Il calcolo del nostro stipendio (il valore netto) è un'attività da compiere in fase preventiva rispetto alla firma di un qualsiasi contratto di lavoro. Può succedere infatti che, durante il colloquio di lavoro o addirittura al momento della firma del protocollo d'intesa, i termini contrattuali non siano del tutto chiari. Spesso inoltre, ma qui parliamo di problemi successivi alla firma del contratto, può accadere che il dipendente sia suo malgrado protagonista di situazioni in cui si verifichino mancati pagamenti di stipendio o ritardi nella retribuzione. L’incomprensione spesso dipende dal fatto che l’importo del salario venga espresso, in fase di trattativa, come lordo e che dunque risulti errato il Calcolo della retribuzione.

Importo del salario lordo mensile. Non il massimo se confrontato con i compensi in Germania o Svizzera

Ci sono diversi metodi per il calcolo dello stipendio netto. Di seguito riportiamo gli step fondamentali:

  • dall’importo relativo all’imponibile previdenziale o imponibile INAIL
    • detrarre
  • i contributi previdenziali INPS o i contributi previdenziali supplementari per i lavoratori iscritti ad un Fondo Pensione
    • si ottiene dunque l’imponibile fiscale (su cui si calcola la tassa dell’IRPEF)
    • da questo detrarre
  • la voce addizionali regionali e comunali, tasse definite dalla legge Finanziaria da corrispondere a Regione o Comune.

La legge e la busta paga che regola la nostra rimunerazione

All'importo dovrà essere aggiunto l’eventuale assegno famigliare (non soggetto a tassazione). Su internet è possibile trovare portali che consentono il calcolo dello stipendio netto. Segnaliamo a questo scopo il sito Virgilio Lavoro e quello di Repubblica (sezione MioJob).

Gli elementi della retribuzione netta: calcola il tuo stipendio

Ci sono alcuni particolari e specifici elementi che concorrono alla formazione della retribuzione netta e sono riportati nell’elenco che segue.

  • Elementi variabili: vale a dire che possono essere presi in considerazione per il calcolo della retribuzione di un mese ma non in quello di un altro e sono riferiti all’esecuzione della prestazione lavorativa. Sono considerati elementi variabili le ore lavorative straordinarie, la prestazione lavorativa prestata durante i giorni festivi, le indennità varie, come il lavoro notturno, le trasferte, i turni ecc., il lavoro supplementare, le giornate di malattia e gli eventuali premi lavorativi.
  • Elementi fissi: vale a dire che sono nominati nella busta paga del lavoratore ogni mese e generalmente hanno sempre lo stesso importo. Sono considerati elementi fissi la paga base, il superminimo, il terzo elemento e gli scatti di anzianità. Gli elementi fissi possono variare nel caso in cui un dipendente abbia maturato il rinnovo del contratto collettivo.
  • Elementi detrattivi, vale a dire tutti quei elementi che devono essere sottratti dalla retribuzione per poter calcolare la paga netta del lavoratore. Sono considerati elementi detrattivi i contributi che il lavoratore deve versare all’Inps, il pagamento dell’Irpef e le relative addizionali, i vari contributi volontari, come i versamenti a favore del proprio sindacato di appartenenza, del CRAL ecc., eventuali rimborsi della società, magari dovuti a somme di denaro prese in prestito.
    • All’interno degli elementi detrattivi è possibile fare un’ulteriore distinzione tra quelli fissi e quelli che invece sono variabili. Sono elementi detrattivi fissi, quindi sempre considerati nel calcolo dello stipendio netto, il versamento dei contributi Inps e l’Irpef. Sono invece elementi detrattivi variabili quelli che possono essere presenti in busta paga solo in alcuni periodi e il loro importo può cambiare con il trascorrere del tempo, ad esempio i contributi volontari al proprio sindacato non devono essere necessariamente versati tutti i mesi, lo stesso discorso vale per i rimborsi che l’azienda versa ai dipendenti.

Documenti per il calcolo della paga del personale

Ci sono due documenti in base ai quali si calcola la retribuzione del personale: Job Description e Job Profile.

Job Description si basa sulla:

  • valutazione della posizione; da cui deriva la retribuzione fissa
  • valutazione della prestazione; da cui deriva la retribuzione variabile

Job Profile anaizza la valutazione potenziale, quindi lo sviluppo e le possibilità di carriera.

La Job Profile è il profilo ideale della persona che deve coprire una determinata posizione e si compone di competenze (capacità, esperienze, conoscenze).

Il calcolo del valore per retribuire un dipendente deriva dalle “3 P del personale” che sono: posizione, prestazione e potenziale.

I requisiti della retribuzione: ecco cosa deve comprendere il tuo stipendio

La retribuzione è un diritto fondamentale di ogni lavoratore che presta un’attività lavorativa presso un ente o una società. L’articolo 36 della Costituzione è dedicato ai requisiti che deve obbligatoriamente possedere la retribuzione e sono illustrati nell’elenco che segue.

