Un lavoro molto interessante e remunerativo, che richiede elevate capacità organizzative, è legato alla gestione delle risorse umane. Un ruolo, quest’ultimo, che richiede diverse capacità manageriali e comunicative e che può aprire importanti sbocchi di carriera legati al ruolo e soprattutto alla retribuzione. Di seguito spiegheremo nel dettaglio tutte le informazioni relative a questa funzione, dagli studi da intraprendere alle esperienze formative da fare per chi è desideroso di lavorare in questo settore in futuro.

Cosa s'intende con gestione delle risorse umane?

L'etimologia del termine risorse umane, raggruppa tutti i lavoratori alle dipendenze di un'azienda e la sua gestione comporta un controllo e una selezione del personale stesso da inserire nell'impresa.

La gestione delle risorse umane (dall'inglese Human Resource Management) implica dunque la conduzione e l'amministrazione dei dipendenti che operano all'interno di un'azienda.

Come entrare nel settore manageriale

Per trovare un lavoro in questo campo serve sicuramente una laurea che può essere conseguita in:

  • Economia Aziendale
  • Psicologia
  • Statistica
  • Ingegneria gestionale
  • Giurisprudenza
  • Materie umanistiche

Ma a questa dev'essere correlato un master specifico nel settore e, ovviamente, una anche minima esperienza lavorativa. Si consiglia, infatti, di svolgere sempre uno stage durante gli anni accademici.

Lo stage è uno dei pochi strumenti d'accesso al settore. Solitamente sono le grandi aziende che aprono candidature in questo settore, visto che sono quasi esclusivamente queste che possono permettersi un apparato completo delle risorse umane: le imprese più piccole usano rivolgersi alle agenzia per il lavoro, rendendo anche queste un ottimo interlocutore per un giovane che voglia lavorare in questo settore. Molto importante può risultare anche il titolo di studio derivante dalla frequentazione di un Master o di un corso di specializzazione post-laurea. Più rilevante ai fini dell’entrata in questo settore è l’apprendimento definito “on the job” e l’esperienza accumulata.

Le figure professionali

Il lavoro implica numerose e differenti professionalità, ognuna con un compito specifico. Esistono addetti alle risorse umane che lavorano all'interno dell'azienda – occupandosi anche degli aspetti contrattuali e di gestione delle risorse – e coloro che lavorano fuori, alle fiere, ai meeting, per i quali l'aspetto comunicativo è fondamentale. Sicuramente è necessaria anche una figura più tecnica che sappia gestire i vari sistemi informatici che si utilizzano, rendendo il profilo dell'addetto alle risorse umane piuttosto complesso e sfaccettato. Chi ricopre tale ruolo deve possedere tutta una serie di caratteristiche che elencheremo di seguito:

  • conoscenza dell’organizzazione aziendale e finalità delle persone che si gestiscono
  • motivare il personale attraverso una serie di tecniche che possano portare a una maggiore partecipazione del personale stesso
  • avere competenze manageriali
  • avere competenze comunicative per un’ottima comunicazione efficace: lavorare in team, empatia, ascolto attivo, trovare le giuste soluzioni, capacità di negoziare e di relazionarsi con le più diverse entità.

Stage in questo settore

Oltre al possesso di una laurea, è inoltre preferibile conseguire anche un master in gestione delle risorse umane e andare alla ricerca di stage aziendali che richiedano questa figura professionale. L'inserimento lavorativo effettivo, infatti, avviene spesso dopo che il candidato ha svolto un periodo di stage non retribuito all'interno dell'azienda.

Coloro che intendono lavorare nel settore risorse umane devono dunque avere molta esperienza, scolastica e lavorativa, e devono possedere titoli professionali altamente qualificati e idonei a questo tipo di lavoro. Le richieste di lavoro per questo ambito sembrano aumentate nell’ultimo periodo, sia per quanto riguarda il settore pubblico che privato. Questo perchè è cambiata la concezione di fondo riservata ai dipendenti, ritenuti non un peso da sostenere ma come una ricchezza da valorizzare nella miglior maniera possibile. Anche se è un mestiere per ambo i sessi, c’è una prevalenza femminile per i ruoli occupati in questo ambito.

Competenze richieste

Le competenze fondamentali per lavorare nella gestione delle risorse umane sono:

  • la conoscenza di argomenti di natura economica e giuridica;
  • la padronanza di una o più lingue;
  • buone doti relazionali e di valutazione.

Il settore delle risorse umane offre infine anche numerose possibilità di lavorare all'estero, ad esempio a Bruxelles all'interno delle istituzioni legate alla Comunità Europea.

Carriera e stipendi

Chi intraprende questa carriera lavorativa può vedere dei benefici sul lungo termine per quanto riguarda nuovi incarichi: da questo ruolo infatti si può passare a responsabile del personale di una specifica area che poi potrà essere più estesa fino a diventare direttore del personale. Di solito questo ruolo viene ricoperto da un dipendente ma può anche accadere che sia un consulente esterno (soprattutto nei settori pubblici) o che sia un libero professionista. Per quanto riguarda invece gli stipendi, si può partire da un salario che varia da 28mila a 36mila euro lordi quando si è neoassunti ma andando avanti con gli scatti di carriera si arriva anche ai 120mila euro annui come Direttore delle risorse umane.



