La busta paga Inail è un documento necessario per tutti i dipendenti, che attesta la retribuzione netta e lorda del lavoratore e serve per verificare lo stipendio percepito e la sua congruità con quanto stabilito nel contratto di lavoro. Sulla busta paga Inail si possono inoltre verificare i contributi pensionistici versati dal datore di lavoro a vantaggio del dipendente.

Come si legge il cedolino Inail

La busta paga Inail è un prospetto che si compone di varie parti: la testata, il corpo e il piede del prospetto. Partendo dall’alto, la parte superiore ossia la testata, riporta:

  • I dati circa la ragione sociale, la sede e il codice fiscale dell'azienda
  • L’anagrafica del dipendente e il suo codice fiscale
  • Il numero di matricola Inps e il numero posizione Inail, nonché il numero di cartellino del dipendente
  • Data di assunzione ed eventuale data di cessazione, nonché la qualifica del lavoratore
  • Numero di ore lavorate ed eventuali straordinari

Sul web sono presenti diversi documenti in pdf, link e siti web che approfondiscono questi temi dando dei consigli su come leggere l’intero documento senza cadere in equivoci, errori o impossibilità a capire tutte le sfaccettature del prospetto stesso. Siccome gli aspetti da considerare sono tanti e molteplici, è bene “utilizzare” parte del proprio tempo per leggere questo documento nella giusta maniera, per verificare prima di tutto se è stata corrisposta la giusta cifra al momento della stipula del contratto. Inoltre, avendo validità giuridica, essa può essere sottoposta alle autorità giudiziarie in caso di avvio di procedimento processuale per errori in alcune voci presenti.
A tal fine, può essere consigliabile anche documentarsi sul sito ufficiale dell’Ente, inail.it, il quale potrà fornire delucidazioni maggiori in materia, anche per quanto riguarda l’indennità da infortunio.

Il corpo della busta paga Inail

La parte centrale contiene sei colonne o più, che servono per comprendere nei dettagli i dati riportati nella testata, concernenti lo stipendio e il versamento delle tasse. A sinistra sono menzionati i codici relativi alle singole voci che sono presenti nella colonna a fianco e accanto ad ogni voce compare l'importo base e i giorni o le ore lavorati. Tutte le voci riguardanti la retribuzione sono riportati nel corpo del cedolino, nella colonna competenze e nella colonna trattenute.
Il piede del prospetto

Nella parte inferiore del prospetto (il cosiddetto piede), vengono riportati nel dettaglio i dati relativi all’ammontare dello stipendio, lordo e netto, l’Imponibile Irpef, le detrazioni da lavoro dipendente e quelle per familiari a carico, ed infine tutte le indicazioni relative alle ferie, le ferie residue dell'anno precedente, quelle maturate nell'anno in corso e quelle godute, nonché le ferie restanti .

Il modello della busta paga personalizzato per ogni azienda

La Legge 4/1953 impone al datore di lavoro l’obbligo di consegnare la busta paga Inail, indicando i contenuti obbligatori, tuttavia non ne fornisce un modello, pertanto ogni azienda può utilizzarne uno schema personalizzato.

E’necessario possederla per poter richiedere un mutuo bancario o un finanziamento, per rilevare elementi importanti come la retribuzione spettante al lavoratore e rivendicare eventuali differenze sull’applicazione del CCNL, e per fini pensionistici.

Indennità sull’infortunio a lavoro: come si viene pagati?

In questo paragrafo spiegheremo le modalità di pagamento dell’indennità in caso di infortunio sul posto di lavoro, se tutelata dall’Inail. Può accadere infatti che sul luogo di lavoro si è vittime di incidenti e l’indennità in questo caso parte dal quarto giorno di lavoro, se il lavoratore in questione risulta inefficiente per più di tre giorni a causa dell’infortunio.
La retribuzione sarà del valore del 60% dal giorno numero quattro al giorno numero novanta (tre mesi circa), alzandosi al 75% dal giorno numero novantuno in poi.
Dal momento in cui viene accertato l’infortunio sul luogo di lavoro, l’Inail concede l’indennità al lavoratore, che può essere anticipata anche nella busta paga del lavoratore stesso, con l’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro che la rimborserà in un secondo tempo al datore. Per quanto riguarda il pagamento, per cifre inferiori ai mille euro si può procedere con l’assegno mentre sopra i mille euro ci sarà il versamento sul conto corrente postale o bancario. Altre modalità di pagamento, sempre per cifre sopra i mille euro, è l’accredito su libretto di deposito nominativo bancario o postale. Infine, si può accreditare l’indennità su carta prepagata con quest’ultima che sia dotata di codice IBAN.
Per prognosi che superino il limite dei venti giorni, al lavoratore infortunato sarà corrisposto un saldo con l’acconto finale da versare al momento che sarà terminata la guarigione.

