La lettera di accompagnamento del curriculum è un documento che viene inviato in allegato, o addirittura precede, il CV. In un mercato del lavoro che si fa sempre più competitivo e nel quale i titoli di studio iniziano ad essere inflazionati, attirare l’interesse del perito selettore con una nota personale può significare la differenza tra un colloquio positivo ed uno negativo.

Questo documento sta acquistando sempre più importanza dato che i datori di lavoro sono soliti controllare prima ciò c’è che scritto nel testo piuttosto che il curriculum stesso.

Cosa scrivere nella lettera di accompagnamento?

La lettera di accompagnamento deve essere una breve presentazione del candidato, scritta in modo da destare l’interesse di chi la legge, senza per questo risultare troppo lunga o esaustiva. Considerato che per leggere le competenze l’esaminatore avrà il vostro curriculum (insieme a diverse decine di altri, se non centinaia), dal documento dovrebbe trasparire personalità, entusiasmo e voglia di mettersi in gioco.

Come per il curriculum vitae, prima della sua stesura è necessario documentarsi bene sul posto di lavoro che si vuole ottenere cercando di capire, magari tramite il sito internet dell’azienda, quale sia la politica dell’impresa e cosa cerchi l’interlocutore.

Soprattutto nel caso in cui il candidato non sia in grado di presentare un CV particolarmente interessante, la lettera che accompagna il CV può sopperire alle carenze nell’esperienza lavorativa con la descrizione di una formazione che avvicini chi scrive alle necessità aziendali.

Come scrivere la lettera di presentazione

La lettera di accompagnamento non deve essere più lunga di 25 righe e deve essere di chiara comprensione. E’ importante quindi scriverla al computer e dividerla in sezioni, cercando di stabilire un punto di incontro tra l’intestatario e il lettore.

Nella sua stesura, bisogna tenere presente che la presentazione deve essere finalizzata a stimolare la curiosità del selettore, senza per questo apparire artificiosa agli occhi di chi la legge.
Poiché esistono innumerevoli differenze tra un tipo di lavoro e l’altro, conviene cercare di essere più socievoli e diretti per compiti che richiedano il contatto con le persone, o formale per posti più istituzionali.

E’ una recente indagine del quotidiano britannico “The Guardian” ad enfatizzare ancora di più il concetto: secondo il tabloid inglese, i datori di lavoro controllano e valutano prima la lettera del curriculum stesso. Per questo motivo, il messaggio non potrà essere universale per tutte le aziende, perchè per ogni impresa bisognerà usare uno stile diverso, a secondo che l’impiego sia per esempio di tipo impiegatizio o creativo.

Inserisci i dati personali

lettera di accompagnamento

Anche se i dati anagrafici vengono indicati nel curriculum, dovrebbero essere riportati all’inizio della presentazione insieme all’impiego che si vuole ottenere, in considerazione del fatto che l’esaminatore potrebbe star valutando più annunci di lavoro.

Modelli lettera di presentazione: occhio al taglio che dai al tuo progetto

Su Internet sono presenti diversi modelli di come scrivere questo documento da allegare insieme al proprio curriculum vitae. Si parte prima di tutto dal fatto che per ogni azienda è consigliabile scrivere una lettera specifica: da non sbagliare quindi i dati da riportare nel testo, non confondendo il destinatario nell’invio del proprio CV.

Quindi si può decidere di inviare il proprio documento riportando i dati del candidato in alto a sinistra e quelli dell’azienda in alto a destra, strutturando il testo all’interno della pagina secondo un preciso schema: presentazione, aspetto motivazionale e saluti. La parte centrale, ossia il carattere motivazionale, è l’aspetto più importante perchè lo scopo è quello di far capire al datore di lavoro di conoscere bene gli obiettivi dell’azienda e di far ricadere la scelta su noi stessi perchè siamo un valore aggiunto, enfatizzando (ma non troppo) alcuni elementi del curriculum vitae.

Come detto prima, basilare sarà lo stile di scrittura, che dovrà essere semplice e diretto, evitando in particolar modo errori grammaticali. Scrivere bene in lingua italiana è il primo passo per redigere il documento nella giusta maniera; in caso contrario, già da lì sarà bocciata la nostra candidatura perchè ritenuta non ideonea per il posto di lavoro offerto. E’ consigliabile inoltre inviare nel corpo della mail anche alcune righe per non far risultare la pagina completamente in bianco.
Come appena detto, sul web si trovano molti esempi di fac-simile e il consiglio è quello di non prendere il primo link utile ma cercare quello più adatto alle proprie esigenze, da scegliere quindi in base all’offerta di lavoro richiesta.





