L’era di internet permette diverse modalità di candidatura delle offerte di lavoro. Nel caso la propria candidatura sia in risposta ad un annuncio di lavoro è possibile inviare il proprio curriculum vitae e la lettera di accompagnamento via mail. E’ utile inserire, come oggetto della mail, un codice o una parola che indichi laposizione per la quale ci si candida e l’annuncio di riferimento: questo permette a chi ci seleziona, di avere fin dal primo impatto una idea della nostra capacità di sintesi e di comprensione degli obiettivi.

L'importanza dell'oggetto della mail

Nel caso di autocandidatura è necessario inserire come oggetto della mail, un’indicazione relativa al settore o alla posizione per la quale ci si candida, ad es. Autocandidatura area comunicazione. L’oggetto, così come l’intera mail, deve essere incisivo e catturare l’attenzione del reclutatore tanto da suscitare il suo interesse per il nostro profilo e spingerlo a contattarci per un colloquio motivazionale.

La mail di autocandidatura deve avere come testo la lettera di accompagnamento, in modo da fornire al selezionatore una prima idea sul candidato e le sue competenze. Se il contenuto dell’autocandidatura risulterà interessante per il selezionatore di risorse umane, quest’ultimo leggerà il curriculum vitae che il candidato avrà allegato alla mail (consulta l’articolo dedicato a come compilare il curriculum online).

Come scrivere una lettera di presentazione per autocandidatura

come fornire un autocandidatura

Per proporre la propria autocandidatura è necessario reperire gli indirizzi mail dei reclutatori. Su internet questa ricerca è abbastanza semplice poiché quasi tutte le imprese forniscono nel loro sito internet anche gli indirizzi mail del settore recruiting o hr (human resource). E’ consigliabile proporre la propria autocandidatura sia, in generale, al settore che si occupa della gestione del personale, che al responsabile o al settore per il quale si propone l’autocandidatura. A seconda della richiesta effettuata, sarà poi necessario inviare un curriculum bene specifico. Molte volte, la rete è piena di forum e blog che possono aiutarci in tal senso, e ancor di più: ad esempio, cercando su Google "nome azienda - colloquio" potremmo andare a verificare se qualcuno che ci ha preceduto, ha riportato la propria esperienza di successo o insuccesso con una determinata presentazione a società e uffici del personale.

Application form online

Un altro modo per proporre la propria autocandidatura è il metodo chiamato: application form online, cioè una form composta da una serie di campi (anagrafici, istruzione, esperienze lavorative, ecc…) che il candidato deve compilare.
L’application form online è uno strumento che permette di proporre la proprio autocandidatura online ed è uno strumento di ricerca del personale di origine anglosassone.

La sua origine fa si che la form includa anche dei campi relativi alle attitudini, agli hobby e alle esperienze personali che in qualche modo pongano in evidenzia delle caratteristiche e delle capacità del candidato. Ad esempio segnalare di aver fatto parte di una squadra di calcio o di pallavolo per un certo numero di anni potrebbe essere un’esperienza positiva per il reclutatore che cerca un candidato che lavori in team. Chi fosse interessato ad inviare la propria autocandidatura online può consultare la nostra sezione di offerte di lavoro online.

Atteggiamento positivo e bilancio delle proprie capacità

Quando si sta proponendo la propria autocandidatura presso un qualsiasi posto di lavoro o in una qualsiasi azienda bisogna prima rispettare un paio di step personali:

  • Avere un atteggiamento positivo.
  • Scrivere un bilancio delle proprie competenze.

Quando si è alla ricerca di un lavoro è molto facile perdersi d’animo e farsi distrarre dalla negatività. Sotto il punto di vista psicologico è molto importante non farsi deprimere dalla situazione attuale perché questo causerebbe conseguenze negative.

Possiamo quindi dire che il vostro approccio positivo avrà un ascendente sulle vostre azioni che a loro volta influenzeranno positivamente l’ambiente che vi circonda. Per questo motivo prima di presentare un autocandidatura dovete accertarvi di trovarvi in uno stato d’animo positivo, dopodiché potrete concentrarvi sulla compilazione del curriculum vitae.

Per quanto riguarda la seconda fase da rispettare dovete prendere carta e penna e cominciare a scrivere quali sono le vostre capacità lavorative. Cercate di farvi più domande possibili del tipo:

  • Quante lingue conosco?
  • Quali sono le mie qualità?
  • Sono in grado di utilizzare un PC? A che livello?
  • Quali sono le mie carenze? Dove posso migliorare?
  • Cosa potrei dare alla società che mi assume?
  • Quali sono state le mie esperienze precedenti?
  • Che cosa mi hanno lasciato?

