Che avvenga per email o per telefono, la prima comunicazione con l'azienda costituisce il primissimo momento della valutazione del candidato. È opportuno, durante queste comunicazioni, essere esaustivi e non dimenticare tutti i dati relativi a contatti e dati anagrafici.

Se non è possibile, nel caso di una telefonata, parlare con tranquillità, è opportuno farlo notare all'esaminatore e concordare un secondo momento dove, con maggiori probabilità, il rumore del traffico non renda impossibile parlare. Nel caso dell'email, bisogna rispondere in maniera puntuale e precisa, non dimenticando le forme di cortesia all'inizio e alla fine del messaggio.

Una volta presentati con il selezionatori, inizierà il vero colloquio di lavoro. Rispondere alle domande sempre in modo chiaro ed esauriente è molto importante.

Saper comunicare

La comunicazione è importante in tutti i rapporti. Quando ci si prepara per un colloquio, c’è sempre un po’ di agitazione, ma è quando ci si trova a tu per tu con il nostro esaminatore che l’ansia può prendere il sopravvento.

I più bravi sono in grado di celare la loro emozione dietro una comunicazione verbale posata e calma. Il nostro corpo però, non comunica solamente con le parole. Oltre alla comunicazione verbale, vi è la comunicazione paraverbale e quella non verbale. Vediamo meglio di cosa si tratta.

La comunicazione verbale è costituita dai suoni e dalle parole e deve essere efficiente ed efficace. Obiettivi importantissimi se ci si presenta ad una selezione per un posto di lavoro. La comunicazione non verbale invece è legata al linguaggio del corpo e quindi alla postura, ai gesti, ai movimenti del mittente del messaggio comunicativo.

Il linguaggio paraverbale

Il linguaggio paraverbale indica la modalità con cui usiamo la voce. La comunicazione paraverbale permette di dare risalto ad un concetto rispetto che ad un altro; ad esempio attraverso un intonazione di voce differente.

Il linguaggio paraverbale, perlopiù dettato dall’inconscio, è composto da:

  • tono
  • ritmo
  • volume
  • velocità
  • timbro
  • dizione
  • cadenza

Per mantenere l’attenzione dell’interlocutore durante il colloquio di lavoro è bene evitare:

  • una voce monotona che risulti piatta
  • un volume di voce troppo costante
  • l’eccessiva presenza di cadenza
  • troppe pause, ma cercare di utilizzarle per rafforzare i concetti chiave

Il linguaggio paraverbale deve essere controllato. L’importante è essere convincenti.

Usare bene il linguaggio verbale

La parte della comunicazione dedicata al linguaggio verbale è costituita dal significato letterale delle parole e del discorso. Per una buona comunicazione il linguaggio verbale deve essere efficiente ed efficace. Una comunicazione è efficiente quando il mittente del messaggio si fa accettare dal suo interlocutore, e da quest’ultimo viene udito e capito. Perché la comunicazione sia anche efficace è importante raggiungere altri due scopi: essere ricordati e suscitare un feedback a noi favorevole.

E’ importante sapere che in una comunicazione, il linguaggio verbale incide solo per il 10%. La ragione di ciò è che il linguaggio può contenere degli errori di grammatica o di sintassi e potrebbe esser compreso con difficoltà dall’interlocutore.

E’ utile prepararsi un poco prima di un colloquio e non lasciare tutto all’improvvisazione. E’ meglio riflettere con anticipo su quali siano le esperienze lavorative da mettere in evidenza e le occupazioni più in linea con la posizione per la quale ci si candida. E’ utile avere ben chiari a mente i concetti che si vogliono esprimere.

Saper sfruttare il linguaggio non verbale

Il linguaggio non verbale comprende tutti i messaggi emessi dal corpo. Durante le situazioni di stress, come il colloquio di lavoro, alcuni gesti e segnali del corpo sono controllati con molta difficoltà. E’ necessario avere acquisito un forte controllo sulle proprie emozioni.