Potrebbe interessarti

Abilitazione all'Insegnamento alla scuola secondaria: dalla SSIS al TFA

Come scegliere un master di abilitazione insegnamento scuola secondaria

E' ormai un dato certo il passaggio del testimone dell'abilitazione all'insegnamento da SISS al TFA: si parla dei tirocini formativi attivi, ovvero il corso che va ad abilitare l'insegnamento nelle scuole di 1 e 2 grado. Il tirocinio annulla definitivamente le Scuole di Specializzazione dell'Insegnamento Secondario, non più funzionanti dall'anno di corso 2008/2009.

Leggi tutto...

Il congedo matrimoniale per l'INPS: conosci questo diritto?

ottenere il congedo matrimoniale

La legge prevede che in occasione del matrimonio, alcune categorie di lavoratori, abbiano diritto al congedo matrimoniale e dell’assegno ad esso relativo. Il congedo matrimoniale corrisponde ad un periodo di astensione al lavoro di 15 giorni consecutivi che non possono essere goduti durante il periodo delle ferie o nel preavviso del licenziamento.

Leggi tutto...

Tasse università a Firenze: quando, come e dove pagarle

Ecco una guida per chi desidera avere informazioni generali circa le tasse università a Firenze e nelle altre università italiane. E’ bene specificare che ogni ateneo e facoltà utilizza degli iter differenti per il pagamento delle rette universitarie. In linea generale però, le università pubbliche seguono le indicazioni riportate di seguito in questa pagina.

Leggi tutto...

Riforma del lavoro: la storia degli ultimi interventi

Immagine esemplificativa di un contratto dopo la riforma del lavoro

Il Governo Monti ha presentato, dopo delle riunioni con partiti e associazioni sindacali, la sua riforma per il lavoro. Si prevedono modifiche per l’articolo 18, ammortizzatori sociali, contratti di lavoro e cassa integrazione.

Leggi tutto...

Età pensionabile: i nuovi requisiti e criteri della riforma

uomini in età pensionabile

Riportiamo le modifiche dell'età pensionabile derivanti dalla riforma pensionistica e i nuovi limiti e requisiti per presentare la domanda.

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Calcolo della tredicesima

Il calcolo della tredicesima si effettua a dicembre, tenendo in considerazione la retribuzione prevista per quel mese. Nel caso in cui il contratto di lavoro sia stato rescisso (dal datore di lavoro o dal dipendete non importa), viene considerato l’importo dello stipendio percepito l’ultimo mese di lavoro.

Leggi tutto...

Laurea in Scienze della Mediazione Linguistica: uno sbocco verso il futuro

l'importanza di avere una laure nell'ambito della mediazione linguistica

In un’epoca sempre più caratterizzato dalla multiculturalità, la conoscenza delle lingue straniere diventa sempre più una prerogativa imprescindibile per l’accesso nel mondo del lavoro.

Leggi tutto...

Permessi retribuiti: cosa sono e i casi in cui richiederli

Prima specifica da fare relativa ai permessi retribuiti è che questi sono differenti dalle ferie. Il diritto di ogni dipendente di godere di alcuni giorni di ferie ogni anno è sancito dalla Costituzione, la misura in cui essi sono maturati e possono essere goduti è fissato dai CCNL; mentre la misura e la modalità in cui si possono utilizzare i permessi retribuiti sono dettati dai contratti collettivi.

Leggi tutto...

Trasferte di lavoro: caratteristiche e indennità di trasferta

lavoratore in trasferta con indennità di trasferta

Le trasferte di lavoro comportano un cambiamento provvisorio, rispetto a quanto scritto nel contratto, del luogo in cui il lavoratore svolge le sue mansioni.

Leggi tutto...

Pratica legale forense per diventare avvocato

Una volta laureato, il praticante deve iscriversi al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati del tribunale di residenza. Questo primo step per iniziare la pratica legale è legato alla presentazione di alcuni documenti (certificato di nascita, residenza, cittadinanza, ecc..) fotografie, titoli di studio e quant'altro richiesto dall'Ordine degli Avvocati del territorio. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Diventare scrittore: corsi di scrittura creativa e concorsi letterari

Per diventare scrittore è importante coltivare la passione per il libri

Come fare per diventare scrittore? Una domanda a cui risulta sempre più difficile rispondere. Oggi per diventare scrittore serve soprattutto una grande passione; ancor più che in passato accade che talenti letterari vengano scoperti solo dopo anni di rifiuti (es. Saviano e Dan Brown).

Leggi tutto...

Leggi anche...

RSPP: Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

La sigla RSPP designa il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Tale figura professionale è un esperto in tema sicurezza.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Fondi per l’imprenditoria femminile: ecco come richiederli

fondi per l'imprenditoria femminile

La domanda per i fondi destinati all’imprenditoria femminile devono essere presentate nel periodo di apertura del bando, le cui modalità e termini sono definiti ogni volta attraverso decreti ministeriali.

Leggi tutto...
Go to Top