art. 9, comma 1, D.Lgs. n. 66/2003. È possibile derogare la normativa sui riposi settimanali in caso di:

  • attività di lavoro a turni ogni volta il lavoratore cambi turno o squadra e non possa usufruire di periodi di riposo giornaliero o settimanale;
  • attività caratterizzate da periodi di lavoro frazionati durante la giornata;
  • attività svolta dal Personale del settore trasporti ferroviari;

Casi particolari e specifiche di legge

turni di lavoro

Con il D.Lgs. n. 66/03, il Ministero del Lavoro ha chiarito che per Scopri tutto sulla riforma del lavoro il limite massimo dell'orario di lavoro superi le 48 ore medie/settimanali.

Le ricerche sulle ore settimanali

Secondo una ricerca condotta dal Centro per la Ricerca Medica e il College of Medicine nell’Università di Seul, lavorare più di 40 ore settimanali, ossia tra le 51 e le 60 ore, pregiudica la salute con una percentuale più alta per ciò che riguarda il rischio cardiovascolare. Una percentuale che raddoppia per chi è dipendente dal lavoro, con 80 ore settimanali. Gli studiosi tengono a precisare che ci sono anche altri fattori variabili, come utilizzo di alcool e fumo ma rimanendo in questo caso, è necessaria la giusta dose di riposo e una buona alimentazione per diminuire gli effetti e le conseguenze di questi disturbi.

Casi anomali e assenteismo

Tuttavia bisogna registrare un triste fenomeno presente in Italia, ossia quello dell’assenteismo. Secondo gli ultimi dati pubblicati riferibili al 2012, il 30% dei lavoratori resta a casa il lunedì per malattia e le percentuali maggiori sono in Calabria, con il settore privato che schizza verso dati ancora maggiori. Dopo questa Regione, ci sono Sicilia, Campania e Puglia. La vicenda non è da strumentalizzare ma bisogna aggiungere che diverse persone sfruttano la famosa legge 104 (legge che consente al lavoratore di accudire un parente malato) per allungare i giorni di riposo, di vacanza, costruire ponti per non andare a lavoro o trascorrere la giornata nel più completo relax. Servirebbe una regolamentazione migliore per il rispetto di tutta quella platea di persone che un posto di occupazione ancora non lo hanno. E in Italia sono tante.

Il piano d'impresa è una perdita di tempo o aiuta a migliorare le aziende (con i turni di lavoro dei dipendenti?)

Il Business Plan (progetto d’impresa) indica il “programma/progetto” che l’azienda ha, rappresenta gli obbiettivi dell’impresa. E' redatto principalmente per due ragioni:

  • pianificare la propria attività d’impresa
  • veicolare i propri obbiettivi a terzi, attraverso attività di comunicazione

Per redigere un business plan, le aziende delegano dei professionisti che possono richiedere importi superiori ai 5 -7 mila euro.

Gli esperti sostengono che il piano d'impresa concorre a far diminuire i rischi di fallimento di un'impresa. Come? Semplicemente perché questa dettagliata relazione mette di fronte all'imprenditore dati ai quali difficilmente si dà il giusto peso in fase di creazione dell'attività. Elementi a prima vista banali (le spese mensili da affrontare, per esempio) possono invece avere un'enorme influenza sui rendimenti futuri.

Il business plan, inoltre, è il biglietto da visita dell'impresa: può essere utilizzato per presentare l'attività e per richiedere finanziamenti da enti regionali e statali.

Come fare per organizzare un progetto d'impresa

Non esiste una linea guida precisa per la sua realizzazione. Neppure la lunghezza è standard: esistono ottimi business plan di 10 pagine mentre per alcune attività è necessario un lavoro lungo almeno il doppio.

Quello che è fondamentale, invece, è che siano presenti i seguenti elementi: i dati anagrafici dell'imprenditore, la sua residenza, i contatti e la sede legale dell'attività.

La descrizione del progetto

Segue la descrizione del progetto. Questa sezione introduttiva e generica indica il progetto imprenditoriale e risponde alle domande:

  • di che tipo di attività si tratta?
  • Perché l’imprenditore desidera avviare questa attività?
  • Qual è il mercato di riferimento?
  • Quali obbiettivi si vogliono raggiungere?
  • Viene qui indicata la forma giuridica della società e vengono identificati i ruoli dei collaboratori.

A questo proposito, occorre specificare quali sono le cariche interne ad esterne, la struttura gerarchica e i compiti di ciascuno. Infine, il modo in cui queste verranno gestite dalle risorse umane.

Anche l'analisi del mercato di riferimento ha una collocazione precisa nel piano. Questa implica uno studio quali-quantitativo dei concorrenti (diretti e indiretti) oltre che la profilazione del target con le sue caratteristiche demografiche e comportamentali.

Strategia di marketing dell'impresa

Ora è il turno della strategia di marketing. Questa viene pensata, normalmente, per un periodo pari a tre anni e include:

  • le politiche di prezzo
  • le promozioni
  • la comunicazione
  • il marketing
  • le politiche distributive.

Occorre matchare il punto precedente – quindi il mercato – con la strategia di vendita – che riguarda il prodotto: se i due sistemi non hanno punti in comune, sarà difficile arrivare al successo.