Il linguaggio non verbale comprende:

  • i segnali fisiologici, come il colorito, la respirazione, i movimenti degli occhi, ecc…
  • la gestualità, espressa soprattutto con mani e piedi.
  • la postura
  • la prossemica, cioè il rapporto tra il nostro corpo e lo spazio circostante composto da oggetti o persone.

Durante un colloquio, è importante saper controllare il linguaggio del nostro corpo. Sono da evitare movimenti delle gambe e dei piedi che potrebbero “spaventare” l’esaminatore, quasitema un calcio o una scarpa volante. Anche l’uso delle braccia deve essere ben controllato; ciò non significa non dare “tono” alle parole con dei movimenti, ma attenzione a non esagerare. La postura è importante. Una persona capace di controllare la situazione, tende a stare eretta con la schiena; indicando sicurezza di se.

Coloro che si occupano di risorse umane e gestione del personale sono capaci di leggere il linguaggio del corpo.

A volte si può controllare l’ansia adottando una determinata posizione del corpo. Durante un colloquio, la posizione migliore stando seduti è la postura eretta con le mani appoggiate sulle gambe. All’inizio potrà sembrare un po’ innaturale perché le nostre emozioni ci spingeranno a muoverci, ma mantenendo la posizione anche il nostro leggero stato di agitazione si calmerà.

Cosa dire e non dire davanti all'esaminatore

Sicuramente la prima domanda posta sarà un generico “Mi parli di lei”. Questa domanda concentra la volontà dell'esaminatore di capire il carattere e le caratteristiche dell'esaminatore. È una buona norma quella di preparasi a rispondere a quest'interrogazione prima del colloquio di lavoro, per evitare lunghi silenzi o risposte sconclusionate.

Durante la risposta, quindi, si dovrebbe semplicemente raccontare i fatti principali della propria vita, come il percorso di studio, le esperienze lavorative più importanti, eventuali viaggi all'estero e, se attinenti al lavoro, gli hobby.
Particolare attenzione viene spesso data alla precedente esperienza professionale.

Mai parlare male dei colleghi o dell'ex capo, anche se è corretto esprimere la propria opinione su com'era gestito il lavoro.
L'importante è dare un'immagine di sé coerente, che rispecchi il curriculum, ma che sia adatta al profilo ricercato dall'azienda. È possibile che un candidato non abbia tutti i requisiti, ma è possibile ovviare ad una mancanza dimostrando come si è gestita una situazione del genere in passato: se siete stati costretti ad apprendere, ad esempio, come utilizzare un software nuovo durante la precedente attività, è possibile confidare nelle proprie capacità nel caso in cui questo accada di nuovo. Non conoscere qualcosa, quindi, non impedirà di poterla apprendere velocemente.

Altre domande classiche riguardano i giudizi sulla propria persona. Preparatevi i classici punti di forza e punti deboli che non vanno mai fuori moda e tre aggettivi con i quali descrivervi. Sarà oggetto d'interesse il rapporto con i precedenti colleghi, eventuali hobby e, soprattutto, le aspettative dal lavoro. Non puntate troppo in alto, ma focalizzatevi sulla situazione attuale: se il lavoro consiste in uno stage di pochi mesi, è poco sensato dire di aspirare al management dell'azienda.

Infine, è opportuno parlare del contratto e del compenso. Niente vergogna: va bene evitare l'argomento nei primi minuti, ma è giusto – anche da parte dell'esaminatore – essere estremamente chiari su questo punto. È importante, fondamentale, che il proprio lavoro sia pagato correttamente e che vengano rispettati i termini degli accordi.

Un'ultima considerazione. Da qualche anno a questa parte anche pressi i recruiter italiani si è diffusa l'abitudine porre domande stravaganti, che tentano di mettere in difficoltà il candidato. Oppure di attuare strategie “aggressive”, come silenzi prolungati e domande incalzanti. In questi casi basta mantenere la calma, anche perché a questo tipo di domande non c'è quasi mai la risposta esatta e viene valutato sia il controllo mentale sia la capacità di ragionare.





Potrebbe interessarti

Calcolo busta paga: a mano o con i software online?

