Dipendente pubblico e partita iva? E' vero che i dipendenti pubblici con orario di lavoro full time non posso svolgere alcuna attività lavorativa da libero professionista dopo l'orario di lavoro e/o nei giorni festivi?

Dal momento che non sono riuscita a reperire informazioni precise in merito, pensavo che forse rivolgendomi alla vostra
redazione avrei potuto avere qualche informazione piu' attendibile.

Grazie mille per la vostra disponibilità e il vostro servizio.

Autorizzo la pubblicazione della presente mail sul sito www.arealavoro.org

Cosa accade per quanto riguarda l'attività di libera professione

Gentile Utente,
cerchiamo di essere esaustivi su una domanda un po’ complicata, in questo caso non abbiamo un’informazione certa. La nostra analisi è partita da una serie notevole di norme che disciplinano la possibilità di esercitare un’attività in libera professione per i dipendenti pubblici. Le norme, ma anche le Sentenze della Corte di Cassazione sono numerose e ciò che emerge è che esistono delle casistiche specifiche in base alle mansioni che il dipendente pubblico svolge e alla tipologia di attività autonoma.

Segnaliamo poi la distinzione esistente, per ciò che concerne la compatibilità tra dipendente pubblico e partita iva, tra lavoratori con contratto full time o part time. A tale proposito segnaliamo la Risposta del Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella PA - Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni – Servizio Trattamento del Personale in ordine al regime d’incompatibilità per i dipendenti pubblici in regime di tempo parziale pubblicata dalla FLP.

Portale AVCP per i dipendenti PA con contratto Full time

Per ciò che concerne i dipendenti pubblici con contratto a tempo pieno che svolgono un’attività autonoma, segnaliamo il portale de Avcp, l'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture. Organo collegiale che vigila sul rispetto delle regole che disciplinano la materia dei contratti pubblici ed è dotata di indipendenza funzionale, di giudizio, di valutazione e di autonomia organizzativa.

L’Avcp offre il servizio di Contact Center. Al numero verde 800- 896936. Il servizio è attivo dal lunedì alvenerdì, dalle ore 08.00 alle ore 18.00. Gli operatori assistono gli utenti sulle modalità di accesso eutilizzo dei servizi per la trasmissione dei dati all’Osservatorio dei contratti pubblici. Forniscono inoltre informazioni per il versamento del contributo per la partecipazione alle gare e sulla procedura per la richiesta dei pareri all’Ufficio Precontenzioso.

La casistica: le sentenze precedenti

Riguardo alla domanda che ci è stata posta, riportiamo due sentenze del Tribunale relative a questo caso e che ha visto due dipendenti pubblici condannati in Trentino per aver svolto il doppio lavoro. Il primo caso riguarda una donna di 51 anni che è stata condannata a risarcire quasi 20 mila euro per aver svolto attività di lucro in diverse associazioni. Nello stesso arco di tempo, la dipendente dell’Azienda sanitaria, che l’ha portata in Tribunale, chiedeva numerosi permessi (studio, aggiornamento professionale, malattia, assistenza ai familiari non autosufficienti). La donna è stata condannata al risarcimento per aver violato il principio di esclusività nel rapporto di lavoro ma è stata assolta dall’accusa di danno d’immagine all’azienda.
Leggermente diverso il caso di un infermiere che ha svolto per due anni un impiego analogo presso una Cooperativa. Anche questa persona è stata denunciata dall’Azienda Sanitaria che ha ottenuto il risarcimento pari a circa 8 mila euro, l’equivalente della somma degli stipendi del dipendente quando ha prestato il secondo lavoro. Il caso è diverso perchè il dipendente lavorava part time per l’Azienda sanitaria per cui era legittimato a svolgere una seconda occupazione ma avrebbe dovuto comunicarlo prima all’Azienda. Il Tribunale, in particolar modo, ha ravvisato il conflitto di interessi tra le mansioni svolte dalla persona in questione visto che anche presso la Cooperativa svolgeva lo stesso ruolo, ossia quello di infermiere. Anche in questa circostanza, il lavoratore aveva chiesto permessi e congedi per svolgere la seconda attività.

Conclusioni

Alla luce di tutto ciò, riportando le spiegazioni necessarie e le sentenze dei Tribunali sui casi dei dipendenti pubblici, è bene informarsi dettagliatamente per non incorrere in denunce o scorrettezze che possono portarvi anche a un corposo risarcimento. La materia, come accennato nei precedenti paragrafi, è molto ampia e quindi prima di accettare mansioni o lavori è consigliabile contattare esperti sul diritto del lavoro. In alternativa abbiamo dato tutti i contatti necessari affinchè possiate avere un quadro completo della situazione, della disciplina che la regola e delle norme di riferimento in materia.

Principi principali del codice di comportamento

Il 1 dicembre 2000 è stato approvato il codice di comportamento dei dipendenti pubblici che ha lo scopo di “garantire il rispetto degli obblighi di diligenza, lealtà e imparzialità stabiliti dalla Costituzione”.

Già dal 1994 esiste un codice di comportamento valido per tutti i dipendenti, con il decreto del 2000 si sono introdotte delle “diversificazioni” sul codice di comportamento dei dipendenti pubblici stabilite dalle singole amministrazioni.

