L’era di internet permette diverse modalità di candidatura delle offerte di lavoro. Nel caso la propria candidatura sia in risposta ad un annuncio di lavoro è possibile inviare il proprio curriculum vitae e la lettera di accompagnamento via mail. E’ utile inserire, come oggetto della mail, un codice o una parola che indichi laposizione per la quale ci si candida e l’annuncio di riferimento: questo permette a chi ci seleziona, di avere fin dal primo impatto una idea della nostra capacità di sintesi e di comprensione degli obiettivi.

L'importanza dell'oggetto della mail

Nel caso di autocandidatura è necessario inserire come oggetto della mail, un’indicazione relativa al settore o alla posizione per la quale ci si candida, ad es. Autocandidatura area comunicazione. L’oggetto, così come l’intera mail, deve essere incisivo e catturare l’attenzione del reclutatore tanto da suscitare il suo interesse per il nostro profilo e spingerlo a contattarci per un colloquio motivazionale.

La mail di autocandidatura deve avere come testo la lettera di accompagnamento, in modo da fornire al selezionatore una prima idea sul candidato e le sue competenze. Se il contenuto dell’autocandidatura risulterà interessante per il selezionatore di risorse umane, quest’ultimo leggerà il curriculum vitae che il candidato avrà allegato alla mail (consulta l’articolo dedicato a come compilare il curriculum online).

Come scrivere una lettera di presentazione per autocandidatura

come fornire un autocandidatura

Per proporre la propria autocandidatura è necessario reperire gli indirizzi mail dei reclutatori. Su internet questa ricerca è abbastanza semplice poiché quasi tutte le imprese forniscono nel loro sito internet anche gli indirizzi mail del settore recruiting o hr (human resource). E’ consigliabile proporre la propria autocandidatura sia, in generale, al settore che si occupa della gestione del personale, che al responsabile o al settore per il quale si propone l’autocandidatura. A seconda della richiesta effettuata, sarà poi necessario inviare un curriculum bene specifico. Molte volte, la rete è piena di forum e blog che possono aiutarci in tal senso, e ancor di più: ad esempio, cercando su Google "nome azienda - colloquio" potremmo andare a verificare se qualcuno che ci ha preceduto, ha riportato la propria esperienza di successo o insuccesso con una determinata presentazione a società e uffici del personale.

Application form online

Un altro modo per proporre la propria autocandidatura è il metodo chiamato: application form online, cioè una form composta da una serie di campi (anagrafici, istruzione, esperienze lavorative, ecc…) che il candidato deve compilare.
L’application form online è uno strumento che permette di proporre la proprio autocandidatura online ed è uno strumento di ricerca del personale di origine anglosassone.

La sua origine fa si che la form includa anche dei campi relativi alle attitudini, agli hobby e alle esperienze personali che in qualche modo pongano in evidenzia delle caratteristiche e delle capacità del candidato. Ad esempio segnalare di aver fatto parte di una squadra di calcio o di pallavolo per un certo numero di anni potrebbe essere un’esperienza positiva per il reclutatore che cerca un candidato che lavori in team. Chi fosse interessato ad inviare la propria autocandidatura online può consultare la nostra sezione di offerte di lavoro online.

Atteggiamento positivo e bilancio delle proprie capacità

Quando si sta proponendo la propria autocandidatura presso un qualsiasi posto di lavoro o in una qualsiasi azienda bisogna prima rispettare un paio di step personali:

  • Avere un atteggiamento positivo.
  • Scrivere un bilancio delle proprie competenze.

Quando si è alla ricerca di un lavoro è molto facile perdersi d’animo e farsi distrarre dalla negatività. Sotto il punto di vista psicologico è molto importante non farsi deprimere dalla situazione attuale perché questo causerebbe conseguenze negative.

Possiamo quindi dire che il vostro approccio positivo avrà un ascendente sulle vostre azioni che a loro volta influenzeranno positivamente l’ambiente che vi circonda. Per questo motivo prima di presentare un autocandidatura dovete accertarvi di trovarvi in uno stato d’animo positivo, dopodiché potrete concentrarvi sulla compilazione del curriculum vitae.

Per quanto riguarda la seconda fase da rispettare dovete prendere carta e penna e cominciare a scrivere quali sono le vostre capacità lavorative. Cercate di farvi più domande possibili del tipo:

  • Quante lingue conosco?
  • Quali sono le mie qualità?
  • Sono in grado di utilizzare un PC? A che livello?
  • Quali sono le mie carenze? Dove posso migliorare?
  • Cosa potrei dare alla società che mi assume?
  • Quali sono state le mie esperienze precedenti?
  • Che cosa mi hanno lasciato?

Cercate di elencare, in maniera sincera, tutti i vostri punti di forza sia personali che lavorativi, guardatevi dentro a 360° in modo da capire in primis cosa cercate e cosa potete dare al mondo del lavoro. Questa piccola riflessione personale vi aiuterà anche nel selezionare la aziende più adatte alla vostra esperienza e alla vostra vocazione.