Fra gli aspetti organizzativi, invece, rientrano i tipi di contratti da stipulare coi dipendenti, la formazione, come fare carriera, orari dell'azienda e turni di lavoro.

Il piano finanziario spiega quali sono le fonti di capitale iniziale e i metodi e tempi di rimborso. Inoltre contempla il piano d'ammortamento iniziale, una previsione di entrate e uscite per un tempo ragionevolmente lungo (da uno a tre anni), tutto quello che riguarda i fornitori (merci e metodi di pagamento).

La sezione successiva è dedicata alla promozione e pubblicità. È una parte molto importante, dedicata alle strategie di marketing da utilizzare per pubblicizzare l'azienda e il prodotto. È fondamentale stabilire già adesso la brand indentity e pianificare dei risultati da ottenere nei successivi tre anni.





Potrebbe interessarti

Taglio alle pensioni d’oro: ecco come funziona davvero

Taglio alle pensioni d'oro

Il sogno di ciascun lavoratore, dopo anni di sacrifici, è quello di raggiungere la pensione e potersi godere serenamente la propria vita. Ma, alcune persone ottengono soltanto il minimo indispensabile per una vita dignitosa, invece altre possono permettersene una molto più ricca e spensierata.

Come presentarsi ai colloqui di lavoro? Non solo consigli sull'abbigliamento!

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Vacanza lavoro: scopri quali occasioni ci sono

Per lavoro, bisogna spesso spostarsi in una località diversa dalla sede della propria azienda; molte altre volte si cerca invece volutamente una vera e propria formula alternativa come quella della vacanza lavoro, diffusissima soprattutto tra i ragazzi che intendono andare all'estero per imparare una lingua

Tempi per la liquidazione del TFR: termini e omissioni

Tempi per la liquidazione del TFR: termini e omissioni

E' spesso possibile che, per motivi di varia natura, il lavoratore si trovi a dover mettere fine a un rapporto di lavoro. Succede che il datore di lavoro effettui il licenziamento che va a riguardare il singolo lavoratore o più di uno; in questo ultimo caso si dice licenziamento collettivo, il quale si verifica specialmente nelle situazioni in cui un'azienda vive particolari periodi di difficoltà di carattere economico o produttivo.

La tredicesima prevista per le pensioni

Bisogna sapere che oltre alla tredicesima classica che si percepisce per determinate prestazioni lavorative e che varia proprio in in base al tipo e alla durata del lavoro svolto, esiste anche la tredicesima sulle pensioni.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Concorso Docenti 2018: come acquisire i 24 CFU

Stretta di mano dopo un concorso docenti 2018

Secondo quanto stabilito nel D. Lgs. n. 59/2017, gli aspiranti docenti di scuola secondaria devono sostenere un concorso che verrà bandito per il 2018. Per accedere, si richiedono 24 CFU ( i Crediti Formativi Universitari) nelle materie antropo-psico-pedagogiche e in metodologia e tecnologia didattica.

Busta paga badante: regolarizza l'assistente domestica!

La figura della badante si occupa di fornire assistenza presso il domicilio degli anziani; molto utilizzata in Italia, gode di regolare inquadramento. Prima di soffermarci ad analizzare gli elementi che costituiscono la busta paga della badante, approfondiremo alcune notizie circa questa risorsa così preziosa per la società odierna.

Privacy nel Curriculum: autorizzazione al trattamento dei dati personali

informativa sulla privacy da inserire nel curriculum

Quando sono in cerca di personale, sempre più aziende liquidano la questione della privacy delle informazioni del curriculum del candidato con la richiesta generica di autorizzare il trattamento dei dati.

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Contratto a progetto: la riforma spiegata bene

riforma contratti a progetto

Fra le novità proposte nella riforma del mercato del lavoro da parte del Governo Monti, particolare rilevanza hanno le modifiche previste per le tipologie contrattuali.

Leggi anche...

CCNL per i settori edili: retribuzione e ferie

contratto nazionale edilizia

Il CCNL relativo ai lavoratori edili è stato rinnovato . Vediamo in sintesi quali sono le caratteristiche principali relative al contratto nazionale di questo settore, nato dall'accordo fra ANCE, Feneal UIL, Filca CISL e Fillea CIGL. Ogni triennio è prevista chiaramente una nuova riformulazione, per cui si rimanda al triennio in questione per verificare tutti gli aggiornamenti del caso.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Riforma del lavoro: la storia degli ultimi interventi

Immagine esemplificativa di un contratto dopo la riforma del lavoro

Il Governo Monti ha presentato, dopo delle riunioni con partiti e associazioni sindacali, la sua riforma per il lavoro. Si prevedono modifiche per l’articolo 18, ammortizzatori sociali, contratti di lavoro e cassa integrazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Trattenute in busta paga: vediamo dove finiscono i nostri soldi!

immagine per Trattenute in busta paga

Ogni lavoratore che ha la fortuna di percepire uno stipendio, deve però considerare che lo stesso prevede anche delle trattenute in busta paga da parte del datore di lavoro, che daranno, come risultato finale, la paga netta che il lavoratore percepirà.

Leggi tutto...
Go to Top