La busta paga è un prospetto che il datore di lavoro fornisce al proprio dipendente e che contiene l’importo al netto, percepito in un determinato periodo di lavoro.

Contributi co.co.pro: chi, come e quando versarli

I contributi co.co.pro sono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore con contratto a progetto. Come i contributi degli altri lavoratori autonomi o dipendenti, i contributi co.co. pro vengono versati per 2/3 della contribuzione Inps dall’azienda, mentre la restante parta (1/3) è versata direttamente dal dipendente.

Ultimissime novità sulle pensioni di anzianità e sulla quota 96

le nuove normative sulle pensioni di anzianità

Ultimissime novità sulla pensione di anzianità: negli scorsi anni rispetto a quella di vecchiaia, veniva percepita indipendentemente dall'età pensionabile. Si ottiene prima del raggiungimento dell'età pensionabile, o del limite massimo di anzianità di servizio, e in presenza di determinati requisiti assicurativi e anagrafici.

Pensione ai superstiti: tutti i beneficiari

pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti è la quota di quella Inps che viene corrisposta ai famigliari del lavoratore assicurato o pensionato, dopo la sua morte

Pagamento in ritardo dello stipendio: cosa fa il lavoratore?

Il diritto alla retribuzione del lavoro è disciplinato dall'art. 36 della Costituzione e dell'art. 2099 del Codice Civile. Con tali articoli si impone al datore di lavoro di rispettare i vincoli contrattuali, compresa la data di erogazione dello stipendio, imposti per legge o dai CCNL a livello nazionale o locale.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Sacchetti personalizzati: un nuovo modo di creare valore per il tuo brand

shopping.jpg

Da quando le tradizionali buste di plastica sono diventate a pagamento, i brand hanno capito di poter sfruttare questo evento per produrre dei sacchetti personalizzati, spesso riutilizzabili, per poter aumentare la visibilità della propria azienda. Sacchetti personalizzati per le aziende: non solo un vezzo, ma un vero e proprio strumento di marketing, in grado di veicolare già dalla confezione la qualità e le caratteristiche di un prodotto.

Filosofia: qual è il lavoro giusto per i suoi laureati?

La facoltà di filosofia dell'Università rappresenta una delle scelte più sfidanti per lo studente appassionato di tale materia.

Il distacco del lavoratore: conoscere le norme

il distacco del lavoratore

Il distacco del lavoratore è, in modo molto semplice, “il prestito” di un lavoratore da un’azienda ad un altro datore di lavoro. Le parti sono cosi denominate:

Licenziamento per giusta causa: quali sono gli estremi?

Immagine esemplificativa di licenzoamento per giusta causa

L’articolo 2119 del Codice Civile dice che il licenziamento per giusta causa avviene quando mancano i presupposti per la continuazione del rapporto di lavoro.

Lavoro congruo: le norme a favore dei lavoratori

La circolare del ministero del lavoro nr. 39 del 19 novembre 2010 esige, mediante l'articolo 19 del decreto legge 185/2008, l'obbligo per il lavoratore che percepisce una prestazione di sostegno al reddito di dichiararsi disponibile a una nuova attività, nota anche come lavoro congruo, oppure a un percorso di riqualificazione professionale, per percepire gli incentivi statali.

La maternità nel CCNL Contratto di Commercio: come muoversi

Il CCNL Contratto di commercio, rinnovato dal 1 gennaio 2011 fino al 31 dicembre 2013, dedica un intero titolo alla disciplina della maternità, definendone l’intero quadro normativo in termini di diritti, retribuzione, permessi e astensione dalla prestazione lavorativa.

Leggi tutto...

Lavorare nell'immobiliare: cosa bisogna conoscere?

Lavorare nel settore immobiliare fa gola a molti, soprattutto perché le prospettive di guadagno sono molto alte.La figura più richiesta nel lavoro immobiliare è senz'altro l'agente, ovvero colui che fa da intermediario nello scambio di beni immobili privati o pubblici.

Leggi tutto...
Go to Top