Il contratto a progetto (co.co.pro.) sono anche detti contratti di collaborazione per programma e sono una tipologia di contratto di lavoro disciplinata dal D. Lgs. n. 276/2003, c.d. Legge Biagi. I co.co.pro. definiscono il lavoratore non come un dipendente, ma un collaboratore autonomo. L’attività svolta dal collaboratore, infatti, deve essere legata alla realizzazione di un progetto (o programma di lavoro, o fasi di esso).

La forma scritta: cosa deve contenere

I contratti di lavoro a progetto devono avere la forma scritta (al contrario delle co.co.co.) e devono definire:

  • la durata determinata o determinabile del progetto;
  • il contenuto del progetto o programma di lavoro (o delle fasi di esso);
  • il corrispettivo (e i criteri per determinarlo);
  • i tempi e le modalità del pagamento;
  • la disciplina dei rimborsi spese;
  • le modalità del coordinamento con il committente relative all’esecuzione, anche temporale della prestazione lavorativa;
  • le eventuali misure per la tutela e la sicurezza del collaboratore a progetto.

firmare un contratto a progetto

La forma scritta è necessaria ai fini della prova, come stabilito dall’articolo 62 del decreto legislativo 276/93 poiché in caso di contenzioso relativo alla natura del contratto, è fondamentale per dimostrare l'esistenza o meno del progetto. Nel caso in cui non esista in forma scritta, il tribunale può modificare il rapporto di lavoro in un contratto a tempo indeterminato.

Se invece il giudice verifica che il collaboratore a progetto svolge la propria attività senza autonomia e quindi è soggetto ad un tipo di rapporto equivalente a quello dei lavoratori subordinati, il tribunale può disporre la trasformazione del contratto a progetto nel tipo di contratto più idoneo all’attività svolta (ad esempio part-time, tempo de terminato, ecc).

Quanto durano questo tipo di accordi lavorativi?

La legge Biagi non impone una durata massima dei contratti a progetto: devono avere una durata determinata o determinabile in base alle peculiarità del programma stesso.

Possono essere rescissi dal datore di lavoro prima della scadenza per due motivi: per giusta causa e per eventuali causali, che il datore può richiedere di inserire nei contratti a progetto. I contratti a progetto possono comprendere la clausola del preavviso, che una volta firmata dal collaboratore a progetto riconosce al datore di lavoro di interrompere il contratto dopo un semplice preavviso (art 67, comma 2. D.Lgs.276/03). Inoltre, in caso di malattia o infortunio del collaboratore, il datore di lavoro può interrompere il contratti a progetto anche prima della sua scadenza. Se pensi di allora leggi i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni.

Lo stesso collaboratore può stipulare contratti di lavoro successivi aventi come oggetto un programma analogo o anche del tutto diverso. La legge non pone limiti alla successione di contratti a progetto.

Co.co.co: scopriamo di cosa si tratta

I collaboratori coordinati e continuativi, abbreviati in co.co.co sono, invece, una categoria di lavoratori che sta a metà tra il lavoro svolto in autonomia e il lavoro dipendente.
Probabilmente vi starete chiedendo come sia possibile e la realtà è che nonostante questi lavoratori abbiano piena autonomia nello svolgimento dell’attività lavorativa, vengono spesso contattati da numerose aziende come fossero dei dipendenti qualsiasi, senza però le tutele di un vero e proprio contratto.
Dal 2003, però, non si parla più di co.co.co ma questi sono confluiti nel nuovo co.co.pro di cui abbiamo già discusso, proprio perché considerati una forma di lavoro atipica e quindi difficile da gestire dal punto di vista legislativo.
L’INPS ha quindi fissato dei requisiti che sono:

  • L’autonomia: il lavoratore in questione deve decidere in maniera autonoma i tempi e le modalità necessari per svolgere l’attività che gli è stata commissionata, tenendo conto dei mezzi a disposizione;
  • Coordinamento del proprio intervento in linea con le modalità di gestione dell’azienda da parte del committente;
  • Continuità nell’offrire la propria prestazione per tutta la durata del periodo prescelto;
  • La retribuzione deve essere scelta dal committente e stabilita periodicamente.

Prima di quest’anno vi era anche una sotto-tipologia di co.co.co che viene definita “mini co.co.co”, termine con cui si indica il lavoro coordinato e continuativo occasionale ed anche in questo caso è risultato necessario chiarire il tipo di collaborazioni che ne fanno parte.
SI tratta infatti di quelle collaborazioni a portata limitata e che possono essere applicate da uno stesso committente anche durante lo stesso anno, a patto però che la durata complessiva non risulti superiore ai 30 giorni ed il compenso non superi i 5.000 euro.
Come avrete ben capito si tratta di una forma di contratto estremamente simile al co.co.co, l’unica differenza riguarda i limiti temporali e retributivi.
Il Jobs Act ha però abolito i mini co.co.co e quindi ad oggi non è più possibile trovare delle figure professionali con questo tipo di caratteristiche.
I collaboratori coordinati e continuativi, co.co.co e co.co.pro. nel 2020 possono ricorrere alla nuova indennità di disoccupazione, ma per farlo devono essere stati licenziati per una giusta causa, non avere una pensione, non essere titolari di una partita IVA e altri requisiti di cui potrete trovare informazione negli uffici appositi prima di presentare domanda di disoccupazione.
Come avrete capito il mondo del lavoro può essere complesso, ricco di sfumature e non sempre delineato e fatto di contratti e prestazioni.

