| Master e Università | Stage e tirocini | Aziende Lavoro | Offerte di lavoro online | Offerte lavoro regione
  Home | Imprenditoria giovanile | Imprenditoria femminile | Società | Professionisti | Partita Iva e Redditi Archivio | Email | Arealavoro







Cerca nel sito





Stipendi Pa: è online il servizio per accedere al proprio cedolino

Ogni lavoratore che si rispetti percepisce a fine mese uno stipendio, sia se lavora nel settore pubblico che in quello privato. Da gennaio 2010, per i dipendenti che lavorano all'interno dell'amministrazione pubblica, ci sono inoltre delle novità. Per ottenere lo stipendio della pubblica amministrazione è infatti necessario accedere on line al documento relativo allo stipendio stesso, nonché al CUD e al modello 730.

Per compilare il proprio modulo relativo allo stipendio della pubblica amministrazione, è necessario collegarsi al portale aperto dal Ministero dell'Economia e delle Finanza, per agevolare i meccanismi di pagamento dello stipendio dei dipendenti della pubblica amministrazione.

Stipendi PA non più disponibili in formato cartaceo

Da febbraio 2010 infatti, lo stipendio della pubblica amministrazione e il suo relativo cedolino, non sono più disponibili in formato cartaceo. Per compilare il cedolino dello stipendio della pubblica amministrazione è inoltre necessario essere provvisti di:

  • codice fiscale (che corrisponderà allo Username),
  • numero partita (che corrisponderà alla Password) e
  • ID-Cedolino che si trovano all'interno dei due cedolini delle ultime tre mensilità.

Qualora si fosse in possesso della Carta Nazionale dei servizi (C.N.S.), non è necessario ID-Cedolino.

Validità delle credenziali

La password per la compilazione dello stipendio, è valida per 90 giorni, al termine dei quali bisognerà cambiarla; il cedolino invece sarà disponibile on line per tredici mesi dalla data di pubblicazione, mentre il CUD e il 730 per cinque anni.

Per avere ulteriori informazioni in merito alle novità sullo stipendio per la pubblica amministrazione, è possibile visionare informazioni sul servizio assistenza del sito del Ministero.

Informazioni utili

E’importante sapere che tutti i dipendenti della pubblica amministrazione che appartengono al sistema IPA, possono decidere di avere l’accredito del proprio compenso su una “carta Conto” SEPA compatibile. Si tratta di una carta prepagata ricaricabile, grazie alla quale oltre all’accredito dello stipendio, è possibile effettuare diverse operazioni, come bonifici, pagamenti ecc. La SEPA, vale a dire Euro Single Area, è appunto un’area, alla quale hanno aderito ben 31 paesi dell’Unione Europea, con la quale eseguire diverse operazioni di pagamento in euro, verso altri conti. Quando si desidera utilizzare questo sistema è importante controllare se la carta è compatibile con il proprio Istituto di Credito e soprattutto verificare se ci sono eventuali regole contrattuali che limitano i pagamenti o le riscossioni, ad esempio un tetto massimo di somme accreditabili sul conto.

Il servizio self service

E’importante sapere che grazie al servizio self service che si trova all’interno del sito del Ministero, è possibile cambiare i dati relativi alla personale richiesta di accredito dello stipendio, quindi qualsiasi dipendente della pubblica amministrazione può decidere di modificare in via telematica, le modalità di riscossione del proprio compenso.

Il servizio self service è stato messo a disposizione dei dipendenti pubblici dal mese di marzo 2013 e al suo interno è possibile decidere se avere l’accredito dello stipendio su una carta conto, com’è stato detto in precedenza SEPA compatibile, un conto corrente postale o bancario o su un libretto postale elettronico.

Lo scopo di questo servizio è agevolare i dipendenti pubblici nell’ottenere la variazione della modalità di accredito stipendio, rendendola facile e veloce e rendere più semplice la reale attuazione delle norme sulla limitazione della circolazione di denaro contante, stabilite dal decreto “Salva Italia”.

E’importante sapere che per utilizzare il servizio self service è necessario aver effettuato l’accesso al portale NoiPA, essere in possesso del relativi PIN o CNS e accedere poi all’area dedicata alle modalità di riscossione. Nel caso in cui il dipendente desideri ricevere l’accredito su un conto postale o bancario, diverso dal quello precedentemente utilizzato, dovrà inserire il nuovo codice IBAN e un PIN identificativo.

E’ online dunque il nuovo servizio per visualizzare gli stipendi della Pa. Tutti i dipendenti pubblici hanno ora accesso online al proprio cedolino stipendiale e ad altri interessanti servizi erogati dal sito Noipa, un tempo Stipendi Pa. Il servizio di NoiPa nasce al fine di consentire il processo di dematerializzazione dei documenti e ogni dipendente, anche chi non disponga di casella di posta elettronica istituzionale o che si trovi dislocato fuori sede, può visualizzare e stampare il proprio cedolino e scaricare altri documenti.