Se avete fatto questa analisi in modo sincero sicuramente uscirà fuori il settore più adatto a voi e di conseguenza il posto di lavoro per il quale vi piacerebbe lavorare al quale inviare la vostra autocandidatura.





Potrebbe interessarti

Corsi per la sicurezza sul lavoro: perché frequentarli?

nuovi corsi sulla sicurezza sul lavoro

I corsi per la sicurezza sul lavoro vengono proposti in tutta Italia da tantissime organizzazione e da enti sparsi sul nostro territorio: ogni percorso formativo è, solitamente, caratterizzato da una parte teorica e da un apprendimento pratico, fondamentale per comprendere alla perfezione manovre e strategie necessarie per preservare sicurezza e salute sul luogo di lavoro. La formazione si conclude, poi, con dei test di verifica, superati i quali è possibile ottenere delle importanti qualifiche, degli attestati da inserire come risorsa nel proprio curriculum!

Lavoro congruo: scopriamo insieme le norme a favore dei lavoratori

La circolare del ministero del lavoro nr. 39 del 19 novembre 2010 esige, mediante l'articolo 19 del decreto legge 185/2008, l'obbligo per il lavoratore che percepisce una prestazione di sostegno al reddito di dichiararsi disponibile a una nuova attività, nota anche come lavoro congruo, oppure a un percorso di riqualificazione professionale, per percepire gli incentivi statali.

Curriculum vitae in spagnolo: come scriverlo?

Tra le varie località europee molto in voga per la ricerca del lavoro molti italiani, negli ultimi 15-20 anni, si sono avventurati nella penisola iberica in cerca di una occupazione: chi ancora volesse tentare questa esperienza, deve naturalmente concentrarsi al momento di stilare il Curriculum in spagnolo.

Calcola la rivalutazione del TFR: quando è prevista e come calcolarla

Scopri tutto sul tfr

Capita spesso che per motivi di vario genere si verifichi la fine del rapporto di lavoro; le cause della conclusione di un percorso lavorativo e della decisione, da parte del datore di lavoro o del lavoratore stesso, di recidere il contratto possono essere tante.

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

Il precedente tipo di calcolo, basato su una formula retributiva, considerava unicamente la media delle somme versate negli ultimi 5-10 anni di attività lavorativa (solitamente le più alte), ha portato come risultato alla messa in crisi del meccanismo, con la collettività che si è trovata a sostenere spese difficilmente quantificabili.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Tredicesima in maternità: quando maturano le condizioni?

Più volte abbiamo proposto pagine di approfondimento per la tredicesima mensilità. Come calcolarne l'importo? A chi spetta? Quando andrebbe corrisposta? In questa pagina abbiamo cercato di inserire tutte le informazioni principali e i link per approfondimenti specifici. Ecco la guida completa alla Tredicesima.

Diventare agopuntore: chi è, cosa fa, quanto guadagna?

Immagine esemplificativa di quello che fa hi vuole diventare agopuntore

Tra tutte le professionalità legate alla medicina alternativa, una tra le più celebri è sicuramente quella di diventare agopuntore, il professionista medico che pratica l’antica tecnica della medicina tradizionale cinese: l’agopuntura

Il periodo di prova: conosci questa opportunità?

In un momento anteriore o contestuale all'inizio del rapporto di lavoro, le parti possono definire per iscritto un periodo di prova. Lo scopo è quello di consentire al datore di lavoro e al dipendente di valutare il rapporto di lavoro.

Lavoro come estetista: scopri come intraprendere la carriera!

lavoro come estetista

In un periodo di contingenza economica come quello in cui ci stiamo vivendo, c’è un mestiere che sembra non conoscere crisi: la professione di estetista. Le ragioni di questa tendenza possono essere molteplici, tra cui si possono citare il parallelo successo di tutte le attività legate al benessere e alla cura del corpo.

Contributi da riscatto: tutte le informazioni!

Il sistema previdenziale italiano prevede che ai fini pensionistici sia possibile coprire, mediante i contributi da riscatto, a proprie spese, dei periodi di studio, lavoro, inattività non soggetti a obbligo assicurativo.

Lavoro serale: una selezione di caratteristiche e offerte da valutare!

Immagine di un tipico lavoro serale

Il lavoro serale è una delle strade percorse da tutti coloro che hanno bisogno, specialmente in questo periodo di crisi, di una soluzione alternativa e spesso più remunerativa rispetto al normale lavoro in orario diurno.

Leggi tutto...

Lavoro ripartito: diritti e doveri

Il contratto di lavoro ripartito, anche detto Job Sharing, è stato introdotto dalla Riforma Biagi ed è disciplinato dal D. Lgs. n. 276/2003, art. 41 – 45. Con un contratto di lavoro ripartito si intende quello nel quale due lavoratori si impegnano ad adempiere solidalmente ad un'unica e identica obbligazione lavorativa.

Leggi tutto...
Go to Top