In base al D.Lgs. 469/97, preceduto dalla legge Bassanini, il centro per l'impiego ha sostituito l'ufficio di collocamento per ciò che concerne i compiti ad esso relativi. Rientra, inoltre, nelle strutture con cui la Regione svolge le sue funzioni.

Il precedente ufficio, fra i suoi compiti, era preposto al rilascio del “libretto di lavoro”, un documento che riportava la storia lavorativa del soggetto. Dal 2002, il libretto è stato sostituito dalla “scheda professionale del lavoratore”, un curriculum vitae più completo che tiene conto anche della formazione oltre che di tutte le esperienze lavorative.

I compiti principali del nuovo ufficio di collocamento

  • mediare tra la domanda e l'offerta del mercato del lavoro,
  • informazione, orientamento e consulenza per tutti coloro che vivono nel territorio e necessitano di delucidazioni relative al settore lavorativo,
  • sostegno e informazione circa il collocamento dei lavoratori.

Il centro per l'impiego inoltre svolge funzioni in materia di:

  • lavoratori disabili,
  • lavoratori vincitori di pubblico concorso,
  • iniziative per incrementare il lavoro femminile.

Negli ultimi anni, si è rafforzata anche la funzione formativa con l’istituzione di corsi specifici che aiutino soprattutto i più giovani a trovare una loro collocazione nel mercato.

L’iscrizione al centro per l’impiego: requisiti e modalità

Per l’iscrizione, occorre aver compiuto 16 anni (o 15 se assolto l’obbligo scolastico), essere cittadini disoccupati o inoccupati residenti o domiciliati in una provincia italiana.
Per gli stranieri, occorre possedere un permesso di soggiorno valido. L’età massima è 65 anni.

Per effettuare l’iscrizione, occorre recarsi personalmente presso il Centro per l’impiego più vicino (sono, infatti, distribuiti localmente) con documento d’identità e codice fiscale. Presso il centro, si compilerà un modulo ad hoc. È consigliabile portare i documenti interenti l’ultimo contratto di lavoro oltre che un curriculum dei titoli ottenuti aggiornato. Una volta iscritti, si accede ai servizi del centro. È cura dell’ente stesso matchare la offerte delle aziende con la richiesta dei lavoratori, offrendo a questi ultimi possibilità d’impiego. L’iscrizione non è obbligatoria, anche se per alcune aziende (soprattutto pubbliche) potrebbe costituire un prerequisito.

Stato di disoccupazione: chi lo acquisisce?

La disoccupazione è uno dei requisiti per l’iscrizione al CPI. Viene definito disoccupato, secondo la legge 92/2002, chi non svolge attività lavorativa oppure ne svolge una tale da non assicurarsi un reddito annuo superiore a 8.000€ per lavoratori dipendenti o 4.000€ per gli autonomi. Gli inoccupati sono, invece, coloro che non hanno mai svolto alcun lavoro.

Per trovare il centro per l'impiego più vicino al luogo di residenza si può consultare il sito del Governo: Centro per l'impiego. E’ possibile effettuare una ricerca nel catalogo inserendo: regione, provincia e comune. La voce Dettaglio CPI visualizza la scheda del centro con indirizzi, recapiti e tipi di servizi erogati.

Uffici di Milano e Como

  • Indirizzo: Via Leonardo da Vinci, 5, 20094 Corsico MI, Telefono:02 440 7001
  • Indirizzo: Via San Martino, 4, Castelnuovo Bozzente CO, Telefono:031 930764
  • Indirizzo: Via Cavour Camillo Benso, 27, Cantù CO, Telefono:031 712332

 





Potrebbe interessarti

Corsi per la sicurezza sul lavoro: perché frequentarli?

nuovi corsi sulla sicurezza sul lavoro

I corsi per la sicurezza sul lavoro vengono proposti in tutta Italia da tantissime organizzazione e da enti sparsi sul nostro territorio: ogni percorso formativo è, solitamente, caratterizzato da una parte teorica e da un apprendimento pratico, fondamentale per comprendere alla perfezione manovre e strategie necessarie per preservare sicurezza e salute sul luogo di lavoro. La formazione si conclude, poi, con dei test di verifica, superati i quali è possibile ottenere delle importanti qualifiche, degli attestati da inserire come risorsa nel proprio curriculum!

