Molto spesso, presi da mille impegni lavorativi e quotidiani, non si riesce a trovare il tempo per recarsi presso gli sportelli della Banca e delle Poste a riscuotere oppure versare ilo stipendio. Per non incorrere in spiacevoli inconvenienti, si può fare accreditare lo stipendio sul proprio conto corrente bancario oppure postale.

Versamento su conto corrente

Per l'accredito dello stipendio, è necessario che il datore di lavoro faccia un bonifico a nome del lavoratore sul suo conto corrente bancario o postale; lo stipendio viene dunque consegnato e retribuito a distanza.

Sempre al fine di ottenere l'accredito del salario, il lavoratore dovrà fornire al datore di lavoro il codice IBAN identificativo del proprio conto corrente. Questo codice è possibile trovarlo sui vecchi estratti conto o andando a richiederlo direttamente presso gli sportelli della banca. È inoltre necessario compilare il modulo apposito di “accredito stipendio”, che è possibile reperire direttamente on line. Il modulo andrà compilato e stampato in duplice copia.

L'accredito dello stipendio necessita di pochissimi passaggi per essere effettuato; dopo di che si riceverà direttamente lo stipendio in maniera veloce, senza dover andare in banca. L'accredito dello stipendio sul proprio conto corrente non prevede inoltre alcuna spesa aggiuntiva.

Per controllare che l'accredito della paga sia avvenuto, è necessario farsi rilasciare la lista degli ultimi movimenti recandosi in filiale o richiedendolo on line sul sito della vostra banca o della posta.

Il decreto salva Italia

In base al decreto Salva Italia, più precisamente all’articolo 12, i lavoratori hanno l’obbligo si aprire un contro corrente postale o bancario per ricevere l’accredito dello stipendio dovuto e della pensione per cifre superiori ai mille euro. lo scopo di questo decreto è di poter evidenziare tutti i passaggi di denaro ed tenere sotto controllo l’evasione fiscale. Secondo diverse associazioni dei consumatori questo obbligo è anticostituzionale e gioca a vantaggio delle banche. Ricevere il proprio compenso su un conto corrente però rappresenta molti vantaggi, che sono illustrati nell’elenco che segue.

  • Avere la possibilità di effettuare pagamenti vari tramite il conto.
  • Non dover andare in banca o alla posta per versare la somma ricevuta o l’assegno.
  • Diminuire i tempi di disponibilità effettiva della somma versata, ad esempio una somma di denaro versata tramite assegno è disponibile dopo cinque giorni lavorativi che si contano dalla data in cui si è effettuata l’operazione, mentre i tempi di disponibilità dei bonifici sono al massimo tre giorni lavorativi.
  • Avere la possibilità di controllare il proprio conto e la lista movimenti online e comodamente da casa.

Pagamento con assegno

Com’è stato già detto in precedenza il decreto Salva Italia ha stabilito che l’accredito di somme superiori ai mille euro deve avvenire solo tramite conto corrente. Nel caso in cui però lo stipendio sia inferiore alla suddetta somma, il pagamento può avvenire anche tramite assegno postale o bancario. L’assegno dovrà semplicemente contenere i dati del beneficiario e la dicitura non traferibile, quindi potrà essere incassato o versato solo dall’intestatario. Generalmente l’operazione di emissione di un assegno è gratuita da parte del datore di lavoro, è richiesto solo il pagamento di un’imposta di bollo di circa 1,50 euro. E’importante sapere che le banche hanno il divieto assoluto di cambiare assegni di un certo rilievo, in questo caso l’intestatario dovrà necessariamente aprire un conto corrente e versare l’assegno, che potrà poi prelevare in parte, trascorsi cinque giorni lavorativi.

Vuoi avere delle informazioni sul calcolo del tuo stipendio? Dai un'occhiata ala pagina che abbiamo preparato per te: clicca qui.

Potrebbe interessarti

Testo della Legge Biagi: spiegazione della piaga dei contratti a progetto

testo di legge biagi

Il testo della Legge Biagi, nota anche come Legge 30 fa riferimento ad uno dei giuslavoristi che hanno contribuito alla sua stesura, è stata promulgata nel febbraio del 2003, e si occupa di Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro.

Turni di lavoro e di riposo settimanale: ecco il piano d'Impresa

turni di lavoro

Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Quota 100 per la Pensione: tutto sul progetto rilanciato dal M5s

Imagine esemplificativa che rimanda alla quota 100

Con il termine Quota 100 si intende la proposta diretta ad anticipare l'età pensionabile dei lavoratori che sono regolarmente iscritti ai fondi di previdenza che gestisce l'assicurazione generale obbligatoria, ovvero l’AGO; alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata per i fondi sostitutivi e per quelli esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria. 

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Quanti disoccupati ci sono in Italia? Statistiche dal mondo del lavoro

 

In Italia la ricerca di un lavoro, che soddisfi le esigenze del singolo e che sia conforme alle sue competenze, è davvero difficile. Mantenere inoltre lo stesso posto di lavoro risulta davvero complicato. Per non parlare poi dei tanti lavoratori che offrono le loro prestazioni senza contratto e in nero.

Incubatore d'impresa: supporto per nuovi imprenditori

Immagine di incubatore di impresa

L’incubatore d’impresa comprende lo spazio fisico nel quale sono offerti diversi beni o servizi a delle neo imprese locali.

Colloquio di gruppo: ti sveliamo noi come affrontarlo?

Immagine per Colloquio di gruppo

Lo scopo del colloquio di gruppo non è la risoluzione del caso studio, ma verrà invece sondata dagli esaminatori la capacità di lavorare in team, la capacità di negoziazione per raggiungere l’obbiettivo e molto altro che vi sveleremo in questo articolo. 

Leggi anche...

Nullità e annullabilità di un contratto di lavoro: sai come muoverti?

Nullità e annullabilità

Un contratto è invalido quando presenta anomalie, alterazioni, vizi di rilevante gravità, al punto che le parti non sono costrette a rispettare il regolamento che esse hanno dato a quel contratto ai propri rapporti reciproci.

Leggi anche...

Lavoro sommerso: una piaga da combattere, o una necessità?

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lavoro sommerso: una piaga da combattere, o una necessità?

Il lavoro nero non ha, nel nostro paese, definizione giuridica che si possa definire chiara al 100%. Le definizioni infatti sono state nel corso degli ultimi anni le seguenti (dovute alle leggi uscite dal nostro Parlamento):