I principi di base del codice di comportamento dei dipendenti sono:

  • Imparzialità. Devono garantirepari trattamento a tutti i cittadini che si rivolgano all'amministrazione pubblica.
  • Efficienza. Il loro lavoro deve essere svolto in modo efficiente per poter aiutare i cittadini che ne facciano richiesta.
  • Responsabilità e collaborazione. I dipendenti devono svolgere le loro mansioni in modo responsabile e devono collaborare con i cittadini e gli altri settori amministrativi.
  • Riservatezza. Per la privacy degli utenti, devono rispettare il principio di riservatezza.
  • Semplificazione degli iter amministrativi e sussidiarietà (il cittadino deve essere supportato dall'amministrazione più vicina a lui).

Circolari emanate su permessi

Nel 2008 sono stati emanate leggi e circolari circa i permessi dei dipendenti pubblici e le relative retribuzioni.
In breve, il Dipartimento Funzione Pubblica ha sancito l'obbligo nei contratti collettivi per i dipendenti pubblici di definire:

  • il monte ore dei permessi
  • la fruizione di tali permessi (a ore o a giornate).

Il Dipartimento Funzione Pubblica con la Circolare 7/2008 annuncia che “lì dove i contratti collettivi vigenti prevedono l’alternatività tra la fruizione a giornate e quella ad ore dei permessi, fissando già il monte ore, le amministrazioni sono tenute ad applicare direttamente il secondo periodo del comma 4 in esame a partire dall’entrata in vigore del decreto legge” cioè i dipendenti pubblici, indipendentemente dai giorni di permesso accordati, non possono eccedere il monte ore predefinito di permessi mensili.

Al contempo la legge riconosce dei permessi aggiuntivi per:

  • i genitori di persone con handicap grave, fino al compimento del terzo anno del bambino,
  • i dipendenti pubblici portatori di handicap.

Novità in merito alla retribuzione

La legge di conversione del Decreto Legge 112/2008 e la Circolare 7/2008 del Dipartimento Funzione Pubblica hanno introdotto delle modificazioni anche a livello di retribuzione.
Le nuove disposizioni si riferiscono all'assenza di servizio per i dipendenti pubblici. Lo scopo è quello di evitare che le P.A. considerino l'assenza di servizio ai fini della distribuzione delle somme dei fondi per la contrattazione integrativa destinata a incentivi e premi per i dipendenti pubblici più meritevoli.

Per avere ulteriori delucidazioni in merito visita il Decreto Legge 112/2008 e la Circolare 7/2008

Esistono delle regole particolari per i dipendenti del settore pubblico che svolgono anche un'attività di libera professione. Per saperne di più, suggeriamo la pagina Dipendenti pubblici e libera professione

Potrebbe interessarti

Lavoro occasionale: conosciamone la normativa

ricerca di un lavoro occasionale

Rispetto al lavoro di tipo accessorio, il lavoro di questo genere prevede l'assenza di continuità e coordinamento lavorativi; non è previsto il versamento di contributi e non è indispensabile istituire la partita IVA, perché la retribuzione dipende da una ritenuta d'acconto pari al 20%.

Turni di lavoro e di riposo settimanale: parte integrante di un piano d'Impresa

turni di lavoro

In base all’art. 1, comma 2, lett. b), D.Lgs. n. 66/2003 si intende per “periodo di riposo” qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro (pause, riposi giornalieri, riposi settimanali, ferie). Il riposo giornaliero, in base a tale decreto legislativo, consiste nel diritto del lavoratore a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore, ad eccezione:

Istat, a giugno frena l'occupazione

A giugno torna a crescere la disoccupazione, in Italia, soprattutto tra i lavoratori con più di 35 anni, e si registra il record di contratti a termine. 

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Contratto a progetto: le caratteristiche nel dettaglio

firmare un contratto a progetto

collaboratori coordinati e continuativi, abbreviati in co.co.co sono, invece, una categoria di lavoratori che sta a metà tra il lavoro svolto in autonomia e il lavoro dipendente. 

Lavoro part time online: le soluzioni più idonee per te in questa guida

Immagine usata nell'articolo Lavoro part time online: le soluzioni più idonee per te in questa guida

Cerchi lavoro part time online? Ecco un approfondimento in cui illustriamo i siti su cui trovare offerte idonee per te.

Trattenute in busta paga: vediamo dove finiscono i nostri soldi!

Trattenute in busta paga

Ogni lavoratore che ha la fortuna di percepire uno stipendio, deve però considerare che lo stesso prevede anche delle trattenute in busta paga da parte del datore di lavoro, che daranno, come risultato finale, la paga netta che il lavoratore percepirà.

Leggi anche...

Mansioni del Cuoco: il lavoro, i requisiti e le offerte di lavoro online

le mansioni di un cuoco

Quali sono le mansioni di un cuoco? Non si tratta di un lavoro in cui si svolge semplicemente un'attività...il cuoco è anche un pò un'artista che colpisce i commensali tra combinazioni speciali di gusti e una straordinaria mes en place.

Leggi anche...

Aprire un e-commerce: il drop shipping è l’alternativa per vendere online

Immagine per aprire un e-commerce

Aprire un e-commerce in drop shipping rappresenta una soluzione molto utile per coloro che vogliono avviare un'attività online. Difatti, con questa modalità ti possono vendere i propri prodotti su internet ma senza dover gestire un magazzino e la spedizione delle merci.

Leggi anche...

Curriculum vitae in inglese: le caratteristiche, le differenze e i modelli da prendere come esempio

scrivere un curriculum in inglese

Nel mondo ormai globalizzato del lavoro sempre più spesso si invia il proprio curriculum vitae in lingua. Sono numerose le aziende con sede legale o con l'ufficio human resource all'estero. Da qui la necessità di inviare un curriculum in inglese o in un'altra lingua straniera.