I documenti cui si può accedere per le pubbliche amministrazioni

Il servizio consente di accedere ad una serie di documenti utili:

  • Il cedolino stipendiale
  • Le buste paga
  • Il CUD
  • Il modello 730

I documenti sono disponibili in formato digitale e per breve tempo, è necessario pertanto stamparli o salvarli sul proprio computer. Il portale di NoiPa rende disponibili una serie di funzionalità self-service e nell’area servizi online sono descritte, per ciascuna tipologia di utente, tutte le applicazioni a cui questi può accedere https://noipa.mef.gov.it/servizi-online

Come si compone il cedolino

Come si compone il cedolino per gli stipendi Pa? Caratterizzato da tre pagine logiche, nella prima pagina dispone informazioni riepilogative, nella seconda pagina sono presenti i dettagli delle informazioni riepilogative, e la terza pagina può contenere eventuali note all'amministrato.

Accedere al cedolino stipendiale è possibile previa registrazione al sito di NoiPa e inserendo il codice riservato ai dipendenti pubblici. Questo servizio è gestito direttamente dallo Stato e dal Ministero del Tesoro.

Dettaglio pagine del cedolino stipendio Pa

Vediamo nel dettaglio la composizione del cedolino per gli stipendi Pa.

  • Prima pagina: i suoi diversi riquadri contengono rispettivamente l’anagrafica del dipendente, i dati dell’ente di appartenenza, la posizione giuridico-economica, il dettaglio delle detrazioni e gli estremi di pagamento, nonché i dati riepilogativi della retribuzione con le competenze fisse, quelle accessorie, le ritenute e i conguagli fiscali.
  • Seconda pagina: vengono riportati i dati di dettaglio della retribuzione con competenze fisse, competenze accessorie e altri assegni, e i dati circa le ritenute previdenziali,fiscali e le ritenute sindacali.
  • Terza pagina: si compone dei dati dell'amministrazione e dell'Ufficio Responsabile, i dati del relativo codice fiscale e dell'Ufficio di Servizio del dipendente, ed eventuali note dell'amministrazione al dipendente.

Cedolino Stipendio

Per le proprie prestazioni lavorative pubbliche o private e di qualunque altra natura si percepisce uno stipendio. Lo stipendio viene solitamente versato e pagato anche mediante la stesura di un cedolino o un contratto vero e proprio, cartacei e contenenti l'importo dovuto, la firma del lavoratore e del datore di lavoro e altre informazioni in merito al lavoro svolto.

I dipendenti della pubblica amministrazione da Gennaio 2010 potranno usufruire invece del cedolino dello stipendio on line. È infatti nato un portale dedicato e creato dal Ministero dell'Economia e delle Finanza, StipendiPA, dove sarà possibile scaricare e compilare il cedolino dello stipendio, nonché il modello 730 e il CUD.

Per avere il cedolino dello stipendio sarà dunque necessario iscriversi al portale, al fine di riuscire ad utilizzare tutti i servizi dello stesso. Se non si dispone della Carta Nazionale dei Servizi, per accedere la prima volta al cedolino dello stipendio, occorerrà munirsi di Codice Fiscale, che diverrà lo Username indentificativo del lavoratore, e di un Numero partita (o di iscrizione) che sarà utilizzato come Password. La procedura di accesso è valida ogni volta che si desideri accedere ai servizi del portale.

I passi principali per accedere al cedolino:

  1. Procurarsi gli ultimi due cedolini dello stipendio ricevuti; in caso non si possedessero, sarà necessario chiederli all'Ufficio competente che si occupa dello stipendio stesso. È inoltre possibile contattare via mail o via numero verde l'assistenza del portale, indicando il munero identificativo di almeno due cedolini erogati durante l'anno.
  2. Cliccare sul collegamento testuale "Codice Fiscale e Password" presente nel box "La tua area riservata".
  3. Inserire il proprio Codice Fiscale presente in alto a sinistra del cedolino dello stipendio
  4. Inserire nel campo "Password", il Numero Partita Iva (o Numero Iscrizione), sempre presente nel cedolino dello stipendio
  5. cliccare sul pulsante "Login"
  6. Per completare la procedura, è infine necessario procurarsi dai due cedolini l'ID

Pagine correlate Stipendi PA

Stipendi Pa: è online il servizio per accedere al proprio cedolino





Contatti

Per contattare la redazione del sito Arealavoro scrivere all'indirizzo email arealavoro@elamedia.it

 


Iscriviti alla nostra newsletter
Abbonati ai FEED

Cosa fare se:




Curriculum vitae

Bandi e Concorsi

Lavoro e Famiglia

Diritti del Lavoratore

Tutto sulla Pensione


  portale di Laura Perconti (LAVORO) pagina pubblicata in 0 secondi
Note Legali: questo sito web è di proprietà di Laura Perconti a cui va la piena e unica responsabilità dei contenuti testuali e grafici pubblicati sul sito - email arealavoro@elamedia.it -
dati e generalità del proprietario del presente dominio sono disponibili pubblicamente presso l'ente internazionale di registrazione domini.
Alcune foto presenti sul sito sono state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio
Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla redazione del sito - Il network a cui il sito è affiliato non è responsabile dei contenuti pubblicati sui singoli siti.