Potrebbe interessarti

Come scrivere una lettera di presentazione

stesura di una lettera di presentazione

Per aiutare tutti coloro che si domandano: come scrivere una lettera di presentazione? Suggeriamo alcune regole di base da seguire per scrivere la lettera di presentazione.

Leggi tutto...

Guida alla Nuova Tabella delle Pensioni

la nuova tabella per le pensioni

Il Decreto “Salva Italia” ha portato ad una sostanziale riforma di tutto il sistema della previdenza italiana. Il passaggio finale dal sistema retributivo al contributivo e l’innalzamento dell’età pensionabile hanno portato ad un rifacimento della tabella delle pensioni, che vede il tentativo di diminuire il divario tra i contributi versati e le mensilità ritirate da chi ha smesso di lavorare, di pari passo con un inasprimento delle condizioni per concludere la sua vita lavorativa.

Leggi tutto...

Ultimissime novità sulle pensioni di anzianità e sulla quota 96

le nuove normative sulle pensioni di anzianità

Ultimissime novità sulla pensione di anzianità: negli scorsi anni rispetto a quella di vecchiaia, veniva percepita indipendentemente dall'età pensionabile. Si ottiene prima del raggiungimento dell'età pensionabile, o del limite massimo di anzianità di servizio, e in presenza di determinati requisiti assicurativi e anagrafici.

Leggi tutto...

Calcolo pensione INPS: i criteri e l'estratto conto personale

Immagine esemplificativa di assistente sociale per calcolo pensione inps

Il calcolo pensione INPS si fa in base all'anzianità contributiva e all'età pensionabile dal lavoratore maturata al 31 dicembre 1995. I criteri per determinare la pensione INPS può essere: contributivo, retributivo o misto. Alla base di questi tre sistemi di calcolo vi è il numero di anni di contributi versati fino al 1995 e cioè più o meno di 18 anni o alcuna anzianità contributiva.

Leggi tutto...

Istat, a giugno frena l'occupazione

A giugno torna a crescere la disoccupazione, in Italia, soprattutto tra i lavoratori con più di 35 anni, e si registra il record di contratti a termine. 

Leggi tutto...

Offerta del giorno su Amazon

I più condivisi

Legge sulla Privacy nel Curriculum Vitae

informativa sulla privacy da inserire nel curriculum

Quando sono in cerca di personale, sempre più aziende liquidano la questione della privacy delle informazioni del curriculum del candidato con la richiesta generica di autorizzare il trattamento dei dati.

Leggi tutto...

Partita IVA: come funziona il regime fiscale agevolato

Nel panorama lavorativo italiano ci sono ancora oggi poche prospettive per i giovani, soprattutto in alcune zone del paese e in alcuni settori commerciali. Sono molti i ragazzi, con età inferiore ai 35 anni, che avviano un’impresa individuale, lavorando come collaboratori non assunti per aziende di varia tipologia.

Leggi tutto...

Agevolazioni imprenditoria femminile

Donne impegnate a parlare di finanziamenti nell'imprenditoria femminile

Chi può richiedere le agevolazioni dell’imprenditoria femminile? Possono presentare il progetto per ottenere le agevolazioni previste dalla legge per l’imprenditoria femminile, i seguenti soggetti giuridici

Leggi tutto...

Finanziamenti europei a fondo perduto: come orientarsi nel mare di proposte

finanziamenti europei a fondo perduto

La prima cosa da chiarire parlando di finanziamenti europei è che l’Europa eroga fondi in base alle esigenze territoriali inoltrate dai singoli stati membri divisi nelle loro amministrazioni regionali, provinciali, comunali. La gestione dei fondi è sia diretta (bandi di gara pubblicati sulla GUCE – Gazzetta Ufficiale Commissione europea) o indiretta (attraverso enti degli Stati Membri). I finanziamenti a fondo perduto non sono quasi mai erogati nella loro totalità.

Leggi tutto...

Mobilità dei lavoratori: disciplina e normative

La mobilità è disciplinata dalla legge 223/91 e rappresenta un particolare tipo di allontanamento dall'attività lavorativa che riguarda un gruppo di lavoratori. La Riforma Fornero, tuttavia, prevede una modifica della normativa: dal 2016, quest'istituto sarà sostituito dall'Assicurazione Sociale per l'Impiego (Aspi) che tenta di livellare tutte le distinzioni fra i vari livelli di tutela sul lavoro.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Offerte per chi vuole lavorare nel design

lavorare nel mondo del design

Il lavoro del designer, alla lettera “progettista”, consiste nella realizzazione dal punto di vista della progettazione, di determinati artefatti utili per un utilizzo domestico, lavorativo, ecc. In Italia, dunque, chi lavora in ambito di design è una figura professionale con una serie di competenze specialistiche in grado di qualificarlo dal punto di vista della capacità e dell'attitudine alla progettazione di oggetti, principalmente per interni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contratto di lavoro: ecco quali sono le varie tipologie

Il contratto è un negozio giuridico cioè “una manifestazione di volontà atta a produrre effetti giuridici riconosciuti dall’ordinamento giuridico”.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Offerte di lavoro in Toscana: scopri gli annunci online

Immagine di un giornale con offerte di lavoro in Toscana

Trovare offerte di lavoro in Toscana, anche in tempi di crisi come questi, è meno difficile di quanto possa sembrare: tra le regioni più ricche di storia e cultura che ogni anno attira ogni anno moltissimi turisti, rendendo il settore terziario una fra le risorse più importanti per chi cerca un impiego.

Leggi tutto...
Go to Top