Potrebbe interessarti

Requisiti per aprire un asilo nido: conosci le normative al riguardo?

aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido? Oggi l'iter burocratico per aprire quest'attività è abbastanza chiaro e significa l'inizio di una attività imprenditoriale a tutti gli effetti. In primis è bene considerare la domanda per tale tipo di servizio. Oggi in Italia si registrano più di 3000 asili nido pubblici, oltre alcune centinaia di strutture per l'infanzia convenzionate; ciò nonostante sono numerosi i bimbi sotto ai 3 anni esclusi dalla graduatoria dagli asili nido pubblici.

Il contratto Co.co.pro.: tutte le caratteristiche

Il contratto co.co.pro. è nato dalla Legge Biaggi come sostituzione del contratto di collaborazione coordinata e continuativa (altrimenti detto co.co.co.).

Come fare una busta paga: gli elementi da indicare sul cedolino

immagine esemplificativa di come fare una busta paga

Se volete sapere come fare una busta paga, sappiate che l’intestazione dei dati dell’azienda e l’intestazione dei dati del lavoratore, la posizione INPS e la posizione INAIL, dovranno essere riportati nella parte superiore o testa del documento.

Come calcolare la pensione INPS: i criteri e l'estratto conto personale

Immagine esemplificativa di assistente sociale per calcolo pensione inps

Il calcolo pensione INPS si fa in base all'anzianità contributiva e all'età pensionabile dal lavoratore maturata al 31 dicembre 1995. I criteri per determinare la pensione INPS può essere: contributivo, retributivo o misto. Alla base di questi tre sistemi di calcolo vi è il numero di anni di contributi versati fino al 1995 e cioè più o meno di 18 anni o alcuna anzianità contributiva.

Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Immagine d'esempio usata nell'articolo Lo stipendio con un contratto di apprendistato: tutte le formule possibili

Secondo la legge italiana, ovvero secondo il Testo Unico sull’Apprendistato (decreto legislativo 167/2011), il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato per giovani. Si tratta quindi una forma contrattuale propedeutica, nelle intenzioni, all’assunzione. 

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Contenuti correlati 

I più condivisi

Congedo di paternità: ecco come funziona davvero

Quando spetta il congedo di paternità

Il congedo in caso di paternità, fra le novità della Riforma Fornero, è riportato nel comma 24 dell’articolo 4, allo scopo del sostenimento della genitorialità, promuovendo una  maggiore condivisione dei compiti per curare i figli.

ICOTEA: la formazione innovativa in risposta al mondo del lavoro

Inserirsi nel mondo del lavoro oggi non è facile. Per essere assunti il diploma di laurea sembra non bastare più, ma occorrono sempre più esperienze e competenze extra scolastiche che formino una figura professionale versatile e adattabile a diversi contesti lavorativi.

Diventare agopuntore: chi è, cosa fa, quanto guadagna?

Immagine esemplificativa di quello che fa hi vuole diventare agopuntore

Tra tutte le professionalità legate alla medicina alternativa, una tra le più celebri è sicuramente quella di diventare agopuntore, il professionista medico che pratica l’antica tecnica della medicina tradizionale cinese: l’agopuntura

Poste recruiting, il piano strategico di Poste Italiane

Immagine di poste italiane che rimanda al poste recruiting

Di recente, il gruppo Poste Italiane ha comunicato un piano strategico che vede un coinvolgimento nei prossimi anni per il lavoro alle poste che ha da poco presentato un piano strategico importante relativo ai periodi 2015 - 2019 con delle proposte di trasformazione del gruppo e più di 8000 assunzioni, con vari posti di lavoro dedicati a giovani laureati!

Aspettativa maternità: caratteristiche e novità per farne richiesta

L’aspettativa per maternità consiste in un periodo di tre mesi di aspettativa aziendale dal lavoro di cui la madre lavoratrice può fruire per assistere il figlio fino ai 3 anni di età.

Leggi anche...

Come scegliere il software contabilità migliore

Immagine esemplificativa utilizzata all'interno dell'articolo Come scegliere il software contabilità migliore

In ogni azienda, la scelta di un software contabilità adeguato alle proprie esigenze è in capace di garantire dei vantaggi clamorosi specialmente sotto l'aspetto del business. I principali  benefici di cui si può godere hanno a che fare da una parte con la semplificazione delle procedure e dall'altra con il risparmio.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavorare in Australia: le offerte più interessanti

opportunità di lavoro in australia

Hai deciso di mollare l'Europa? Hai già letto i nostri approfondimenti su come scrivere un curriculum vitae e su come presentare la lettera di dimissioni? Allora sei pronto per partire.

Per trovare un lavoro in Australia è necessario essere provvisti di permesso di soggiorno. Prima di affrontare una scelta del genere, è dunque indispensabile munirsi di informazioni riguardo alle regole australiane in materia. La fonte più accreditata presso la quale si possono reperire notizie a riguardo è il governo australiano.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Tasse università a Firenze: quando, come e dove pagarle

Ecco una guida per chi desidera avere informazioni generali circa le tasse università a Firenze e nelle altre università italiane. E’ bene specificare che ogni ateneo e facoltà utilizza degli iter differenti per il pagamento delle rette universitarie. In linea generale però, le università pubbliche seguono le indicazioni riportate di seguito in questa pagina.

Leggi tutto...
Go to Top