La lettera di accompagnamento del curriculum è un documento che viene inviato in allegato, o addirittura precede, il CV. In un mercato del lavoro che si fa sempre più competitivo e nel quale i titoli di studio iniziano ad essere inflazionati, attirare l’interesse del perito selettore con una nota personale può significare la differenza tra un colloquio positivo ed uno negativo.

Questo documento sta acquistando sempre più importanza dato che i datori di lavoro sono soliti controllare prima ciò c’è che scritto nel testo piuttosto che il curriculum stesso.

Cosa scrivere nella lettera di accompagnamento?

La lettera di accompagnamento deve essere una breve presentazione del candidato, scritta in modo da destare l’interesse di chi la legge, senza per questo risultare troppo lunga o esaustiva. Considerato che per leggere le competenze l’esaminatore avrà il vostro curriculum (insieme a diverse decine di altri, se non centinaia), dal documento dovrebbe trasparire personalità, entusiasmo e voglia di mettersi in gioco.

Come per il curriculum vitae, prima della sua stesura è necessario documentarsi bene sul posto di lavoro che si vuole ottenere cercando di capire, magari tramite il sito internet dell’azienda, quale sia la politica dell’impresa e cosa cerchi l’interlocutore.

Soprattutto nel caso in cui il candidato non sia in grado di presentare un CV particolarmente interessante, la lettera che accompagna il CV può sopperire alle carenze nell’esperienza lavorativa con la descrizione di una formazione che avvicini chi scrive alle necessità aziendali.

Come scrivere la lettera di presentazione

La lettera di accompagnamento non deve essere più lunga di 25 righe e deve essere di chiara comprensione. E’ importante quindi scriverla al computer e dividerla in sezioni, cercando di stabilire un punto di incontro tra l’intestatario e il lettore.

Nella sua stesura, bisogna tenere presente che la presentazione deve essere finalizzata a stimolare la curiosità del selettore, senza per questo apparire artificiosa agli occhi di chi la legge.
Poiché esistono innumerevoli differenze tra un tipo di lavoro e l’altro, conviene cercare di essere più socievoli e diretti per compiti che richiedano il contatto con le persone, o formale per posti più istituzionali.

E’ una recente indagine del quotidiano britannico “The Guardian” ad enfatizzare ancora di più il concetto: secondo il tabloid inglese, i datori di lavoro controllano e valutano prima la lettera del curriculum stesso. Per questo motivo, il messaggio non potrà essere universale per tutte le aziende, perchè per ogni impresa bisognerà usare uno stile diverso, a secondo che l’impiego sia per esempio di tipo impiegatizio o creativo.

Inserisci i dati personali

lettera di accompagnamento

Anche se i dati anagrafici vengono indicati nel curriculum, dovrebbero essere riportati all’inizio della presentazione insieme all’impiego che si vuole ottenere, in considerazione del fatto che l’esaminatore potrebbe star valutando più annunci di lavoro.

Modelli lettera di presentazione: occhio al taglio che dai al tuo progetto

Su Internet sono presenti diversi modelli di come scrivere questo documento da allegare insieme al proprio curriculum vitae. Si parte prima di tutto dal fatto che per ogni azienda è consigliabile scrivere una lettera specifica: da non sbagliare quindi i dati da riportare nel testo, non confondendo il destinatario nell’invio del proprio CV.

Quindi si può decidere di inviare il proprio documento riportando i dati del candidato in alto a sinistra e quelli dell’azienda in alto a destra, strutturando il testo all’interno della pagina secondo un preciso schema: presentazione, aspetto motivazionale e saluti. La parte centrale, ossia il carattere motivazionale, è l’aspetto più importante perchè lo scopo è quello di far capire al datore di lavoro di conoscere bene gli obiettivi dell’azienda e di far ricadere la scelta su noi stessi perchè siamo un valore aggiunto, enfatizzando (ma non troppo) alcuni elementi del curriculum vitae.

Come detto prima, basilare sarà lo stile di scrittura, che dovrà essere semplice e diretto, evitando in particolar modo errori grammaticali. Scrivere bene in lingua italiana è il primo passo per redigere il documento nella giusta maniera; in caso contrario, già da lì sarà bocciata la nostra candidatura perchè ritenuta non ideonea per il posto di lavoro offerto. E’ consigliabile inoltre inviare nel corpo della mail anche alcune righe per non far risultare la pagina completamente in bianco.
Come appena detto, sul web si trovano molti esempi di fac-simile e il consiglio è quello di non prendere il primo link utile ma cercare quello più adatto alle proprie esigenze, da scegliere quindi in base all’offerta di lavoro richiesta.



