L’era di internet permette diverse modalità di candidatura delle offerte di lavoro. Nel caso la propria candidatura sia in risposta ad un annuncio di lavoro è possibile inviare il proprio curriculum vitae e la lettera di accompagnamento via mail. E’ utile inserire, come oggetto della mail, un codice o una parola che indichi laposizione per la quale ci si candida e l’annuncio di riferimento: questo permette a chi ci seleziona, di avere fin dal primo impatto una idea della nostra capacità di sintesi e di comprensione degli obiettivi.

L'importanza dell'oggetto della mail

Nel caso di autocandidatura è necessario inserire come oggetto della mail, un’indicazione relativa al settore o alla posizione per la quale ci si candida, ad es. Autocandidatura area comunicazione. L’oggetto, così come l’intera mail, deve essere incisivo e catturare l’attenzione del reclutatore tanto da suscitare il suo interesse per il nostro profilo e spingerlo a contattarci per un colloquio motivazionale.

La mail di autocandidatura deve avere come testo la lettera di accompagnamento, in modo da fornire al selezionatore una prima idea sul candidato e le sue competenze. Se il contenuto dell’autocandidatura risulterà interessante per il selezionatore di risorse umane, quest’ultimo leggerà il curriculum vitae che il candidato avrà allegato alla mail (consulta l’articolo dedicato a come compilare il curriculum online).

Come scrivere una lettera di presentazione per autocandidatura

come fornire un autocandidatura

Per proporre la propria autocandidatura è necessario reperire gli indirizzi mail dei reclutatori. Su internet questa ricerca è abbastanza semplice poiché quasi tutte le imprese forniscono nel loro sito internet anche gli indirizzi mail del settore recruiting o hr (human resource). E’ consigliabile proporre la propria autocandidatura sia, in generale, al settore che si occupa della gestione del personale, che al responsabile o al settore per il quale si propone l’autocandidatura. A seconda della richiesta effettuata, sarà poi necessario inviare un curriculum bene specifico. Molte volte, la rete è piena di forum e blog che possono aiutarci in tal senso, e ancor di più: ad esempio, cercando su Google "nome azienda - colloquio" potremmo andare a verificare se qualcuno che ci ha preceduto, ha riportato la propria esperienza di successo o insuccesso con una determinata presentazione a società e uffici del personale.

Application form online

Un altro modo per proporre la propria autocandidatura è il metodo chiamato: application form online, cioè una form composta da una serie di campi (anagrafici, istruzione, esperienze lavorative, ecc…) che il candidato deve compilare.
L’application form online è uno strumento che permette di proporre la proprio autocandidatura online ed è uno strumento di ricerca del personale di origine anglosassone.

La sua origine fa si che la form includa anche dei campi relativi alle attitudini, agli hobby e alle esperienze personali che in qualche modo pongano in evidenzia delle caratteristiche e delle capacità del candidato. Ad esempio segnalare di aver fatto parte di una squadra di calcio o di pallavolo per un certo numero di anni potrebbe essere un’esperienza positiva per il reclutatore che cerca un candidato che lavori in team. Chi fosse interessato ad inviare la propria autocandidatura online può consultare la nostra sezione di offerte di lavoro online.

Atteggiamento positivo e bilancio delle proprie capacità

Quando si sta proponendo la propria autocandidatura presso un qualsiasi posto di lavoro o in una qualsiasi azienda bisogna prima rispettare un paio di step personali:

  • Avere un atteggiamento positivo.
  • Scrivere un bilancio delle proprie competenze.

Quando si è alla ricerca di un lavoro è molto facile perdersi d’animo e farsi distrarre dalla negatività. Sotto il punto di vista psicologico è molto importante non farsi deprimere dalla situazione attuale perché questo causerebbe conseguenze negative.

Possiamo quindi dire che il vostro approccio positivo avrà un ascendente sulle vostre azioni che a loro volta influenzeranno positivamente l’ambiente che vi circonda. Per questo motivo prima di presentare un autocandidatura dovete accertarvi di trovarvi in uno stato d’animo positivo, dopodiché potrete concentrarvi sulla compilazione del curriculum vitae.