Cercate di elencare, in maniera sincera, tutti i vostri punti di forza sia personali che lavorativi, guardatevi dentro a 360° in modo da capire in primis cosa cercate e cosa potete dare al mondo del lavoro. Questa piccola riflessione personale vi aiuterà anche nel selezionare la aziende più adatte alla vostra esperienza e alla vostra vocazione.

Se avete fatto questa analisi in modo sincero sicuramente uscirà fuori il settore più adatto a voi e di conseguenza il posto di lavoro per il quale vi piacerebbe lavorare al quale inviare la vostra autocandidatura.



Potrebbe interessarti

Regime fiscale “forfettino”: tutti i vantaggi!

 

Il regime fiscale agevolato riconosciuto ai possessori di Partita IVA è anche detto forfettino.

Leggi tutto...

Finestre Pensioni: le nuove norme introdotte

finestre di pensione

La riscossione della pensione è una delle cose più importanti per un lavoratore, soprattutto per vivere, anche dopo la fine del periodo di lavoro, comodamente.

Leggi tutto...

Turni di lavoro e del riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Leggi tutto...

Guida alla Nuova Tabella delle Pensioni

la nuova tabella per le pensioni

Il Decreto “Salva Italia” ha portato ad una sostanziale riforma di tutto il sistema della previdenza italiana. Il passaggio finale dal sistema retributivo al contributivo e l’innalzamento dell’età pensionabile hanno portato ad un rifacimento della tabella delle pensioni, che vede il tentativo di diminuire il divario tra i contributi versati e le mensilità ritirate da chi ha smesso di lavorare, di pari passo con un inasprimento delle condizioni per concludere la sua vita lavorativa.

Leggi tutto...

Contributi da riscatto: tutte le informazioni!

Il sistema previdenziale italiano prevede che ai fini pensionistici sia possibile coprire, mediante i contributi da riscatto, a proprie spese, dei periodi di studio, lavoro, inattività non soggetti a obbligo assicurativo.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Diventare consulente del lavoro: come fare?

come diventare consulente del lavoro

Questa professione lavorativa trova una sua regolamentazione giuridica grazie alla legge del 1964 che istituisce l’apposito Albo mentre dal 1979 può godere del riconoscimento da parte dell’Ordine professionale.

Leggi tutto...

Globalizzazione economica: positiva o negativa?

Anche le dinamiche lavorative e i rapporti di lavoro stessi sono ormai cambiati vertiginosamente, per stare al passo con i tempi. Uno dei fattori sicuramente dominanti in questo periodo di grossi cambiamenti a livello globale è sicuramente la globalizzazione economica, che porta ad un aumento repentino degli scambi e delle fusioni economiche tra tutte le Nazioni del Mondo.

Leggi tutto...

Riforma del contratto a progetto

riforma contratti a progetto

Fra le novità proposte nella riforma del mercato del lavoro da parte del Governo Monti, particolare rilevanza hanno le modifiche previste per le tipologie contrattuali.

Leggi tutto...

Incubatore d'impresa: supporto per nuovi imprenditori

Immagine di incubatore di impresa

L’incubatore d’impresa comprende lo spazio fisico nel quale sono offerti diversi beni o servizi a delle neo imprese locali.

Leggi tutto...

Centro per l'impiego a Roma: tante agevolazioni in corso

il centro dell'impiego a roma garantisce nuove opportunità lavorative

Con i vari cambiamenti e le riforme politiche, il lavoro dei giovani a Roma ha definito la sua presenza decisiva tra le priorità del Governo, sempre più fermo nell’abilitare nuovi stratagemmi per aiutare gli italiani, partendo da quelli della capitale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Taglio alle pensioni d’oro: ecco come funziona davvero

Taglio alle pensioni d'oro

Il sogno di ciascun lavoratore, dopo anni di sacrifici, è quello di raggiungere la pensione e potersi godere serenamente la propria vita. Ma, alcune persone ottengono soltanto il minimo indispensabile per una vita dignitosa, invece altre possono permettersene una molto più ricca e spensierata.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Giorni ex festività: quali sono? Come fruirne?

Ai sensi delle previsioni contrattuali vigenti (artt. 50 e 16, rispettivamente, dei CCNL 8/12/2007 per i quadri direttivi e le aree professionali e 10/01/2008 per i dirigenti) ai lavoratori spetta annualmente un numero di permessi giornalieri retribuiti corrispondente alle giornate che (indicate come festività dagli art. 1 e 2 della Legge 27 maggio 1949, n. 260) non siano più riconosciute come tali, per conseguenti disposizioni di legge. Ecco alcune informazioni da sapere sui permessi ex festività.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contratto di stage: una guida davvero completa

Con il termine “stage in azienda” si indica un’esperienza lavorativa svolta all’interno di un’azienda con obiettivo formativo. Lo stage in azienda consente allo stagista di essere inserito in una realtà aziendale che gli permetterà di apprendere maggiormente e più facilmente.

Leggi tutto...
Go to Top