In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

  • delle attività caratterizzate da periodi di lavoro frazionati durante la giornata (es: imprese di pulizie, di ristorazione collettiva);
  • delle attività che si svolgono in regime di reperibilità.

Dettagli del riposo settimanale: altre specifiche del Parlamento

Per quanto concerne il riposo settimanale, questo consiste in un periodo minimo ininterrotto di 24 ore ogni sette giorni lavorativi. Il riposo settimanale è disciplinato dall’art. 9, comma 1, D.Lgs. n. 66/2003. È possibile derogare la normativa sui riposi settimanali in caso di:

  • attività di lavoro a turni ogni volta il lavoratore cambi turno o squadra e non possa usufruire di periodi di riposo giornaliero o settimanale;
  • attività caratterizzate da periodi di lavoro frazionati durante la giornata;
  • attività svolta dal Personale del settore trasporti ferroviari;

Casi particolari e specifiche di legge

turni di lavoro

Con il D.Lgs. n. 66/03, il Ministero del Lavoro ha chiarito che per Scopri tutto sulla riforma del lavoro il limite massimo dell'orario di lavoro superi le 48 ore medie/settimanali.

Le ricerche sulle ore settimanali

Secondo una ricerca condotta dal Centro per la Ricerca Medica e il College of Medicine nell’Università di Seul, lavorare più di 40 ore settimanali, ossia tra le 51 e le 60 ore, pregiudica la salute con una percentuale più alta per ciò che riguarda il rischio cardiovascolare. Una percentuale che raddoppia per chi è dipendente dal lavoro, con 80 ore settimanali. Gli studiosi tengono a precisare che ci sono anche altri fattori variabili, come utilizzo di alcool e fumo ma rimanendo in questo caso, è necessaria la giusta dose di riposo e una buona alimentazione per diminuire gli effetti e le conseguenze di questi disturbi.

Casi anomali e assenteismo

Tuttavia bisogna registrare un triste fenomeno presente in Italia, ossia quello dell’assenteismo. Secondo gli ultimi dati pubblicati riferibili al 2012, il 30% dei lavoratori resta a casa il lunedì per malattia e le percentuali maggiori sono in Calabria, con il settore privato che schizza verso dati ancora maggiori. Dopo questa Regione, ci sono Sicilia, Campania e Puglia. La vicenda non è da strumentalizzare ma bisogna aggiungere che diverse persone sfruttano la famosa legge 104 (legge che consente al lavoratore di accudire un parente malato) per allungare i giorni di riposo, di vacanza, costruire ponti per non andare a lavoro o trascorrere la giornata nel più completo relax. Servirebbe una regolamentazione migliore per il rispetto di tutta quella platea di persone che un posto di occupazione ancora non lo hanno. E in Italia sono tante.

Il piano d'impresa è una perdita di tempo o aiuta a migliorare le aziende (con i turni di lavoro dei dipendenti?)

Il Business Plan (progetto d’impresa) indica il “programma/progetto” che l’azienda ha, rappresenta gli obbiettivi dell’impresa. E' redatto principalmente per due ragioni:

  • pianificare la propria attività d’impresa
  • veicolare i propri obbiettivi a terzi, attraverso attività di comunicazione

Per redigere un business plan, le aziende delegano dei professionisti che possono richiedere importi superiori ai 5 -7 mila euro.

Gli esperti sostengono che il piano d'impresa concorre a far diminuire i rischi di fallimento di un'impresa. Come? Semplicemente perché questa dettagliata relazione mette di fronte all'imprenditore dati ai quali difficilmente si dà il giusto peso in fase di creazione dell'attività. Elementi a prima vista banali (le spese mensili da affrontare, per esempio) possono invece avere un'enorme influenza sui rendimenti futuri.

Il business plan, inoltre, è il biglietto da visita dell'impresa: può essere utilizzato per presentare l'attività e per richiedere finanziamenti da enti regionali e statali.

Come fare per organizzare un progetto d'impresa

Non esiste una linea guida precisa per la sua realizzazione. Neppure la lunghezza è standard: esistono ottimi business plan di 10 pagine mentre per alcune attività è necessario un lavoro lungo almeno il doppio.

Quello che è fondamentale, invece, è che siano presenti i seguenti elementi: i dati anagrafici dell'imprenditore, la sua residenza, i contatti e la sede legale dell'attività.

La descrizione del progetto

Segue la descrizione del progetto. Questa sezione introduttiva e generica indica il progetto imprenditoriale e risponde alle domande:

  • di che tipo di attività si tratta?
  • Perché l’imprenditore desidera avviare questa attività?
  • Qual è il mercato di riferimento?
  • Quali obbiettivi si vogliono raggiungere?
  • Viene qui indicata la forma giuridica della società e vengono identificati i ruoli dei collaboratori.

A questo proposito, occorre specificare quali sono le cariche interne ad esterne, la struttura gerarchica e i compiti di ciascuno. Infine, il modo in cui queste verranno gestite dalle risorse umane.

Anche l'analisi del mercato di riferimento ha una collocazione precisa nel piano. Questa implica uno studio quali-quantitativo dei concorrenti (diretti e indiretti) oltre che la profilazione del target con le sue caratteristiche demografiche e comportamentali.

Strategia di marketing dell'impresa

Ora è il turno della strategia di marketing. Questa viene pensata, normalmente, per un periodo pari a tre anni e include:

  • le politiche di prezzo
  • le promozioni
  • la comunicazione
  • il marketing
  • le politiche distributive.

