Grazie alle vacanze studio Inps (ex Inpdap), aumentano di anno in anno i ragazzi che si recano all'estero in soggiorni rivolti all'apprendimento di una lingua specifica o all'acquisizione di particolari competenze tecnico-teoriche. Ormai infatti la conoscenza di una lingua straniera è fondamentale e sfruttare questa possibilità prima della maggiore età potrebbe risultare molto utile soprattutto in un futuro ambito lavorativo, alla luce purtroppo delle scarse condizioni con le quali vengono insegnate le lingue in Italia.

Con l'arrivo del estate poi, l'incremento di giovani che decidono di soggiornare per motivi di studio all'estero o nelle località estive del nostro paese è notevole.

Vedremo, nell’articolo che segue, in cosa consista questa esperienza e come prendervi parte.

Come partecipare a una vacanza studio

L'Inps, in linea con la tradizione avviata dall’Inpdap, propone ogni anno numerosi soggiorni estivi di vacanza e studio, della durata di 15 giorni.
I posti sono riservati a giovani dai 7 ai 17 anni, che siano:

  • figli di dipendenti dell’istituto o di pensionati iscritti al fondo credito;
  • orfani di iscritti o pensionati all’ex Inpdap.

I passaggi da fare

Di seguito verranno elencati i passaggi da fare per chi vuole usufruire di questa possibilità:

  • Si può decidere di scaricare la modulazione on line oppure di ritirarlo presso gli sportelli provinciali dell’Inpdap;
  • Il modulo deve essere compilato dal genitore che è stato dipendente o risulta un pensionato dell’ente: nei casi di ragazzi orfani invece deve essere il tutore;
  • La modulazione, una volta compilata in tutte le sue parti, deve essere consegnato all’ufficio provinciale dove ha residenza il ragazzo. In alternativa, si può optare per l’invio via fax di tali moduli;
  • Qualora non venisse allegato il certificato relativo all’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) sarà riconosciuta la fascia più alta del reddito;
  • Rispettare la scadenza pubblicata nel bando per la presentazione della domanda

Il concorso per la vacanza Inpdap

Poiché i posti sono riservati e a numero chiuso, è necessario partecipare ad un concorso; la domanda di iscrizione può essere effettuata esclusivamente online, collegandosi nella pagina dedicata del sito dell'ente. E’ importante rispettare scrupolosamente i tempi previsti dal bando, pena l’esclusione dalla selezione. 

I programmi della vacanza studio

La vacanza studio Inpdap propone un insieme di attività a carattere ricreativo, sportivo e culturale, inserendo l'apprendimento di una lingua per i ragazzi che intendono soggiornare all'estero. L’organizzazione dispone inoltre dell'assistenza continua, mediante personale qualificato, per i ragazzi disabili, rendendoli in grado di seguire i corsi al pari degli altri studenti.

Informazioni da sapere

In questo paragrafo aggiungeremo informazioni utili per chi volesse usufruire di questo soggiorno per imparare una lingua, ormai fondamentale nella società globalizzata odierna. Si può fare richiesta di una sola domanda per una sola meta; chi partecipa ai soggiorni all’estero non deve essere maggiorenne; esiste una differenziazione di requisiti tra vacanze in Italia e all’estero (per la prima categoria ci sono tre sezioni mentre nella seconda ci sono classificazioni nazionale in base alle lingue e all’età); hanno diritto a una corsia preferenziale i disabili o coloro che hanno in famiglia un parente con tasso d’invalidità certificato pari o superiore al 70%, famiglie numerose con quattro figli a carico; per chi ha scelto una meta estera sarà valutato il fatto di aver già vissuto un’esperienza simile nel passato; sempre per i viaggi all’estero è necessario passaporto o documento d’identità valida per l’espatrio dai 15 anni in su mentre in caso contrario serve il passaporto che viene consegnato dalla questura; coloro che si occupano di organizzare questi viaggi, ossia gli operatori turistici, sono scelti in base a un bando e saranno valutati da un funzionario apposito; l’intero soggiorno è coperto da una polizza assicurativa contro eventuali furti o incidenti.

La vacanza studio in Europa

Per tale tipo di soggiorno è previsto un test d'ingresso utile a conoscere i livelli di preparazione individuali, al fine di inserire i giovani in classi contenenti non più di quindici persone. Alla fine di questa esperienza, si riceve inoltre un attestato di frequenza.

Il soggiorno in Italia

La vacanza studio in Italia si svolge, invece, all'interno di strutture alberghiere, solitamente posizionate in territori che presentano un patrimonio storico, artistico o culturale rilevante. Oltre alle attività sportive e culturali, è previsto lo studio della lingua inglese.

Potrebbe interessarti

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro? Occhio all'abbigliamento

come presentarsi ad un colloquio

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Colloquio motivazionale: vi sveliamo il segreto per affrontarlo!

Immagine per colloquio motivazionale

Dopo aver inviato centinaia di curriculum (per i più fortunati solo decine), è possibile che qualche azienda decida di contattarci per un colloquio motivazionale. E’ importante seguire delle piccole linee guida che possono sembrare banali per qualcuno, ma che per i tipi più ansiosi è meglio tenere a mente.

Reddito riparametrato (equivalente): come si calcola

In periodo di iscrizione all'università, molti studenti sentono parlare la prima volta di reddito riparametrato, o detto reddito equivalente. Ma di cosa si tratta?

I più condivisi

Nido aziendale: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Nido aziendali: vi sveliamo quali sono i vantaggi di questi Asili

Anche nella nostra società "moderna", nella coppia la cura dei figli è affidata quasi sempre alla madre, che si trova costretta a scegliere un lavoro part-time o a rinunciare al proprio lavoro fuori casa. Per tali ragioni, sempre più spesso, le neo-mamme affidano la propria prole a nonni, famigliari o amici. Anche se a volte con non poche preoccupazioni.Durante la propria assenza, una mamma vorrebbe lasciare il proprio figlio in strutture gestite da personale specializzato particolarmente attento all’aspetto pedagogico e al rapporto con i genitori.

Ricerca per singolo codice tributo: i modelli di versamento F23 e F24

immagine per ricerca per singolo codice tributo

In questa pagina cercheremo di fornirvi tante più informazioni possibili circa la ricerca per singolo codice tributo da inserire nei modelli di versamento F23 e F24. Per dichiarare e pagare le imposte e le tasse, il contribuente infatti deve identificarle attraverso il codice tributo.

Stipendio col contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato per giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Leggi anche...

Creazione del Curriculum? Ti aiutano gli esperti di OnlineCV!

come scrivere un curriculum vitae

I selezionatori e gli HR impiegano in media solo 7 secondi per valutare un curriculum vitae; durante questi sette secondi, ciò che serve perché il Curriculum possa essere preso in considerazione è che metta subito in evidenza i dati e le informazioni salienti: anagrafica, contatti, esperienza e competenze linguistiche o informatiche, hobby e interessi. La creazione del Curriculum richiede anche la capacità di interpretare le esigenze dell’azienda presso cui ci si sta proponendo e di far combaciare le proprie competenze con quelle che sono le necessità di un’azienda che assume.

Leggi anche...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.