Potrebbe interessarti

La Comunicazione di Licenziamento della Colf

comunicazione di licenziamento alla colf

I lavoratori addetti ai servizi domestici sono denominati colf, ovvero collaboratori familiari. Possono svolgere varie mansioni presso il datore di lavoro domestico: camerieri, badanti, cuochi, giardinieri, baby sitter, precettori.

Leggi tutto...

Diventare partner ICOTEA: scopri tutti i vantaggi

Acquista sempre più importanza la formazione. Oggi ancora di più e riguarda sia coloro i quali sono alla ricerca di un lavoro che, soprattutto i lavoratori, dipendenti o liberi professionisti che vogliono accrescere le proprie competenze.

Leggi tutto...

La tredicesima: tutte le caratteristiche della gratifica natalizia

tredicesima natalizia

La tredicesima mensilità è nata con c.c.n.l. del 1937 per gli impiegati dell’industria ed è stata poi estesa anche agli operai con il Decreto Presidente della Repubblica n. 1070/60. 

Leggi tutto...

Permesso di lavoro: tipologie e richieste

Per motivi di diversa natura, il lavoratore è spesso costretto a richiedere dei determinati periodi di assenza dal lavoro, al di fuori delle ferie stabilite e che gli spettato. Questo tipo di astensioni dall’attività lavorativa vengono chiamati permessi lavoro.

Leggi tutto...

La lettera di referenze: impariamo a scriverla!

La lettera di referenze è richiesta dal lavoratore allo sciogliere del contratto ed è redatta dal ex datore di lavoro. E’ un diritto del collaboratore richiedere all’azienda per cui ha svolto l’attività lavorativa questo documento che testimoni la qualità del lavoro svolto e dia informazioni circa la condotta personale.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Diventare consulente del lavoro: come fare?

come diventare consulente del lavoro

Questa professione lavorativa trova una sua regolamentazione giuridica grazie alla legge del 1964 che istituisce l’apposito Albo mentre dal 1979 può godere del riconoscimento da parte dell’Ordine professionale.

Leggi tutto...

Attori per la pubblicità: indicazioni per i casting

diventare attori per pubblicità

Tra le varie professioni legate al mondo dello spettacolo, quella dell'attore pubblicitario fa gola a molti. Soprattutto agli inizi, gli aspiranti artisti che intendono diventare famosi, farsi conoscere e successivamente ottenere parti più importanti in televisione, a teatro e al cinema, intraprendono questa carriera e decidono spesso di fare casting per attori.

Leggi tutto...

Green Manager, i manager del futuro

Il mercato del lavoro è divenuto gioco forza uno dei temi più discussi nel Paese; la crisi globale che ha colpito anche l’Italia ha posto ulteriori problematiche a tutti quei giovani in cerca di un posto di lavoro per garantirsi il futuro.

Leggi tutto...

La Comunicazione di Licenziamento della Colf

comunicazione di licenziamento alla colf

I lavoratori addetti ai servizi domestici sono denominati colf, ovvero collaboratori familiari. Possono svolgere varie mansioni presso il datore di lavoro domestico: camerieri, badanti, cuochi, giardinieri, baby sitter, precettori.

Leggi tutto...

Il lavoro e la Legge Biagi

Ci sono alcune leggi e articoli della Costituzione italiana che sono nati appositamente per definire e regolamentare il lavoro nel nostro Paese. La Legge 30 ad esempio e l'articolo 18 sono solo alcune delle legislazioni emesse a livello lavorativo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La fatturazione elettronica, una svolta per l’Italia?

Tra poco più di un mese, con l’ingresso del 2019, diverse cose cambieranno: una di questa è la metodologia di emissione, trasmissione e conservazione di tutte le fatture che a differenza di quanto succedeva in passato saranno elaborate per via elettronica permettendo l’abbandono, una volta e per tutte, di tutti i supporti cartacei abbattendo i costi di spedizione e di conservazione.  

Leggi tutto...

Leggi anche...

Nuovi impieghi “ecosostenibili” per professionisti: l'evoluzione del mercato

L'ecosostenibilità e in generale le energie rinnovabili sono un tema molto caldo sia da un punto di vista ideologico sia lavorativo. Le figure professionali che vengono assorbite oggi in questo settore sono molto più varie rispetto al passato e richiedono competenze sempre più specifiche.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come scrivere un autocertificazione e i casi in cui utilizzarla

La dichiarazione sostitutiva di certificazione può essere necessaria anche nel campo lavorativo.

Leggi tutto...
Go to Top