  • Proporzionalità, vale a dire che l’ammontare economico del salario deve essere proporzionale alle ore lavorative svolte, alla difficoltà, complessità, responsabilità e importanza della prestazione lavorativa eseguita.
  • Sufficienza, il salario deve ammontare ad una somma di denaro adeguata a sostenere le esigenze del lavoratore e della sua famiglia.

Nel caso in cui questi requisiti non siano rispettati dal datore di lavoro nell’erogazione dello stipendio al dipendente, intervengono i sindacati, organizzazioni che si dedicano all’attuazione e alla salvaguardia dei diritti dei lavoratori. E’ importante sottolineare che la giurisprudenza considera sufficiente una retribuzione quando è uguale o supera i minimi tabellari stabiliti nei contratti collettivi.

La retribuzione minima è contenuta quindi all’interno del contratto collettivo del lavoro, ma viene spesso aggiornata in seguito ad accordi di rinnovo. L’articolo 2099 del Codice Civile stabilisce che il compenso deve essere effettuato preferibilmente sul posto di lavoro, in denaro e entro un periodo di tempo determinato, generalmente i lavoratori percepiscono lo stipendio ogni mese.

Esistono però quattro diverse tipologie di pagamenti per prestazioni di lavoro e sono illustrate di seguito.

  • La prima è detta a tempo e stabilisce che la somma dello stipendio erogato debba essere proporzionale alla prestazione lavorativa effettuata.
  • La seconda è chiamata a cottimo ed è in relazione al risultato con un singolo lavoratore o un gruppo ha realizzato. In questo caso lo stipendio sarà in parte composto dal numero di unità che sono state realizzate. I contratti collettivi non utilizzano quasi mai questo genere di retribuzione, ma concedono ai lavoratori di determinati settori di avere una maggiorazione sullo stipendio minimo. Nel caso in cui una persona stia effettuando un tirocinio la legge non permette il cottimo, perchè andrebbe a discapito del lavoratore inesperto che non è ancora in grado di produrre in modo sufficiente. E’invece considerato obbligatorio per tutti quei mestieri che devono mantenere un determinato ritmo produttivo e per i lavoratori a domicilio.
  • La terza è definita a premio e dipende dai risultati raggiunti.
  • La quarta è la partecipazione agli utili, è una forma aggiuntiva alla retribuzione ma in questo caso il lavoratore è soggetto ai rischi d’impresa.

Casi in cui lo stipendio viene pignorato

La riscossione dello stipendio è un diritto di tutti i lavoratori; in alcuni casi ciò non avviene a causa del mancato pagamento del salario o dei ritardi sul versamendo della retribuzione che spetta al lavoratore.

Per motivi di varia natura, soprattutto dovuti a debiti da parte del dipendente, si può inoltre verificare il pignoramento dello stipendio. È infatti possibile che un lavoratore si veda pignorato il proprio stipendio; sono altresì soggetti a pignoramento anche le pensioni e le indennità.

Il pignoramento dello stipendio, dei salari e delle pensioni relative ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni era regolato dagli artt. da 1 a 4 del D.P.R. Del 5 gennaio 1950 n.180. Con la Finanziaria del 2005 (legge 311/04), il pignoramento degli stipendi privati e di quelli pubblici è stato equiparato.

  • Iè previsto in caso di debiti con nei confronti dello Stato, delle Provincie, dei Comuni, delle imprese, delle aziende o di altri enti, soprattutto di natura contributiva o legati a rapporti d'impiego; in questi casi viene pignorato un quinto dello stipendio dell'impiegato o salariato.
  • È possibile anche il pignoramento di un terzo dello stipendio per crediti di natura alimentare.

Il pignoramento dello stipendio viene applicato immediatamente dal momento della notifica.

In Italia è crisi nera per gli stipendi

Nel nostro paese le piccole e medie imprese sono una risorsa preziosa per l’andamento dell’economia, ma purtroppo la crisi economica che ha colpito l’Europa negli ultimi anni ha avuto conseguenze negative in particolar modo su queste. Da alcuni recenti studi di mercato è emerso che negli ultimi sei anni sono ben 134 mila le piccole e medie imprese che hanno dovuto chiudere la propria attività.

Si tratta in particolra modo di artigiani e commercianti che a causa della crisi economica per le piccole imprese, hanno visto andare in pezzi anni di lavoro. In alcuni casi si trattava addirittura di attività che erano presenti sul territorio da anni e che venivano tramandate di generazione in generazione.