Potrebbe interessarti

Curriculum vitae: esempio pratico. Ecco come compilarlo passo passo

come compilare il curriculum vitae

Il curriculum vitae è composto solitamente da più sezioni le quali non differiscono poi di molto tra il formato tradizionale, quello europeo o lo schema europass (che mostreremo più avanti nel corso del nostro approfonimento).

Il lavoro e la Legge Biagi

Ci sono alcune leggi e articoli della Costituzione italiana che sono nati appositamente per definire e regolamentare il lavoro nel nostro Paese. La Legge 30 ad esempio e l'articolo 18 sono solo alcune delle legislazioni emesse a livello lavorativo.

Come calcolare la pensione INPS: i criteri e l'estratto conto personale

Immagine esemplificativa di assistente sociale per calcolo pensione inps

Il calcolo pensione INPS si fa in base all'anzianità contributiva e all'età pensionabile dal lavoratore maturata al 31 dicembre 1995. I criteri per determinare la pensione INPS può essere: contributivo, retributivo o misto. Alla base di questi tre sistemi di calcolo vi è il numero di anni di contributi versati fino al 1995 e cioè più o meno di 18 anni o alcuna anzianità contributiva.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

Calcolo della pensione contributiva: chi ne ha diritto? A quale età?

La pensione contributiva è andata a modificare il calcolo dei versamenti, considerando non più la media degli ultimi ma la totalità di quelli effettuati, dal primo all'ultimo. Il contributivo non è valido per tutti i lavoratori, poiché la legge distingue tra quanti debbano ricorrevi, i casi in cui si possa mantenere la formula precedente e quelli che usufruiscono di un sistema misto:

Gestione stabilimento balneare

Con l'arrivo dell'estate, sono molti, soprattutto giovani, che decidono di affidarsi ai lavori stagionali per guadagnare qualcosa almeno durante il periodo estivo. Un lavoro molto richiesto e interessante è infatti quello della gestione di uno stabilimento balneare.

Flat Tax: come funziona realmente questo sistema fiscale?

flat tax calcolo

La Flat Tax rappresenta un sistema fiscale che è caratterizzato da una, non progressiva, aliquota fissa. Essa trova applicazione in una proposta contenuta nel contratto di Governo fra M5s e Lega ed include due aliquote, di cui del 15 e del 20% per quanto riguarda i redditi da lavoro di persone fisiche, famiglie e Partite IVA; ed una, invece, fissa destinata alle imprese che reinvestono i loro utili del 15 + 5%. Inoltre, è previsto un sistema di detrazioni e deduzioni atto a garantire la progressività delle imposte.

Leggi anche...

Creare un ufficio in casa: alcuni consigli su mobili di design

Forse già lo conoscevamo o forse ci stiamo avvicinando allo smart working solo in questo periodo, resta il fatto che se il lavoro da casa sta per noi diventando una realtà sempre più tangibile, forse è meglio adeguarsi in fretta e modificare qualcosa all'interno di casa nostra per renderci il compito più semplice, comodo e proficuo.

Leggi anche...

Accessori per l’ufficio: ecco gli indispensabili

Si dice che se si lavora stando seduti seduto ad una scrivania eccessivamente ordinata, molto probabilmente non si sta adempiendo al proprio lavoro. Ovviamente il caos sarà pre sinonimo di creatività, ma essere ordinati, soprattutto negli uffici, è veramente doveroso. In questi ambienti, infatti, spesso vengono gestite importanti pratiche, conservati dei documenti e vi si trovano moltissimi articoli di cancelleria.