Occorre matchare il punto precedente – quindi il mercato – con la strategia di vendita – che riguarda il prodotto: se i due sistemi non hanno punti in comune, sarà difficile arrivare al successo.

Fra gli aspetti organizzativi, invece, rientrano i tipi di contratti da stipulare coi dipendenti, la formazione, come fare carriera, orari dell'azienda e turni di lavoro.

Il piano finanziario spiega quali sono le fonti di capitale iniziale e i metodi e tempi di rimborso. Inoltre contempla il piano d'ammortamento iniziale, una previsione di entrate e uscite per un tempo ragionevolmente lungo (da uno a tre anni), tutto quello che riguarda i fornitori (merci e metodi di pagamento).

La sezione successiva è dedicata alla promozione e pubblicità. È una parte molto importante, dedicata alle strategie di marketing da utilizzare per pubblicizzare l'azienda e il prodotto. È fondamentale stabilire già adesso la brand indentity e pianificare dei risultati da ottenere nei successivi tre anni.



Potrebbe interessarti

Domande colloquio: quali aspettarsi dal selezionatore

Durante un incontro motivazionale, l’esaminatore tende a fare numerosissime domande al suo interlocutore. A volte ci si chiede se alcune siano domande per un colloquio di lavoro? Non si tratta di conoscere la vostra vita privata o cose banali, l’obiettivo è quello di far emergere dalle domande la personalità oltre al profilo del candidato.

Leggi tutto...

Lettera di dimissioni: modulo ed iter da seguire

persona intenta a scrivere una lettera di dimissioni

Da qualche anno è entrato in vigore un decreto Interministeriale relativo alle procedure per presentare le dimissioni volontarie. 

Leggi tutto...

Età pensionabile: i nuovi requisiti e criteri della riforma

uomini in età pensionabile

Riportiamo le modifiche dell'età pensionabile derivanti dalla riforma pensionistica e i nuovi limiti e requisiti per presentare la domanda.

Leggi tutto...

Scopri la carta ILA e come ottenerla!

La carta ILA (Individual Learning Account) è una carta di credito formativa prepagata nata per finanziare la formazione professionale. La carta è un buono utile a finanziare un iter formativo mirato e adatto alle esigenze e alle aspirazioni professionali di chi la richiede.

Leggi tutto...

Le novità di ICOTEA: la formazione professionale per utenti non vedenti e ipovedenti

Per ogni individuo, il lavoro rappresenta una delle principali necessità e un diritto riconosciuto dalla Costituzione, considerato valore fondante della Repubblica. Tuttavia, le persone con disabilità spesso si ritrovano discriminati già nello svolgimento del corso di studi e poi nella fase di ricerca del lavoro. Fortunatamente, grazie al progresso delle tecnologie informatiche e della comunicazione, si hanno oggi gli strumenti concreti per non escludere i disabili dalla società civile e dal mondo del lavoro.

Leggi tutto...

I più condivisi

Piano ferie: norme regolatrici e calcolo

Ecco come divertirsi nella settimana del piano ferie

Il piano ferie matura durante tutto l’arco dell’anno. Il piano ferie ha lo scopo di consentire al lavoratore l’effettivo recupero delle energie dal lavoro.

Leggi tutto...

Trovare lavoro all'estero dall'Italia: ecco alcune idee

in cerca di lavoro all'estero

Come lavorare all'estero? In Italia vige l'idea per cui sia più semplice trovare lavoro in alcuni Stati Europei, ad esempio in Inghilterra, rispetto al belpaese. Non è proprio così, poichè l'Europa ha un tasso di disoccupazione abbastanza alto.

Leggi tutto...

Come diventare un barman di professione

La tendenza al lavoro autonomo è in crescita e tra le professioni più avviate ci sono le attività commerciali, in genere, e gli esercizi di ristorazione in particolare: ristoranti, bar, street food, pasticcerie, tea-room, forni e catering e tutto quanto riguardi gli aspetti della ristorazione creativa o industriale.

Leggi tutto...

Guida Università: quale facoltà scegliere?

Imagine esemplificativa di facoltà universitarie

Il rientro dalle vacanze è per tanti il momento di scegliere il nuovo corso di laurea oppure il master da frequentare sfogliando la guida all'università.

Leggi tutto...

Modulo Social Card: tutte le informazioni

Per i cittadini che ne fanno domanda e che hanno i requisiti di legge (D.L. n. 112 del 2008) è disponibile una Carta Acquisti utilizzabile per il sostegno della spesa alimentare, sanitaria e il pagamento delle bollette della luce e del gas.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Licenziamento a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure per attivarlo?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094, definisce questo tipo di lavoratore come “prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore”.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Curriculum vitae in inglese: le caratteristiche, le differenze e i modelli da prendere come esempio

scrivere un curriculum in inglese

Nel mondo ormai globalizzato del lavoro sempre più spesso si invia il proprio curriculum vitae in lingua. Sono numerose le aziende con sede legale o con l'ufficio human resource all'estero. Da qui la necessità di inviare un curriculum in inglese o in un'altra lingua straniera.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Assegno di maternità: informazioni e requisiti per farne richiesta

Ampliamo le informazioni relative alle forme di sostegno del reddito e gli incentivi spettanti le lavoratrici madri, dedicando spazio all'assegno di maternità.

Leggi tutto...
Go to Top