Le problematiche maggiori

Gli artigiani e i commercianti non usufruiscono neanche di nessuna forma di cassa integrazione o mobilità, quindi si ritrovano senza lavoro e molto spesso anche con numerosi debiti da saldare, che magari hanno contratto per riuscire e non chiudere l’attività, ma che purtroppo non sono serviti a molto. Alcune piccole imprese per cercare di combattere la crisi economica hanno aderito a un nuovo trend, vale a dire lo scambio di merci e servizi.



Potrebbe interessarti

Licenziamento a tempo indeterminato: conosci i casi e le procedure per attivarlo?

Prima di parlare del licenziamento a tempo indeterminato è necessario ricordare che il contratto a tempo indeterminato è disciplinato dall'art. 2094 del Codice Civile che, all’Art. 2094, definisce questo tipo di lavoratore come “prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore”.

Leggi tutto...

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

Il precedente tipo di calcolo, basato su una formula retributiva, considerava unicamente la media delle somme versate negli ultimi 5-10 anni di attività lavorativa (solitamente le più alte), ha portato come risultato alla messa in crisi del meccanismo, con la collettività che si è trovata a sostenere spese difficilmente quantificabili.

Leggi tutto...

La tredicesima prevista per le pensioni

Bisogna sapere che oltre alla tredicesima classica che si percepisce per determinate prestazioni lavorative e che varia proprio in in base al tipo e alla durata del lavoro svolto, esiste anche la tredicesima sulle pensioni.

Leggi tutto...

Licenza tabaccheria: come fare per aprirla?

Quanti desiderino gestire una tabaccheria hanno bisogno della relativa licenza; grazie a questo certificato sarà quindi possibile svolgere un mestiere sicuramente ben retribuito e dotato di una notevole indipendenza.

Leggi tutto...

Accredito stipendio

Molto spesso, presi da mille impegni lavorativi e quotidiani, non si riesce a trovare il tempo per recarsi presso gli sportelli della Banca e delle Poste a riscuotere o a versare il proprio stipendio. Per evitare inconvenienti spiacevoli, è possibile farsi accreditare sul proprio conto corrente bancario o postale il proprio stipendio.

Leggi tutto...

I più condivisi

Elenco delle facoltà universitarie: scegli quella che fa per te!

Cosa fare dopo le scuole superiori? Una domanda che milioni di studenti si pongono ogni anno: per questo motivo è opportuno offrire un'ampia panoramica delle principali facoltà universitarie presenti sul territorio, verificandone l'offerta formativa e le possibilità di accesso al mondo del lavoro.

Leggi tutto...

Jobs Act in sintesi: capiamo brevemente cos’è!

Si sente molto parlare di Jobs Act, ma ancora oggi difficilmente si conosce con precisioni quali sono stati e saranno i cambiamenti che tale disegno di legge apporterà in Italia. 

Leggi tutto...

Il distacco del lavoratore: conoscere le norme

il distacco del lavoratore

Il distacco del lavoratore è, in modo molto semplice, “il prestito” di un lavoratore da un’azienda ad un altro datore di lavoro. Le parti sono cosi denominate:

Leggi tutto...

Il contratto a tempo determinato: durata e proroga

Tra le cose da valutare quando si cerca un lavoro, è importante in primis informarsi sulla miriade di contratti di lavoro possibili e previsti dalla Legge italiana, al fine di conoscere e sapere cosa si andrà a firmare e se la tipologia contrattuale sia la più consona alle proprie esigenze.

Leggi tutto...

Contratto di stage: una guida davvero completa

Con il termine “stage in azienda” si indica un’esperienza lavorativa svolta all’interno di un’azienda con obiettivo formativo. Lo stage in azienda consente allo stagista di essere inserito in una realtà aziendale che gli permetterà di apprendere maggiormente e più facilmente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come aprire una tipografia?

Prima di aprire una tipografia è necessario valutare con la massima attenzione i costi e gli oneri economici che possono essere connessi a un'attività imprenditoriale di questo tipo. L'evoluzione tecnologica del settore ha indotto i professionisti di questo ambito a mettere da parte i vecchi macchinari a inchiostro per fare posto a strumentazioni digitali che promettono risultati decisamente migliori anche dal punto di vista della velocità di esecuzione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoro ripartito: diritti e doveri

Il contratto di lavoro ripartito, anche detto Job Sharing, è stato introdotto dalla Riforma Biagi ed è disciplinato dal D. Lgs. n. 276/2003, art. 41 – 45. Con un contratto di lavoro ripartito si intende quello nel quale due lavoratori si impegnano ad adempiere solidalmente ad un'unica e identica obbligazione lavorativa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come scegliere il software contabilità migliore

In ogni azienda, la scelta di un software contabilità adeguato alle esigenze da soddisfare è in grado di garantire vantaggi clamorosi dal punto di vista del business. I benefici principali di cui si può usufruire hanno a che fare da un lato con la semplificazione delle procedure e dall'altro lato con il risparmio.

Leggi tutto...
Go to Top