Per quanto riguarda la seconda fase da rispettare dovete prendere carta e penna e cominciare a scrivere quali sono le vostre capacità lavorative. Cercate di farvi più domande possibili del tipo:

  • Quante lingue conosco?
  • Quali sono le mie qualità?
  • Sono in grado di utilizzare un PC? A che livello?
  • Quali sono le mie carenze? Dove posso migliorare?
  • Cosa potrei dare alla società che mi assume?
  • Quali sono state le mie esperienze precedenti?
  • Che cosa mi hanno lasciato?

Cercate di elencare, in maniera sincera, tutti i vostri punti di forza sia personali che lavorativi, guardatevi dentro a 360° in modo da capire in primis cosa cercate e cosa potete dare al mondo del lavoro. Questa piccola riflessione personale vi aiuterà anche nel selezionare la aziende più adatte alla vostra esperienza e alla vostra vocazione.

Se avete fatto questa analisi in modo sincero sicuramente uscirà fuori il settore più adatto a voi e di conseguenza il posto di lavoro per il quale vi piacerebbe lavorare al quale inviare la vostra autocandidatura.



Potrebbe interessarti

Redditi diversi: normativa e caratteristiche

Il TUIR è il Testo Unico delle Imposte sui Redditi, emanato con il D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 e successive modifiche. Il TUIR comprende gli articoli tra il 67 e il 71 dedicati alla voce Redditi Diversi.

Leggi tutto...

Regime fiscale “forfettino”: tutti i vantaggi!

 

Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

Leggi tutto...

Calcolo della tredicesima per la badante

Coloro che svolgono lavori domestici, come le colf e le badanti devono essere regolarizzate, soprattutto se provenienti da Paesi esteri, per poter esercitare tale professione senza problemi.

Leggi tutto...

Master e laurea: primo o secondo livello?

Oggi la formazione post universitaria è curata da enti ed aziende pubbliche e private. La varietà dell’offerta dei master postlaurea può rendere più difficile la scelta.

Leggi tutto...

Pensione d'invalidità: scopri chi ne ha diritto e per quali importi

La legge n. 222 del 12 giugno 1984, entrata in vigore il 1° luglio dello stesso anno, ha istituito il diritto alla pensione d’invalidità.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Contratto nullo o annullabile

contratto nullo

Un contratto è invalido quando presenta anomalie, alterazioni, vizi di rilevante gravità, al punto che le parti non sono costrette a rispettare il regolamento che esse hanno dato a quel contratto ai propri rapporti reciproci.

Leggi tutto...

Autocertificazione della laurea: quando è possibile?

Soprattutto nell’ambito dei colloqui di lavoro, capita di dover fornire una serie di dati personali legati, spesso e volentieri, alla nostra esperienza professionale e ai titoli di studio da noi conseguiti.

Leggi tutto...

Come presentarsi ai colloqui di lavoro? Non solo consigli sull'abbigliamento!

Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Leggi tutto...

Guida alla Nuova Tabella delle Pensioni

Il Decreto “Salva Italia” ha portato ad una sostanziale riforma di tutto il sistema della previdenza italiana. Il passaggio finale dal sistema retributivo al contributivo e l’innalzamento dell’età pensionabile hanno portato ad un rifacimento della tabella delle pensioni, che vede il tentativo di diminuire il divario tra i contributi versati e le mensilità ritirate da chi ha smesso di lavorare, di pari passo con un inasprimento delle condizioni per concludere la sua vita lavorativa.

Leggi tutto...

Aprire asilo nido: conosci le normative al riguardo?

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavoratori esposti amianto: conosci i benefici pensionistici?

La legge prevede degli incentivi e dei benefici per i lavoratori esposti all'amianto, ovvero per tutti quei dipendenti costretti a lavorare in edifici costruiti con polvere d'amianto e sostanze affini quali crisotilo, crocidolite, tremolite ecc.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Legge imprenditoria femminile

La legge che disciplina l’imprenditoria femminile è la legge 215/92. Norma attraverso la quale il Ministero dell’Industria propone delle agevolazioni all’imprenditoria femminile.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Corsi lavorativi: sai scegliere il meglio per il tuo futuro?

i corsi di formazione per aziende e studenti

Per affrontare al meglio il mondo del lavoro, è anche necessario ampliare le conoscenze acquisite durante precedenti gli studi precedenti.

Leggi tutto...
Go to Top