In base al D.Lgs. 469/97, preceduto dalla legge Bassanini, il centro per l'impiego ha sostituito l'ufficio di collocamento per ciò che concerne i compiti ad esso relativi. Rientra, inoltre, nelle strutture con cui la Regione svolge le sue funzioni.

Il precedente ufficio, fra i suoi compiti, era preposto al rilascio del “libretto di lavoro”, un documento che riportava la storia lavorativa del soggetto. Dal 2002, il libretto è stato sostituito dalla “scheda professionale del lavoratore”, un curriculum vitae più completo che tiene conto anche della formazione oltre che di tutte le esperienze lavorative.

I compiti principali del nuovo ufficio di collocamento

  • mediare tra la domanda e l'offerta del mercato del lavoro,
  • informazione, orientamento e consulenza per tutti coloro che vivono nel territorio e necessitano di delucidazioni relative al settore lavorativo,
  • sostegno e informazione circa il collocamento dei lavoratori.

Il centro per l'impiego inoltre svolge funzioni in materia di:

  • lavoratori disabili,
  • lavoratori vincitori di pubblico concorso,
  • iniziative per incrementare il lavoro femminile.

Negli ultimi anni, si è rafforzata anche la funzione formativa con l’istituzione di corsi specifici che aiutino soprattutto i più giovani a trovare una loro collocazione nel mercato.

L’iscrizione al centro per l’impiego: requisiti e modalità

Per l’iscrizione, occorre aver compiuto 16 anni (o 15 se assolto l’obbligo scolastico), essere cittadini disoccupati o inoccupati residenti o domiciliati in una provincia italiana.
Per gli stranieri, occorre possedere un permesso di soggiorno valido. L’età massima è 65 anni.

Per effettuare l’iscrizione, occorre recarsi personalmente presso il Centro per l’impiego più vicino (sono, infatti, distribuiti localmente) con documento d’identità e codice fiscale. Presso il centro, si compilerà un modulo ad hoc. È consigliabile portare i documenti interenti l’ultimo contratto di lavoro oltre che un curriculum dei titoli ottenuti aggiornato. Una volta iscritti, si accede ai servizi del centro. È cura dell’ente stesso matchare la offerte delle aziende con la richiesta dei lavoratori, offrendo a questi ultimi possibilità d’impiego. L’iscrizione non è obbligatoria, anche se per alcune aziende (soprattutto pubbliche) potrebbe costituire un prerequisito.

Stato di disoccupazione: chi lo acquisisce?

La disoccupazione è uno dei requisiti per l’iscrizione al CPI. Viene definito disoccupato, secondo la legge 92/2002, chi non svolge attività lavorativa oppure ne svolge una tale da non assicurarsi un reddito annuo superiore a 8.000€ per lavoratori dipendenti o 4.000€ per gli autonomi. Gli inoccupati sono, invece, coloro che non hanno mai svolto alcun lavoro.

Per trovare il centro per l'impiego più vicino al luogo di residenza si può consultare il sito del Governo: Centro per l'impiego. E’ possibile effettuare una ricerca nel catalogo inserendo: regione, provincia e comune. La voce Dettaglio CPI visualizza la scheda del centro con indirizzi, recapiti e tipi di servizi erogati.

Uffici di Milano e Como

  • Indirizzo: Via Leonardo da Vinci, 5, 20094 Corsico MI, Telefono:02 440 7001
  • Indirizzo: Via San Martino, 4, Castelnuovo Bozzente CO, Telefono:031 930764
  • Indirizzo: Via Cavour Camillo Benso, 27, Cantù CO, Telefono:031 712332

 

Potrebbe interessarti

Giornate massime di disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Immagine d'esempio usata nell'articolo Disoccupazione agricola: soggetti e procedura per richiederla

Anche chi lavora nel settore agricolo ha diritto a delle indennità in caso di perdita del lavoro; a tal proposito infatti l'Inps ha stabilito un compenso speciale detto di disoccupazione agricola.

Pensione minima INPS: di quale importo hai diritto?

persone anziane in pensione felici

In questo caso lo Stato aiuta gli interessati una somma di denaro integrativa rispetto alla pensione maturata. L’entità dell’Inps pensioni minime varia ogni anno. Il compito della riscossione dei contributi previdenziali spetta a determinati organismi, tra i quali l’Inps, l’Istituto nazionale per la Previdenza Sociale. I lavoratori che prestano sevizio nelle pubbliche amministrazioni invece versano i propri contributi all’Inpdap.

Pensione di reversibilità Inps: vediamo nel dettaglio in cosa consiste

pensione di reversibiltà

L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (Inps) italiano si occupa da tempo di tutte le dinamiche previdenziali, pensionistiche e assistenziale. L'Inps gestisce inoltre anche l'erogazione e l'emissione di tutte le tipologie di pensione comprese quelle legate ai superstiti, nonché indennizzi particolari.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Contributi in conto impianti: di cosa si tratta? Ecco una piccola guida

Contributi in conto impianti

I contributi in conto impianti vengono erogati per ridurre i costi di acquisizione di beni ammortizzabili; non producono ricavi o sopravvivenze attive, pur concorrendo alla formazione del reddito per competenza.

Iscrizione all'albo dei giornalisti: ecco come iscriversi all'albo

iscrizione albo giornalisti

Chi è il pubblicista? Il giornalista pubblicista è la figura professionale disciplinata dalla legge 69/1963. L'art. 1 della suddetta legge afferma che “Sono pubblicisti coloro che svolgono attività giornalistica non occasionale e retribuita anche se esercitano altre professioni o impieghi”.

Lavorare come promoter? Ecco un approfondimento da non perdere

lavorare come promoter: un'immagine di questa professione

Lavorare come promoter può rappresentare la soluzione lavorativa ideale per chi cerca un’attività non a tempo pieno. Solitamente le offerte di lavoro promoter durano qualche giorno o al massimo 1 o 2 settimane. Le offerte di lavoro promoter sono ben remunerati, circa 6 – 7 euro l’ora e la durata media di lavoro è di 8 ore al giorno.

Leggi anche...

Quota 100 per la Pensione: tutto sul progetto rilanciato dal M5s

Imagine esemplificativa che rimanda alla quota 100

Con il termine Quota 100 si intende la proposta diretta ad anticipare l'età pensionabile dei lavoratori che sono regolarmente iscritti ai fondi di previdenza che gestisce l'assicurazione generale obbligatoria, ovvero l’AGO; alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata per i fondi sostitutivi e per quelli esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria. 

Leggi anche...

Come fare una busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

immagine esemplificativa di come fare una busta paga

Se volete sapere come fare una busta paga, sappiate che l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.