Leggi tutto...

Laurea in Scienze della Mediazione Linguistica: uno sbocco verso il futuro

l'importanza di avere una laure nell'ambito della mediazione linguistica

In un’epoca sempre più caratterizzato dalla multiculturalità, la conoscenza delle lingue straniere diventa sempre più una prerogativa imprescindibile per l’accesso nel mondo del lavoro.

Leggi tutto...

Voucher lavoro occasionale: scopriamo come funzionano

giovani e lavori occasionali

In questi ultimi anni, a causa della Jobs Act attuata dal Governo Renzi, si sente sempre più spesso parlare dei cosidetti voucher lavoro occasionale, chiamati anche buoni, un particolare sistema di compenso delle prestazioni di lavoro occasionale, ossia tutte quelle attività che non superano i 7.000 euro netti nella durata dell’intero anno solare.

Leggi tutto...

Calcolo età pensionabile: scopri gli strumenti necessari

La pensione sembra oramai un miraggio per milioni di lavoratori italiani. Per i giovani, invece parlare di pensione fra poco sarà alquanto anacronostico: se il lavoro un utopia, parlare di pensione equivale a parlare di metafisica.

Leggi tutto...

Come scrivere un autocertificazione e i casi in cui utilizzarla

La dichiarazione sostitutiva di certificazione può essere necessaria anche nel campo lavorativo.

Leggi tutto...

I più condivisi

Preavviso delle dimissioni per il tempo determinato

preavviso delle dimissioni

Il preavviso è il tempo, successivo alla data in cui il lavoratore ha presentato le dimissioni, in cui il dipendente continua a svolgere la propria attività lavorativa.

Leggi tutto...

Guida alla Nuova Tabella delle Pensioni

la nuova tabella per le pensioni

Il Decreto “Salva Italia” ha portato ad una sostanziale riforma di tutto il sistema della previdenza italiana. Il passaggio finale dal sistema retributivo al contributivo e l’innalzamento dell’età pensionabile hanno portato ad un rifacimento della tabella delle pensioni, che vede il tentativo di diminuire il divario tra i contributi versati e le mensilità ritirate da chi ha smesso di lavorare, di pari passo con un inasprimento delle condizioni per concludere la sua vita lavorativa.

Leggi tutto...

Mepa, cos'é e come funziona

Le pubbliche amministrazioni per poter funzionare a dovere devono ovviamente sapersi organizzare in modo strutturato, ordinato ma soprattutto in modo esauriente. I servizi che sono offerti dalle varie PA sono tantissimi ed essi si basano sulla semplice compravendita: la popolazione chiede una prestazione, un bene o un servizio e la pubblica amministrazione, mediante terzi, elargisce il tutto. 

Leggi tutto...

Ape Social: l’anticipo pensionistico a carico dello Stato

Imagine sull'anticipo pensionistico

Dopo aver terminato gli studi ognuno di noi comincia l’infinito percorso lavorativo che ci trasporta dalla giovane età dei vent’anni circa alla veneranda dei sessanta e al conseguimento della famosa pensione

Leggi tutto...

Lavoro Categorie Protette: chi ne ha diritto e le offerte online

Contratto per lavoratori delle categorie protette

Il tema del lavoro per le categorie protette è disciplinato dalla legge numero 68 del 1999. e rientra nella dinamica legata alla tutela del lavoratore. I lavoratori che fanno parte di questa dimensione hanno oltre di 15 anni d'età e non hanno ancora raggiunto l'età pensionabile.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Calcolo dello stipendio di un docente: determinazione e caratteristiche

Tutte le tipologie di lavoratori hanno diritto a ricevere periodicamente lo stipendio dovuto e che quantificato

Leggi tutto...

Leggi anche...

Turni di lavoro e del riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Che cos'è il Job sharing?

Il termine Job Sharing indica un tipo di contratto di lavoro atipico caratterizzato dalla condivisione dell'attività lavorativa tra due o più soggetti; questi ultimi infatti si suddividono le fasce lavorative di un impiego full time.

Leggi tutto...
Go to Top